Home » Narratives » Bologna and Rome – 2006

Bologna and Rome – 2006

 

THE SEARCH FOR SAINT SEBASTIAN

CONTINUED, BOLOGNA & ROMA 2006

BY ROY JOHNSON

 

LA RICERCA PER SAN SEBASTIANO

CONTINUATO, BOLOGNA E ROMA 2006

 

 

  

The Neptune fountain in Piazza Nettuno, Bologna.

La fontana di Nettuno a Piazza Nettuno, Bologna.

 

I am pleased to acknowledge the great help given to me by daughter Tracy Johnson and her husband Mario Scarlato for their translation of the Italian text and to Desmond Reid for his very helpful suggestions.

The Italian photo captions are my work and any errors are my responsibility.

My thanks also to Elizabeth and Lawrence Farrugia for their continued support.

 Roy Johnson 2007.

 


 

This account of our journey is dedicated to the memory of Francesca Morelli, wife of Francesco Scarlato, mother of Liliana, Anna, Giovanni e Mario Scarlato, and mother-in-law of my daughter Tracy Johnson.

Questo racconto del nostro viaggio é dedicato alla memoria di Francesca Morelli, moglie di Francesco Scarlato, madre di Liliana, Anna, Giovanni e Mario Scarlato, e suocera di mia figlia Tracy Johnson.

 

Francesca Morelli  24.6.1931 – 9.5.2006

Also to the memory of our very good friend David Gluck; award winning painter, master engraver, printmaker and inspiring teacher.

 

Anche alla memoria del nostro amico David Gluck; premiato pittore paesaggista, maestro incisore e stampatore, e insegnante che ispira.

David Gluck 29.10.1939 – 18.2.2007


BOLOGNA THE CITY OF ART

Bologna, the capital of Emilia-Romagna, is a unique city, a place where many civilizations have converged. Once the Etruscan settlement Felsina and later occupied by the Celtic Gauls and then by the Romans, who called it Bononia, in the Middle Ages, the Renaissance and the modern period Bologna has always been a cradle of intellectual, artistic and scientific progress. As early as Roman times, when it ranked amongst the five wealthiest cities in Italy, Bologna was defined by the poet Martial as “culta Bononia” and one thousand years later, the city was still known as “Bologna the Wise”, a title that it consolidated in the Middle Ages and is still used even today.

This is certainly justified by the city’s famous university, founded in 1088 and the oldest in Europe. A great contribution was made to the prestige of the university by the “glossarists”, a group of scholars who wrote authoritative commentaries on matters of law and justice. These scholars where so highly esteemed that they were buried in elaborate mausoleums, and several of these can be seen near the churches of San Francesco and San Domenico. The fame of the teachers at the university attracted thousands of students from throughout Europe, including future popes and sovereigns, and famous scholars like Thomas Becket, Dante, Petrarch, Erasmus of Rotterdam and Copernicua. In the 19th century the University of Bologna could boast such lecturers as Ciosuè Carducci; winner of the Nobel prize for literature in 1906 and regarded as the unofficial National poet of Italy; and the physicist Augusto Righi. One of Righi’s pupils was Guglielmo Marconi, also a native of Bologna, who carried out his first radio experiments in 1895, at his home in the nearby village of Pontecchio. Some of the famous writers who have been captivated by the many charms of Bologna include Montaigne, Montesquieu, Goethe, Byron, Stendhal, Dickens and Burchhardt.

The city centre is one of the best preserved in Europe, and in Italy is second only to that of Venice. It is dominated by the lofty silhouettes of ancient towers, by magnificent medieval, Renaissance and Baroque churches, by the civic mansions erected in the 13th and 14th centuries and by the sumptuous town houses that the city’s aristocracy built in the 16th and 17th centuries. Perhaps Bologna’s most significant urban feature , however, is its interminable succession of covered porticoes that wind through the city for over 40 km., with wooden arcades attached to Romanesque buildings, others in Gothic style dating back to the 14th and 15th centuries, graceful ones from the Renaissance and Baroque periods and the picturesque variety belonging to more modest abodes.

Bologna’s skyline is punctuated by numerous towers from different periods; once there were more than a hundred, but only thirty have survived to the present day. The two most important ones are the sharply leaning Garisenda tower and the Asinelli tower, which is 98 metres high and the tallest brick construction built in Europe in the Middle Ages. The hub of Bologna is the main square, Piazza Maggiore, with the Basilica of San Petronio on one side and the Palazzo del Commune (town hall) with the fountain of Neptune in front of it.

 

BOLOGNA CITTÀ D’ARTE

Bologna, capoluogo dell’Emilia-Romagna, è una città unica e irripetibile. Punto d’incontro di varie civiltà, l’antica Bonomia romana – erede dell’etrusca Felsina poi occupata dalle tribù celtiche del Galli Boi – come la Bologna medievale, rinascimentale e moderna, è sempre stata la culla di fermenti intellettuali artistici e scientifici. Già in epoca romana (quando era annoverata fra le cinque “opulentissime” città d’Italia) venne definita dal poeta Marziale Culta bonomia, ossia, con quasi mille anni d’anticipo, con lo stesso attributo di ”Bologna la dotta”, risalente la Medioevo e tuttora famoso.

È questo grazie alla presenza del glorioso Studio, la più antica università europea, fiorita attorno al 1088, al cui prestigio internazionale contribuirono insigni maestri del diritto (i “glossatori”, dei quali si conservano accanto alle chiese di San Francesco e San Domenico i preziosi mausolei) e di altre disipline. La loro fama richiamò a Bologna migliaia di studenti da ogni nazione, tra cui futuri papi e sovrani e nome celebri come  Thomas Becket, Dante, Boccaccia, Petrarca, Erasmo da Rotterdam and Copernico. L’Università di Bologna (che nell’800 ebbe fra I suoi docenti Ciosuè Carducci e il fisico Augusto Righi, di cui fu allievo un altro grande bolognese, Guglielmo Marconi, che nel 1895 nella sua villa di Pontecchio a breve distanca dalla città, compì i primi esperimenti di radiotelegrafia) ha celebrato nel 1988 i nove secoli di vita. Grandi innamorati di Bologna, della sua cultura, del suo stile di vita, furono celebri scrittori di ogni tempo come  include Montaigne, Montesquieu, Goethe, Byron, Stendhal, Dickens and Burchhardt.

Il centro storico della città è uno dei più conservati d’Europa e il secondo in Italia dopo quello di Venezia. Il tessuto edilizio, denominato dalle moli delle antiche torri, da quelle delle grandi chiese medievali, rinascimentale e barocche, dei palazzi pubblici dei secoli XIII e XIV e delle grandiose residenze senatorie erette fra il’500 e il ‘700, è scandito da interminabili teorie di loggiati. Con gli oltre 4oo km. Di porticati, da quelli in legno delle case romaniche a quelli gotici del ‘300 e ‘400, da quelli armoniosi della Rinascenza e dell’età barocca a quelli pittoreschi delle case più modesto, la città offre un’antologia architettonica seducente e di grande effetto scenografico.

Numerose sono le torri che scandiscono la scena urbana e che un tempo superarono le cento unità. Oggi ne restano una trentina fra cui il monumento simbolo della città di Bologna, le due torri: la Garisenda, singolare per la sua pendenza e l’Asinelli alta 98 metri, la più alta costruzione in muratura del Medioevo in Europa. Cuore pulsante di Bologna è Piazza Maggiore, una delle più suggestive d’Italia, su cui affacciano la chiesa di San Petronio (una delle più grandi della cristianità) e il Palazzo del Comune con la Fontana del Nettuno di fronte.

Piazza Santo Stefano

 

 

 

A lion guarding the entrance to the Cathedral.

Un leone che guarda il Duomo.

 

 

 

 

Bologna, the two towers

Bologna, la due torre

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Thursday 20 April 2006

We had an excellent flight from Gatwick to Bologna and, although the food was exceptionally tasteless and indifferent; the plane was at least on time both leaving and arriving. We took the bus from the airport, for €4.50 each, to Central Station, where I checked our route to the hotel at the Tourist Information office, which is in the next street parallel to the station and was very easy to find. The Hotel Europa is twice as expensive as the hotel in Rome, but also much more luxurious. I was pleased to find that there is a safe in every room; although the one in Desmond’s room did not work, I am sure that they will fix it in the morning. We arrived at 7 o’clock and went out to find some supper at 8.15pm.

We found a number of restaurants down one of the side streets off via dell’Independenza and they were all very busy. We settled on a very good trattoria, but I do not now recall its name. We shared a starter of meats, Desmond had a pizza, I had a sword fish steak with vegetables and we had a litre of wine. We returned to the hotel at about 10.15pm , ready for a good nights rest. We went out in just slacks, shirt and a light weight jacket; we would never have dared to do that in London in April!

 

Giovedì 20 Aprile 2006.

Il volo da Gatwick per Bologna è stato ottimo, anche se il cibo è stato eccezionalmente noioso e senza sapore; comunque il volo era in orario sia per quanto riguardava la partenza che l’arrivo. Abbiamo preso il pullman dall’aeroporto fino alla stazione Centrale, il costo era di solo €4.50. Arrivati alla stazione Centrale ho consultato l’ufficio Turisti per vedere come si arrivava all’albergo, si trovava nella strada parallela alla stazione, così è stato facile da trovare. L’Hotel Europa costava il doppio dell’albergo a Roma, ma è anche molto più lussuoso. Ero contento di trovare una cassaforte nella mia stanza, anche se quello nella stanza di Desmond non funziona. Sono sicuro che domani l’albergo provvederà ad aggiustarla. Alle 19.00 eravamo in albergo è così siamo usciti per mangiare qualcosa.

C’era un numero di ristoranti lungo le traverse di Via Dell’Indipendenza, ma erano tutti affollatissimi così abbiamo trovato una trattoria di cui non ricordo il nome. Abbiamo diviso un antipasto di salumi, poi Desmond ha preso una pizza ed io il pesce spada con verdure accompagnato da un litro di vino. Siamo tornati in albergo verso 22.15, pronti per andare a letto. Oggi siamo usciti indossando soltanto pantaloni, una camicia ed una giacca leggera; non ci saremmo mai sognati di uscire cosi a Londra in Aprile!


Friday 21 April 2006

Our itinerary for today was to visit six churches, as it happened, we actually visited seven. First a stroll through the park, Parco Della Montagnola, which was very pleasant and took us to Piazza Otto Agosto. Yesterday evening it was a large empty space, but this morning it was full of stalls for the weekly two day market, and that was quite a surprise.

The first church was San Martino where we expected, and found, a painting by Francesco Francia of the Madonna and child with the Saints Rocco, Bernardino, Anthony Abbot and Sebastian, but we also found a predella with Saint Sebastian on the right, for which we had no previous information. We called in at San Nicolò degli Albari, because we had to pass it on our way to the next site. I was not expecting much from the Archbishop’s Palace, and when I actually read the worksheet, it suggested that the painting which we wanted to see was in the reserve collection at the picture gallery; so we did not make further inquiries there. We were behind the Cathedral, Saint Peter’s, and we went in there instead. We did not expect, nor did we find, a Saint Sebastian, never the less, it was interesting. Unfortunately the Cathedral Museum was closed for restoration, as was that of San Petronio; actually we did not see much in San Petronio, as the church also was being restored. Desmond already had pictures of the items which we were seeking, and they were also illustrated in the two guide books which we bought. What we did find was a small rose window showing Saint Sebastian being shot with arrows. It was not entirely a new find, our data sheet actually described it, but the illustration which accompanied it was completely incorrect.

The next church was closed until 18.00, so we decided that it was an ideal time for lunch. In a courtyard we found La Corte Gallozzi; where we ate outside. We both had pasta, a piece of lemon pie, wine, water and coffee; a bit expensive but very enjoyable. A place to remember and revisit.

A young lady in the tourist office, very kindly, marked our map with 6 sites which I had been unable to find. She was most helpful and I thanked her and also her colleague who had sent me an email with the information; I gave them top marks, they were very professional and efficient, and they spoke good English.  I then decided that I needed a rest before attempting any further research.

We were out again before 18.00 and visited the church of San Salvatore, where we expected to find at least two pictures of Saint Sebastian; Desmond had illustrations of them and they were easy to locate. I discovered a stone sculpture of Saint Sebastian with an Angel in the chapel of the Ascension. The custodian did not know who had made it and suggested that it was part of the original fabric of the church; we had no information about it either.

In the church of Saints Gregorio and Siro we quickly found our Saint Sebastian, so continued to San Giovanni Battista del Celestini, where again the painting which we wanted was very easy to find.

When we returned to the hotel we had time for a quick shower, before we went to the end of the street to Ristorante Bolognese. The restaurant is situated below ground with very interesting and very old brick arches, I think that it is in the foundations of the arcade. They have used the space with imagination; the food and wine were excellent and we will be happy to return again.

 

Venerdì 21 Aprile 2006

Il nostro itinerario di oggi comprendeva sei chiese, ma in realtà ne abbiamo visitate sette. Abbiamo iniziato la giornata con una camminata attraverso il Parco della Montagnola che è stato molto piacevole e ci ha portato a Piazza 8 Agosto. Ieri sera la piazza era vuota, ma stamattina, con nostro gran stupore era pieno di bancarelle pronto per il mercato settimanale.

La prima chiesa che abbiamo visitato era San Martino dove c’era un dipinto della Madonna con il bambino, San Rocco, San Bernardino, Sant’Antonio Abate e San Sebastiano. Oltre al dipinto c’era una predella con San Sebastiano sulla destra dell’altare, ma non avevamo informazione su di essa. Lungo la strada per la prossima chiesa ci siamo fermati un attimo nella chiesa di San Nicolò degli Albari. Non mi aspettavo molto del Palazzo Arcivescovile  ma quando ho consultato i nostri appunti ho visto che il dipinto che volevamo vedere era nella collezione riservata della galleria e così  siamo andati via. Poi  ci siamo trovati dietro la Cattedrale di San Pietro e così siamo entrati, sapevamo che non c’erano immagini di San Sebastiano, ma è stato comunque interessante. Sfortunatamente il museo della cattedrale era chiuso per restauro come il museo di San Petronio e abbiamo potuto vedere molto poco della chiesa poiché anch’essa era in fase di restauro. Desmond aveva già delle fotografie di oggetti che cercavamo ed erano anche raffigurati nel libro di guida che abbiamo trovato. Ciò che siamo riusciti a trovare era una piccola finestra a rosone che mostrava San Sebastiano trafitto dalle frecce. Non era una trovata del tutto inaspettata poiché avevamo già informazione su di essa, ma l’illustrazione che avevamo era del tutto inesatta.

La prossima chiesa era chiusa fino alle 18.00 cosi abbiamo deciso di fare una pausa per il pranzo. In un cortile abbiamo trovato La Corte Gallozzi, dove abbiamo mangiato all’aperto. Abbiamo mangiato la pasta, una fetta di torta di limone con vino e caffè; un po’ costoso ma molto buono; sicuramente un posto da ricordare e rivisitare.

Nell’ufficio turistico una giovane Signorina gentile ci ha segnati 6 siti sulla nostra mappa che io non ero riuscito a trovare. Lei è stata molto utile, così ho ringraziato sia lei, che le sue colleghe che mi avevano precedentemente mandato un   e-mail con tutte le informazione che mi servivano. Ho dato loro pieni voti sia per la loro professionalità che per l’ottimo inglese che parlavano. A quel punto sentivo il bisogno di riposarmi un po’ prima di poter continuare la nostra ricerca.

Eravamo fuori prima delle 18.00 e così siamo andati alla chiesa di San Salvatore dove ci aspettavamo di trovare almeno due dipinti di San Sebastiano. Infatti è stato facile localizzarli e inoltre ho trovato una scultura in pietra di San Sebastiano con un angelo nella Cappella dell’Ascensione. Il custode credeva che faceva parte della chiesa originaria ma non sapeva chi l’avesse scolpito e anche  noi non avevamo informazione su di essa.

Nella chiesa dei Santi Gregorio e Siro abbiamo trovato il nostro San Sebastiano, così abbiamo proseguito fino alla chiesa di San Giovanni Battista dei Celestini, dove  abbiamo ritrovato il dipinto che cercavamo.

Quando siamo tornati in albergo abbiamo avuto il tempo di una doccia veloce prima di andare al ristorante Bolognese che è situato in un seminterrato con archi in pietre antiche che sembrano essere il fondamento della galleria sovrastante. Gli spazi sono stati sfruttati con fantasia, il cibo e il vino erano eccellenti e saremo felici di ritornare.

Silver Plaque in the Museum of San Petronio.

La Placca d’argento nel Museo do San Petronio.

 

 

 

 

 

 

Picture by Lorenzo Costa in the Basilica of San Petronio.

La pittura di Lorenzo Costa nella Basilica di San Petronio.

 

 

 

 

 

 

The predella which we found in the church of San Martino Maggiore dei Carmelitani.

La predella che amiamo trovato nella chiesa di San Martino dei Carmelitani.

 

 

 

 

Stone sculpture of S. Sebastian, the Chapel of the Ascension  in the church of San Salvatore.

La scultura di San Sebastiano, nella cappella dell’Ascensione nella chiesa di San Salvatore.

 

 

 

 

 

The Mystical Marriage of St. Catherine with Saints Sebastian and Rocco by Girolomo da Ferrara ‘da Carpi’, in the church of San Slavatore.

Sposalizio mistico di Santa Caterina con Santi Sebastiano e Rocco di Girolomo da Ferrara ‘da Carpi’ nella chiesa di San Salvatore.

 

 

 

 

 

Picture by Giovanni Andrea Mastelleta in the church of San Giovanni Battista dei Celestini.

La pittura di Giovanni Andrea Mastelleta nella chiesa di San Giovanni Battista dei Celestini.

 

 

 

 

 

Picture by Giovan Luigi Valesio in the church of Santi Gregorio e Siro.

La pittura di Giovan Luigi Valesio nella chiesa di Santi Gregorio e Siro.

 

 

 

 

 

Picture by Jacopo Ripanda (or Lorenzo Costa) in the Basilica of San Petronio.

La pittura di Jacopo Ripanda (o Lorenzo Costa) nella Basilica di San Petronio.

 

 

 

 

 

 


Saturday 22 April 2006

We had passed the Oratorio of Saint Filippo Neri at least twice and it was always closed, but, this morning, much to our surprise it was open; the inside was not particularly interesting. But on the façade, high above the main entrance, are a series of six sculptures; the second from the right is of Saint Sebastian. I was very pleased to have found it before Desmond, also because it was a new find.

In the large collection of works of art in the Comunale d’Arte (Municipal Art Gallery), we found a small picture of Saint Sebastian, which is part of the frame of a much larger work, and a very dark painting of the saint being attended by Saint Irene by candle light. The paintings are interesting and varied, as one would expect of the town’s art collection. All the other sites on our list for the day were closed when we had finished our tour of this collection.

We had lunch in Piazza Minghetti, a lovely square with lots of trees, at Ristorante Da Ercole. A simple meal of pasta, spinach, wine, water and coffee. All the churches were closed for lunch, so we returned to our hotel for a rest. On the way we saw the new Italian prime minister, Romano Prodi, walking along the street in the same direction as us. The people seemed very pleased and excited to see him, he was with a small group of attendants and did not appear to have a large police escort. Now, if it had been Silvio Bellusconi, I am sure that it would have been a very regal affair with lots of protection and minders.

We set out once more at 16.30 to find the church of San Michele dei Leprosetti where there was a painting of Saint Sebastian by Giovan Giacomo Sementi. Then we visited the seven churches of Santo Stefano, where we did not find any, except for one in the little museum, which did not appeal to me as it was very dark and dirty.

The Palazzo Davia Bargellini appeared to be closed for restoration, so that is another collection which we will not see on this trip. In the church of Santa Maria dei Servi, there was a nice fresco, in the dark near the sacristy; we had passed it once and not seen it. It was in such a dark place that the camera could not focus on it and I hope that one of us has managed to capture a recognisable image. The custodian tried to help, but could not remember a painting of Saint Sebastian; we bought a guide to the church in English anyway.

We arrived at San Giovanni in Monte just before they closed at 19.00; but we did see a fresco and a photo of another of our pictures. We bought a guide book and were given another small one as a present. There a total of four items in this church and we will return next week; we were told that we could take photos. Away from the main tourist centres they are much more relaxed about photos

We had supper earlier than usual; it was Saturday night and I expected the restaurants to be busy. We went to Ristorante Incrocio Montegrappa, in via Montegrappa, where we had a starter, mixed antipasto for Desmond, Parma ham and buffalo mozzarella for me, chicken breast in a rosemary sauce with grilled vegetables and chips, wine, water and a complimentary glass of limoncello.

 

Sabato 22 Aprile 2006.

Abbiamo passato l’Oratorio di San Filippo almeno due volte, ma era sempre chiuso, con nostro grande stupore, oggi era aperto. L’interno non era particolarmente interessante, ma sulla facciata in alto, sopra l’ingresso principale, c’è una serie di sei  sculture e la seconda da destra raffigura San Sebastiano. Sono stato felice di trovarla prima di Desmond anche perché era una scoperta nuova.

Nella grande collezione d’opere d’arte della Galleria Comunale d’Arte, abbiamo trovato un piccolo dipinto scuro di San Sebastiano; che è parte di una cornice di un dipinto più grande, che raffigura la Sant’Irene che soccorre San Sebastiano illuminato della luce di una candela. Gli altri dipinti della collezione sono diversi e interessanti così come si aspetta da una collezione di una città. Tutti gli altri siti che dovevamo visitare erano gia chiusi quando avevamo finito di visitare questa collezione.

Abbiamo pranzato al ristorante Da Ercole in Piazza Minghetti, una bellissima piazza con molti alberi. Un pasto semplice di pasta, spinaci, vino e caffè. Poiché tutte le chiese erano chiuse, siamo tornati in albergo per riposarci. Sulla via di ritorno abbiamo visto il nuovo Primo Ministro Italiano, Romano Prodi, che camminava lungo la strada nella stessa direzione di noi. La gente sembrava contenta di vederlo e lui non sembrava accompagnato da una grande scorta di poliziotti. Se invece, fosse sato Berlusconi, sono sicuro che sarebbe stato un contesto molto più imponente.

Alle 16.30 siamo usciti dall’albergo per trovare la chiesa di San Michele dei Leprosetti dove si trova un dipinto di San Sebastiano eseguito da Giovan Giacomo Sementi. Dopo abbiamo visitato le sette chiese di San Stefano, ma non abbiamo trovato nulla, tranne un dipinto sporco in un piccolo museo, non molto interessante.

Il Palazzo Davia Bargellini era chiuso per restauro, così si aggiunge un’altra collezione che non possiamo visionare durante questo viaggio. Nella chiesa di Santa Maria dei Servi c’era un affresco bello nel buio vicino alla sacrestia, ci siamo passati vicino la prima volta senza vederlo. Era in un posto talmente buio che la macchina fotografica non riusciva a metterlo a fuoco; spero che siamo riusciti a catturare un’immagine discreta. Il custode ha cercato di aiutarci, ma non riusciva a ricordare il dipinto di San Sebastiano, abbiamo comunque comprato un libro guida in inglese.

Siamo arrivati da San Giovanni in Monte un po’ prima dell’orario di chiusura delle 19.00 e siamo riusciti a vedere un affresco e la foto di un dipinto che ci interessava. In realtà ci sono quattro oggetti in questa chiesa che ci interessano, così dovremmo tornare la settimana prossima. Abbiamo comprato un libro guida e un altro ci è stato regalato e inoltre abbiamo avuto il permesso di fotografare i dipinti. Trovo che lontano dai posti più frequentati dai turisti otteniamo spesso il permesso di fare fotografie.

Abbiamo cenato un po’ più presto del solito; era sabato sera e mi aspettavo molto gente nel ristorante. All’Incrocio Montegrappa in via Montegrappa Desmond ha mangiato un antipasto misto ed io uno di prosciutto di Parma con mozzarella di bufala, per seguire abbiamo gustato petto di pollo in salsa di rosmarino con verdure grigliate  e patate fritte, il tutto accompagnato da un buon vino e da un bicchierino di limoncello,  offerto dal ristorante!

 

Sculture, on the facade the Oratorio di San Filippo Neri.

La scultura, nella facciata dell’Oratorio di San Filippo Neri.

 

 

 

 

 

 

Painting, detail of the frame, in the Communal Art Collection, Palazzo Comunale.

La pittura, il dettaglio nella cornice, nella Collezioni Comunali d’Arte, Palazzo Comunale.

 

 

 

Fresco, in the church of Santa Maria dei Servi.

L’affresco, nella chiesa di Santa Maria dei Servi.

 

 

 

Painting by Theophile Bigot, in the Communal Art Collection, Palazzo Comunale.

La pittura di Theophile Bigot, nella Collezioni Comunali d’Arte, Palazzo Comunale.

 

 

 

 

Painting, in the Communal Art Collection, Palazzo Comunale.

La pittura, nella Collezioni Comunali d’Arte, Palazzo Comunale.

 

 

 

 

 

 

Painting by Giovan Giacomo Sementi, in the church of San Michele dei Leprosetti.

La pittura di Giovan Giacomo Sementi, nella chiesa di San Michele dei Leprosetti.

 

 

 

 

 

 

Painting by Vincenzo Ansaloni, in the Museum of Santo Stefano.

La pittura di Vincenzo Ansaloni, nel Museo di Santo Stefano.

 

 

 

 

 

 


Sunday 23 April 2006

As we were going to the Pinocateca Nazionale di Bologna, (Bologna National Art Gallery), we had to pass the church of Santa Maria and San Domenico della Mascarella and decided to take a quick look inside. We found two paintings of Saint Sebastian; one, by Guisseppe Varlotti, of the saint with four others and the other, by Bagnacavallo, of the Madonna and Child with Saints Sebastian and Rocco. The second one was very difficult to see as it was covered by a sheet of alarmed heavy duty plate glass, which naturally caused reflections. Desmond thought that he had managed to take a photo, complete with reflections. The priest there was most helpful.

The art gallery was covered in scaffolding; it was undergoing restoration; and I was afraid that it was closed. We noticed a church nearby, Santa Maria Magdalene, but we did not find any images of Saint Sebastian. However, the guide book of the church, shows two and it will be necessary to return with the data sheets and make further inquiries. I found the entrance to the Art Gallery, but not where I had expected it to be. They are obviously short staffed as the renaissance gallery was closed until 12.00, whilst one of the other galleries closed at mid-day. Entrance for us, pensioners, was free and they have a number of paintings of Saint Sebastian as well as a wooden sculpture. There was one painting of the saint which I did not like, it is an altarpiece by Amico Aspertini with Sebastian on the right looking very plump and feminine. They have many very fine and famous works. Everything closed at 13.00, but we had seen all the galleries by that time and so we went to find some lunch.

In via delle Belle Arte, at Trattoria Belle Arte, we had a salad, marinated tuna, wine, water and coffee. It was a light lunch which suited us. Then we had a conversation with the German gentleman at the next table. He was in Bologna for the day; it was a revisit, he was there 20 years ago as a student. His English was excellent and we had a very pleasant talk about many things. One subject was the fact that the cost of living in Germany had risen with the introduction of the euro. That seems to have been true for all the countries who introduced the common currency four years ago.

We did not venture out again until 19.00; today was Sunday, we expected most places would be closed and the churches too busy to visit without disturbing the congregation.

We dined quite close to the hotel at Ristorante Piazza Rotondo, Piazza dei Martiri, on pizza, salad, wine and water, very tasty and satisfying.

 

Domenica 23 Aprile 2006

Poiché eravamo diretti alla Pinacoteca Nazionale di Bologna, dovevamo passare davanti alla chiesa di Santa Maria e San Domenica della Mascarella, cosi abbiamo deciso di entrare velocemente. Lì abbiamo trovati due dipinti di San Sebastiano; un eseguito da Giuseppe Parlotti, ritraeva il Santo insieme a quattro altri Santi e, l’altro dipinto eseguito da Bagnacavallo, traeva la Madonna con il bambino insieme a San Sebastiano e San Rocco. Il secondo dipinto era difficile da vedere perché era ricoperto da una lastra di vetro molto spesso, e ciò ovviamente causava un riflesso di luce. Desmond crede di essere riuscito a fare una fotografia decente nonostante questo problema. Il parroco è stato molto gentile e di grande aiuto.

La galleria era coperta d’impalcatura, poiché era in fase di restauro, ed io temevo fosse chiusa. Fortunatamente non era cosi, ma prima di entrare abbiamo notato una chiesa li vicino e siamo entrati. Nella chiesa di Santa Maria Magdalena non siamo riusciti a trovare dipinti di San Sebastiano nonostante il fatto che il libro di guida ve ne riportasse due. Dovremmo tornare e chiedere più informazione. La galleria del Rinascimento era chiusa fino alle 12.00 ed un’altra galleria chiudeva a mezzogiorno, era ovvio che c’era poco personale. L’entrata era gratuita per noi pensionati e abbiamo trovato un numero di dipinti di San Sebastiano oltre ad una scultura di legno. C’era un dipinto di San Sebastiano che non mi piaceva, era un pezzo d’altare eseguito da Amico Aspertini dove il Santo sulla destra sembrava molto femminile e piuttosto grosso. Comunque la galleria possiede dei bellissimi e famosi dipinti. Alle 13.00 la galleria chiudeva e così siamo andati a cercare qualcosa da mangiare.

In via delle Belle Arti c’è la trattoria Belle Arte e lì abbiamo gustato tonno marinato con vino e caffè. Un pranzo leggero, proprio  ciò che ci voleva. Abbiamo parlato con un signore tedesco che soggiornava a Bologna per un giorno, lui aveva studiato lì venti anni fa. Il suo inglese era eccellente e abbiamo parlato del fatto che la vita è diventata più cara da quando l’euro è entrato in vigore. Sembra che sia così in tutti i paesi che hanno introdotto la moneta comune quattro anni fa.

Non siamo usciti nel pomeriggio, poiché era domenica e ci aspettavamo che le chiese fossero troppo affollate per visitarle senza disturbare i fedeli.

Abbiamo cenato in un ristorante che sta vicino all’albergo; Piazza Rotonda che si trova in Piazza dei Martiri, abbiamo mangiato una buona pizza con insalata e un buon vino.

The Madonna and Child with Sants Francesco and Sebastian by Nicolo Liberatore, in the Picture Gallery.

La Madonna e Il Bambino con Santi Francesco e Sebastiano di Nicolo Liberatore, nella Pinocateca.

 

 

 

 

 

 

Painting by Guercino, in the Picture Gallery.

La pittura di Guercino, Pinocateca.

 

 

 

 

 

Madonna and Child Enthroned with Saints Agostino, Francesco, Procolo, Monica, Giovanni Battista e Sebastiano by Francesco Raibolini (Il Francia), in the Picture Gallery.

La Madonna e Il Bambino in Trono con Santi Agostino, Francesco, Procolo, Monica, Giovanni Battista e Sebastiano di Francesco Raibolini (il Francia), nella Pinocateca.

 

 

 

 

 

Painting by Guido Reni, in the Picture Gallery.

La pittura di Guido Reni, nella Pinocateca.

 

 

 

 

 

 

Painting by Antonio Maineri, in the Picture Gallery.

La pittura di Antonio Maineri, nella Pinocateca.

 

 

 

 

 

 

The Madonna and Child between Saints Sebastian and Taddeo by Giovanni Martorelli, in the Picture Gallery.

La Madonna e Il Bambino tra Santi Sebastiano e Taddeo di Giovanni Martorelli, nella Pinocateca.

 

 

 

 

 

 

Painting by Giovanni Giacomo Sementi, in the Picture Gallery.

La pittura di Giovanni Giacomo Sementi, nella Pinocateca.

 

 

 

 

 

 

Sculpture by Baccio Montelupo, in the Picture Gallery.

La scultura di Baccio Montelupo, nella Pinocateca.

 

 

 

 

 

Saints Sebastian and Rocco by Bernardo Strozzi, in the Picture Gallery.

Santi Sebastiano e Rocco di Bernardo Strozzi, nella Pinocateca.

 

 

 

 

 

 


Monday 24 April 2006

What a busy day! We returned to the church of Santa Maria and San Domenico della Mascarella where we knew that there were two paintings with Saint Sebastian, because we saw them yesterday. Today we had to establish exactly which worksheet actually belonged to these pictures. We had just finished doing so, when the priest came, and kindly gave us a book, which had an illustration of the one by Guisseppe Varlotti, and a coloured postcard of the other by Bagnacavallo. We are always pleasantly surprised when anyone tries to help us with our research.

The second church, of Santa Maria Magdalene, in via Zamboni, for which we had bought a booklet yesterday, has two images of Saint Sebastian. The guide book says that they are in the Oratorio of Santa Croce but we did not find any sign of it. There was a lady in attendance, so we asked her where the paintings were. She went to find the key and showed us into a side room, where we found both. We were able to read the

data sheets, whilst studying the paintings; often this is essential where there are no labels in order to establish the name of the artist and give the image the correct attribution.

On our way to San Giacomo Maggiore, we had a look in the Oratorio of Saint Cecilia, where there are a series of ten frescos showing scenes from her life, mainly be Amico Aspertini, and two each by Francesco Francia and Lorenzo Costa. We never pass an open church or chapel without taking a look inside; we have found many unexpected and interesting things during impromptu visits. San Giacomo Maggiore was closed when we arrived there, but we had already found a postcard of their Saint Sebastian in the Oratorio. It was obviously time for lunch.

Again we went to the Trattoria Belle Arte, we had a salad, a couple of starters, wine, water and coffee. Today we were given a complimentary glass of grappa. We returned to the hotel for my afternoon nap. This morning Desmond bought a book, from a book fair, held in a large tent; in Piazza XX Settembre, which is at the end of via Boldrini and our hotel; where they sell books at a discount and we collected it as we returned to the hotel. It is a large illustrated volume about the paintings in the Vatican and very heavy, definitely one to send by post.

We set out again at 17.00 starting first at San Giacomo Maggiore, where we found their Saint Sebastian, a beautiful painting by Francesco Francia. Then on to San Vitale e Agricole where we found a painting of San Rocco, but not one of Saint Sebastian, nor did the custodian know of one. The painting over the main altar, of San Vitale, is surrounded by the most magnificent and monumental gilded frame. At San Giovanni in Monte we found two paintings and a fresco, before we were asked to leave because the church was closing. There should have been another fresco of Saint Sebastian, but the priest did not know about it; perhaps it is a duplication of our information, it has happened before.

We continued our journey to the church of San Domenico, which I really did expect to be closed, but was very pleased to find it still open, and we were able to find the picture and also take a photo. This Saint Sebastian is in a small chapel, to the right of the main altar, closed off from the main body of the church by a gate; when you get close to the gate the lights come on automatically. I thought that that was a brilliant idea.

We were then tired and hungry, so we dined very simply at Ristorante Teresina, in via Oberdan. Desmond had piglet cooked in the oven, as were my lamb chops, both were served with roast potatoes and we had our usual wine and water. A lovely meal, to complete a very successful day in search of Saint Sebastian.

 

Lunedì 24 Aprile 2006.

Che giornata! Siamo ritornati alla chiesa di Santa Maria e San Domenico dove sapevamo che c’erano due dipinti di San Sebastiano. Oggi dovevamo stabilire quale appunti appartenevano a questi dipinti. Avevamo quasi finito quando il prete è venuto e gentilmente ci ha dato un libro che aveva un’ illustrazione del dipinto eseguito da Giuseppe Parlotti. Poi, ci ha dato anche una cartolina dell’altro dipinto di Bagnacavallo. Siamo sempre piacevolmente sorpresi, quando qualcuno ci aiuta con la nostra ricerca.

La seconda chiesa, Santa Maria Magdalena in via Zamboni possiede due dipinti di San Sebastiano. Ieri avevamo comprato il libro guida di questa chiesa ma nonostante il fatto che il libro dicesse che i dipinti erano nell’Oratorio della Santa Croce, non siamo riusciti a trovarli. Abbiamo trovato una signora che lavorava lì e così abbiamo chiesto a lei che ci ha aperto una stanza e lì c’erano questi due dipinti. Abbiamo potuto leggere i nostri appunti mentre guardavamo il dipinto: spesso questo è fondamentale poiché di solito non ci sono targhe che indicano l’artista e il titolo del dipinto.

Lungo la strada per andare a San Giacomo Maggiore, ci siamo fermati nell’Oratorio di Santa Cecilia dove abbiamo visto dieci affreschi che ritraevano la vita di questa Santa. La maggiore parte sono opere di Amico Aspertini, ma due erano di Francesco Francia e altre due di Lorenzo Costa. Noi non passiamo mai davanti ad una chiesa aperta senza entrare, abbiamo trovato molte  cose inaspettate e interessanti durante queste visite improvvisate. Quando siamo arrivati a San Giacomo Maggiore, la chiesa era chiusa, ma avevamo comunque gia trovato una cartolina del loro San Sebastiano nell’Oratorio. Era già l’ora di pranzo.

Abbiamo pranzato di nuovo nella Trattoria delle Belle Arti, un antipasto, un’insalata, vino e caffè, inoltre il ristorante ci ha offerto un bicchiere di grappa. Siamo tornati in albergo per la mia siesta. Questa mattina Desmond aveva comprato un libro in un mercato di libri in Piazza XX Settembre che si trova alla fine di via Baldrini, cosi siamo andati a ritirarlo. Questo mercatino è situato in una grande tenda e vendono libri con prezzi molto scontati. Il libro è un grande volume illustrato sui dipinti nel Vaticano ed è molto pesante( dovremmo per forza spedirlo a casa per posta).

Alle 17.00 siamo usciti di nuovo iniziando con la chiesa di San Giacomo Maggiore dove abbiamo visto il San Sebastiano, un bellissimo dipinto eseguito da Francesco Francia. Abbiamo proseguito per Santi Vitale e Agricole dove abbiamo trovato un dipinto di San Rocco, ma nessuno di San Sebastiano, e il guardiano non sapeva aiutarci. Il dipinto di San Vitale si trova sopra l’altare principale ed è adornato da una magnifica e monumentale cornice d’orata.  Nella chiesa di San Giovanni in Monte abbiamo trovato due dipinti ed un affresco che siamo riusciti a vedere prima che chiudesse la chiesa. Ci doveva essere un altro affresco di San Sebastiano, ma il prete non sapeva nulla sulla sua esistenza, forse le nostre informazione era sbagliata, non sarebbe la prima volta!

Abbiamo proseguito per la chiesa di San Domenico, io credevo di trovarla chiusa, ma invece era aperta e siamo riusciti a trovare il dipinto che cercavamo e anche a fotografarlo. Questo San Sebastiano si trova in una piccola cappella, alla destra dell’altare principale ed è chiusa da un cancello. Quando ti avvicini al cancello le luci si accendono automaticamente. Questo è un’ idea fantastica.

Eravamo allora stanchi e affamati cosi ci siamo fermati al ristorante Teresina in via Oberdan. Desmond ha mangiato la porchetta al forno ed io l’agnello al forno, entrambi erano serviti con patate e abbiamo bevuto un buon vino. Un ottimo pasto per completare una giornata fruttuosa alla ricerca di San Sebastiano.

 

Bishop Saint, and Saints Filippo Neri, Girolomo, Sebastian and Antony of Padua by Pier Paolo Varotti, in the church of Santa Maria della Mascarella.

Santo Vescovo e Santi Filippo Neri, Girolomo, Sebastiano e Antonio da Padova di Pier Paolo Varotti, nella chiesa di Santa Maria della Mascarella.

 

 

 

 

The Madonna and Child with Saints Maria Magdalene and Sebastian by Camillo Procaccini, in the church of Santa Maria Maddalena.

La Madonna e Il Bambino con Santi Maria Maddalena e Sebastiano di Camillo Procaccini, nella chiesa di Santa Maria Maddalena.

 

 

 

 

 

The Mystical Marriage of St. Catherine of Alexandria with Saints John the Baptist, Peter, Paul and Sebastian by Filippino Lippi, in the church of San Domenico.

Sposalizio mistico di Santa Caterina con Santi Giovanni Battista, Pietro, Paolo e Sebastiano di Filippino Lippi, nella chiesa di San Domenico.

 

 

 

 

The Madonna and Child Enthroned with Saints Procolo, Agostino, Floriano, John the Evangelist, and Sebastian, by Francesco Francia, in the church of San Giacomo Maggiore.

La Madonna e Il Bambino in Trono con Santi Procolo, Agostino, Floriano, Giovanni Evangelista e Sebastiano, di Francesco Francia, nella chiesa di San Giacomo Maggiore

 

 

 

 

 

Painting by Bartolomeo Ramenghi (Bagnacavallo), in the church of Santa Maria & San Domenico della Mascarella.

La pittura di Bartolomeo Ramenghi (Bagnacavallo), nella chiesa di Santa Maria e San Domenico della Mascarella.

 

 

 

 

Painting by Francesco Calza, in the church of Santa Maria Maddalena.

La pittura di Francesco Calza, nella chiesa di Santa Maria Maddalena.

 

 

 

 

 

 

Fresco by Lorenzo Costa, in the Oratorio di Santa Cecilia, in the church of San Domenico.

L’Affresco di Lorenzo Costa, nell’Oratorio di Santa Cecilia, nella chiesa di San Domenico.

 

 

 

 

 

 

The Coronation of the Virgin with Saints John the Evangelist, Vittore, Agostino, John the Baptist, Girolamo e Sebastian  by Lorenzo Costa, in the church of San Giovanni in Monte.

L’Incoronazione della Madonna adorata dai Santi Giovanni Evangelista, Vittore, Agostino, Giovanni Battista, Girolamo e Sebastiano di Lorenzo Costa, nella chiesa di San Giovanni in Monte.

 

 

 

 

 

Fresco, in the church of San Giovanni in Monte.

L’affresco, nella chiesa di San Giovanni in Monte.

 

 

 

 

 

 

Outside San Domenico.

Fuori la chiesa di San Domenico.

 

 

 

 

 

Advertisment seen in a shop window.

Un cartellone che abbiamo visto nella finestra di un negozio e dice “Senza soldi, senza lavoro, senza ragazza, nessun problema”.

 

 

 

 

 

San Giacomo Maggiore.

San Giacomo Maggiore.

 

 

 

 

 


Tuesday 25 April 2006

We set out this morning with high hopes of finding more Saint Sebastians, but it was not to be. First, I discovered that today was a public holiday; to commemorate the liberation 61 years ago; presumably to mark the end of the Second World War, I knew that may places would be closed, but hoped that the churches and public collections would be open.

However, we were not successful. One site was a commercial gallery open only from 16.00 to 20.00 and we must return another day. We visited three churches and found nothing. In one, the church of Santa Maria del Baraccano, we were looking for a statue; only to be told that, many years ago, it had been taken away for an exhibition and “never returned.” At the one furthest away, Santa Maria Lacrimosa, we did find a fresco, but it was the flagellation of Christ, definitely not a Saint Sebastian.

We finished out journey at the Pinocateca, to ask about the other paintings in their collection. They advised us to telephone the director’s office and seek his advice.

We had a good lunch at a restaurant called Anna Maria in via Belle Arti 17A; Desmond had guinea fowl, I had duck, we shared a salad, grilled peppers, wine, water and coffee. The staff were all most charming and our waitress was both amused and amusing; she had a very good sense of humour.

The Gallery Caminetto was closed, which did not surprise me as this was a public holiday. It is most unlikely that they will still have the painting; but then nothing is certain in this world, except death and taxes.

We dined again at Trattoria La Corte Gallizzi on veal in a tuna sauce, salad, wine and water.

Yesterday we visited the church of San Sigismondo, where there should have been a picture in the sacristy of Saint Sebastian. We could not find the sacristy; next door a young Australian man was most helpful, but he did not have a key. Fortunately a man arrived who did hold the key and we were able to enter the sacristy. The painting had been removed and they thought that it was in the priest’s house. However, we had an email this evening, to say that it’s whereabouts were unknown. I don’t understand how a fairly large painting can just disappear; unfortunately it has happened many times in the past.

 

Martedì 25 Aprile 2006.

Quando siamo usciti questa mattina eravamo sicuri di trovare altre immagini di San Sebastiano, ma non è stato così. Per prima cosa sono stato informato che oggi è una giornata festiva in cui si commemora la liberazione dal regime fascista di 61 anni fa, il 25 Aprile, segna la fine della Seconda Guerra Mondiale e cosi sapevo che molti posti sarebbero stati chiusi. Comunque speravo che le chiese e le collezioni pubbliche sarebbero stati aperti. Ma sfortunatamente non fu così.

La Galleria Commerciale che volevamo visitare era aperta soltanto dalle 16.00 alle 20.00 quindi dovevamo tornare un altro giorno. Abbiamo visitato tre chiese, ma non abbiamo trovato nulla. Nella chiesa di Santa Maria del Baraccano abbiamo cercato una statua, ma ci hanno riferito che molti anni fa il dipinto era stato dato in prestito per una mostra e non era più tornato in sede. Nella chiesa di Santa Maria Lacrimosa abbiamo trovato un affresco, ma era la flagellazione di Cristo non un San Sebastiano per come credevamo.

Abbiamo finito il nostro giro alla Pinacoteca per chiedere informazione sugli altri dipinti che fanno parte della loro collezione, ma ci hanno detto di telefonare all’ufficio del direttore per chiedere direttamente a lui.

Il pranzo è stato buonissimo in un ristorante chiamato Anna Maria a via Belle Arte; Desmond ha mangiato gallina faraona ed io l’oca, abbiamo diviso un’insalata, dei peperoni grigliate, vino e caffè. I camerieri erano gentilissimi e la nostra cameriera era allegra e divertente, aveva un ottimo senso dell’umore.

La Galleria Caminetto era chiusa, non era del tutto inaspettato, poiché oggi era festa. Non credo che hanno il dipinto che vogliamo vedere: nella vita niente è sicuro tranne la morte e le tasse!

Abbiamo di nuovo cenato alla trattoria La Corte Gallizzi, vitello in salsa di tonno, un’insalata e un buon vino.

Ieri avevamo visitato la chiesa di San Sigismondo dove ci doveva essere un dipinto di San Sebastiano nella sacrestia. Prima non riuscivamo a trovare la sacrestia, ma poi un giovane australiano ha cercato di aiutarci, anche se non aveva la chiave. Per fortuna è arrivato un uomo con la chiave e cosi siamo riusciti ad entrare nella sagrestia. Il dipinto non c’era e si diceva che forse era nella casa del prete. Ma la sera abbiamo ricevuto un e-mail in cui ci informano che non si sa dove si trova il dipinto. Non riesco a capire come un dipinto abbastanza grande può sparire, sfortunatamente non è la prima volta che una cosa come questa accade.

 

‘The Miracle of the Crucifix of Beirut’ by Jacopo Coppi in the church of San Slavatore.

‘Il Miracolo del Crocifisso di Beirut’ di Jacopo Coppi nella chiesa di San Salvatore.

 

 

 

 

 

 

The font in the Cathedral.

Il fonte battesimale nel Duomo.

 

 

 

 

 

 

Diana and Endimion by Ubaldo Gandolfi, room II, in the Communal Art Collection, Palazzo Comunale.

Diana ed Endimione di Ubaldo Gandolfi, sala II, nella Collezioni Comunali d’Arte, Palazzo Comunale.

 

 

 

 

Ruth by Francesco Hayez, room XVIII, in the Communal Art Collection, Palazzo Comunale.

Rut di Francesco Hayez, sala XVIII, nella Collezioni Comunali d’Arte, Palazzo Comunale.

 

 

 

 

 

 


Wednesday 26 April 2006

We visited the tourist information office at the railway station for directions to various sites; as always, they were most helpful. At the station we were given the times of a morning train to Mantua and a return one in the late afternoon; we must change in Modena in both directions. Possibly we can go tomorrow or Friday.

Desmond rang Palazzo Bevilacqua and was told to put his request for admission in writing, which we did and sent it by fax from the hotel. Yesterday at the Pinocateca we were advised to telephone the director’s secretary, after mid-day, for permission to visit the reserve collection. I had the impression that they knew who we were and expected us to ring today. We now have an appointment for 9.00 tomorrow. At the Spanish College Desmond was asked to ring again after 5 minutes; the lady he needed to speak to was not in her office at that moment. When he called again, the lady said that we could certainly see the picture tomorrow and Desmond said about 10.30. That may make it a little difficult, as it is across town from the Pinocateca; but the lady had indicated that she would be available until 15.00, so all is not lost.

For lunch we had a tuna sandwich, a glass of wine and coffee at a bar.

I had my usual afternoon sleep and we set out again at 19.00, this time with a raincoat. Yesterday evening we were caught in a shower and it looked like rain again this evening. It did rain, but very little and it was still warm.

Most of the streets in the centre of Bologna are arcaded and, whatever the weather, they provide welcome cover from the elements.  Why can’t we have arcades in England? Building them hardly requires the skill of a space scientist.

Gallery Caminetto was open; but as I had expected the lady did not remember the Saint Sebastian, nor was there a photographic record of it and she had no idea where it was now. She promised to look out for any others for Desmond

We dined at Osteria Piazza Grande, via Manzoni 6. We were served warm bread, which was delicious, mozzarella with tomatoes and one with Parma ham, sausages with roast potatoes and spinach, wine and water. It was really a feast; we must go there again.

 

Mercoledì 26 Aprile 2006

Stamattina abbiamo visitato l’ufficio turistico che si trova alla stazione ferroviaria per chiedere la direzione per vari siti che dobbiamo visitare. Sono stati molti esaurienti. Ci hanno dato gl’orari dei treni per andare e tornare da Manta vedremo di andare o domani oppure venerdì.

Desmond ha telefonato a Palazzo Bevilacqua e gli è stato detto di mandare la sua richiesta per fax, e cosi ha fatto. Ieri alla Pinacoteca ci è stato consigliato di telefonare alla segretaria del direttore per avere un permesso per visitare la collezione riservata. Ho avuto l’impressione che sapevano chi eravamo e ci hanno dato un appuntamento per le 9.00 di domani mattina. Poi Desmond ha chiamato al Collegio Spagnolo, ma la signora con cui voleva parlare non era ancora in ufficio, ma poco dopo è riuscito a parlare con lei e cosi abbiamo un appuntamento  fissato  per domani mattina alle 10.30, per vedere i dipinti che c’interessano. Questo potrebbe essere un po’ difficile, poiché si trova all’altro lato della città rispetto alla Pinacoteca dove dobbiamo andare domani mattina alle 9.00. Comunque, ci hanno detto che sono aperti fino alle 15.00, così dovremmo farcela.

Per pranzo abbiamo mangiato al bar, un panino con tonno, un bicchiere di vino e un buon caffè. Poi siamo tornati in albergo per la mia siesta e alle 19.00 siamo usciti di nuovo, muniti di impermeabili. Ieri la pioggia ci ha sorpreso e stasera sembra che stia per piovere di nuovo. Infatti, è piovuto, anche se per poco ed era una pioggia calda.

La maggior parte delle strade nel centro di Bologna sono coperte da gallerie e così, qualunque tempo c’è, ti riparano. Perché non li abbiamo in Inghilterra?  Non ci vuole uno scienziato per costruire.

La Galleria Caminetto era aperta, ma come mi aspettavo, non si ricordavano di un San Sebastiano. Non c’era nemmeno una fotografia di Lui nei loro archivi e non avevano idea di dove poteva essere. Comunque, ci hanno promesso di informarci se ne trovano delle altre.

Abbiamo cenato alla Osteria di Piazza Grande in via Manzoni. Ci hanno servito pane caldo con mozzarella, pomodori, prosciutto crudo, salsicce, patate arrostite e spinaci, il tutto accompagnato da un buon vino. Un vero banchetto, dovremmo tornarci!

Entrance to the park.

L’entrata al parco.

 

 

 

 

Picture by Carlo Bononi in the church of San Salvatore.

La pittura di Carlo Bononi nella chiesa di San Salvatore.

 

 

 

 

 

The Madonna and Child in Glory with Saints John the Evangelist, Joseph and Sebastian by Vincenzo Ansolani, in the Picture Gallery.

La Madonna e Il Bambino in Gloria e Santi Giovanni Evangelista, Giacomo e Sebastiano di Vincenzo Ansolani, nella Pinocateca.

 

 

 

 

 

 

The Massacre of the Innocents by Guido Reni, in the Picture Gallery.

La Strage degli Innocenti di Guido Reni, nella Pinocateca.

 

 

 

 

 

 

The Crucifixion by Titian, in the Picture Gallery.

Il Crocifisso di Tiziano, nella Pinocateca

 

 

 

 

 

 


Thursday 27 April 2006

It does not seem possible that we have already been here a week and have found our way to so many rather obscure places, it is a very easy town to walk in. We had to be up and out early; I rose at 7.00, we had breakfast at 7.45 and left the hotel at 8.25. We arrived at the Pinocateca before 9.00 and the director of the gallery arrived shortly after us. We had expected to meet an assistant, not Doctor Gian Piero Cammarota himself. He was very helpful, and agreed that many of the pictures, that we were looking for, were in the reserve collection. He arranged to meet us at Palazzo Pepoli Campogrande, via Castiglione 7, on Saturday morning at 9.00; we were instructed to go upstairs and ring the bell. He kindly gave Desmond permission to take photos of the Saint Sebastian pictures in the Renaissance Gallery, which was closed at that time and we will have to return this afternoon.

We then walked to the other end of town and the Spanish College, via Collegio di Spagna, to keep our appointment there. We arrived a little after 10.00 and decided to have a coffee first. At 10.20 we asked for Signora Maria Valdecasas, and we were asked to wait in what was originally the refectory. The college was built in the 14th century; the first students came from Spain in 1360 and there have been, and still are, Spanish students here. Signora Valdecasas is a most cultured and interesting lady and she conducted us across a beautiful cloister to the chapel, where the first thing that I noticed was a fresco of Saint Sebastian on the left hand wall. The data sheet said that we should find a painting and that was found above the altar, with Saint Sebastian on the frame at the bottom right hand corner; his picture not much bigger than this page. The fresco was made in the 14th century, when the college was first built; this is a new find and just shows that not every Saint Sebastian has been identified and recorded.

Returning in the general direction of the Pinocateca, Desmond asked if we had been to Santa Maria della Pieta in via San Vitale. I knew that we had indeed been there, but the data sheet had no notes on it, nor could I remember any details. When we arrived there it was closed; then I remembered that it was also closed on the last occasion. We stopped at a print shop to ask if they had any of Saint Sebastians among their stock and we were asked to return another day. As we will be in this part of town again on Saturday, we arranged to visit that afternoon.

We had pasta for lunch with a glass of wine, water, a sweet and coffee, at Pizzeria Spacca Napoli, via San Vitale, and it was very tasty. We resumed our journey, but did not get very far, before Desmond stopped at an antique shop. I saw a picture on the right hand wall with Saint Sebastian and asked Desmond if that was the reason we had stopped, it wasn’t; he had not seen it. This is another place to visit on Saturday, today it was closed.

When we arrived back at the Pinocateca, the renaissance gallery was open and we were given our free tickets. I heard a lady attendant tell her colleague that the director had given us permission to take photos.  Desmond took photographs, without flash, of the paintings on interest to him and we then returned to the hotel, so that I could rest.

We went to the railway station to book our tickets for tomorrow to Mantua; they cost a total of €27.52, one train was more expensive as it was the Eurostar to Modena. We will have to have another early start, the train is at 8.37 to Modena where we have to change for Mantua. I am quite looking forward to that little trip to another new town, and who knows what we will find there.

When we left the station it was raining quite heavily, so we decided to eat at a nearby restaurant. We ate at Ristorante Bolognese last Friday evening as it is very near to the hotel. We had antipasto of mixed salami, Desmond had strips of fillet steak cooked with rosemary, I had a cutlet topped with Parma ham and cheese, we had spinach and mixed vegetables, wine and water. It was an absolutely delicious meal and we were given a complimentary glass of very strong grappa – that should help us to sleep soundly!

 

Giovedì 27 Aprile 2006

Non mi sembra possibile che siamo gia qui da una settimana e che siamo riusciti a trovare tanti posti fuori mano, Bologna è una città in cui si cammina con grande facilità. Dovevamo alzarci presto, cosi alle 7.00 eravamo gia in piedi, alle 7.45 abbiamo fatto colazione e alle 8.25 eravamo fuori dell’albergo. Siamo arrivati alla Pinacoteca prima dalle 9.00 e il direttore della galleria è arrivato poco dopo di noi. Noi ci aspettavamo di incontrare un assistente non il Dottore Gian Piero Cammarota. Lui è stato molto d’aiuto e ci ha confermato che molti dei dipinti che volevamo vedere si trovano nella collezione riservata. Ci siamo messi d’accordo per incontrarlo al Palazzo Pepoli Campogrande, in via Castiglione, sabato mattina alle 9.00. A Desmond ha concesso un permesso per fotografare un dipinto di San Sebastiano che si trova nella Galleria Rinascimentale, che purtroppo era chiusa in quel momento; dovevamo tornare nel pomeriggio.

Poi abbiamo proseguito a piedi all’altro lato della città fino al Collegio Spagnolo per il nostro appuntamento delle 10.30. Siamo arrivati in anticipo e così abbiamo deciso di prendere un buon caffè. Entrati nel Collegio abbiamo chiesto della Signora Maria Valdecasas e ci hanno fatto attendere dove in origine c’ era il refettorio. Il Collegio è stato costruito nel 14° secolo; i primi studenti spagnoli sono arrivati nel 1360 e tuttora ci sono. La Signora Valdecasas è una donna di cultura e molto interessante e ci ha condotto attraverso un chiostro bellissimo, fino alla cappella dove la prima cosa che ho notato era un affresco di San Sebastiano che si trovava sulla destra della cappella. I nostri appunti segnavano anche un dipinto che abbiamo trovato sopra l’altare con un San Sebastiano nella parte destra inferiore, ma era piccolo quanto questa pagina. L’affresco è stato eseguito nel 14° secolo, quando fu costruito il collegio, questa è una scoperta nuova per noi perché non sapevamo della sua esistenza e dimostra che non tutte le immagini di San Sebastiano sono catalogate.

Tornando verso la Pinacoteca, Desmond mi ha chiesto se fossimo gia stati nella chiesa di Santa Maria della Pietà in via San Vitale. Mi ricordavo che c’eravamo gia stati li, ma non trovavamo appunti sui dipinti nella chiesa. Così siamo andati a vedere, ma era chiusa e allora mi sono ricordato che quando siamo venuti l’altro giorno era anche chiusa. Ci siamo fermati in un negozio che vende stampe per chieder se avevano qualcosa di San Sebastiano, ma ci hanno chiesto di ripassare un altro giorno. Poiché saremmo stati nei paraggi sabato ci siamo messi d’accordo per visitarli successivamente.

Per pranzo abbiamo mangiato della pasta, con un bicchiere di vino, un dolce e un caffè, alla pizzeria Spacca Napoli in via San Vitale. E’ stato ottimo. Dopo abbiamo proseguito il nostro viaggio fermandoci per guardare alla vetrina di un negozio di antiquariato. Io ho notato un dipinto di San Sebastiano e cosi ho chiesto a Desmond se si era fermato per questo, ma lui non l’aveva notato. Dovremmo tornare anche qui sabato.

Quando siamo arrivati alla Pinacoteca la Galleria Rinascimentale era gia aperta e ci hanno dato i nostri biglietti omaggi. Ho sentito uno dei custodi dire alle sue colleghe che avevamo un permesso di fotografare i dipinti, cosi Desmond ha fotografato ciò che gli interessava e poi siamo tornati in albergo per il mio riposo pomeridiano.

Successivamente siamo andati alla stazione per prenotare i nostri biglietti di domani per andare a Manta; costavano €27.52, un treno era più costoso dell’altro, poiché era un Eurostar. Dovremmo alzarci presto domani, poiché il treno per Modena parte alle 8.37 e poi dovremmo prendere un altro treno per Manta. Sono contento di andare lì domani, chi sa cosa troveremo!

Quando siamo usciti dalla stazione pioveva a dirotto, cosi abbiamo deciso di fermarci lì vicino per cenare. Eravamo già stati in questo ristorante venerdì scorso e si trova molto vicino all’albergo. Il ristorante si chiama Bolognese e abbiamo mangiato un antipasto di salumi misti, poi Desmond ha preso il filettuccio cucinato con il rosmarino ed io ho preso una cotoletta con prosciutto crudo e formaggio, per contorno abbiamo mangiato spinaci e verdure miste e un buon vino. Un pasto eccezionale concluso con una grappa molto forte offertaci dal ristorante. Tutto ciò dovrebbe aiutarci a dormire!

 

The Madonna Enthroned with Child and Saints, Sebastian is on the frame at bottom right, by Marco Zoppo, in the church of San Clemente in the Spanish College.

La Madonna in Trono col Bambino e Santi, San Sebastiano e nel cornice sotto a destra, di Marco Zoppo, Nella chiesa di San Clemente del Collegio di Spagna.

 

 

 

 

 

The Madonna and Child with Saint John the Baptist and  Saints Sebastian, Bernardino, Francesco and George by Giulio & Giacomo Raibolini, in the Picture Gallery.

La Madonna e Il Bambino con San Giovanni tra Santi Sebastiano, Bernardino,Francesco e Georgio di Giulio e Giacomo Raibolini, nella Pinocateca.

 

 

 

 

 

Fresco, in the church of San Clemente in the Spanish College.

L’Affresco, Nella chiesa di San Clemente del Collegio di Spagna.

 

 

 

 

 

 

These Paintings by Lanfranco,in the Diocesan Museum, Mantua.

Queste Le pitture di Lanfranco, nel Museo Diocesana, Mantova.

 

 


Friday 28 April 2006

At 8.15 this morning we were at the station to catch the 8.37 train to Modena; it was late, and so we were unable make our connection to Mantua which had already left at 9.11. We took the 10.00 train instead, but, even then, we had to leave the train before Mantua and take a bus. Consequently we arrived in Mantua more than an hour later than expected; we did not find out why we had been transferred on to a bus. We wasted a little more time when I took the wrong street.

We eventually arrived at the church of San Andrea where we expected to find four paintings. The first was by Lorenzo Costa, a Madonna and child surrounded by eight saints, Saint Sebastian was on the left. The next was in a side chapel, behind a locked grill, and proved very difficult to photograph. The last two we did not find. We did not spend much time there before we were asked to leave; it was closing for lunch.

Palazzo Ducale was open and we were there for more than an hour. There was a Saint Sebastian in room 8, by Domenico Fetti, where he looked quite old and had a beard. We did not find the other three on our list, but they could be in the reserve collection.

We had lunch in the square in front of Palazzo Ducale, just a salad with a glass of wine and water. I think that we would have had a better deal if we had had a whole bottle of wine, but it is always very easy to be wise after the event.

The Diocesan Museum re-opened at 14.30, which suited us very well. Desmond found it quite easily and we had to ring the bell for admittance. When we explained what it was that we wanted to see, the custodian was very helpful. He very quickly took us to see the three paintings on our list and allowed us to take photos. One picture was not attributed to a particular painter, whilst our list did give a name for that particular piece. He told us that they also had some modern paintings as well, with four of Saint Sebastian by Lanfranco, dated from 1946 to 1990. These were most unexpected pictures, surrealist paintings in the style of Salvador Dalì. We had a look at the other paintings; this is the collection of the Bishop of Mantua and it is quite comprehensive. We then found another Saint Sebastian, which gave us a total of eight, where we had expected to find only three.

We returned to San Andrea but the bookstall, where we had planned to purchase an illustrated guide book, was still closed, so we inquired at the tourist information office for directions to the church of San Martino. I took the wrong street, but, eventually, we arrived; only to find that it was closed.  “Chiuso” is the password, or rather, “no, you can’t pass” word in Italy.

We decided to return to the railway station, although it was rather early for the 17.46 to Modena. It was on time, but there was a delay at Carpi which made us late into Modena; I then had to find the platform for our connection which left at 19.03. Having established that the train would be listed for Rimini, we had about 2 minutes to change platforms; we made it with only seconds to spare and arrived in Bologna Central at 19.30, very tired and hungry.

We had a quick wash at the hotel, before going to Pizzeria la Rotunda for the second time. It is very convenient for us, being only three minutes walk from the hotel. We had strips of fillet steak cooked with mushrooms, chips, grilled vegetables, wine and water, and it was very good.

This narrative was finished at 22.15, when I was pleased to be able to go to bed, and I am sure that I will soon be asleep. This was a very long, tiring day; and tomorrow we again have an appointment for 9.00.

 

Venerdì 28 Aprile 2006

Alle 8.15 eravamo già alla stazione per prendere il treno delle 8.37 per Modena: ma era in ritardo e così abbiamo perso il treno per Manta che partiva alle 9.11. Abbiamo preso quello successivo delle 10.00 e poi siamo dovuti scendere prima di Manta e prendere un pullman, di conseguenza siamo arrivati a Manta con più di un’ora di ritardo e ancora non so il perché del pullman al posto del treno. Abbiamo perso altro tempo, poiché ho sbagliato strada, ma infine siamo arrivati alla chiesa di San Andrea dove ci aspettavamo di trovare quattro dipinti di San Sebastiano. Il primo era stato eseguito da Lorenzo Costa, era una Madonna con Bambino circondato da otto Santi e San Sebastiano era sulla sinistra. Un altro dipinto si trovava in una cappella laterale, dietro una grata chiusa ed è stato molto difficile da fotografare. Non abbiamo trovato gli altri due dipinti e siamo dovuti uscire dopo poco, poiché stavano chiudendo per la pausa pranzo.

Il Palazzo Ducale era ancora aperto e, cosi, siamo riusciti a passare un’ora lì. C’era un San Sebastiano nella stanza 8 fatto da Domenico Fetti: il Santo era tratto da anziano con la barba. Non abbiamo trovato gli altri tre dipinti che cercavamo lì, forse sono nella collezione riservata.

Abbiamo pranzato nella Piazza di fronte al Palazzo Ducale, un’insalata con un bicchiere di vino. Sarebbe stato più economico comprare una bottiglia intera di vino, ma ce ne siamo accorti troppo tardi.

Il museo Diocesano riapriva alle 14.30 e lo abbiamo trovato con facilità. Abbiamo dovuto suonare per essere ammessi e il custode è stato molto gentile e disponibile, ci ha portato a vedere i dipinti che ci interessavano e ci ha permesso di fotografarli. Uno dei dipinti non era attribuito ad un autore, mentre i nostri appunti avevano il nome dell’autore. Il custode ci ha riferito che c’erano dei dipinti moderni e tra loro c’erano quattro di San Sebastiano eseguiti da Lanfranco, datata dal 1946 fino al 1990. Questi dipinti erano del tutto inaspettati ed erano in stile surreale tipico di Salvatore Dalì.  Abbiamo guardato gli altri dipinti di questa collezione che appartiene all’Arcivescovo di Manta ed è una collezione comprensiva. Infine abbiamo trovato un altro San Sebastiano che fa un totale di otto, mentre noi aspettavamo soltanto tre.

Tornati a San Andrea abbiamo trovato la libreria ancora chiusa, dove volevamo acquistare un libro di guida illustrato, così abbiamo chiesto all’ufficio turistico come potevamo arrivare alla chiesa di San Martino. Io ho sbagliato strada, ma infine siamo arrivati, ma sfortunatamente abbiamo trovato chiuso, in Italia troviamo spesso queste parole.

Abbiamo deciso di tornare alla stazione ferroviaria, anche se era presto per il treno delle 17.46 per Modena. Il treno è partito in orario, ma poi c’è stato un ritardo per Carpi e di conseguenza siamo arrivati in ritardo. Poi dovevamo trovare il binario giusto per la coincidenza che partiva alle 19.03. Avendo stabilito che il treno che volevamo era quella per Rimini, abbiamo avuto circa due minuti per raggiungere il binario e ci siamo riusciti. Siamo arrivati a Bologna Centrale alle 19.30, stanchi ed affamati.

Ci siamo rinfrescati nel albergo, prima di andare in pizzeria “ La Rotonda” dove c’eravamo già stati. Essendo soltanto a due minuti dall’albergo è molto conveniente per noi. Abbiamo mangiato filetti di manzo con funghi, patatine, verdure grigliate e bevuto un buon vino. Un’ ottima cena!

Ho finito di scrivere questo resoconto della giornata alle 22.15 ed ero veramente esausto, è stato una giornata lunga e faticosa e domani abbiamo un appuntamento alle 9.00.

 

The Madonna and Child with Saints Sebastian, Silvestro, Paolo, Agostino, Elisabette, Giovannino e Rocco, by Lorenzo Costa, in the church of Sant’Andrea, Mantua.

La Madonna con Il Bambino con Santi Sebastiano Silvestro,Paolo, Agostino, Elisabetta, Giovannino e Rocco, di Lorenzo Costa, nella chiesa di Sant’Andrea, Mantova.

 

 

 

 

Painting by Giovan Francesco Caroto, in the Palazzo Ducale, Mantua.

La pittura di Giovan Francesco Caroto, nel Palazzo Ducale, Mantova.

 

 

 

 

 

 

Painting by Domenico Fetti, in the Palazzo Ducale, Mantua.

La pittura di Domenico Fetti, nel Palazzo Ducale, Mantova.

 

 

 

 

 

 

Painting by Giulio Romano, in the church of Sant’Andrea, Mantua.

La pittura di Giulio Romano, nella chiesa di Sant’Andrea, Mantova.

 

 

 

 

 

 

A view of Mantua.

Una vista di Mantova.

 

 

 

 

The Madonna, Child and St. Joseph with Saint Antony Abbot and Saint Sebastian, by Antonio di Pavia, in the Diocesan Museum, Mantua.

La Madonna, Il Bambino San Giacomo con Sant’Antonio Abbate e San Sebastiano, di Antonio di Pavia, nel Museo Diocesana, Mantova.

 

 

 

 

 

Painting, in the Diocesan Museum, Mantua.

La pittura, nel Museo Diocesana, Mantova.

 

 

 

 

 

 

Painting by Pricaccini, in the Diocesan Museum, Mantua.

La pittura di Pricaccini, nel Museo Diocesana, Mantova.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mantagna Bridal Room, in the Palazzo Ducale, Mantua.

La camera enunciale di Montagna, nel Palazzo Ducale, Mantova.

 

 

 

 

 

A view of Mantua.

Una vista di Mantova.

 

 

 

 


Saturday 29 April 2006

We had a very successful morning. The Pinocateca director, Doctor Gian Piero Cammarota, met us at Palazzo Pepoli Campogrande in via Castiglione at 9.00 to show us the paintings of Saint Sebastian in the reserve collection. He had prepared a sheet for each one, giving as much information as possible and, if an image was available, a photocopy of that too. He said that he will send Desmond two colour images attached to an email. These were two pictures which did not belong to the museum. He also found a further image of Sebastian in a catalogue and made a photocopy. He provided a very detailed list of all the pictures of Saint Sebastian in the Pinocateca. He gave us a book about this Palazzo, which is open to the public this afternoon and we intend to return, to see the rest of the pictures on display. This gentleman has been so very kind, to give his time to speak to us and prepare the information. I am sure that he is a very busy man and, in his position, really has no reason to show us these pictures himself. We were also greatly impressed by his knowledge of the holdings in the Pinacoteca. We were very touched and grateful to him. Can you imagine the Director of our National Gallery turning out at dawn on a Saturday morning to help two unknown visiting Italians?

The town Medieval Museum was open and we actually found a small ivory carving of Saint Sebastian. On this occasion I was the one to walk past it without seeing it.  They have a very varied and interesting collection; Desmond found the historical collection of guns, (small arms, or pistols, muskets and rifles), which were displayed chronologically to show the history and development of the weapons, particularly fascinating.

We had lunch in via San Vitale at Pizzeria Ristorante Brace, where we had pasta, salad, wine and water.

We had gone to via San Vitale because we had an appointment at the print shop and to see a painting, in the antique shop opposite, which contained an image of Saint Sebastian. Both were closed; which was really rather annoying as we had made an appointment at the print shop, and the opening times stated on the door of the antique shop were simply not correct. Desmond left his card, asking for information about the painting by email and, if possible, an image.

We returned to Palazzo Pepoli Campogrande to see the main rooms which are open to the public. A very fine set of public rooms, all with frescoed ceilings from the 17th century, which really are impressive. They have important paintings there by Canuti, Creti and Crespi. This morning we did not have time to look at them; we were there specifically to see the Saint Sebastian pictures, but we were able to return as ordinary members of the public. Even so, Desmond was certainly recognised by the lady on the desk; he had seen her this morning.

We called at Raccolta Lercaro, Gallery of Modern Art, Foundation Cardinal Giacomo Lercaro, in via Riva di Reno, last week, only to find that the times provided by tourist information were incorrect and the place was closed. Cardinal Giacomo Lercaro was very interested in art and artists and, throughout his lifetime used his office to encourage and patronize many artists and, in a gesture of thanks, for his 80th birthday, many artists donated works of art to form the basis of the collection. After his death, a Foundation was established for this collection, and artists have continued to give the foundation further works. The foundation has never had to buy any of the items in the collection and they now have about 1,700, mostly sculptures, which makes it quite a unique collection.

This afternoon they were actually open and had a Saint Sebastian on display, given by the artist Pietro Lenzini, who is now the director of the Accademia del Arte, which seems to be a school for graduate Art students. They also hold works by Rodin, Jacometti, Marini and many other Italian artists working in the period from 1890 right up to the present day.  I was most impressed by a Crucifix, a truly beautiful bronze and two bronze plaques on the same subject. They were made between the wars, 1930’s, and were also a political statement because the soldiers at the foot of the cross in both pieces wore World War 1 German helmets. It was a protest against Fascism and caused a great fuss from the Vatican, as much as from the state. It was noteworthy that the Vatican did not protest because Christ was naked, it was the German helmets, linking Christianity and Fascism, that they objected to. The gallery has many fine pieces of sculpture by well known, mostly Italian, artists. There is a small bronze of Saint George (1964), by Giacomo Manzù, thought to have been a design for the tomb of his artist friend Giorgio Morandi; his family rejected it because the artist has portrayed the Saint without his trousers. The rejection was a shame, as we imagine this particular sculpture would have enlivened visits to the cemetery.

The gallery is a little off the main tourist routes and we think that a collection of this quality deserves to be much more widely publicised and visited by the public.

We had dinner this evening at La Baita Ristorante, in via Galliera, Desmond had sausages, I had liver and onions, we shared spinach, roast potatoes, wine and water; an excellent meal. Tomorrow we can have a later start, we have been up very early for the last 3 mornings.

 

Sabato 29 Aprile 2006.

La mattinata è stata molto fruttuoso. Il Direttore della Pinacoteca, il Dottore Gian Piero Cammarota, ci ha incontrato al Palazzo Pepoli Gampogrande in via Castiglione alle 9.00 per mostrarci i dipinti di San Sebastiano che appartengono alla collezione riservata. Lui aveva preparato degli appunti, dando più informazione possibile, e quando possibile, un’immagine allegata. Ha promesso di mandare a Desmond altri due foto di due dipinti che non appartengono al museo. Inoltre, aveva trovato un altro dipinto in un catalogo e ci ha portato una fotocopia. La lista dei dipinti di San Sebastiano nella collezione riservato della Pinacoteca era molto dettagliato. Ci ha anche regalato un libro su questo Palazzo che è aperto al pubblico nel pomeriggio e noi intendiamo visitarlo dopo. Questo Signor è stato di una gentilezza, ci ha dedicato il suo tempo e ha sicuramente passato un bel po’ di tempo a preparare tutto il materiale. Sono sicuro che è un uomo molto impegnato e possa delegare a qualcun altro il compito di mostrarci i dipinti ma nonostante ciò ha preferito accoglierci di persona. Ci ha impressionato con la sua grande conoscenza di tutti i reperti della Pinacoteca, Siamo grati è profondamente toccati per la sua bontà. Non riesco ad immaginare il Direttore della Galleria Nazionale di Londra che accogli due turisti Italiani sconosciuti di Sabato mattina!

Il Museo Medievale era aperta e lì abbiamo trovato un piccolo scultura in avorio di San Sebastiano. Questa volta sono stato io a passarci davanti senza vederla. Qui c’è una collezione molto varia ed interessante. Desmond ha trovato molto affascinante la collezione di arme (fucile, pistole, moschetti e piccoli armi) erano esibiti in ordine cronologici cosi mostrando la storia e lo sviluppo delle armi.

Abbiamo pranzato in via Vitale alla pizzeria-ristorante Brace con pasta, insalata e un buon vino.

In seguito siamo andati al negozio di stampe dove avevamo un appuntamento, ma era chiusa. Il negozio di antiquariato che si trovava di fronte era chiusa, l’orari di apertura riportati sulla porta non sono coretti. Desmond ha lasciato un biglietto da visita chiedendo informazione sul dipinto che gli interessava.

Siamo tornati al Palazzo Pepoli Campogrande per vedere le sale principali che sono aperte al pubblico. Sono delle stanze molto belle con soffitti affrescati che risalgono al 17° secolo che sono veramente stupendi. Qui ci sono dipinti importanti di Canuti, Creti e Crespi. Non abbiamo avuto il tempo per vederli stamattina; eravamo qui specificamente per il San Sebastiano, ma nel pomeriggio siamo tornati come pubblico comune e non come ospiti. Detto ciò la signora all’entrata ha riconosciuto Desmond.

La settimana scorsa eravamo passati da Raccolta Lercaro, la Galleria dell’Arte Moderna, fondato dal Cardinale Giacomo Lercaro in via Riva di Reno, ma era chiusa nonostante cioè che ci avevano detto all’ufficio turistico. Il Cardinale Giacomo Lecaro era appassionata d’arte e durante la sua vita ha usato il suo potere per incoraggiare e patronali molti artisti, e come segno di riconoscimento, in occasione del suo 80° compleanno, molti artisti donarono opere d’arte che poi sono diventati la base della collezione. Dopo la morte del Cardinale, una fondazione fu istituito, e da allora gli artisti hanno continuato a donare opere d’arte. La fondazione non ha mai comprato delle opere ed ora possiede circa 1,700 opere, la maggior parte scultore e ciò rende questa collezione unica.

Oggi pomeriggio erano aperte e avevano un San Sebastiano donato dall’artista Pietro Lendini, che è ora il Direttore dell’Accademia delle Belle Arti, che sembrava essere una scuola per studenti d’arte. Ci sono anche dipinti di Rodin, Jacometti, Marini e molte altre artisti Italiani dal 1890 fino il giorno d’oggi. Sono rimasto molto colpito sia da un crocifisso, un bronzo veramente stupendo che da un paio di piastre di bronzo, quest’ultimi furono fabbricati nel periodo tra le due guerre e rappresentavano anche una condanna politica. I sodati al piede della croce in entrambi i reperti indossano gli elmi dei soldati tedeschi della prima guerra mondiale. Era una protesta contro il Fascismo e causò grande trambusto sia nel Vaticano che da parte dello Stato. Cioè che è sorprendente è che il Vaticano non ha protestato perché il Cristo era nudo, erano gli elmi tedeschi che collegavano il Cristianesimo al Fascismo che infastidivano il Vaticano. La Galleria possiede molti scultori eseguiti da noti artisti, maggiormente italiani. C’è un piccolo bronzo di San Giorgio (1964) eseguito da Ciacomo Manzù, si dice che fu realizzato per la tomba del suo amico artista Giorgio Moranti; la famiglia rifiutò l’opera, poiché il Santo era senza pantaloni. Questo è stato un vero peccato perché è un’opera particolare di grande bellezza.

La Galleria si trova un po’ fuori mano e secondo noi merita un posto più in vista, di conseguenza è poca conosciuto e poco visitata dai turisti.

Abbiamo cenato al ristorante La Baita in via Galleria, Desmond ha preso la salsiccia, io il fegato con le cipolle, abbiamo diviso un contorno di spinaci e patate arrostite, un buon vino ha completato quest’ottima cena. Domani possiamo uscire un po’ più tardi, sono tre mattine che usciamo prestissimo.

 

Painting by Giovanni Battista Bertusio, in the church of San Giovanni in Monte.

La pittura di Giovanni Battista Bertusio, nella chiesa di San Giovanni in Monte.

 

 

 

 

 

 

Crucifixion by Scorzelli in the Lercaro Collection.

Il crosifisso di Scorzelli, nella raccolta Lercaro.

 

 

 

 

 

 

Painting by Luigi Filocamo, in the Lercaro Collection.

La pittura di Luigi Filocamo, nella Raccolta Lercaro.

 

 

 

 

 

 

Painting by Pietro Lenzini, in the Lercaro Collection.

La pittura di Pietro Lenzini, nella Raccolta Lercaro.

 

 

 

 

 

Fragment of sculpture, in the Medieval Museum.

Un frammento di una scultura, nel Museo Medievale.

 

 

 

 

 

 

Music, Painting by Guido Reni, in Palazzo Pepoli Campogrande.

La Musica, La pittura di Guido Reni, nel Palazzo Pepoli Campogrande.

 

 

 

 

 

 

St. Gorge, Sculpture by Giacomo Manzu, in the Lercaro Collection.

San Georgico, La scultura di Giacomo Manzu, nella Raccolta Lercaro.

 

 

 

 

 

 

Cymbal player, Sculpture by Vincenzo Gemito, in the Lercaro Collection.

Suonatore di Cembalo, La scultura di Vincenzo Gemito, nella Raccolta Lercaro.

 

 

 

 

 

 

Bologna arcade.

Un’ arcata a Bologna.

 

 

 

 

 

 


Sunday 30 April 2006

The first time we visited Palazzo Davia Gargellini, Strada Maggiore 44, it was closed and we thought that it was for restoration. Yesterday we saw a poster for the museum which informed us that it was open this morning. It is quite a small museum which preserves various artifacts and craftsmen’s working tools. Our main interest was in three paintings and a sculpture of Saint Sebastian. The one painting, which I preferred, was a half length portrait of the saint holding an arrow. The sculpture, of painted and gilded wood, is quite a small piece, but very well done; its companion piece is of Saint Rocco and his little dog. One of the attendants talked to me, he is the same age as I, he asked if we were enjoying Bologna and what we had seen. I told him that we had been to the picture gallery twice and the Medieval Museum. He told us that in September 2006 there will be an exhibition, devoted entirely to the works of the Carracci brothers, and that we must return to Bologna just to see it.

I wanted to go to the Shrine of the Madonna of Saint Luke, but it was raining and misty, so there was no point as the view would have been obscured. I asked tourist information to explain the bus tickets to me, which they did. A €1.00 ticket lasts for one hour; one for €3.00 is for 24 hours and another for €6.90 is for a total of eight one hour journeys. I will buy 24 hour tickets tomorrow.

Because it was so wet, we went to the Archaeological Museum, where we visited only the Etruscan, Greek and Roman sections, where there were a number of interesting pieces. There is a particularly fine collection of about 400 small Roman and Etruscan votive bronzes.  Many rooms were closed and I did not particularly want to see the Egyptian rooms, nor a modern exhibition about hair.

Lunch was at Ristorante Montegrappa, which was on the way back to the hotel. We had pasta, wine, water, cheese and coffee. The staff were very attentive and it was most enjoyable.

In the afternoon I had a rest, whilst Desmond returned to the Modern Art Gallery, where we were yesterday. He came back with a two volume catalogue in a slip case, and another book; all were a gift from the gallery. They do not contain an image of the Saint Sebastian which we say yesterday, but Desmond had been allowed to take a photo of that item. They also have another one which we did not see and which is in the catalogue. I am always surprised at the kindness of people; there was no reason why Desmond should have been given these expensive books, other than his obvious interest in the gallery.

Dinner was at Pizzeria La Rotunda, grilled chicken breast, grilled vegetables, salad, wine and water, then the head waiter gave us a lemon sorbet. That was our third visit to this restaurant and they were obviously pleased to see us again.

 

Domenica 30 Aprile 2006.

La prima volta che siamo andati al Palazzo Davia Gargellini in Strada Maggiore 44, era chiuso. Noi credevamo che fosse chiuso per restauro, ma stamattina abbiamo visto una locandina che diceva che era aperto. Il museo è abbastanza piccolo che possiede vari artefatti e attrezzi di artigiani. A noi interessavano tre dipinti e una scultura di San Sebastiano. Uno dei dipinti, era un ritratto del Santo con mano una freccia ed era quello che mi è piaciuto di più. La scultura è di legno dorato e dipinto, è un pezzo piccolo ma ben eseguito; il pezzo che fa coppia con questo è di San Rocco con il suo cane. Ho parlato un po’ con il custode, un uomo della mia stessa età, e mi ha chiesto mi piaceva Bologna. Gli ho raccontato che avevamo visitato la Galleria due volte e anche il museo medioevale. Lui mi ha informato che a Settembre ci sarà una mostra interamente dedicata ai lavori dei fratelli Carracci, credo che verremo a vederla.

Io volevo visitare la tomba della Madonna di San Luca, ma stava piovendo e c’era nebbia e quindi la vista da lì sarebbe stato offuscata. Ho chiesto informazione sui biglietti per i pullman all’ufficio turistico e mi hanno informato che un biglietto da €1.00 è valido per un’ora, quello da €3.00 è valido per 24 ore e quello di €6.90 è valido per un totale di otto corse. Credo che domani prenderemo i biglietti da € 6.90.

Poiché pioveva siamo andati al museo Archeologico, lì abbiamo visitato le stanze dedicate agli Etruschi, ai Greci e ai Romani. Ci sono innumerevoli pezzi interessanti, e c’è una collezione di circa 400 piccoli bronzi votivi, che risalgono all’epoca etrusca e romana. Sono particolarmente belle. Molte stanze erano chiuse e non ero molto interessato a visitare la sala egiziana e nemmeno la mostra che c’era sui capelli.

Per pranzare ci siamo fermati in un ristorante che si trovava sulla via di ritorno per il nostro albergo. Abbiamo mangiato pasta, formaggi e bevuto un buon vino e buon caffè, i cameriere sono stati gentili.

Nel pomeriggio, io ho riposato, mentre Desmond è ritornato al Museo dell’Arte Moderno dove eravamo già stati ieri. Lui è tornato con un catalogo di due volume ed un altro libro, tutti donatogli da parte della Galleria. Non c’è l’immagine di San Sebastiano in questi libri, ma hanno permesso a Desmond di scattare delle foto. Mi sorprende sempre della gentilezza della gente, hanno regalato a Desmond questi libri costosi soltanto perché ha mostrato un interesse alla Galleria.

Per cena abbiamo mangiato alla pizzeria La Rotonda, petto di pollo arrostito, verdure grigliate, insalata e vino, poi il capo-caminiere ci ha offerto un sorbetto al limone. Questa è stata la terza volta che abbiamo mangiato qui.

 

Painting, In the Davia Bargellini Museum.

La pittura, Nel Museo Davia Bargellini.

 

 

 

 

 

Painting by Andre da Sarto, In the Davia Bargellini Museum.

La pitture di Andre da Sarto, Nel Museo Davia Bargellini.

 

 

 

 

 

Desmond, in the Civic Museum.

Desmond, nel Museo Civico.

 

 

 

 

Jug, in the Civic Museum.

La brocca, nel Museo Civico.

 

 

 

 

 

Madonna and Child by Vitale da Bologna, In the Davia Bargellini Museum.

La Madonna e Il Banbino di Vitale da Bologna, Nel Museo Davia Bargellini.

 

 

 

 

 

 

Sculpture, In the Davia Bargellini Museum.

La scultura, Nel Museo Davia Bargellini.

 

 

 

 

Athene Lemnia, in the Civic Museum.

Atena Lemnia, nel Museo Civico.

 

 

 

 

 

 

Sculpture in the Civic Museum..

Una scultura, Museo Civico.

 

 

 

 

 

Desmond, in the Courtyard of the Civic Museum.

Desmond, nel cortile del Museo Civico.

 

 

 

 

 


Monday 1 May 2006

We went to the station and bought 24 hour bus tickets and caught the No. 30 to San Michele in Bosco; that was terminus to terminus, which made it very easy for us on our first venture on a Bologna bus. The tickets are valid, from the time of the first journey, for exactly 24 hours, i.e. until 10.24 tomorrow.

We were looking for a fresco of Saint Sebastian and it is possible that we did find it, on the right hand wall of the church, but it was so faded and indistinct that I could not make out anything. There was a nun there, but she did not know of a fresco of Saint Sebastian. Preparations were in progress for a wedding and the organist was practicing when we arrived. Later a tenor started his practice warm up,  and listening to his wonderful, clear bell-like voice was quite magical; I would have liked to thank him for the pleasure he had given us, but did not because that might have broken his concentration and I did not want to do that.

The bus returned by a different route, and we were almost back at the station before I recognised any landmarks We got off and walked a little way for the bus No 20 to the Shrine of the Madonna of Saint Luke.

The church is on the top of a hill and is visible from many places in Bologna; it is said to contain a painting, by Saint Luke the Evangelist, of the Madonna and Child. Personally I rather doubt it, as the image is clearly of Byzantine origin, but if one wants to believe that story, I think that it is all a matter of faith.

We got off the bus at the wrong stop and could not find the stop for the minibus which would take up the hill, so we walked or rather climbed. It is almost 4 km, uphill all the way, under the longest arcade in the world. It has 666 arches and I do not know how many steps and gradients there were to the top of the hill. I was really out of breath when we finally reached the top. Later we were told there were about 2,800 steps. The Madonna was not on view, (“Chiuso” – again) so we did not have even the satisfaction of viewing this famous painting and had to be content with a postcard. I did not find the church all that interesting, but I persuaded myself that the long walk had been very good for us. We returned on the minibus as I did not want to walk all that way again, even if it was downhill. The views from the church are marvellous and I am pleased that we made the effort to see them.

It was rather late when we arrived back in the city centre and the restaurants mostly closed at 14.30; so we had to make do with a sandwich and a glass of wine in a bar.  The food was not up to our usual standard but the wine, a Refosco del Peduncolo Rosso, was a delicious and memorable surprise. Serendipity Rules, OK?

Going back to the hotel we passed a restaurant and, attracted by a fine display of high quality meat and sausages in their window, we booked a table for 20.00 that evening. The lady said “What name” and I said “English”, it was much easier than trying to spell out either of our names.

At the railway station I was provided with the times of trains to Ferrara and I then bought our tickets, one way only, I forgot to ask for returns. It will not be a problem to buy return tickets in Ferrara.

We returned to Trattoria “Da Pietro”, via Falegnami 18, at 20.00. It is actually quite a small place and I could see why it had been necessary to book a table. We were upstairs, but there were also tables on the ground floor and also outside; they were very busy as today was a public holiday. Our waiter was a most energetic and athletic young man who bounded up and down the narrow stairs to the kitchens below with the ease and grace of a mountain goat. Of course he spoke English, although I kept my hand in by speaking with him in Italian. We had a plate each of different salami etc, Desmond had wild boar with polenta, which he greatly enjoyed, and I had lamb cooked in white wine, roast potatoes, cooked mushrooms, water and a very good bottle of wine. It was a most delicious meal and I hope that we will have the time to come again.

 

Lunedì 1 Maggio 2006

Stamattina siamo andati alla stazione per comprare i biglietti per il pullman numero 30 fino a San Michele in Bosco; il tragitto è stato dalla stazione fino all’altra stazione e cioè ha reso il viaggio semplice. Oggi è la prima volta che utilizziamo i pullman a Bologna, il biglietto che avevamo acquistato è valido per 24 ore dal momento del primo tragitto, quindi i nostri sono validi fino alle 10.24 di domani.

Arrivati alla chiesa abbiamo cercato un affresco di San Sebastiano che sapevamo lì. Infatti, abbiamo trovato un affresco, ma era così consumato dal tempo che era impossibile dire se era quello. C’era una suora in chiesa e così abbiamo chiesto a lei, ma lei non sapeva nulla di un affresco di San Sebastiano. In chiesa ci si stava preparando per un matrimonio e l’organista stava facendo le prove. Successivamente un tenore ha iniziato a cantare ed è stato un momento magico ascoltare quella voce meravigliosa, avrei voluto ringraziarlo per il piacere che ci ha procurato, ma non volevo disturbarlo e distoglierlo dalla sua concentrazione.

Il pullman di ritorno ha preso una strada totalmente diversa ed eravamo arrivati a destinazione prima di riuscire ad orientarci. Scesi dal pullman abbiamo proseguito fino al Sanctuario della Madonna di San Luca.

La chiesa si trova in cima ad una collina ed è visibile da molte parti della città di Bologna; sapevamo che lì c’era un dipinto eseguito da San Luca l’Evangelista che ritraeva la Madonna e Bambino. Io ho i miei dubbi, l’immagine è chiaramente di origine Bizantina, ma se uno vuole credere a questa storia ben sia, ovviamente è questione di fede.

Siamo scesi dal pullman alla fermata sbagliata e di conseguenza non siamo riusciti a trovare la fermata per il minibus che doveva portarci in cima alla collina. Così siamo saliti a piedi, la salita è di quasi 4 km sotto la galleria più lunga del mondo. Infatti, ha 666 archi e non sono riuscito a contare tutti i gradini, talmente erano tanti. Quando finalmente abbiamo raggiunto la cima ero veramente senza fiato. Successivamente mi hanno detto che c’erano 2.800 gradini. Il famoso dipinto della Madonna non si poteva vedere (chiuso di nuovo) così non abbiamo nemmeno avuto la soddisfazione di visionare il dipinto e ci siamo dovuti accontentare di una cartolina. La chiesa non era particolarmente interessante e mi sono consolato pensando che la camminata ci avesse fatto bene. La vista dalla chiesa è veramente meravigliosa quindi sono contento che veniamo. Siamo scesi con il minibus perché non volevamo rifare tutte quelle scale, anche se questa volta erano in discesa.

Quando siamo arrivati in centro era tardi e la maggior parte dei ristoranti erano chiusi cosi ci siamo dovuto accontentare di un sandwich e un bicchiere di vino. Il vino era un Refosco del Peduncolo Rosso, un vino strepitoso e memorabile.

Tornati all’albergo siamo passati davanti ad un ristorante che aveva un’esposizione di salsiccia e carne di alta qualità, cosi abbiamo prenotato un tavolo per le 20.00. Quando ci hanno chiesto un nome ho risposto “inglese” che era sicuramente più facile dei nostri cognome.

Alla stazione ho chiesto gl’orari dei treni per Ferrara e poi ho acquistato i nostri biglietti per l‘indomani, ma distrattamente non ho chiesto biglietti di ritorno, non sarà un problema acquistarli a Ferrara.

Alle 20.00 siamo andati al ristorante in via Falegnami 18, il ristorante ‘Da Pietro’ è abbastanza piccolo ed è stato una fortuna aver prenotato il tavolo poiché era pieno essendo oggi un giorno festivo. Noi abbiamo mangiato al piano di sopra ma si poteva anche mangiare fuori. Il nostro cameriere era un ragazzo molto energico che saliva e scendeva le scale con la grazia di una capra di montagna. Abbiamo preso un antipasto di salame, poi Desmond ha ordinato il cinghiale selvatico con la polenta ed io l’agnello in vino bianco con patate arrostite e funghi, il tutto con un buon vino. Una cena veramente eccezionale, spero che troviamo il tempo di tornarci.

 

Crucifix, the church of San Michele in Bosco.

Il crocifisso, nella chiesa di San Michele in Bosco.

 

 

 

 

 

 

The church of The Madonna di San Luca.

La chiesa della Madonna di San Luca.

 

 

 

 

The Madonna di San Luca.

La Madonna di San Luca.

 

 

 

 

 

 

The view from the church of San Michele in Bosco.

La vista dalla chiesa di San Michele in Bosco.

 

 

 

 

Arcade to the church of The Madonna di San Luca.

L’arcata alla chiesa della Madonna di San Luca.

 

 

 

 

 

 


Tuesday 2 May 2006

We were at the railway station by 8.30 for the train at 8.53 to Ferrara, a journey of about 30 minutes. The train was a little late, but we were not bothered by that. In Ferrara, the walk to the Pinocateca Nazionale, in Palazzo Diamanti, was about 20 minutes.

Palazzo Diamanti derives its name from the diamond emblem of the Dukes of Este which is repeated 12,600 times on its façade; they ruled Ferrara from 1259 – 1598 when Ferrara was annexed to the Papal States. In the pinocateca (no photographs allowed) we saw a good number of pictures of Saint Sebastian, so we were very pleased. It is quite a large gallery with many fine pictures; most of them are in immaculate condition.

We stopped for lunch; a selection of salami, a large salad, a good white wine, water and coffee. It was very pleasant sitting in the open but one did need a pullover because of the breeze.

On our way to Palazzo Schifanoia, we passed Upim; a large chain of shops something like Marks and Spencer; where I bought 2 shirts and Desmond bought 4.  At Palazzo Schifanoia, the only Saint Sebastian we found was in the background of a large fresco. We had missed it completely on our first look round and had to ask where it was. Luckily Desmond had a black and white illustration of it; the other two items on our list were not on display.  We managed to find a colour photograph of it in a guide book.

Nearby was the church of Santa Maria in Vado, where we hoped that there would be two Saint Sebastian images; but we could not see any even in the sacristy. When we asked a young African priest, who spoke perfect English as he was born in Zimbabwe, about them, he went away and returned to the sacristy with two paintings which were in store in an upstairs room. They were the Angel of the Annunciation and Santa Maria and had no connection with Saint Sebastian. The parish priest came to give his assistance and told us that, in 1994 six pictures were stolen from the sacristy and eventually two were recovered. He knew where one of the Saint Sebastian pictures was and took Desmond to see it in the storeroom, where Desmond took a photo and measurements. The priest gave us a lot of time and took the trouble to see if he had any records of the stolen pictures. He told Desmond who to write to for more information about the paintings in Ferrara churches. It is important to have the name of someone to write to, because then one usually receives an answer. If you write to “The Director”, you will usually hear nothing.

We returned slowly to the cathedral; but when we checked what we were looking for, we found that Saint Sebastian was part of the fresco, on the apse behind the altar, of the Last Judgement. We could not get nearer the fresco than about 150 feet and it was also mostly in darkness. Desmond did pick out a figure at the base of the fresco, but I did not think that Saint Sebastian would be there, as it must have represented hell. The Saint would have been somewhere in the upper part, but we could not see enough to find him.

Near the cathedral we managed to hail a taxi to take us to the station. I bought our tickets and we went straight to the platform for the 17.34 train. We need not have rushed, as it was late, and we arrived in Bologna at 18.15.

We went to dinner at 20.00, to Ristorante al Montegrappa; on this occasion we were on the ground floor. Although it was not as comfortable as the basement, the staff were much more fun, especially the lady who looked after the till. She was really good company and was happy to chat to us when she was not too busy. Desmond had tortellini with cream, meat sauce and parmesan, I had veal escallops with mushrooms and mashed potatoes, then we shares cheese, fruit, water, an excellent bottle of wine and Vecchia Romagna brandy. What a delicious meal! Expensive? We did not think so; it was €63.50, about £42.00; where in London can one eat this kind of meal so cheaply? We have always known that London food is grossly overpriced and this proves it.

 

Martedì 2 Maggio 2006

Eravamo alla stazione per le 8.30 per prendere il treno delle 8.53 per Ferrara, siamo partiti con un po’ di ritardo e il viaggio è durato circa 30 minuti. Dalla stazione abbiamo camminato per circa 20 minuti per raggiungere la Pinacoteca Nazionale in Palazzo Diamanti.

Il Palazzo Diamanti prende il suo nome dall’emblema a forma di diamante dei Duchi d’Este che è raffigurato 12.600 volte sulla facciata; i Duchi d’Esta regnarono a Ferrara dal 1259 fino a 1598, quando Ferrara fu congiunta agli Stati del Vaticano. Nella Pinacoteca (non è permesso far fotografie) abbiamo visto un numero di immagini di San Sebastiano; è un’ottima galleria con molti bei dipinti, la maggior parte in ottime condizioni.

Abbiamo proseguito fino alla chiesa di San Carlo, ma era già chiusa, così abbiamo proseguito fino alla Cattedrale, ma siamo arrivati anche lì troppo tardi. Il custode mi ha informato che la cattedrale riapre alle 15.00. Abbiamo cercato altre chiese, ma non siamo riusciti a trovare qualcosa ancora aperto. Il Castello è una struttura veramente imponente e ci sono fontane nel fossato intorno al castello. Di solito crediamo che i fossati intorno ai castelli siano prosciugate e ciò che rimane è una grande specie di trincea, ma qui c’è ancora l’acqua così hanno valorizzato la sua bellezza. Purtroppo non abbiamo avuto il tempo per vedere l’interno del castello.

Dopo ci siamo fermati per la pausa pranzo; un assortimento di salumi, un’insalata, un buon vino bianco e un ottimo caffè. Abbiamo mangiato all’aria aperta e anche se c’era una brezza fresca e abbiamo dovuto tenere i nostri golfini: è stato molto piacevole.

Andando verso il Palazzo Schifanoia abbiamo trovato l’Upim che è una grande catena di negozi un po’ come il Marks and Spencer in Inghilterra. Io ho acquistato due camicie e Desmond quattro. Nel Palazzo Schifanoia l’unico San Sebastiano che abbiamo trovato era all’interno di un grande affresco. Non l’abbiamo nemmeno notato la prima volta che l’abbiamo visto e abbiamo dovuto chiedere dove si trovava. Per fortuna Desmond aveva un’illustrazione del San Sebastiano in bianco e nero; gli altri due dipinti che stavamo cercando non erano esposti e ci siamo dovuti accontentare di una fotografia a colori all’interno del libro guida.

Lì vicino c’era la chiesa di Santa Maria in Vado, dove abbiamo sperato di vedere due immagini di San Sebastiano, ma non siamo riusciti a trovarli nemmeno nella sacrestia. Allora abbiamo chiesto aiuto ad un giovane prete Africano che parlava l’inglese perfettamente, poiché era nato a Zimbabwe. Lui è andato a prendere i due dipinti che erano conservati in una stanza di sopra. Ma uno era dell’Angelo dell’Annunciazione e l’altro di Santa Maria. A questo punto è arrivato il parroco ad aiutarci, ci ha raccontato che nel 1994 sei dipinti erano stati rubati dalla sagrestia, e solamente due erano stati ricuperati. Lui sapeva dove si trovava uno di San Sebastiano che cercavamo e così ha portato Desmond in una stanza dove lo ha potuto fotografarlo. Il prete si è dato molto da fare per cercare informazioni sui dipinti rubati e ha chiesto a Desmond di scriverli per avere più informazione sui dipinti delle chiese di Ferrara. Avere qualcuno cui chiedere informazioni: è molto importante perché di solito quando scrivi a qualcuno ti rispondono. Se la lettera non è indirizzata al direttore, puoi stare tranquillo che non riceverai una risposta.

Abbiamo proseguito lentamente verso la Cattedrale, lì abbiamo constatato che il dipinto che cercavamo era in realtà parte di un affresco che si trovava nell’abside dietro l’altare e ritraeva il Giudizio Finale. Non era possibile avvicinarci all’altare ed era poco illuminato. Desmond era riuscito ad intravedere una figura alla base dell’affresco, ma io non credo che è San Sebastiano, poiché la parte bassa dell’affresco doveva rappresentare l’inferno e il Santo non poteva essere lì.

Usciti dalla Cattedrale, abbiamo preso un taxi per andare alla stazione. Ho preso i biglietti e siamo andati diritti al binario per prendere il treno delle 17.34. Non c’era bisogno di affrettarci tanto, poiché il treno era in ritardo, siamo arrivati alle 18.15.

Alle 20.00 siamo andati al ristorante Montegrappa e questa volta abbiamo mangiato al piano terra. Anche se non era così confortevole come al piano superiore lo staff era più divertente specialmente la signora alla cassa. Era una Signora simpatica che era felice di parlare con noi, quando non era troppo occupata. Desmond ha mangiato tortellini con la panna, una salsa di carne e il parmigiano, io ho mangiato scaloppine di vitello con funghi e purè di patate, dopo abbiamo diviso una porzione di formaggi e frutta. Un ottimo vino e un brandy Vecchia Romagna ha completato la cena. Che cena magnifica! Costoso? Non credo. € 63.50 (circa £42), a Londra non era possibile mangiare in modo così economico. Non abbiamo sempre saputo che Londra è troppo costosa e questo lo confermiamo!

 

Palazzo Diamanti, Ferrara.

Palazzo Diamanti, Ferrara.

 

 

 

 

Fresco in the National Gallery, in Palazzo Diamanti, Ferrara.

La Pinacoteca Nazionale, un affressco nel Palazzo Diamanti, Ferrara.

 

 

 

 

 

 

Picture in the National Gallery, in Palazzo Diamanti, Ferrara.

La Pinacoteca Nazionale, una pittura nel Palazzo Diamanti, Ferrara.

 

 

 

 

Picture by Domenico Panetti in the National Gallery, in Palazzo Diamanti, Ferrara.

La pittura di Domenico Panetti,  la Pinacoteca Nazionale, nel Palazzo Diamanti, Ferrara.

 

 

 

 

Picture by Franco Zaganelli in the National Gallery, in Palazzo Diamanti, Ferrara.

La pittura di Francesco Zaganelli, la Pinacoteca Nazionale, nel Palazzo Diamanti, Ferrara.

 

 

 

 

 

The Madonna and Child between Saints Sebastian, Giacomo Maggiore, and Antony Abbot, by The Maestro di Casa Pendaglio, in the National Gallery, in Palazzo Diamanti, Ferrara.

La Madonna e Il Bambino tra Santi Sebastiano, Giacomo Maggiore e Antonio Abate, del Maestro di Casa Pendaglio, la Pinacoteca Nazionale, nel Palazzo Diamanti, Ferrara.

 

 

 

Picture by Simone delle Spade., in the National Gallery, in Palazzo Diamanti, Ferrara.

La pittura di Simone delle Spade, la Pinacoteca Nazionale, nel Palazzo Diamanti, Ferrara.

 

 

 

 

 

 

Picture by Benvenuto Tissi (Il Garofano)., in the National Gallery, in Palazzo Diamanti, Ferrara.

La pittura di Benvenuto Tissi (Il Garofano), la Pinacoteca Nazionale, nel Palazzo Diamanti, Ferrara.

 

 

 

 

Picture by Vicinio da Ferrara, in the National Gallery, in Palazzo Diamanti, Ferrara.

La pittura di Vicinio da Ferrara, la Pinacoteca Nazionale, nel Palazzo Diamanti, Ferrara.

 

 

 

 

 

 

Picture by Giacomo Soncino (Sagramoro), in the National Gallery, in Palazzo Diamanti, Ferrara.

La pittura di Giacomo Soncino (Sagramoro), la Pinacoteca Nazionale, nel Palazzo Diamanti, Ferrara.

 

 

 

 

 

 

Saints Francesco, Melena, Constantine and Sebastian, by Bernardino Tossignano, in the National Gallery, in Palazzo Diamanti, Ferrara.

Santi Francesco, Elena, Costantino e Sebastiano, di Bernardino Tassignano, la Pinacoteca Nazionale, nel Palazzo Diamanti, Ferrara.

 

 

 

 

Picture by Dosso Dossi & Benvenuto Tissi (Il Garofano), in the National Gallery, in Palazzo Diamanti, Ferrara.

La pittura di Dosso Dossi e Benvenuto Tissi (Il Garofano), la Pinacoteca Nazionale, nel Palazzo Diamanti, Ferrara.

 

 

 

 

 

Castello Estense, Ferrara.

Il Castello Estense, Ferrara.

 

 

 

 

 

Fresco attributed to Francesco Cossa, April ‘The Humiliating Contest’, Salon of the Months, in Palazzo Schifanoia, Ferrara.

L’affresco attributo a Francesco Cossa, Il mese di Aprile ‘Le Gare Umilianti’, Salone dei Mesi, nel Palazzo Schifanoia, Ferrara

 

 

The Cathedral, Ferrara.

La Cattedrale, Ferrara

 

 

 

 


Wednesday 3 May 2006

We posted Desmond’s box of books to London and the lady in the Post Office was most helpful. I asked if we could send the box cheaper than Quick Post Europe, which takes three days, as time was not important in this case, there were only books in the box. That was the best thing to have said, because the sender and the recipient were the same and it was only books, there was a cheaper way to send them. They weighed 11 kg. and the cost was €23.03; they will surely take more than three days, but we are not waiting for them. (They arrived in London on Monday 8 May.)

Then, to the Accademia, to see if we could find a very large painting of Saint Sebastian, about 15’ by 12’ in size. The people there were most helpful, but could not identify it for us; also this place is not open to the public. They went to consult the director, who came, with an interpreter, to talk to us. These gentlemen were sure that the painting was not in the Accademia, and suggested that it was in the depository at the Pinocateca. We said that we had already been in there, and they replied that the public were not admitted into the depository. We said that the director, dott. Cammarota had taken us there and they were suitably impressed. They showed us a storeroom, which had been a Jesuit church and still contained two large paintings, but not a Saint Sebastian. We thanked them for their time and help; Desmond must now write to tell them that dott. Cammarota had indeed identified this picture, but did not have a photographic record of it.

We had lunch near the station, a pizza, wine, water and coffee; where the food was OK but, unusually for Italy, the service terrible. Probably the fault of the management, as there were simply not enough staff to serve the customers.

We bought bus tickets and confirmed that the bus to the cemetery was No 21, which was outside the ticket office. A quick dash back to the hotel, to change the battery in my camera, and then on to the bus. We found where to get off quite easily and had a walk round the very large cemetery.  We were looking for memorable examples of Italian funerary sculpture. Nothing to do with Sebastian this time.

We found the chapel and some very old parts with large family tombs, many with sculptures. It was a very interesting afternoon and we arrived back at the hotel at 17.00.

We went out again at 19.45, to return one more to Ristorante Al Montegrappa for the third time. We went downstairs tonight, there is more room there and the head waiter, Franco, speaks excellent English, having worked in England for some years during the 1960’s. Desmond again had tortellini, I had roast chicken and chips, we had a selection of cheeses with celery, fruit of the woods, including some memorable wild strawberries, served  with home-made ice cream, wine, water and a most excellent local brandy, Stravecchio Branca, which had the most beautiful aroma and taste. I hope that we will be able to find a bottle at the airport to take home. We shook hands with Franco, his colleague upstairs, Sandro, and received kisses from the lady on the till and bar. They were really lovely people and we would return again, if we were not going to London tomorrow.

 

Mercoledì 3 Maggio 2006.

Stamattina abbiamo spedito una scatola di libri di Desmond a Londra, la signora alla cassa è stata molto gentile e ci ha suggerito di non spedirla per posta prioritaria. Poiché non c’era fretta e il mittente e il destinarlo erano la stessa persona li abbiamo potuto spedire per soltanto €23.03. Sicuramente ci vorrà più tempo, ma non abbiamo fretta (sono arrivati al 8 Maggio).

Dopo siamo andati all’Accademia per vedere se potevamo trovare un dipinto di San Sebastiano, sapevamo che c’era un dipinto molto grande circa 5 metri x 4, ma non siamo riusciti a trovarlo. Così abbiamo chiesto aiuto ed è venuto il Direttore con un interprete. Lui sosteneva che il dipinto in questione si trovava nel deposito della Pinacoteca, ma abbiamo replicato che lì c’eravamo già stati  con il dott. Cammarota e non c’era. Allora il Direttore ci ha portato in una vecchia chiesa Gesuita che adesso è usata come ripostiglio. C’erano lì due grandi dipinti ma nessun San Sebastiano. Così abbiamo ringraziato il Direttore per la sua disponibilità, ora dovremmo scrivere al dott. Cammarota per identificare il dipinto che non siamo riusciti a trovare.

Abbiamo pranzato vicino alla stazione, una pizza e un bicchiere di vino, insolitamente il servizio era terribile. Probabilmente la colpa è della direzione poiché i camerieri erano  pochi. Ci siamo fermati brevemente in albergo perché dovevo cambiare la batteria della mia macchina fotografica e successivamente abbiamo preso il pullman numero 21 per andare al cimitero. Siamo andati lì per cercare delle sculture funebri, per i quali gli scultori italiani sono rinomati, questa volta non stavamo cercando San Sebastiano.

Abbiamo visitato una cappella con grandi tombe di famiglie alcune molto antiche e così abbiamo passato un pomeriggio molto interessante. Alle 17.00 eravamo di nuovo in albergo e alle 19.45 siamo andati al ristorante Al Montegrappa per la terza volta. In questa occasione ci siamo seduti al piano di sotto dove c’era Franco il capo cameriere che parlava benissimo l’inglese poiché aveva lavorato in Inghilterra per diverso tempo negli anni ’60.  Desmond ha mangiato di nuovo i tortellini e io ho preso il pollo arrosto con le patate, abbiamo gustato una varietà di formaggi con il

sedano, dei frutti di bosco con delle fragole  memorabili serviti con il gelato artigianale e il vino. Infine abbiamo assaggiato un eccellente brandy locale, che si chiama “Stravecchio Branca”: ha un aroma  gustoso e strepitoso. Spero di poter comprare una bottiglia al duty free all’aeroporto da portare a casa. Così abbiamo salutato tutti: Franco, Sandro e la signora del bar e della cassa. Sono delle persone squisite e se non fossimo dovuti tornare a Londra l’indomani, saremmo rivenuti molto volentieri.

 

Entrance to the cemetery

L’entrata del cimitero.

 

 

 

 

 

An avenue in the cemetery, Bologna

Un viale nel cimitero, Bologna

 

 

 

 

 

 

Restaurant ‘Incrocio Montegrappa’, Bologna.

Il ristorante ‘Incrocio Montegrappa’, Bologna.

 

 

 

 

 

 

A courtyard in the cemetery, Bologna.

Un cortile nel cimitero, Bologna.

 

 

 

 

 

 

A statue in the cemetery, Bologna.

Una statua nel cimitero, Bologna.

 

 

 

 

 

 


The Daily Telegraph.  Thursday, 13 July 2006.

Farinelli’s body disinterred to find secrets of castrati.

The bones of Farinelli, the castrato whose voice thrilled the courts of 18th century Europe, were dug up yesterday in an attempt by scientists to discover more about the man, and thousands of others castrated to help their singing.

Researchers including David Howard, of the University of York, and Nicholas Clapton, of the Royal Academy of Music, want to know what anatomical effects castration had on a legion of young boys who underwent the process in order to become opera stars.

“This is the only skeleton of them we have,” said Mr. Clapton. “We want to know if they were like the cartoons at the time depicted them, tall and gangly, or with women’s breasts and large buttocks, or like the grand gentleman in Farinelli’s official portraits.” Engravings of Farinelli together with a fellow castrato, Senesino, show the pair with tiny heads and stretched bodies towering over their fellow singers.

Castrati were wildly popular as the soprano leads in baroque opera from the 17th century to the end of the 18th century. Farinelli, born Carlo Broschi in 1705, was the most famous of them all. His voice was considered so magical that he was hired in 1737 to cure the depression of Philip V of Spain.

The researchers, who are being led and co-financed by Alberto Bruschi, a historian from Florence, said they would “obtain all the necessary information in order to reconstruct the biological profile of the famous singer”. They aim to use bio-molecular screening to gather data and to find out why he was so tall, an anomaly for the era. Carlo Vitale, of the Centre for Farinelli Studies, said the remains were in “a middling state of preservation”, but that “the scientists say there is something to work on”.

The team also want to find out from Farinelli’s vocal cords what it was that gave castrati such a vocal range. Mr Clapton said that removing the boys’ testicles kept their vocal cords small while the hormonal changes meant their bodies kept growing well into adulthood. “That gave them huge lung capacity but with a very sweet voice”.

Historians are still unable to explain why there was such an outbreak of church-sanctioned castration. Some have suggested that the Church barred female singers because of the eroticism of women’s voices, other believe that St. Paul’s command to “Let the women learn in silence” (1 Timothy 2:11) was invoked to keep them out of choirs.

The last surviving castrato, Alessandro Moreschi, lived long enough to make recordings in 1902 and 1904, but the dated records convey only a high-pitched squeal.

Farinelli was born in Puglia and lived to be 77. His remains were only recently discovered in the Certosa cemetery in Bologna, to where they were moved in 1810 after the destruction of his original resting place, the church of the Holy Cross at the Cappuchin monastery.

 

The Daily Telegraph.  Giovedì, 13 Luglio 2006.

Le spoglie di Farinelli esumate trovare i segreti dei castrati.

Le spoglie di Farinelli, il castrato, la cui voce allietò le corti d’Europa del 18° secolo, furono esumate ieri in un tentativo da parte degli scienziati di scoprire altre cose riguardo a lui e alle altre miglia di castrati per il bene del canto.

I ricercatori, tra cui David Howard dell’Università di York e Nicholas Clapton dell’Accademia Reale di Musica, vogliano sapere quale fossero gli effetti anatomici della castrazione che fu effettuata su un gran numero di giovani maschi, che furono sottoposti a questo processo per poter diventare cantanti d’opera.

“Questo è l’unico scheletro di loro tutti che abbiamo!” disse Mr. Clapton. “Noi vogliamo sapere se assomigliavano alle vignette che li ritraevano alti ed esili, o con seni di donna e chiappe grandi, oppure come il Gentiluomo nei ritratti ufficiali di Farinelli.” Un intaglio di Farinelli insieme con un altro castrato, Senesino, ritrae i due con teste molto piccole e con corpi cosi allungati che sembrano molto più alti degli altri cantanti.

I castrati erano molto popolari come primi soprani, nelle opere barocche a partire da 17° secolo fino alla fine del 18°. Farinelli, nato Carlo Broschi nel 1705, fu il più noto di tutti. La sua voce era considerata così magica da curare la depressione di Filippo V di Spagna.

I ricercatori che sono guidati e co-finanziati da Alberto Bruschi, uno storico di Firenze, disse che avrebbero “ raccolto tutte le informazioni necessarie per ricostruire un profilo biologico del famoso cantante”. Essi intendono usare screening bio-molecolare per accumulare i dati e per cercare di sapere perché lui era così alto, una cosa molto insolita per l’epoca in cui viveva.

Carlo Vitale, del Centro degli Studi su Farinelli, disse che le spoglie non erano in un ottimo stato di conservazione, ma è comunque possibile ricavarne delle informazioni.

Inoltre, l’equipe vuole studiare le corde vocali di Farinelli per spiegare la voce capace di variare tonalità. Il Signore Clapton spiegò che la castrazione impediva alle corde vocali di crescere, mentre i cambiamenti ormonali facevano sì che i loro corpi crescevano. “Ciò produceva una capacità polmonare magnifica e una voce dolcissima”.

Gli storici, tuttora non riescono a spiegare perché così tanti ragazzi sono stati castrati per volontà della chiesa. Alcuni ritengono che la chiesa bandì le cantanti a causa dell’erotismo nelle loro voci, altri credono che il comandamento di San Paolo in  1 Timoteo 2:11 “La donna impari in silenzio” fu citato per tenere le donne fuori dai cori.

L’ultimo castrato, Alessandro Moreschi, visse abbastanza a lungo da poter incidere la sua voce sia nel 1902 che nel 1904, ma la qualità è così scarsa che si sentono soltanto degli strilli acuti.

Farinelli nacque in Puglia e visse fino all’età di 77 anni. Le sue spoglie sono state ritrovate soltanto recentemente nel cimitero Certosa di Bologna. Erano state spostate lì nel 1810 dopo che la chiesa della Santa Croce, che faceva parte del monastero dei Cappuccini e che conteneva la sua tomba, fu distrutta.

 

Portrait of Farinelli by Jacopo Amigoni, circa 1750 – 52.

Ritratto di Farinelli di Jacopo Amiconi, circa 1750 – 1752.

 

 

 

 

 

 

Farinelli’s remains revealed at the cemetery in Bologna.

I resti di Farinelli scoperto nel cimitero di Bologna.

 

 

 

 

 

 


Thursday 4 May 2006

We had a leisurely start, taking the airport bus at 9.35 and arriving at 10.00, for our flight at 12.25. We were late taking off, but made up the time and arrived in London a little early. Desmond’s brother-in-law, Marc, met us and transported us home. I feel that this has been a very successful trip, and Bologna is a beautiful city, which I hope to return to sometime in the future.

 

Giovedì 4 Maggio 2006.

Alle 9.35 abbiamo preso il pullman per l’aeroporto e alle 10.00 eravamo già lì. Il nostro volo doveva partire alle 12.25, ma siamo partiti con un po’ di ritardo e durante il volo abbiamo recuperato il ritardo e così siamo  arrivati a Londra con anticipo. Ad aspettarci c’era Marc, il cognato di Desmond, è lui che ci ha accompagnati a casa. Credo che questo viaggio sia stato molto fruttuoso, poiché Bologna è una città veramente molto bella. Speriamo di tornarci nel futuro.

A memorial near the park, Bologna.

Un monumento vicino il parco, Bologna.

 

 

 

 

 

 


SAVING BABIES THE MEDIEVAL WAY

In May 2005 we visited the Ospedale degli Innocenti, the Foundling Hospital, in Florence. In September 2005 we found an article which said the foundling wheels were about to be reinstated in Italy, as a way of saving babies from being abandoned, often in rubbish bins. Another short article appeared in The Daily Telegraph on Monday the 26 February 2007, which I have reproduced below.

 

MODERN FOUNDLING WHEEL HAS ITS FIRST CUSTOMER.

By Nick Pisa In Rome.

A Rome hospital that reintroduced a modern version of the medieval founding wheel, also called a tambour, following a spate of abandoned babies, has had its first “deposit”.

The device allows women to leave their new-born children in hospital instead of abandoning them in telephone boxes or on doorsteps or, in an extreme case, killing them.

The original wheels were a cylindrical hatch set in the outside wall of a church. Mothers would place their babies in the hatch, close it and then ring a bell to warn the priest or nuns.

The system has been brought up to date with a heated soft bed complete with sensors and cameras to alert staff when a baby has been abandoned.

The wheel installed at the Policlinico Casilino last year, was used for the first time late on Saturday night, when a three-month-old boy was left there.

The 14lb boy was named Stefano after the doctor who first treated him.

Yesterday Dr. Piermichele Paolilo, the unit’s director, said “The only problem we have had is getting him to take milk from a bottle, so he was obviously breast feeding.

“For the time being Stefano will stay here in the neonatal unit – who knows his mother may decide to come and claim him – but if not he will then be put up for adoption.” Under Italian law, women are entitled to give birth anonymously in hospital and then walk away.

Modern versions of the baby wheel have also been introduced successfully in Germany, Austria and Swizerland.

 

IL METODO MEDIEVALE PER SALVARE I NEONATI.

Nel Maggio 2005 abbiamo visitato l’Ospedale degli Innocenti a Firenze. Nel Settembre 2005 abbiamo letto un articolo in cui racconta che una ruota è stata installata di nuovo in Italia, come un metodo per salvare i bambini abbandonati, spesso, nel bidone della spazzatura. Un altro articolo breve era sul giornale inglese “The Daily Telegraph” lunedì 26 Febbraio 2007, che ho riprodotto sotto.

 

IL RUOTO MODERNO HA IL SUO PRIMO CLIENTE.

Di Nick Pisa a Roma

L’ospedale a Roma che ha installato una nuova versione moderna della ruota medievale, o tamburo, dopo una moltitudine di bambini abbandonati, ha finalmente il suo “deposito”.

Il tamburo permette alle donne di lasciare i bambini appena nati nell’ospedale, invece di abbandonarli nella cabina telefonica o su un gradino davanti alla porta o, nel caso estremo, di ucciderli.

Originariamente le ruote erano un portello nel muro esterno della chiesa. Le madri mettevano i loro bambini nel portello, suonavano l’allarme e, così, avvertire il prete o le suore.

Il sistema moderno, è fatto con un letto morbido e caldo, completo di sensori e con fotocamere per poter  avvisare i dipendenti quando un bambino viene  abbandonato.

La ruota, installata al Policlinico Casilino nello scorso anno, fu usata per la prima volta sabato a tarda notte, quando un bambino di tre mesi fu lasciato là.

Il bambino, che pesa Kg. 6.5 è stato chiamato Stefano, lo stesso nome del dottore che lo ha curato per  primo.

Ieri dott. Piermichele Paolilo, il direttore dell’unità, ha detto “Il solo problema che abbiamo è persuadere il piccolo a prendere il latte da una bottiglia, poiché è evidente  che fosse, precedentemente, stato allattato al seno.

“Attualmente, Stefano starà qui, nell’unità per i neonati – forse sua madre deciderà di venirlo a pretendere – in caso contrario, sarà dato in adozione”. Per la Legge italiana, le donne hanno il diritto di partorire in ospedale, pur rimanendo nell’anonimato e, successivamente al parto, andare via.

La versione moderna della ruota per i bambini è stata introdotta, con successo, anche in Germania, in Austria e in  Svizzera.

The Loggia of the Ospedale degli Innocenti showing the original baby wheel.

La loggia dell’Ospedale degli Innocenti che mostra l’originale ruota.

 

 

 

 

 

 


CALABRIA

Wednesday 4 October 2006

We left the house at 2.00am and Desmond drove us to Stanstead for the 6.05am flight to Lamezia Terme. We left his car in the long term car park to await our return.  The cost of parking there was £37.80 which was cheaper than the cost of public transport to the airport – and quicker.

My eldest grandson, Roy, accompanied us on this trip, which was to attend the first communion of my grandson, Andrea, the youngest son of my daughter Tracy. The flight was late leaving; we were told that three people had checked in and not boarded, but a later announcement implied that someone had miscounted the number of passengers. My son-in-law, Mario, met us at Lamezia and drove us to Cosenza. I did notice that the airport was expanding and seemed a lot busier than last year. There were a number of tourist coaches in the car park and tour operators are now arranging inclusive tours to this part of Italy.

Calabria is a beautiful region of wild rugged scenery, high mountains and historic hill towns. It has always been a very poor part of Italy and I am pleased that tourism is now being promoted as it is likely to improve the economy and offer improved job prospects to local people.

Desmond and I stayed at the Royal Hotel in Cosenza, which is two or three minutes walk from my daughter’s apartment; I always stay in this hotel, where I am known and made welcome.

 

Mercoledì 4 Ottobre 2006.

Siamo partiti da casa alle 2.00 con la macchina di Desmond per andare all’aeroporto di Stanstead. Il nostro volo era alle 6.05 per Lamezia Terme e così abbiamo lasciato la macchina nel parcheggio dell’aeroporto. Il costo era di £37.80 che è meno di quanto avremmo speso per usare i mezzi pubblici e sicuramente anche più veloci.

Il mio primo nipote, Roy, ci ha accompagnati in questo viaggio che era per partecipare alla prima comunione di un altro mio nipote, Andrea, l’ultimo figlio di mia figlia Tracy. Il volo era in ritardo e ci è stato riferito che tre persone avevano effettuato il check-in ma non erano saliti a bordo dell’aereo. Successivamente hanno annunciato che avevano sbagliato a contare i passeggeri. Mio genero, Mario, era lì che ci aspettava e ci ha  portato a Cosenza. Ho notato che l’aeroporto è in espansione e sembrava che ci fosse più gente rispetto l’anno scorso. C’era un numero di pullman turistici nel parcheggio e ora i tour operator organizzano viaggi in questa parte d’Italia.

La Calabria è una regione bellissima di panorami selvaggi, di alte montagne e paesi montani antichi. È sempre stata una regione povera e sono contento che ora il turismo è in via di sviluppo. Ciò dovrebbe aiutare l’economia, offrendo prospettive di lavoro alla gente locale.

Desmond ed io abbiamo soggiornato all’Hotel Royal di Cosenza che si trova a pochi minuti da casa di mia figlia. Io vado sempre in quest’albergo dove mi conoscono e mi accolgono sempre con molto affetto.

The Castle, Cosenza.

Il castello, Cosenza.

© Roy Johnson 2001

 

 

 

Panorama of Cosenza.

Il panorama di Cosenza.

 

 

 

 

The church ‘La Catolica’ in Stilo, Calabria.

La chiesa ‘La Catolica’ a Stilo, Calabria.

 

 

 


Thursday 5 October 2006

This morning we went by car to visit a nearby town, Altomonte (it is about 45km from Cosenza) which I have been to before but Desmond had not seen it. I first came here more than 20 years ago with Tracy, who taught a ballet class there twice a week. We were accompanied on this trip by Andrea, who had been allowed to take the day off school.

Altomonte is a picturesque little town with many medieval buildings. In the Medieval quarter any old derelict buildings are bought by the town council.  They restore them, modernise the interiors, and then they are rented to local young married couples, especially those with young children. This is to keep the young people in the town and keep it alive.

We visited the church of Santa Maria Della Consolazione which is an example of Gothic-Angevin art unique in Calabria; it was built in 1343 – 1345 by the count of Altomonte, Filippo Sangineto. The bell tower was built in the 11th century. The interior is quite plain with only a small fragment of fresco, the tomb of the founder above the main alter and the coffin of an unknown or unidentified saint on the left hand wall. Adjoining the church is the Dominican monastery, which is now the civic museum. Many of the painting are from the church and others are from the monastery.

We had lunch at a local cafe; we settled for the tourist menu which was €10 each. We had fresh, home made pasta in a tomato sauce and parmesan; which was absolutely delicious; a beef stew, the sweet was a cake, and the usual, wine, water and coffee. A very satisfying, tasty meal and good value.

The late afternoon and evening were spent just relaxing.

 

Giovedì 5 Ottobre 2006

Stamattina siamo andati a visitare il paese di Altomonte (dista circa 45km da Cosenza) dove io sono già stato, ma Desmond no. La prima volta che sono stato in questo bel paese è stata  più di 20  anni fa quando andai con mia figlia Tracy che  ci lavorava  come insegnate di danza. Anche Andrea ci ha accompagnati, avendo dietro il permesso dei genitori, avuto una giornata libera di scuola.

Altomonte è un piccolo paese molto pittoresco con molti edifici medioevali, quasi tutti acquistati dal comune.  Sono stati restaurati e gli interni dei palazzi sono stati modernizzati, in seguito, sono stati affittati a giovani coppie locali o a famiglie con figli. Questo serve a tenere vivo il centro storico.

Abbiamo visitato la chiesa di Santa Maria della Consolazione che, è un esempio di arte Gotica tipica della Calabria, e fu costruita tra il 1343 e il 1345 dal Conte di Altomonte  Filippo Sangineto. La torre campanile fu costruita nel XI secolo. L’interno della chiesa è abbastanza sobrio con solo piccoli frammenti di affreschi, la tomba del fondatore è sopra l’altare principale e la tomba di uno sconosciuto è sulla parete sinistra. Adiacente alla chiesa c’è il monastero Domenicano che ora è il museo civico. Molti dei dipinti esposti provengono dalla chiesa e altri provengono dal monastero.

Ci siamo fermati in una trattoria locale e abbiamo ordinato il menu turistico che costava 10 euro a persona: pasta fresca al sugo, che era deliziosa, uno spezzatino di manzo, un dolce, caffè vino e acqua. Un pranzo eccellente e gustoso.

Il pomeriggio e la sera sono stati dedicati al relax!

 

The church of Santa Maria della Consolazione, Altomonte, by Mario Scarlato.

La chiesa di Santa Maria della Consolazione, Altomonte, di Mario Scarlato.

 

 

 

 

 

 

A street in Altomonte.

Una strada all’Altomonte.

 

 

 

 

 

 


Friday 6 October 2006

This morning we were to have met with a friend of Mario’s, who is an architect and works for the local council. He was responsible for the restoration of the old prison, Palazzo Arnone, which is now the art gallery of Cosenza and also houses some council offices. Unfortunately he had been called away to a meeting in Paola and was not able to see us. We had a stroll around the town and generally had a quiet day; tomorrow we will be quite busy.

The cathedral, in Cosenza old town, is well worth a visit. It has the tomb of Queen Isabella of Aragon, the wife of King Philip III of France. She died here in 1271 after falling from her horse, whilst returning to France from Sicily. Further up the hill is the main square with the opera house, on one side, the seat of the provincial government opposite, the park on the left and a small museum on the right. Cosenza is the capital of the province of Cosenza and part of the region of Calabria. The opera house was restored a few years ago and is a jewel in crimson and gold. The town is dominated by the Swabian castle; now mostly a ruin; the foundations are said to be Roman but it has been rebuilt a number of times and the present structure dates mainly from the 13th century. When I first visited the castle, it was possible to walk on the battlements, but now they are closed and there is only a small part open to the public. This will be a ruling by their Health and Safety Executive, who see danger everywhere, and are afraid that if anyone gets hurt these greedy, thoughtless and careless people will sue the town council. It has been happening more frequently over the last few years, in England as well as Italy.  Let’s kill all the lawyers and the parasitic bureaucrats NOW and rejoice.

In the afternoon we visited Mario’s sister, Liliana, who was very pleased to see us and to receive the latest account of our Search for Saint Sebastian in 2005. She was particularly pleased to have a copy to keep and said that she would be reading it later in the evening. She is one of my favourite relatives, always good humoured and welcoming. I took the opportunity to thank her for sending me a prayer card which has a photograph of her mother, Francesca, who, unfortunately, died in May this year.

 

Venerdì 6 Ottobre 2006

Questa mattina dovevamo incontrare un amico di Mario, che è un architetto e lavora per il comune. Lui è il responsabile per il restauro del vecchio carcere, Palazzo Arnone, che ora è la galleria d’arte di Cosenza oltre ad essere luogo degli uffici del comune. Sfortunatamente è dovuto andare a Paola per una riunione e non è stato possibile incontrarlo. Così abbiamo passeggiato per il centro storico e abbiamo passato una giornata calma, domani, invece, sarà una giornata piena.

Il Duomo, che si trova nel centro storico, è degno di una visita. Al suo interno si trova la tomba della Regina Isabella d’Aragona, moglie del Re Filippo III di Francia. Lei morì a Cosenza nel 1271, in seguito ad una caduta dal suo cavallo, mentre tornava in Francia dalla Sicilia. In Piazza Prefettura si trova il teatro Rendano, la Villa Vecchia, la sede del Governo Provinciale oltre ad un piccolo museo. Cosenza è il capoluogo provinciale e parte della regione Calabria. Il teatro Rendano fu restaurato qualche anno fa ed ora è un gioiello di teatro, arredato in oro zecchino e velluto rosso. Il centro storico è dominato dal Castello Svevo; ora quasi tutto in rovina; si crede che le fondamenta siano romane, ma è stato ricostruito varie volte e la struttura che rimane oggi è del 13° secolo. Quando ho visitato il castello la prima volta era possibile camminare lungo le terrazze, ma ora sono chiuse al pubblico. Questo è sicuramente opera degli addetti alla pubblica sicurezza che vedono pericolo dappertutto e temono cause per risarcimento se qualcuno si fa male. Questo è un fenomeno in aumento sia in Inghilterra che in Italia: eliminiamo tutti gli avvocati e i burocrati.

Nel pomeriggio abbiamo fatto visita alla sorella di Mario, Liliana, che era molto contenta di vederci e di ricevere il nostro ultimo racconto della ricerca di San Sebastiano. Lei è una dei parenti di Mario che amo di più, è sempre di buon umore e accogliente. Ho colto l’occasione di ringraziarla per l’immagine che mi aveva mandato di sua madre, Francesca, che tristemente è deceduta nel maggio di quest’anno.

 

The church if San Domenico, Cosenza © Roy Johnson 2001.

 

La chiesa di San Domenico, Cosenza © Roy Johnson 2001.

 

 

 

 

 

River Crati, Cosenza © Roy Johnson 2001.

Il fiume Crati, Cosenza © Roy Johnson 2001.

 

 

 

The cathedral, Cosenza.

La cattedrale, Cosenza.

 

 

 

 

 

 

Piazza XV Marzo, Cosenza.

La Piazza XV Marzo, Cosenza.

 

 

 


Saturday 7 October 2006

Today we were booked to go to the town of Reggio Calabria, the provincial capital of Reggio Calabria and, until 1970, also the regional capital. It was damaged many times by earthquakes, the most recent in 1908 when it was extensively devastated. During the Second World War it was heavily bombed by the allied forces; consequently, most of the town is a modern construction.

This morning we took the train at 8.50am to Paola where we were to connect with a train to Reggio Calabria. Desmond and I were accompanied by two of my grandsons, Roy and Francesco. Our train from Paola was scheduled for 9.36am but Francesco heard the announcement that it was delayed by 90 minutes; it was the overnight train from Turin to Reggio. I checked the departures and found that there was another train at 9.47am, that was only about 15 minutes late and I do not know where it started from. We arrived in Reggio at about 12.30am, which was the time we had expected to arrive. We decided to have lunch before visiting the museum. We had a quiet stroll along the immensely long promenade, which has a lovely view of Sicily just across the Straits of Messina. I was looking for a restaurant, where I had eaten twice previously, but I could not find it and so we stopped for a pizza instead. I should have proceeded a little further and I would have found the original restaurant.

According to the web site the museum was closed from 13.30 until 15.30, but we went to check anyway; of course it was open, the information on the internet was incorrect. I have always referred to this museum as the Archaeological Museum, but I have since found that it is the National Museum of Magna Grecia, the Museum of Greater Greece. There were a number of Greek colonies in Calabria and some of the finds from these sites are housed in this museum. Desmond and I were given complimentary tickets; being pensioners does have some advantages; but Roy and Francesco had to pay. As usual, about half of the museum was closed; shortage of staff perhaps; but we had come specially to see the Riace Bronzes. These are two original Greek bronze warriors, which were found on the seabed, just off the coast, near the town of Riace, in August 1972. Very

few Greek bronzes have survived; most would have been melted down and the metal reused for weapons in antiquity. It is assumed that these were being brought to Italy from Greece when the boat sank, perhaps in a storm. Visitors are not allowed to take photographs, although that did not seem to stop some people. I already have some which I took on my first visit.

On our way back to the railway station, I decided that we would have a quick look at the cathedral, Santa Maria Assunta in Cielo, which I had not previously visited. It has been rebuilt many times; most recently, after the 1908 earthquake and in 1943, when it was badly damaged by a fire. We arrived just as a mass was starting; so we only stayed for a few minutes. This was long enough for Desmond to spot a modern stained glass window depicting Saint Sebastian. Unfortunately the bottom half of the window was open so we only had the image from the waist up. This was a new discovery; there are no images of the saint listed for Reggio Calabria. We always try and visit any church which we find; you never know if they have a Saint Sebastian unless you look and the internet and guide books always seem to miss out the most interesting items and are not all that reliable.

We arrived at the railway station with plenty of time to spare before our train, which was scheduled to leave at 18.05; we arrived back in Cosenza at about 20.30.

 

Sabato 7 Ottobre 2006.

Oggi siamo andati a Reggio Calabria, il capoluogo di provincia che fino al 1970 è stato il capoluogo regionale. La città di Reggio fu danneggiata molte volte nel passato dai terremoti, il più recente si è verificato nel 1908, quando fu quasi totalmente distrutta. Durante la II Guerra Mondiale fu pesantemente bombardata dalle forze alleate. Oggi la città risulta essere abbastanza moderna.

Abbiamo preso il treno per Paola alle 8.05 per poi prendere il successivo per Reggio Calabria. Ci hanno accompagnati due miei nipoti, Roy e Francesco. Il treno per Reggio Calabria doveva partire alle 9.36, ma Francesco aveva sentito un annuncio che diceva che il treno sarebbe partito con 90 minuti di ritardo: era il treno Torino – Reggio. Ho controllato le partenze e c’era un altro treno per Reggio che partiva alle 9.47 ed era in ritardo di solo 15 minuti e così abbiamo preso quest’ultimo. Siamo arrivati a Reggio alle 12.30, l’ora in cui dovevamo arrivare. Abbiamo deciso di pranzare prima di visitare il museo, così abbiamo passeggiato sul lungo mare dove si vede la Sicilia attraverso lo Stretto di Messina. Stavo cercando un ristorante dove avevo già mangiato, ma non sono riuscito a trovarlo così ci siamo accontentati di una pizza.  Successivamente, ho trovato il ristorante che cercavo.

Secondo il sito internet il museo era chiuso dalle 13.30 fino 15.30, ma siamo andati lo stesso e lo abbiamo trovato aperto, evidentemente l’informazione  era  errata. Io ho sempre pensato che questo museo si chiamasse museo archeologico, ma ho scoperto che si chiama Il Museo Nazionale della Magna Grecia. Nella Calabria antica, ci furono numerose colonie greche e alcuni reperti del museo provengono da queste colonie. Io e Desmond abbiamo avuto dei biglietti complementari: essere pensionati ha i suoi vantaggi! Ma Roy e Francesco hanno dovuto pagare. Come alla solita metà del museo era chiusa, forse per mancanza di personale. Noi siamo andati specificatamente per vedere i Bronzi di Riace: due guerrieri greci in bronzo che sono stati ritrovati sotto la sabbia nel mare vicino alla costa del paese di Riace nell’agosto del 1972. Solo pochi bronzi sono pervenuti ai giorni  nostri,  la maggior parte sono stati fusi  per riutilizzare il bronzo per costruire armi. Si presuppone che i bronzi furono in viaggio dalla Grecia quando la nave affondò, forse a causa di una tempesta. Non è permesso fotografare i bronzi, ma questo non sembra fermare la gente, fortunatamente ho già delle foto che ero scattato durate la mia prima visita.

Lungo il tragitto per arrivare alla stazione decisi di dare un’occhiata alla Cattedrale Santa Maria Assunta in Cielo che non avevo  mai  visitato. È stata ricostruita varie volte, più recentemente nel 1908 dopo il terremoto e nel 1943 quando fu danneggiata  da un incendio. Siamo arrivati in chiesa quando stava iniziando la messa e  così siamo rimasti solo pochi minuti. Ma è bastato poco tempo perché Desmond trovasse una vetrata moderna che traesse San Sebastiano. Sfortunatamente il lato inferiore della vetrata era aperto così si vedeva solo l’immagine a metà. Fu una bella scoperta perché quest’immagine non è riportata sugli elenchi. Noi cerchiamo sempre di visitare qualsiasi chiesa che troviamo, non si sa mai quello che può trovare. Spesso abbiamo trovati immagini di San Sebastiano che non sono elencati a nessuna parte, internet e le guide turistiche non sono molto affidabili.

Siamo arrivati alla stazione in anticipo, il treno è partito alle 18.05 ed è arrivato a Cosenza alle 20.30.

 

The bronze statues found near Riace, National Museum of Magna Grecia, Reggio Calabria.

Le due statue di bronzo travate a Riace, Il Museo Nazionale di Magna Grecia, Reggio di Calabria.

 

 

 

 

 

 

Bronze bust of a philosopher, National Museum of Magna Grecia, Reggio Calabria.

Busto di bronzo di un filosofo, Il Museo Nazionale di Magna Grecia, Reggio di Calabria.

 

 

 

Andrea took this photo of Francesco and Roy with his new camera.

Andrea ha scattato questa foto di Francesco e Roy con la sua nuova macina di fotografica.

 

 

 

 

A poster advertising Reggio Calabria.

Un cartellone pubblicitario di Reggio di Calabria.

 

 

 

 

The Cathedral, Reggio Calabria.

La Cattedrale, Reggio di Calabria

 

 

 

 

Stained glass window in the Cathedral, Reggio Calabria.

La finestra di vetro colorato nella Cattedrale, Reggio di Calabria.

 

 

 

 

 

 

The view of Sicily from Reggio Calabria.

La vista di Sicilia da, Reggio di Calabria.

 

 

 


Sunday 8 October 2006

We went to Tracy’s local church reasonably early, as we knew that it would be quite crowded for the mass, for Andrea’s first communion. There were about 25 children in his group and the service lasted about 2 hours. We walked back to Tracy’s apartment where we were to have a meal outside in their well appointed courtyard. Tracy had been very busy for days, cooking for this occasion, and she provided an excellent and varied meal for about 70 people. Tracy’s English friends, Jenny and Lisa, were there with their families and husbands, as well as Mario’s family and lots of Italian friends. Jenny brought her youngest son, James William, who is now nearly 2 years old, whom I met for the first time last year. He was not as shy this year and he is a delightful and inquisitive child; Francesco was one of the older boys to take him by the hand for a walk. When they were leaving, I asked him for a kiss, which he gave without any hesitation.

Andrea was very pleased with all his presents; a digital camera from Desmond, which he very quickly discovered how to use without consulting the instruction manual. He received two watches, a bracelet, a jacket, a jumper, a set of mess tins from the scouts (for when he goes camping), over €1,000 in cash, which he will put into his savings account, and I gave him a Parker pen and biro set. He had a special cake and was allowed a little sparkling wine. His scout master told him, that he would have to be the official scout photographer, now that he had his own camera.

The weather had been very kind and it was not too hot; we were only too happy that it had not rained.

 

Domenica 8 Ottobre 2006.

Siamo andati in chiesa presto questa mattina sapendo che ci sarebbe stata molta gente alla messa per le prime comunioni.  C’erano 25 bambini nel gruppo di Andrea e la messa è durata circa due ore. Dopo il servizio in chiesa siamo andati a casa di Tracy per il rinfresco che è stato allestito nel cortile di casa. Tracy è stata occupata per diversi giorni a cucinare un eccellente rinfresco per circa 70 persone. C’erano le amiche inglesi di Tracy, Jenny e Lisa con le rispettive famiglie oltre alla famiglia di Mario e molti amici. C’era l’ultimo figlio di Jenny, James William, che ora ha quasi 2 anni e che avevo visto per la prima volta l’anno scorso. Non è più così timido, ora è un bambino delizioso e curioso; Francesco lo ha portato a passeggio. Quando siamo andati via gli ho chiesto un bacio e lui me lo ha dato senza esitazione.

Andrea è rimasto molto contento dei tanti regali ricevuti; una macchina fotografica digitale da Desmond che ha usato subito senza consultare il libretto d’istruzione. Ha ricevuto due orologi, un bracciale, una giacca, una maglia, un set di piatti ricevuto dal capo degli scout (utili per quando va in campeggio), più di 1000 euro, che depositerà nel suo acconto alla posta. Io gli ho regalato un set di penne Parker. C’era una torta speciale e lui ha bevuto un sorso di spumante. Il capo scout lo ha nominato fotografo officiale visto che ora possiede una macchina fotografica.

La giornata è stata bellissima, non troppo calda, siamo stati tutti contenti che non è piovuto.

 

Andrea dressed for his first communion.

Andrea porta il suo abito eucaristico.

 

 

 

 

 

My grand-son Alessandro joined the Italian army in 2006, here with Tracy, Francesco and Andrea.

Mio nipote Alessandro è entrato nell’esercito italiano nel 2006, foto con Tracy, Francesco ed Andrea.

 

 

 

 

 

 

Andrea took this photo of James William Sisca with his new camera.

Andrea ha presso questa foto di James William Sisca con la sua nuova macina di fotografia.

 

 

 

 

 

 

When Andrea visited London in December 2006, this is the burger he was given.

Quando Andrea ha visitato Londra nel Dicembre 2006, questa è l’hamburgher che ha mangiato.

 

 

 

 

 


Monday 9 October 2006

We returned to London after a quiet and uneventful flight. We had left the car in the long stay car park at Stanstead and Desmond had paid for it in advance. We were thinking of having lunch at a motorway service station but we found that there were none on the road we were using.

When we arrived home we simply crossed the road to The Green Restaurant in East Dulwich Road and there, as usual, we had an excellent meal.

I think that our short trip to Cosenza had been a success, it had given pleasure to the family and friends there; not least to Andrea who had specially invited us; and the narrative account of our search for Saint Sebastian in 2005 was very well received.

 

Lunedì 9 Ottobre 2006.

Siamo tornati a Londra dopo un volo tranquillo. La macchina era lì a Stanstead e così avevamo pensato di fermarci ad un autogrill per mangiare, ma non ne abbiamo trovato uno.

Quando siamo arrivati a casa abbiamo attraversato la strada fino al Green Restaurant e lì, come al solito abbiamo gustato un ottimo pranzo.

Il nostro viaggio a Cosenza è stato un successo, tutti sono rimasti contenti di vederci soprattutto Andrea che ci aveva invitato personalmente. Il nostro racconto della ricerca di San Sebastiano del 2005 è stato molto apprezzato da tutti.

A typical view in Calabria.

Una vista tipica in Calabria.

 

 

 

 


 

ROME – Italian translation by Roy Johnson

Tuesday 17 October 2006

We visited Rome to continue our search for images of St. Sebastian. Although the flight was late leaving, we made up the time on the journey. The trains from the airport to the main station, Termini, are quite frequent and we found an exit to take us into a street near our hotel. Our maps were most inadequate; I should have kept a more detailed one to hand; but eventually we found The Hotel Bled, at Via Santa Croce in Geruselemme 40; it seems a pleasant enough place and it is quite central.

On the other side of the road are the impressive remains of the Aqueduct of Nero which run into the extensive grounds of the Villa Wolkonsky, once the German Embassy.  It was seized by the British after the Second World War and is now the British Embassy.  Behind high walls a beautiful heavily wooded garden can be seen with cypresses, orange and olive trees.  The grounds contain Roman sculptures and inscriptions and, this now being a British garden, an extensive stock of roses.

We had dinner at a nearby restaurant, Santa Croce, which was obviously used by local residents and that is always a good sign. Then we had an early night; it had been a long tiring day.

My cousin, Eileen, who lives in Rochdale, met her friends John and Danny after they had finished work. Eileen said to John “Roy has gone to Rome again”, John replied, “Is he still looking for St. Sebastian?”, “Yes” said Eileen; Danny, who had not really been listening, said “Why? Does he owe him money?”

My daughter, Lisa, went to Milan recently, with her husband, William and her daughter Nicola, aged 5.  In the Sforza Castle Lisa showed her the pictures of St. Sebastian and explained who he was and what was happening. Two days later, in the Brera Gallery, Nicola was with her Great Aunt Clara ahead of Lisa and William, Nicola pointed to a painting and told Clara that it was a St. Sebastian. Clara did not agree, but Nicola insisted “Look at him he is full of arrows; he must be St. Sebastian”; Lisa caught up with them and confirmed that it was indeed a St. Sebastian. We are training the family whilst they are still young.  In a good cause no scout is too young to recruit.

 

ROMA – La traduzione in Italiano di Roy Johnson.

Martedì 17 Ottobre 2006

Abbiamo visitato Roma per continuare la nostra ricerca sulle immagini di San Sebastiano. Benché il volo sia partito in ritardo da Londra, siamo arrivati in orario a Roma. I treni dall’aeroporto alla stazione principale a Roma, Termini, sono abbastanza frequenti e abbiamo trovato l’uscita della strada vicino all’hotel. La nostra carta della città non era buona, avrei dovuto tenerne una più dettagliata nella mia borsa ma, comunque abbiamo trovato l’hotel ‘Bled’, Via Santa Croce in Gerusalemme 40; ed è apparso piacevole ed è abbastanza centrale.

Dall’altro lato della strada ci sono le rovine dell’acquedotto di Nerone che sono grandissime. L’acquedotto va nel grande giardino della Villa Wolkonsky, che prima della Seconda Guerra Mondiale era l’ambasciata tedesca. Dopo la guerra, è stata occupata dall’esercito britannico e, adesso, è l’ambasciata britannica. È possibile vedere il grande giardino con gli alberi di cipressi, arancie e olive, e ci sono anche sculture e iscrizioni romane e perché questo è un giardino inglese, anche molte rose.

Abbiamo pranzato al ristorante Santa Croce, che era vicino, e che era ovviamente usato dai residenti e questo è un buon segno. Siamo andati a letto abbastanza presto, è stata una giornata lunga e faticosa.

Mia cugina, Eileen, che abita a Rochdale (vicino a Manchester), ha incontrato i suoi amici John e Danny. Eileen ha detto a John “Roy è andato ancora a Roma, John ha risposto “Cerca ancora San Sebastiano?”. “Si” lei ha detto; Danny che non aveva ascoltato con attenzione ha detto “Perché Roy gli deve soldi?”.

Mia figlia, Lisa, è andata a Milano, con suo marito e sua figlia Nicola, che ha cinque anni. Nel Castello Sforza Lisa le ha mostrato le pitture di San Sebastiano e le ha spiegato la storia. Dopo due giorni, nella galleria di Brera, Nicola era di fronte a Lisa con sua prozia Clara; Nicola ha detto che in una pittura c’era San Sebastiano. Clara non ha corrisposto, ma Nicola ha insistito “Guarda, lui è pieno di frecce; deve essere San Sebastiano”; Lisa è arrivata e ha confermato che era veramente San Sebastiano. Noi istruiamo la famiglia, sin da quando è giovane.

 

The Bernini Colonnade.

Il Colonnato di Bernini.

 

 

 

Desmond in the courtyard of the Baths of Diocletian.

Desmond nel cortile, Museo Nazionale di Roma, nei Bagni di Diocleziano.

 

 

 

 


Wednesday 18 October 2006

We walked to Termini station, which proved to be much further away than I had thought, where we bought our 7 day tickets for Rome transport, which gave us unlimited access to bus, metro, tram and urban railway journeys.

We were passing Palazzo Massimo Alle Terme, National Roman Museum, where our free ticket gave us access to 4 different sites, and it is valid for 3 days. This building contains a fine collection of classical sculpture, beautiful ancient Roman wall paintings, stucco and mosaics. We were particularly interested in the sarcophagus designs of wavy lines which we have seen many times before. Here we found that they are likened to strigils, used in Roman baths to scrape off the sand and sweat after bathing.  Desmond suggested that it could represent the shedding of life’s burdens before going to a new life in paradise. Another suggestion was that they were the waves of the sea or perhaps the River Styx; in ancient times one was ferried over the river to a new life after death.  Clearly a carryover from pagan iconography which continued to be used on Christian tombs long after paganism had been superseded by Christianity.

The portrait busts are very lifelike and represent many of the Emperors and other important people. There was a very fine bass relief of Antinous; the companion and protégé of the Emperor Hadrian, who drowned in the Nile. Hadrian then declared him to be a God and his cult prospered for many years. The cult of Antinous was extremely problematic for the early church, because not only did it offer life after death, it also offered resurrection through the worship of the spirit of an idealised young man. An argument might be made for suggesting that Sebastian appeared on the scene, and his cult was promoted by the Church, at precisely the same time (288A.D.) that problems with the Antinous cult were at their peak. A Christian hero to replace a pagan god? Unlike Antinous, Sebastian defied the Emperor and died as a Christian martyr.  He was not a god, but the next best thing; he became a Saint.

The cult of Antinous finally ended when Christianity became the official state religion; there were too many similarities between the cults for the comfort of the early Christians, who were as intolerant of other religions as the Taliban.

The museum also has a very lovely discus thrower; which has the head turned in the correct direction, unlike the one in the British Museum, where the head is completely incorrect.

We had lunch at the restaurant “The Baths of Diocletian”, where we ate one evening last year. The intention was to have a modest repast of pasta with a glass of wine. We actually finished up with risotto for Desmond, pasta for me, then artichokes, a whole of bottle of Frascati, water and coffee, plus a complimentary glass of grappa. We hope to go again one evening; the people there are very hospitable and friendly.

The Baths of Diocletian themselves, now house the church of Santa Maria degli Angeli in the great central hall; as well as more of the Roman collection. Most of it seems to be in the newer parts and the baths were not much in evidence. There is a Great Cloister from 1565; it is traditionally attributed to Michelangelo, although he actually died the previous year. The enclosed garden in the centre is very peaceful and has many weathered stone fragments on display.

Dinner was at Target Restaurant, Via Torino 33, an old favourite where we always feel welcome. Because Desmond would not accept the badly positioned table we were offered, and was prepared to leave, the head waiter remarked that we should have booked; but, when I explained that we only arrived yesterday, he quickly found us a better table.  It pays to persist and stick to your guns.

 

Mercoledì 18 Ottobre 2006

Abbiamo camminato alla stazione Termini; che era più lontano di quanto pensassi; e dove abbiamo comprato i biglietti per sette giorni per tutti i trasporti di Roma, inclusi l’autobus, il metro, il tram e la ferrovia urbana.

Abbiamo passato il Palazzo Massimo Alle Terme, che è Il Museo Nazionale di Roma, dove i nostri biglietti gratuiti ci permisero l’ingresso a quattro siti diversi, e erano validi per tre giorni. Questo edificio ha una buona collezione di sculture classiche, bei dipinti murali, stucchi e mosaici. Eravamo interessati a un sarcofago con un disegno della linea ondulata, che vedevamo molte volte prima. Abbiamo creduto che fossero paragonate a striglie, che venissero usate dopo il bagno dai Romani per togliere la sabbia e il sudore. Desmond ha suggerito che poteva simboleggiare perdere il peso della vita prima di arrivare a una nuova vita in paradisio. Un altro suggerimento era che c’erano le onde del mare o, forse, il fiume Stige; in tempi antichi, dopo la morte, andavano con la nave attraverso il fiume, verso la nuova vita. Certamente una rimanenza dall’iconografia pagana, usata nelle tombe cristiane dopo che la religione cristiana aveva soppiantato il paganesimo.

I busti sono molto realistici e rappresentano molti imperatori e altre persone di importanza. C’era un basso rilievo di Antinous; l’amico e pupilo dell’imperatore Adriano; chi annegò nel fiume Nilo. Adriano poi dichiarò che lui era un dio e il suo culto prosperò per molti anni. Per la chiesa paleocristiana il culto di Antinous era molto problematico, perché non solo aveva promesso la vita dopo la morte, ma anche aveva offerto la risurrezione attraverso l’adorazione dello spirito di un uomo ideale. È possibile dire che San Sebastiano è arrivato nella scena, e il suo culto diffuso dalla chiesa, ad esattamente lo stesso tempo (288 d.C.) in cui i problemi con il culto di Antinous erano più diffusi. Un eroe cristiano che prende il posto di un dio pagano? Sebastiano non era un Dio, ma la cosa migliore, è che è diventato come un santo. Il culto di Antinous finì, quando il cristianesimo diventò la religione ufficiale dello stato, c’erano troppe analogie tra i culti per il sollievo dei paleocristiani, che intollerevano altre religioni come i talebani.

Il museo ha anche un bel discobolo, che ha la testa nella direzione giusta, quello del museo Britannico ha la testa completamente inesatta.

Abbiamo pranzato al ristorante “I bagni di Diocleziano”, dove abbiamo mangiato una sera l’anno scorso. L’intenzione era di fare un pasto leggero; un piatto di qualcosa con un bicchiere di vino. Invece Desmond ha preso il risotto, ed io pasta, poi carciofi, una bottiglia di frascati, acqua e caffè, ed anche un bicchiere di grappa offerto dalla casa. Speriamo di ritornare ancora un’altra sera, i dipendenti sono molto ospitali e amichevoli.

Adesso una parte dei bagni di Diocleziano, la grande sala centrale, è la chiesa di Santa Maria degli Angeli; e altre parti hanno il resto della collezione romana. La collezione appare essere nella parte nuova e i bagni non erano evidenti. C’è on chiostro grande del 1565; tradizionalmente attribuito a Michelangelo, benché lui fosse morto l’anno prima. Il giardino nel centro è molto tranquillo e mostra molti frammenti di pietra alterata dagli agenti atmosferici.

La cena era al ristorante “Target”, Via Torino 33, un vecchio favorito dove ci siamo sentiti sempre benvenuti. Perché Desmond non voleva accettate un tavolo nella posizione sbagliata, volevamo andare via, il capocameriere ha detto che avremmo dovuto prenotare; ma gli ho detto che eravamo arrivati solo ieri a Roma, così ci ha trovato un tavolo migliore. È importante ostinarsi e perseverare fino alla fine.

Marble Sarcophagus, National Roman Museum, in the Baths of Diocletian.

Il Sarcofago di marmo, Museo Nazionale di Roma, nei Bagni di Diocleziano.

 

 

Bronze statue of a Hellenistic Prince, from the Baths of Constantine on the Quirinale, National Roman Museum, in Palazzo Massimo alle Terme.

La statua di bronzo di un Principe Ellenistico, dal Bagno di Costantino al Quirinale, Il Museo Nazionale di Roma, nel Palazzo Massimo alle Terme.

 

 

 

 

 

A Mosaic which shows a definite Egyptian influence, National Roman Museum, in the Baths of Diocletian.

Un mosaico che mostra l’influenza di Egitto, Museo Nazionale di Roma, nei Bagni di Diocleziano.

 

 

 

Marble plaque of Antinous, National Roman Museum, in Palazzo Massimo alle Terme.

La Placca di marmo di Antinous, Il Museo Nazionale di Roma, nel Palazzo Massimo alle Terme.

 

 

 

 

 

 

Desmond with a statue, National Roman Museum, in the Baths of Diocletian.

Desmond con una statua, Museo Nazionale di Roma, nei Bagni di Diocleziano.

 

 

 

 

 

 

Cloister, National Roman Museum, in the Baths of Diocletian.

Il chiostro, Museo Nazionale di Roma, nei Bagni di Diocleziano.

 

 

 

 


Thursday 19 October 2006

The nearest Metro stop to our hotel is Manzoni, but at present it is closed for restoration; so this morning we took a short bus ride to St. John Lateran, from where we could take the metro. First we visited the church, yet another vast edifice, where we could not find the fresco of St. Sebastian we were looking for. Eventually a guard took us to a secluded chapel now renamed “The Adoration of the Host”, closed off by a glass door and reserved for prayers where, above the altar, there is a crucifixion and below that a fresco of the Madonna and Child flanked by St. Lawrence and St. Sebastian. We had not seen it, because we had not entered the chapel at first; not wanting to disturb the people at prayer.  Desmond did manage to take a photo, which should be sufficient for study purposes. The church is thought to have been the first Christian church to be built in Rome around 314 – 318, and was always referred to as the Cathedral of Rome. The present structure dates from 1646 – 1649, with many alterations since then. Until 1870 the Popes were crowned here.

On the right of the church is the Scala Santa; in the 15th C. this staircase, from the old Lateran Palace, was declared to be that from Pontius Pilate’s house in Jerusalem, which Christ descended after he had been condemned to death.

Legend has it that it was brought to Rome by St. Helena, the mother of the emperor Constantine. You can only ascend this sacred staircase on your knees; but there are two others, not sacred, on either side, where you can walk up. At the top of the stairs is a chapel with the papal altar, above this is the picture of The Redeemer. It is an icon, thought to have been painted in the 5th or 6th century, today only slight traces remain of an enthroned Christ with a crossed halo. The face, which we see today, is actually painted on silk and was placed over the original by Pope Alexander III (1159 – 1181). Innocent III (1189 – 1216) covered the rest of the icon with embossed silver, but other later additions have now completely disguised and obliterated its surface. The doors, again in embossed silver, are of the 15th C; they show on the left, The Annunciation, St. John the Baptist, St. James the Great and St. Anthony Abbot, and on the right The Archangel Gabriel, St. Peter, St. Paul and St. Lawrence.

From there we went, by metro to Termini and the 64 bus to the area south of  Castle St. Angelo bridge. We were searching out our goldsmith; Desmond is buying me a pair of cufflinks for Christmas. Having chosen the design, I asked for the bar to be replaced with a chain, because I find that more comfortable. They said that they would be ready in a week. They remembered us from last year and knew that Desmond was studying St. Sebastian – we must have made a lasting impression.

We had a salad for lunch, in Piazza Nicosia, at “Before”, where you make up your own combination; the salad menu offers a choice of no less than 18 items.  The waitress was most surprised that neither of us had asked for lettuce, but we had listed both spinach and rocket.  One gets so tired of the endlessly recurring lettuce in English salads.

Our ticket for the National Roman Museum was still valid, so we went to Palazzo Altemps to see the classical sculptures there; including the Ludovisi Throne, which we saw in a Catanzaro exhibition last year. They own many famous pieces, but they look different when seen with other contemporary pieces, rather than in a book illustration, or in a site isolated from all the others. There is one more site to this museum, and I hope to find it tomorrow.

At the Casa Madre dei Mutilati, which is a hospital for injured soldiers, sailors and airmen, we were denied access to the hall where there is a modern sculpture of St. Sebastian, so we returned to the hotel footsore and weary. We did not manage to get in there last year either; in this case I think we need to write before visiting; perhaps next time we will have better luck.

Because I was tired and it was raining quite hard, we had dinner near the hotel at Trattoria Bottega. We had a potato and mushroom soup, and then lamb. It was good without being outstanding.

 

Giovedì 19 Ottobre 2006

La fermata della metropolitana vicino all’hotel era Manzoni, ma al momento è chiusa per restauri; così sta mattina abbiamo presso l’autobus brevemente fino a San Giovanni in Laterano, da dove abbiamo preso il metro. Prima abbiamo visitato la chiesa, un altro edificio vasto, dove non abbiamo trovato l’affresco di San Sebastiano che cercavamo. Ma una guida, molto gentilmente, ci ha mostrato una cappella appartata, adesso richiamata “L’adorazione dell’ostia”, dietro una porta di vetro e riservata per le preghiere, dove sopra l’altare c’era una crocifissione e sotto l’affresco che mostra la Madonna e Il Bambino con San Lorenzo e San Sebastiano ai lati. Poiché non volevamo disturbare la gente che pregava, non siamo entrati in quella cappella così non lo abbiamo visto. Desmond ha preso una foto ed è sufficiente studiala. Si pensa che la chiesa sia il primo edificio cristiano a Roma (314 – 318), ed è sempre stata chiamata la cattedrale di Roma. L’edificio ora è del 1646 – 1649, con molte modifiche. Fino al 1870 i pontefici venivano coronati lì.

A destra della chiesa c’è la Scala Santa; nel quindicesimo secolo questa scala, che apparteneva al vecchio palazzo di Laterano, si diceva fosse quella della casa di Ponzio Pilato a Gerusalemme, e da dove  Cristo scese dopo essere stato condannato a morte. La leggenda dice che è stata trasportata a Roma da Santa Elena, la madre dell’imperatore Costantino. È possibile salire questa scala sacra solo in ginocchio; ma ce ne sono due altre ai lati, che non sono sacre, dove è possibile salire a piedi. In cima alla scala c’è una cappella con l’altare papale, con la pittura del Redentore. È un’icona, dipinta nel quinto o sesto secolo, oggi ci sono solo frammenti di Cristo, con l’alone incrociato, elevare al trono. La faccia, che si vede oggi, è veramente dipinti su seta ed è stata messa là da Papa Alessandro III (1159 – 1181). Innocente III (1189 – 1216) ha coperto il resto con argento in rilievo, ma, dopo altre modificiche, è argento è stato completamente travestito. Le porte, ancora in argento in rilievo, sono del quindicesimo secolo e mostrano a sinistra, l’Annunciazione, San Giovanni Battista, San Giacomo Maggiore e Sant’Antonio Abate, e a destra, l’Arcangelo Gabriele, San Pietro, San Paolo e San Lorenzo.

 

Da là siamo andati, con il metro fino a Termini e con l’autobus numero 64, all’area sud del ponte di Castello Sant’Angelo. Cercavamo il nostro orafo; Desmond mi vuole comprare gemelli per natale. Ho scelto il disegno e poi chiesto di mettere una catenina invece di una spranga, trovo più comoda. Hanno detto che la catenina saranno pronti tra una settimana. Si  ricordavano di noi dall’anno scorso e sanno che Desmond studia San Sebastiano – dobbiamo aver fatto un’ottima impressione.

Per il pranzo abbiamo mangiato insalata, da “Before”, a Piazza Nicosia, dove puoi scegliere gli ingredienti, il menu offre una scelta di circa 18 tipi diversi di insalate. La cameriera era molto sorpresa perchè non abbiamo scelto la lattuga, ma abbiamo chiesto gli spinaci e rucola.

I nostri biglietti per il Museo Nazionale di Roma erano ancora valido, così siamo andati al Palazzo Altemps per vedere le sculture classiche; incluso il trono di Ludovico, che abbiamo visto l’anno scorso nella mostra a Catanzaro. Hanno molti pezzi famosi, ma paiono diversi, quando son visti con altri che sono contemporanei. Il museo ha un altro sito, e spero di trovarlo domani.

Alla Casa Madre dei Mutilati; l’ospedale per soldati, marinai e aviatori feriti; non era possibile vedere la sala dove c’è una scultura moderna di San Sebastiano; così siamo ritornati all’hotel, stanchi e con i piedi doloranti.

Perché ero stanco e pioveva forte, abbiamo pranzato vicino all’hotel alla Trattoria Bottega. Abbiamo mangiato la zuppa di patate e funghi, poi l’agnello. Era tutto buono ma non eccezionale.

 

The church of St. John Lateran.

La chiesa di San Giovanni in Laterano.

 

 

 

 

Apse in the church of St. John Lateran.

L’abside nella chiesa di San Giovanni in Laterano.

 

 

 

 

Fresco which we did not find, Scala Santa.

L’affresco che non abbiamo trovato, Scala Santa.

 

 

 

 

 

 

The Courtyard, National Roman Museum, Palazzo Altemps.

Il cortile, Il Museo Nazionale di Roma, al Palazzo Altemps.

 

 

 

Statue by Auturo Dazzi which we did not find, Casa Madre dei Mutilati.

La statua di Autoro Dazzi che non abbiamo trovato, Casa Madre dei Mutilati.

 

 

 

 

 

 

Desmond, National Roman Museum, Palazzo Altemps.

Desmond, Il Museo Nazionale di Roma, al Palazzo Altemps.

 

 

 

 

 

 

The Scala Santa.

La Scala Santa

 

 

 

 

 

 

The picture of the Redeemer, also called Acheropìta, or not painted by human hands. In the Chapel of The Sancta Santorum, in The Scala Sancta. Possibly seventh century.

The original panel is under the covering of embossed silver.

L’icona Acheropita, nella Cappella del Sancta Santorum, nella Scala Sancta. Possibile del settimo secolo.

La tavola originaria è sotto il rivestimento metallico.

 

 

 

 

Inside the church of St. John Lateran.

L’interno della chiesa di San Giovanni in Laterano.

 

 

 

 

The church of Santa Croce in Jerusalem

La chiesa di Santa Croce in Gerusalemme.

 

 

 

 

 

 


Friday 20 October 2006

The 649 bus stops right outside our hotel and is very convenient for taking us to Termini station, which is a good starting point for most of our journeys.  Today it was to take us to Piazza Vittorio Emanuele, to find, first, the church of St. Vito and Modesto and then the office of Archaeologia Sacra. The church was closed, and is only open for services, we will return again later. At the Archaeologia Sacra office Desmond needed to pay €40. to be able see the Oratorio di St. Onorio III, next to the church of St. Sebastian outside the walls, on the Via Appia, where we are due to go next Tuesday. We were allowed to amend the time from 09.00 to 10.00; that will give us more time to get there as it is quite a long way.

Then we tried to visit an exhibition, billed as being in the Palazzo Chigi. Unfortunately it proved to be in a town about 30km outside Rome, and not a Palace in Rome, which should teach me to read directions more carefully. We were, however, able to get directions to Hadrian’s Villa at Tivoli, where we may go on Sunday.

On the map, the metro stop Barbarini looked to be reasonably close, so we walked; unfortunately it is always further than it appears. As it was then after 13.00, we stopped for lunch at Terrace Barbarini, another old favorite. We had a simple meal of spaghetti carbonara, a sweet, wine and water; just right for lunch.

We took the bus to near the Coliseum to find the church of Santi Quatro Coronati, which was approached up the incline of a long hill. I stopped for a rest halfway; when a well meaning English lady told us that the church was closed. However, on the principle that one should always disbelieve bad news, we continued up the long hill and found that it was in fact open.   Perhaps she had not realized that the entrance was in the second courtyard. The church was built in 1110 and restored in 1914. It is dedicated to the four crowned martyrs, Cladius, Nicostratus, Symphorian and Castorius, who were sculptors from Pannonia (the Roman province near the Danube). They were killed by Diocletian when they refused to make a statue of a pagan god.

An altarpiece on the left hand wall, by Giovanni Baglione, shows St. Sebastian tended by the holy women. On the apse the top register shows the saints etc in Paradise, with St. Sebastian on the left holding his arrows; it was painted in the 17th C by Giovanni da San Giovanni. The skull of Saint Sebastian is said to be in this church and is kept in a silver reliquary but we were unable to gain access to it.  It was suggested that a letter of introduction and approval from the appropriate Bishop was essential before we could hope to see it.

We saw another church nearby and decided to explore, though it was in the direction opposite to where we came from. It was closed, but we were in a main square and found a bus to St. John Lateran; although at the time we did not know that we were right behind it and could easily have walked. No matter, we then took the bus to Santa Croce in Gerusalemme and so back to the hotel. Slowly we are learning where we are and what also is nearby.

We had dinner again at Santa Croce, where we had roast sucking pig, spinach, mushrooms, wine and water; plus a complimentary glass of grappa. It cost €60, about £42, and we thought that it was quite reasonable.

 

Venerdì 20 Ottobre 2006

L’autobus numero 649 ha la fermata vicina all’hotel ed è molto conveniente per andare alla stazione Termini, che è un buon luogo per cominciare i nostri giri. Oggi doveva portarci fino a Piazza Vittorio Emanuele, per cercare, prima, la chiesa dei Santi Vito e Modesto, poi l’ufficio di Archeologia Sacra. La chiesa era chiusa, ed apre solo per la messa; vi ritorneremo dopo. All’ufficio Archeologia Sacra Desmond ha dovuto pagare €40. per vedere l’Oratorio di San’Onorio III, accanto alla chiesa di San Sebastiano fuori le mura, nella Via Appia, dove andremo martedì prossimo. Abbiamo avuto il permesso di cambiare l’orario dalle 09.00 alle 10.00, ci darà più di tempo, perché è abbastanza lontano.

Poi abbiamo tentato di visitare una mostra, un annuncio ci ha informato era a Palazzo Chigi. Sfortunatamente era in una città a 30 km da Roma, e non al palazzo di Roma, questo mi insegna a leggere le direzioni con più attenzione. Ad ogni modo siamo riusciti a dovere direzioni per la Villa di Adriano a Tivoli, dove forse andremo Domenica.

Sulla piantina di Roma la fermata Barbarini appariva essere abbastanza vicina, così abbiamo camminato, sfortunatamente era abbastanza lontana. Poi, perché era dopo le 13.00, ci siamo firmati per pranzare nel ristorante Barbarini Terrazzo, un altro vecchio favorito. Abbiamo mangiato cose semplici, spaghetti carbonara, un dolce, vino e acqua; perfetto per il pranzo.

Abbiamo preso l’autobus fino al Colosseo per trovare la chiesa dei Santi Quattro Coronati, a cui si accede via una molto lunga collina. A metà mi sono firmato, poi una donna inglese, molto gentile, ci ha avvisati che la chiesa non era aperta. Desmond dice sempre di non credere alle cattive notizie, abbiamo continuato ad ascendere e abbiamo trovato che, di fatto, la chiesa era aperta. Forse la donna non ha capito che l’entrata era nel secondo cortile. La chiesa è stata costruita nel 1110 a restaurata nel 1914. È dedicata ai quattro santi coronati , Claudio, Nicostrato, Simforiano e Castorio, che erano scultori dalla Pannonia (una provincia romana vicino al fiume Danubio). Furono uccisi dall’Imperatore Diocleziano, quando si rifiutarono di fare una statua del dio pagano. Un dipinto di Giovanni Baglione, sopra l’altare a sinistra, mostra San Sebastiano curato dalle sante donne. Nell’abside, nella parte più alta, mostra i santi in paradiso, con San Sebastiano a sinistra che porta le sue frecce; è stato dipinto nel diciassettesimo secolo da Giovanni da San Giovanni. Si dice che il cranio di San Sebastiano, sia qui in un reliquiario d’argento. È nella quella chiesa ma non è stato possibile vederlo. Ci hanno suggerito che era necessaria una lettera di presentazione e la sanzione del vescovo prima di poterlo vedere.

Abbiamo visto un’altra chiesa vicino ed abbiamo deciso esplorarla, benché fosse nella direzione apposta. Era chiusa, ma eravamo in una piazza da dove abbiamo preso l’autobus fin a San Giovanni in Laterano; non ci siamo resi conto che avremmo potuto camminare perché la chiesa era alle nostre spalle. Non era importante, abbiamo preso l’autobus fino alla chiesa di Santa Croce in Gerusalemme e così siamo ritornati all’hotel. Impariamo lentamente la geografia della città.

Abbiamo cenato ancora al ristorante Santa Croce, dove abbiamo mangiato il “lattonzolo” porcellino da latte, spinaci, vino e acqua, poi un bicchiere di grappa gratis. Il costo era €60, e abbiamo pensato che era abbastanza moderato.

 

St. Sebastian attended by the Holy Women by Giovanni Baglione, in the church of Santi Quattro Coronati.

San Sebastiano curato delle Sante Donne di Giovanni Baglione, nella chiesa dei Santi Quattro Coronati.

 

 

 

 

 

 

The courtyard, at the church of Santi Quattro Coronati.

Il cortile, della chiesa dei Santi Quattro Coronati.

 

 

 

 

 

 

Fresco on the apse by Giovanni di San Giovanni, in the church of Santi Quattro Coronati.

L’affresco nella abside di Giovanni di San Giovanni, nella chiesa dei Santi Quattro Coronati.

 

 

 

 

 

Pope Innocenzo X by Velazquez, in the Doria Pamphilj Gallery.

Il Papa Innocenzo X di Velazquez, nella Galleria di Doria Pamphilj.

 

 

 

 

 

 


Saturday 21 October 2006

We made an early start to go to the Villa Doria Pamphilj, which is quite a long way out of town. This was a location Desmond had picked out from a web site and which was said to contain many images of Saint Sebastian.  This information was, of course, completely incorrect.  All the items we were interested in were not here but are in the Palazzo Doria Pamphilj in the centre of Rome. However, we were delighted to find that the park and gardens of the villa are quite magnificent and very rural. Unfortunately, we spent all morning getting there, and then locating the villa, only to find that it is not open to visitors. We must have walked more than three miles.  On the journey back we found ourselves near St. Peter’s and I remembered that Desmond wanted to go to the Monastery and Convent of St. Onofrio to see a St. Sebastian painting, and as it was quite near we made a detour. It was closed, but Desmond, never deterred by a locked door, rang the bell anyway to explain why he was there; a very kind monk listened to us patiently, then asked us to wait for a few minutes and he would open the church for us. After searching the entire church I finally found the painting; not in the church but in the sacristy. It is quite a large piece, dating from 1777 and painted by Pietro Vangelini on planks of wood, now badly shrunken and warped.  The focus of the painting is on the figure of Saint Jerome, gazing at the cross, while his lion lies at ease under the table.  Blessed Nicola de Palma and Saint Sebastian are on Jerome’s left with Saint Catherine.  Not an impressive painting but interesting as showing how Sebastian could be included as a valuable icon to enhance figures of local interest.

Our next visit was to have been the Palazzo Doria Pamphilj, which is near Piazza Venezia. We found it without too much trouble, but first we needed to have lunch, and stopped off at Ristorante Il Buco, Via San Ignazio 7/8. We thought that we were going to have a simple meal, but it turned out to be rather substantial. Wild boar for Desmond, rabbit for me, spinach, grilled mushrooms, wine and water; then the cheese proved irresistible , plus coffee, a free glass of wine and a little liqueur. It all cost €86, just for lunch – a treat to celebrate our holiday.  Well, we had to have some excuse for such a treat!

To the huge Palazzo and Gallery Doria Pamphilj, where we found three pictures of St. Sebastian.  This is a truly magnificent collection, royally housed, and contains, among many other desirable things, the impressive Portrait of Pope Innocent X, by Velazquez. It is instructive to compare Velazquez’s profound and acute painting with the parody of it produced by the ludicrously overrated Francis Bacon in his butcher-shop series of Screaming Popes.

Desmond was looking for five items, but I think that one was a duplication, and a silver statue we were looking for could not be found. A most charming gentleman tried to help (he is married to one of the Doria Pamphilj daughters), but assured us that there was not a silver statue neither in the gallery nor in the private apartments. He thought that the statue may have been sold by a previous generation of the family.  He also told us that at the chapel of the Villa there are two images of St. Sebastian and that it is only open at 16.00 on Saturdays for mass. He told us to mention his name, Massimiliano Floridi, if we had any trouble.  Desmond had no information or knowledge of either of these pieces, so we plan to visit the family chapel as soon as possible.

We returned to our hotel very tired, but I felt much better after a shower and so I wrote up my account of the day.

There is a Calabrian restaurant near our hotel called “The Crazy Sheep” where we went this evening; the food was excellent, Desmond had a kebab and I had fish, wine and water. The only problem was that they had a young man singing; and singing very well too; but in a very small basement, the amplification was quite unnecessary for such a space. Desmond has very good hearing and I have two hearing aids which I switched off, Desmond just had to suffer, but not in silence.  He swears he will travel with his shooting ear protectors in future. I would like to return to this restaurant, but I will first ask if there is any music and, if there is, I will certainly go elsewhere.

 

Sabato 21 Ottobre 2006

Abbiamo lasciato l’hotel molto presto per andare alla Villa Doria Pamphilj, che è abbastanza lontano, fuori città. La villa è un sito che Desmond ha scelto dall’internet e che ha molte immagini di San Sebastiano. Naturalmente, l’informazione era completamente sbagliata. Tutto quello, che volevamo vedere, non era là, ma, è a Palazzo Doria Pamphilj nel centro di Roma. Comunque il parco e il giardino della villa sono magnifici e molto rurali. Sfortunatamente, il viaggio ha preso tutta la mattinata, e purtroppo la villa non è aperta per i visitatori. Abbiamo camminato per circa 5 km. Nel viaggio di ritorno ci siamo ritrovati vicino alla cattedrale di San Pietro, e mi sono ricordato che Desmond voleva andare al Monastero e Convento di San Onofrio per vedere delle pitture di San Sebastiano, poi, perché era abbastanza vicino abbiamo fatto una deviazione. Era chiuso, ma Desmond, non è mai dissuaso dalla porta chiusa a chiave, ha suonato il campanello per spiegare perché era là; un monaco, molto gentile, ci ha ascoltato con pazienza, poi ci ha chiesto di aspettare per un paio di minuti e ci avrebbe aperto la porta. Dopo aver visitato tutta la chiesa, finalmente, ho trovato la pittura nella sagrestia. Era abbastanza grande, fatta nel 1777 da Pietro Vangelini, dipinta su tavole, adesso è distorta e si è ristretta. Il punto focale della pittura è sulla figura di San Gerolamo, chi guarda la croce, con il suo leone sotto la tavola. Il beato Nicolò di Palma, San Sebastiano e Santa Caterina sono alla sinistra di San Gerolamo. Non è un bel dipinto, ma è interessante perché mostra come San Sebastiano venisse incluso come un’icona preziosa per aumentare il numero delle figure di interesse locale.

La prossima visita sarebbe stata il Palazzo Doria Pamphilj, che è vicino a Piazza Venezia. Lo abbiamo trovato senza molta difficoltà, ma prima era necessario pranzare, e siamo andati al ristorante Il Buco, Via San Ignazio 7/8. Pensavamo prendere un pranzo semplice, ma invece era abbastanza sostanzioso. Desmond ha mangiato cinghiale, io il coniglio, spinaci, funghi, vino e acqua; poi il formaggio è stato irresistibile, poi caffè, un altro bicchiere di vino e un po’ di un liquore gratis. Il costo era €86, solo per il pranzo – una festa per celebrare la nostra vacanza. È necessario avere una scusa per divertirsi.

Poi siamo andati al Palazzo e Galleria grande di Doria Pamphilj, dove abbiamo visto tre pitture di San Sebastiano. È una collezione magnifica, e c’è, tra altre cose, il ritratto di Velazquez di Papa Innocente X. È istruttivo paragonare questa profonda e esatta pittura, con la parodia del dipinto, “il ridicolo è sopravvalutato”, di Francio Bacon nella sua seria della macelleria chiamata “ I Papi chi strillarono”.

Desmond cercava 5 cose e non abbiamo trovato anche una statua d’argento che cercavamo. Un signore molto gentile ha tentato di aiutarci (è il marito di una figlia della famiglia Doria Pamphilj), ma, era certo che non c’era questa statua nella galleria e ne anche nell’ appartamento privato. Ha pensato che forse la statua era stata venduta  dalla generazione precedente. Ci ha detto che nella cappella della Villa, ci sono due immagini di San Sebastiano, e la cappella apre solo alle 16.00 del Sabato per la messa. Ci ha detto di fare il suo nome (Massimiliano Floridi), se avessimo avuto difficoltà. Desmond non sa niente di queste due immagini, così abbiamo progettato di visitare la cappella della famiglia il più presto possibile.

Siamo ritornati all’hotel molto stanchi, ma, dopo una doccia, stavo meglio e così ho scritto il mio racconto del giorno.

 

Painting in the church of Sant’Onofrio.

La pittura nella chiesa di Sant’Onofrio.

 

 

 

 

Painting by Marco Basaiti, in the Doria Pamphilj Gallery.

La pittura di Marco Basaiti, nella Galleria di Doria Pamphilj.

 

 

 

 

 

 

Painting in the church of Sant’Onofrio. Detail.

La pittura nella chiesa di Sant’Onofrio. Dettaglio.

 

 

 

 

 

 

The Velvet Room, in the Doria Pamphilj Gallery.

La sala del Velluto, nella Galleria di Doria Pamphilj.

 

 

 

 

The Throne Room, in the Doria Pamphilj Gallery.

La sala del Trono, nella Galleria di Doria Pamphilj.

 

 

 

 

The Piazzetta, Venice by Gaspar Van Wittel.

La Piazzetta a Venezia di Gaspar Van Wittel.

 

 

 

 

Joan of Aragon by Raphael, in the Doria Pamphilj Gallery.

Giovanna di Aragona di Raffaello, nella Galleria di Doria Pamphilj.

 

 

 

 

 

 

Villa Doria Pamphilj.

La Villa di Doria Pamphilj.

© Roy Johsnon 2007

 

 

 

 

 

Painting by Ludovico Carracci, in the Doria Pamphilj Gallery.

La pittura di Ludovico Carracci, nella Galleria di Doria Pamphilj.

 

 

 

 

 

 


Sunday 22 October 2006

I did not sleep well on Saturday night and I was still tired in the morning; so we changed our plans for the day. Instead of going to Tivoli, which is quite far away, we stayed in Rome. We returned to the Scala Santa, where Desmond hoped to find a St. Sebastian. A helpful nun indicated that the room, which we wished to see, was in a different part of the complex.  Of course it was closed. That popular Italian word “chiuso” was heard again.  In fact the doors looked as if they had not been opened for years. We will return another day and make further inquiries, Sunday is not a good day to visit churches because they are crowded by worshippers, and we do not wish to disturb them by wandering about peering in all the dark corners, hoping to have sight of a hitherto undiscovered image of Saint Sebastian.

The gallery of the Palazzo Colonna is near to Piazza Venezia and we soon found it, but it is only open on Saturday morning. I thought that Desmond had read the entry in the blue guide, and he thought that I had done so. We really should talk to one another from time to time.  We were very close to the Capitoline Museums, where last year we only managed to see half the complex. Today we managed to see both buildings, which are joined by a subterranean passage that goes under the Campidoglio. We saw their four St. Sebastians again, but it was a useful reminder. The attractive café on the roof terrace was so crowded we were unable to find a seat, so we finished our tour before looking for a restaurant. We found one that was very busy, but both we and the rest of the patient queue were constantly ignored by the manager and, after eight people had been given preference, I refused to wait any longer. We went a few yards further to a wine bar, Vinando, Piazza Margana 23, where we had excellent service. Desmond had meatballs, I had chicken cooked Roman style with tomatoes and peppers, potatoes and baked tomatoes, wine and water. Desmond had wild strawberries, which he declared the best he had eaten since a trip to Norway, and I had pineapple with maraschino liqueur. The waitress was very pleasant and helpful and I was so pleased to have had a pleasant lunch that I surprised her by giving her a kiss of gratitude as we left.

We took the bus to St. John Lateran, then walked, via the Sunday flea market, back to the hotel. I was still tired and my feet ached from all the walking that we did yesterday. I had a refreshing sleep for a couple of hours. We did not go out again; neither of us were hungry (we didn’t finish lunch until 16.00); so we used the time to prepare for a visit to the Vatican tomorrow.

 

Domenica 22 Ottobre 2006

Non ho dormito bene sabato notte, e la mattina ero ancora stanco, così abbiamo cambiato il programma per il giorno. Invece di andare a Tivoli, che è abbastanza lontano, siamo rimasti a Roma. Siamo ritornati alla Scala Santa dove Desmond sperava di trovare un’immagine di San Sebastiano. Una suora, molto gentile, ha indicato che la camera, che desideravamo vedere, era in un posto diverso. Naturalmente era chiuso. Di fatti, sembrava che le porte non fossero state aperte da anni. Ritorneremo un altro giorno e chiederemo ancora. Domenica non è il giorno migliore per visitare le chiese perché è pieno di devoti, e non vogliamo essere disturbati, da persone che appaiono in angoli scuri, per vedere un’immagine di San Sebastiano.

Vicino a Piazza Venezia c’è la Galleria del Palazzo Colonna, e l’abbiamo trovato subito, ma apre solo il Sabato mattina. Ho pensato che Desmond avesse letto la nota nella Guida Blu, e lui ha pensato che io l’avessi letta. Veramente parliamo di tanto in tanto. Eravamo vicini ai Musei Capitolini, dove, l’anno scorso, ne abbiamo visto solo la metà. Oggi abbiamo visto i due edifici, che sono uniti da un passaggio sotterraneo sotto il Campidoglio. Abbiamo visto ancora le quattro pitture di San Sebastiano, e questo era un ricordo utile. Il bar sulla terrazza era pieno e non è stato possibile trovare una tavola, così abbiamo finito il giro del museo e poi abbiamo cercato un ristorante. Quello che abbiamo trovato era pieno di gente e il direttore ci ha dimenticati. Solo due metri di distanza c’era un’enoteca, Vinando, Piazza Margara 23, dove abbiamo avuto un servizio eccellente. Desmond ha mangiato le polpettine, io pollo cucinato alla romana con pomodori e peperoni, patate e pomodori al forno, vino ed acqua. Desmond ha preso fragoline di bosco; ha detto che erano le migliori che avesse mai mangiato. Io ho preso ananas con maraschino. La cameriera era piacevole e gentile, e io ero così felice con il pranzo, che le ho dato un bacino di riconoscenza.

Abbiamo preso l’autobus fino a San Giovanni in Laterano, poi abbiamo camminato, verso l’hotel via il mercato delle pulci. Ero stanco e i miei piedi erano ancora  indolenziti da sabato. Ho dormito per due ore, e poi mi son sentito meglio. Non siamo usciti di nuovo; non avevamo fame (avevamo finito il pranzo alle 16.00); così abbiamo preparato la visita di domani al Vaticano.

 

Picture by Giovanni Benvenuti, in the Capitoline Museum.

La pittura di Giovanni Benvenuti, nel Museo Capitolino.

 

 

 

 

 

 

Bronze statue of Marcus Aurelius, in the Capitoline Museum.

La statua di Marco Aurelio nel Museo Capitolino.

 

 

 

 

 

 

Picture by the School of Garofano, in the Capitoline Museum.

La pittura della scuola di Garofano, nel Museo Capitolino.

 

 

 

 

 

 

Picture by Pietro Paolo Bonzi, in the Capitoline Museum.

La pittura di Pietro Paolo Bonzi, nel Museo Capitolino.

 

 

 

 

The Roman Forum from the Capitoline Museum.

Il foro romano dal Museo Capitolino

 

 

 

 

 

 

Picture by Alessandro Tiarini, in the Capitoline Museum.

La pittura di Alessandro Tiarini, nel Museo Capitolino.

 

 

 

 

 

 

Desmond, in the Capitoline Museum.

Desmond, al Museo Capitolino.

 

 

 

 

Picture by Francia and Passerotti, in the Capitoline Museum.

La pittura di Francia e Passerotti, nel Museo Capitolino.

 

 

 

 

 

 

Marble statue of The Wounded Gaul, in the Capitoline Museum.

La statua di marmo del Gallo Ferito, nel Museo Capitolino.

 

 

 

 

The Baptism of Christ by Titian, in the Capitoline Museum.

Il Battesimo di Cristo di Tiziano, nel Museo Capitolino.

 

 

 

 

 

 


Monday 23 October 2006

We got up at 06.00, breakfast at 07.00, and we arrived at the Vatican Museums at 08.30, to join the longest queue that I have ever seen for a museum. The doors opened at 08.45 and it took us an hour and a half to get in. We went directly to the picture gallery, where Desmond quickly found two pictures of St. Sebastian, both of which he had listed as being sequestered in the reserve collection. The first, by Botticelli, was easy to recognise; but the second, by Antonio Vivarini, was more difficult because Sebastian was in court dress, carrying a bow and arrows; it was a small panel and part of a much larger picture. We found a Titian, which I quite liked and the others are illustrated here. We went to the Borgia apartments to find two others, but we did not see them at first, so Desmond caused confusion in their rigidly enforced one-way system by insisting on going backwards for a second look and did discover one. But, what a place! I felt like I had been walking for days.

Of course, we had to go and see the Sistine Chapel; it is a place not to be missed; and although I had seen it before, it is still a marvel.  St. Sebastian is in the Last Judgement, on the right hand side, in the company of other saints.

I was pleased to leave at 13.30, as I was very tired. We had a quick lunch, in a tourist restaurant across the road from the entrance to the Museum; half a pizza and half a salad each, with wine of course.

Desmond wanted to see an obelisk, which was brought from Egypt by the Emperor Hadrian, but did not know where it was. Hadrian erected it originally at his villa in Tivoli, to the memory of his protégé Antinous, who drowned in the Nile. (In August this year, we went to Leeds, with Tracy and Andrea, to see a small exhibition of images of Antinous, which was most interesting.) We asked, at the Tourist Information Office at Termini station, if they could give us its location. The young man knew all about it and even gave us a printout in English; it is on Monte Pincio. We were very impressed by his immediate and knowledgeable response.

I bought two more seven day tickets; they are excellent value and save us a lot of time. Like our Freedom Passes in London, we can make last minute changes to our plans. We were waiting for the No. 649 bus from Termini back to the hotel and as the first bus was No. 360, which takes us most of the way, we took that instead. We were less than 100 yards from the hotel when the 649 passed us.

We had dinner at Ristorante del Griglio, Via Torino 137, where we had a plate of mixed salami, veal escallops cooked with gorgonzola, mushroom and aubergines, wine and a sweet. It was delicious and memorable.

 

Lunedì 23 Ottobre 2006

Ci siamo alzati alle 6.00, abbiamo preso la prima colazione alle 7.00, e siamo arrivati al Museo Vaticano alle 8.30, dove c’era una corda lunghissima. Le porte aprivano alle 8.45. Dopo un’ora e mezzo siamo entrati e siamo andati direttamente alla pinacoteca, dove Desmond aveva visto due pitture di San Sebastiano, tutti e due nella nostra lista della collezione in deposito. La prima, di Botticelli, è stato facile riconoscerla; ma la seconda, di Antonio Vivarini, è stata più difficile perché Sebastiano porta un abbigliamento formale, l’arco e frecce; è un pannello piccolo, e una parte di una pittura più grande. Ne abbiamo visto un’altra di Tiziano, che mi piace e le altre che sono in questa racconta. Abbiamo visitato gli appartamenti di Borgia per trovarne altre due, ma dapprima non le abbiamo viste, così Desmond ha creato confusione al rigido sistema di senso unico, perché voleva andare nella direzione opposta, per dare una seconda occhiata, e ne ha travato uno. Ma, che edificio! Mi sembrava di aver di camminato per giorni.

Naturalmente, era necessario andare a vedere la Cappella Sistina; Un luogo che non è possibile non vedere; e benché l’avessi vista un’altra volta, è sempre meravigliosa. San Sebastiano è nel Giudizio Universale, al lato destro in compagnia dei santi.

Ero molto felice di lasciare il museo alle 13.30, perché ero molto stanco. In un ristorante turistico di fronte all’entrata del museo, abbiamo mangiato una pizza e l’insalata, mezza e mezza. Con vino naturalmente!

Desmond desiderava vedere un obelisco, che è stato trasportato dall’Egitto dall’Imperatore Adriano, ma non sapeva dov’era. Originalmente, Adriano lo ha innalzato nella sua villa a Tivoli, in memoria del suo protetto Antinous, annegato nel fiume Nilo. (Nell’agosto del 2006, siamo andati, con Tracy ed Andrea, a Leeds, per vedere una piccola mostra delle immagini di Antinous, che era molto interessante.) All’ufficio turistico, della stazione Termini, abbiamo chiesto se sapevano dove era ubicato. Il giovane sapeva tutto e ci ha dato una copia in inglese dal suo computer (è sul Monte Pincio). Siamo rimasti molto colpiti dalla sua risposta che è stata immediata e ci siamo resi conto che era ben informato.

Ho comprato due biglietti settimanali; valgono la pena e fanno risparmiare tempo. Come per i nostri a Londra, è possibile fare altri cambi più veloci al nostro itinerario. Aspettavamo l’autobus numero 649 che da Termini ci portava fino all’hotel, ma, poiché il primo autobus era il numero 360,abbiamo deciso di prenderlo perché ci portava molto vicino. Eravamo a meno di 100m dall’hotel e il numero 649 ci ha sorpassati.

Abbiamo cenato al Ristorante del Griglio, Via Torino 137, dove abbiamo preso una piatto di salami misti, fettine di vitello cucinato con gorgonzola, funghi e melanzane, vino e un dolce. Era delizioso ma non memorabile.

 

Painting by Vincento Pagani, in the Vatican Picture Gallery.

La pittura di Vincento Pagani, Nella Pinocateca del Vaticano.

 

 

 

 

 

 

Desmond, in a courtyard at the Vatican.

Desmond nel un cortile nella Vaticano.

 

 

 

Part of The Last Judgement which shows St. Sebastian by Michelangelo, Vatican, Sistine Chapel.

La parte del Giudizio Universale che mostra San Sebastiano di Michelangelo, Nella Cappella Sistina, Vaticano.

 

 

 

 

 

 

Metal plaque of St. Sebastian, in the Vatican Museum.

La placca di metallo di San Sebastiano, nel museo del Vaticano.

 

 

 

 

 

 

Painting by Sandro Botticelli, in the Vatican Picture Gallery.

La pittura di Sandro Botticelli, nella Pinocateca del Vaticano.

 

 

 

 

 

 

Painting by Girolomo Siciolanta, in the Vatican Picture Gallery.

La pittura di Girolamo Siciolanta, Nella Pinocateca del Vaticano.

 

 

 

 

 

 

Painting by Antonio Vivarini, in the Vatican Picture Gallery.

La pittura di Antonio Vivarini, Nella Pinocateca del Vaticano.

 

 

 

 

 

 

The Madonna dei Frairi by Titian, in the Vatican Picture Gallery

La Madonna dei Frairi di Tiziano, Nella Pinocateca del Vaticano.

 

 

 

 

 

 

View of the Vatican garden from the Picture Gallery.

Una vista del giardino dalla Pinocateca del Vaticano.

 

 

 

 

 

 

Swiss Guard at the Vatican.

Una Guardia Svizzera del Vaticano.

 

 

 

 

 

 

A picture of St. Sebastian in the Vatican Picture Gallery.

Una parte della pittura che mostra San Sebastiano, Nella Pinocateca del Vaticano.

 

 

 

 

 

 

Marble sculpture of Ganymede, in the Vatican Museum.

Una statua di Ganimede di marmo, nel museo del Vaticano.

 

 

 

 

 

 


Tuesday 24 October 2006

We went to the Basilica of St. Sebastian outside the Wall, on via Appia Antica, for our appointment to see the Oratorio of Sant’Onorio III, which is administered by the Department of Sacred Archaeology and is partly a disused museum and opened only with special permission. We had made an appointment, at the office of the Department of Archaeology, some days earlier.

From the basilica, we entered a long corridor on the left hand side of the church, were ushered through a locked door and found ourselves in the one story ambulatory which surrounds the church on three sides.  This is the area now used as a museum currently not open to the public. Going through another door we found ourselves at the head of a flight of steep and shallow stairs leading underground to an area known as the Platonia.  This is a large arched vault about two stories high, with various recesses for tombs set into the massive brick walls.

We were guided by a most knowledgeable and helpful man, Zinobile Evelino, who carried two torches and we quickly found out why.  It is a very badly lit area and profoundly dark in places, particularly where we had to negotiate the steep flight of shallow steps. Half way down the steps, on the left, are the remains of a chapel with some ruined frescos.  This was the Oratory of Pope Onorio III (Pope Honorius III (1216-1227).  Our written information gave a detailed description of the frescos, or murals, and so we were able to identify the figure of St. Sebastian on the left (only his head and shoulders remain), with the legs of the archers beneath him on his right, next St. Quirinus, and finally the crucifixion. Above everything was the enthroned Madonna and Child flanked by angels and prophets.  The entire fresco is in a very poor condition, with large areas missing, but it does date from the early 13th century and is now below ground level so has suffered much damage from damp.

At our request our guide then conducted us to the Convent of St. Sebastian, which adjoins the church, to see a fine nineteenth century picture of St. Sebastian by Girolamo Massei.  Much to our surprise and pleasure, we also found another undocumented picture, probably late 18th century judging from the style, which Desmond had no information about and he will have to write to the Convent and ask for details of the painter.

In the body of the church, in a chapel on the left, there is a very beautiful and dramatic sculpture of the body of the dead St. Sebastian by Giuseppe Giorgetti, which we saw and admired last year. Opposite is another sculpture of The Saviour by Gian Lorenzo Bernini, which was recently cleaned.  It is a very fine piece, one of Bernini’s best portrait busts.

While leaving the church we were encouraged to find on the counter-façade a marble panel, inscribed in Latin, which declares “ Whomsoever shall have entered the catacombs shall obtain plenary remission of all his sins, through the merits of the one hundred and seventy-four thousand holy martyrs and of forty-six high pontiffs, likewise martyrs who are interred here.”   A comforting thought.

We remained in the area so as to have lunch at Ristorante Cecilia Metella, on top of the hill directly opposite the basilica, where we had had an enjoyable meal last year. We shared a starter from the well stocked buffet, then turkey breast cooked with peas and mushrooms, potatoes roasted with rosemary, some wine, water and coffee. We probably ate too much and may not have anything this evening.

Indeed we were not very hungry later, so we went to Santa Croce, our nearest restaurant and managed to eat just a little more. Desmond had half a bottle of wine, 2 grilled sausages, mushrooms and roast potatoes; I had a ham omelette, a green salad and water.  This was “just a little”?

 

Martedì 24 Ottobre 2006

Siamo andati alla Basilica di San Sebastiano fuori le Mura, a Via Appia Antica, per vedere l’Oratorio di Sant’Onorio III, che è amministrato dall’ufficio di Archeologica Sacra ed è, in parte, un museo in disuso, e aperto solo con un permesso speciale. Abbiamo fatto un appuntamento quattro giorni prima.

Siamo entrati in un corridoio lungo al lato sinistro della basilica, attraverso una porta chiusa a chiave e eravamo nell’ambulatorio che circondava la chiesa dai tre lati. Quest’area adesso è usata come museo, ma al momento non apre al pubblico.  Attraverso un’altra porta, c’era una scala rapida e bassa che ci ha condotta sottoterra. “La Platonica” è una grande volta alta due piani, con nicchie per le tombe incastrate sui muri fatti di mattoni.

Zinobile Evelino, il nostro cicerone, era un uomo molto bene informato e di grande aiuto, portava due torce e, subito ne abbiamo saputo il perché. L’area era molto scuro, senza luce e molto pericolosa, particolarmente, nel scendere la scala. A metà della scala, a sinistra, c’è una cappella in rovina con degli affreschi in cattive condizioni. Quello era l’Oratorio di Papa Onorio III (1246 – 1227). La nostra informazione scritta ci ha dato una descrizione esatta degli affreschi, o force murali, così abbiamo potuto identificare la figura di San Sebastiano a sinistra (solo la sua testa e le spalle sono intatte), con le gambe degli arcieri sotto a destra, vicino a  San Quirinus, e finalmente la crocifissione. Sopra di tutti erano la Madonna in trono con il Bambino, con gli angeli e i profeti ai lati. Tutti sono in condizioni pietose, con certe parti completamente sparite, ma sono del tredicesimo secolo, ed adesso sono sottoterra così sono molto danneggiate dall’umidità.

Poi abbiamo chiesto al nostro cicerone di condurci al Convento di San Sebastiano, che è accanto alla chiesa, per vedere un quadro di San Sebastiano del diciannovesimo secolo fatto da Girolamo Massei. Abbiamo trovato anche un altro quadro di San Sebastiano non documentato, lo stile pare essere dal diciottesimo secolo, Desmond deve scrivere al convento e chiedere il nome del pittore.

Nella chiesa, nella cappella a sinistra, c’è una statua bella e drammatica di San Sebastiano morto, fatto da Giuseppe Giorgetti, l’avevamo vista e ammirata l’anno scorso. Di fronte c’è il busto del Salvatore di Gian Lorenzo Bernini, che ultimamente è stato ripulito. È una scultura bellissima, una delle più belle di Bernini.

Mentre lasciavamo la chiesa abbiamo visto, nella facciata opposta, un panello di marmo, scritto in latino, che dice “Chiunque entrerà le catacombe otterrà la remissione plenaria di tutti i suoi peccati, per merito 175,000 martiri santi e dei 46 alti pontefici, anche martiri che sono seppelliti lì”. Un pensiero che consola.

Siamo rimasti nella zona per pranzare al Ristorante Cecilia Metella, sulla collina di fronte alla basilica, dove, l’anno scorso, abbiamo mangiato bene. Abbiamo cominciato con il grande buffet, poi petto di tacchino cucinato con piselli e funghi, patate arroste con rosmarino, vino, acqua e caffè. Forse abbiamo mangiato troppo e forse non mangeremo sta sera.

Dopo non avevamo fame, così siamo andati a Santa Croce, il ristorante vicino, e abbiamo mangiato un po’. Desmond ha preso mezza bottiglia di vino, due salsicce grigliate, funghi e patate arroste; ed io, un’omelette, l’insalata verde ed acqua. Quello era solo un po’!

 

Model of the church of St. Sebastian outside the Walls. The Platonia is on the left and the small building next to it is the Oratorio of Onorio III.

Un modello della chiesa di San Sebastiano fuori le Mura. La Platonica è a sinistra e la piccola struttura accanto è L’Oratorio di Onorio III.

 

The Ambulatory of the church of St. Sebastian outside the Walls.

L’Ambulatorio della chiesa di San Sebastiano fuori le mura.

 

 

 

 

18 C Print showing the Platonia.

La stampa dal diciottesimo secolo che mostra La Platonica.

 

 

 

 

Marble sculpture of St. Sebastian by Giuseppe Giorgetti, in the church of St. Sebastian outside the Walls.

La scultura di marmo di San Sebastiano di Giuseppe Giorgetti, nella chiesa di San Sebastiano fuori le Mura.

 

 

 

 

Marble bust of Christ by Gian Lorenzo Bernini, in the church of St. Sebastian outside the Walls. It was rediscovered in the monastery and considered to be a copy, it has since been authenticated as the original.

Il busto di marmo di Cristo di Gian Lorenzo Bernini, nella chiesa di San Sebastiano fuori le Mura. Era riscoperto nel monastero e pensava essere una copia, adesso è stata accreditato come l’originale.

 

 

 

 

 

Picture by an unknown artist, in the Convento di San Sebastiano alle Catacombe.

La pittura di un artista anonimo, nel Convento di San Sebastiano alle Catacombe.

 

 

 

 

 

 

 

Fresco in the Oratorio of St. Onorio III, in the ambulatory of the church of St. Sebastian outside the Walls.

L’affresco nel Oratorio di Sant’Onorio III, nel ambulatorio della chiesa di San Sebastiano fuori le Mura.

 

 

 

 

 

 

Picture by Antonio Achille, in the Convento di San Sebastiano alle Catacombe.

La pittura di Antonio Achille, nel Convento di San Sebastiano alle Catacombe.

 

 

 

 

 

 

Church ruin on Via Appia Antica.

Le rovine di una chiesa nella Via Appia Antica.

 

 

 

We bought this print on the internet. It shows the church of San Sebastian Outside the Walls, by Giovanni Battista Piranesi and it is dated about 1750. It is from a series of prints, produced between 1748 – 1778, called “Vedute di Roma”, this is plate 20. Size, imperial folio 38 x 55.9 cm.

Abbiamo comprato questa stampa sul internet. Mostra la chiesa di San Sebastiano fuori le Mura, di Giovanni Battista Piranesi da circa 1750. È da una seria delle stampe fatto tra 1748 e 1778, chiamata “Vedute di Roma”, questa è numero 20. La grandezza, folio imperiale 38 x 55.9 cm.

 

 

Self-portrait by Piranesi.

L’autoritratto di Piranesi.

 

 

 

 

 

 


Wednesday 25 October 2006

Today’s journey began with a ride on the metro to Spagna and the church of Santi Ambrogio and Carlo di Corso, in via del Corso. There we found a rather large but indifferent stucco statue of St. Sebastian, in a niche to the left of the main altar; we passed it without seeing it the first time round. At San Giovanni in Fiorentini we found a painting of St. Sebastian being nursed by the Holy Women; the description on the label said that it was his entombment, but that could not have been correct, as even a quick glance at the picture will confirm.  We called in at the Palazzo Falconieri, which now houses the Hungarian Academy, looking for some paintings we had read about. We were told that there were no paintings at all in the building.  Inaccurate or outdated information had led us astray again; or we were about two hundred years too late. At Santa Maria di Monserato we did not find anything; it is possible that the painting we were seeking was in another part of the very extensive church complex.

We had lunch again at “Before” where we had a tasty salad made with our choice of ingredients, wine, water, a sweet of custard with pastry for Desmond, and I had pineapple. It was delicious without being too heavy. The staff and the lady proprietor are most charming and obliging, which makes dining more pleasurable.  We selfishly encouraged her to open a restaurant in London.

We called at Santa Maria della Pace; we were not expecting it to be open, so we were not disappointed to find it closed. Perhaps we will have time to try another day. We went to the jeweller to collect my cufflinks; and stayed to chat to them for a few minutes; they are lovely people and very obliging.

We were back at the hotel for about 17.30, for a rest and a brush-up before dinner. We had a simple meal at Bottega Trattoria, which is quite near the hotel. We had spaghetti carbonara, fruit, wine and water.

The man on the reception desk at the hotel this evening, is called Alessandro, like one of my grandchildren.  He used to live less than 2 miles from our house in south London.  What a very small world!

 

Mercoledì 25 Ottobre 2006

Il nostro giro oggi è cominciato sul metro fino a piazza di Spagna e la chiesa di Santi Ambrogio e Carlo di Corso, a Via del Corso. Là abbiamo trovato una statua di stucco, abbastanza grande ma mediocre, di San Sebastiano, nella nicchia a sinistra dell’altare maggiore; la prima volta non l’avevamo vista. A San Giovanni in Fiorentini c’era una pittura di San Sebastiano curato dalle sante donne, la descrizione diceva che era il suo seppellimento, ma è sufficiente dare uno sguardo brevemente per vedere che non è così. Abbiamo visitato il Palazzo Falconieri, che adesso è l’Accademia di Ungheria per cercare un numero di quadri. Ancora la nostra informazione non era giusta e eravamo fuori strada, o forse eravamo due cento anni in ritardo. Nella chiesa di Santa Maria di Monserato non abbiamo trovato niente; è possibile che ciò che desideravamo vedere sia in un’altra parte dell’edificio.

Abbiamo pranzato ancora a “Before” dove abbiamo preso l’insalata saporita fatta con ingredienti di nostra scelta, vino, acqua, un budino di crema con pasta per Desmond e l’ananas per me. Era delizioso ma non pesante. La proprietaria e i suoi dipendenti erano molto gentili, e questo ha reso il pranzo molto piacevole. Egoisticamente abbiamo incoraggiato la donna ad aprire un ristorante a Londra.

Non abbiamo aspettato che la chiesa di Santa Maria della Pace aprisse, per essere delusi di trovarla chiusa. Forse ritorneremo un altro giorno. Siamo andati dal gioielliere a prendere i miei gemelli e siamo rimasti a parlare un po’; sono molto gentili e cortesi lì.

Siamo ritornati all’hotel verso le 17.30 per un riposo e un bagno primo della cena. Abbiamo preso un pasto semplice alla “Bottega Trattoria”, vicino all’hotel. Abbiamo mangiato spaghetti carbonara, frutta, vino e acqua.

Stasera l’uomo alla reception, era Alessandro, come uno dei miei nipoti. Ha abitato a meno di 3km dalla nostra casa a Londra. Che piccolo è il mondo!

 

Painting by Giovanni Battista Vanni, in the church of San Giovanni Battista dei Fiorentini.

La pittura di Giovanni Vanni, nella chiesa di San Giovanni Battista dei Fiorentini.

 

 

 

 

 

 

 

Desmond on a street corner.

Desmond nell’ angolo della strada.

 

 

 

 

 

 

Cufflinks which Desmond bought me for my birthday.

I gemelli che Desmond mi ha comprato per il mio compleanno.

 

 

 

Roy at the ‘Before’ restaurant in Piazza Nicosia.

Roy al Ristorante ‘Before’, a Piazza Nicosia.

 

 

 

 

 

Inside the Pantheon.

L’interno del Pantheon.

 

 

 


Thursday 26 October 2006

Today’s we visited the church of Saint Marcello al Corso where we found a statue of St. Sebastian by Francesco Cavallini

In the church of San Carlo ai Catinari, we found a picture of St. Biagio, with St. Sebastian and angels in the clouds above him, it is by Giacinto Brandi. At St. Maria della Pace we found that the church was closed but it will be open tomorrow from 10.00 – 12.00. Our lunch was a pizza with wine and water; we did not want to eat too much as we have booked a table for this evening.

On our way to St. Maria Sopra Minerva we passed the Pantheon, an immense and ancient building, which was converted into a church in 609 AD, the first temple in Rome to be Christianised. It was built in 27 BC and twice destroyed by fire; the present building is from about 128 BC and was dedicated to all the Gods. It is a very interesting structure, basically a dome on a high drum, but the walls must be quite thick to carry all that weight. St. Maria Sopra Minerva is very close by and it was open. We found one statue of St. Sebastian by Nicola Cordier of Lorraine (also called Francescino), in a chapel on the left, but it was not easy to see it; luckily Desmond already has pictures of it. In another chapel, on the right, is another statue of St. Sebastian usually attributed to Michele Marini; that chapel was closed for restoration but we have a postcard of the statue. To the right of the main altar, there is a statue by Michelangelo of Christ with the Cross.

We were quite pleased with our explorations today; it is always a disappointment not to find the pieces we are searching for, but we are relying on a compendium of miscellaneous information gathered from many sources and it is clear that many of our sources have never visited the sites they describe.

We had booked a table at Rinaldo al Quirinale, in Via Palma, where we ate twice last year. As a starter, Desmond had marinated salmon, and I had raw ham St. Daniele, then we had grilled baby lamb with chips and mushrooms, then cheese, wine and water; it’s not a cheap restaurant, but the food is unfailingly delicious.

 

Giovedì 26 Ottobre 2006

Abbiamo visitato la chiesa di San Marcello al Corso per cercare una scultura di San Sebastiano di Francesco Cavallini.

Nella chiesa di San Carlo ai Catinari, abbiamo trovato un quadro di San Biagio, con San Sebastiano e gli angeli fra le nuvole, era di Giacinto Brandi. La chiesa di Santa Maria della Pace era chiusa, ma aprirà domani dalle 10.00 fino alle 12.00. Il pranzo era una pizza con vino e acqua, non volevamo mangiare molto perché avevamo prenotato una tavola per la sera.

Abbiamo continuato alla chiesa di Santa Maria Sopra Minerva, ma prima, siamo passati dal Pantheon, un edificio grande e antico, che è diventato come una chiesa nel 609 d.c. il primo tempio a Roma ad essere cristianizzato. Fu costruito nel 27 a.C. e distrutto due volte da incendi, l’edificio ora è del 128 a.C. e dedicato a tutti gli dei. È una struttura molto interessante, fondamentalmente una coppola su un tamburo, ma il muro sarebbe abbastanza spesso per portare tutto quel peso. La chiesa di Santa Maria Sopra Minerva situata nella vicinanza, era aperta. Nella cappella a sinistra c’è una statua di San Sebastiano di Nicola Cordier di Lorena (detto Franceschino), ma non è stato facile vederla, Desmond è fortunato ne ha già una foto. Nella cappella a destra, c’è un’altra statua di San Sebastiano, di solito attribuito a Michele Marini; quella cappella era chiusa per restauro ma abbiamo una cartolina della statua. A destra, dell’altare maggiore, c’è una statua di Cristo con la Croce di Michelangelo.

Eravamo contenti oggi con le nostre esplorazioni; è sempre una delusione non trovare le cose che uno vuol vedere, ma dipendiamo dalle informazioni raccolte sorgenti diverse ed è certo che molti non sono mai stati nei siti descritti.

Abbiamo prenotato al ristorante “Rinaldo al Quirinale” a Via Palma, dove abbiamo mangiato due volte l’anno scorso. Per cominciare Desmond ha preso salmone marinato, ed io prosciutto crudo (San Daniele), poi angnellino gigliato con patate fritte e funghi, formaggio, vino e acqua. Il ristorante non è economico, ma il cibo è sempre delizioso.

 

Statue of Christ by Michelangelo, in the church of Santa Maria Sopra Minerva.

La statua di Cristo di Michelangelo, nella chiesa di Santa Maria Sopra Minerva.

 

 

 

 

 

 

Mosaic above the tomb of Giuglielmo Durand Bishop of Mende, in the church of Santa Maria Sopra Minerva.

Mosaico sopra la tomba di Giuglielmo Durand il Vescovo di Mende, nella chiesa di Santa Maria Sopra Minerva.

 

 

 

 

Statue by Michele Marini, in the church of Santa Maria Sopra Minerva.

La statua di Michele Marini, nella chiesa di Santa Maria Sopra Minerva.

 

 

 

 

 

 

Sculpture by Nicolas Cordier, in the Aldobrandini chapel of the church of Santa Maria Sopra Minerva.

La statua di Nicolas Cordier, nella cappella di Aldobrandini, nella chiesa di Santa Maria Sopra Minerva.

 

 

 

 

 

 

Marble Elephant by Bernini supporting a small obelisk from the temple of Isis, in Piazza Minerva.

L’Elefante di marmo di Bernini che sopporta un piccolo obelisco dal tempio di Isis, nella Piazza Minerva.

 

 

 

 

 

 

Inside the Pantheon.

L’interno del Pantheon.

 

 

 

 

 

 


Friday 27 October 2006

We finally found St. Maria della Pace open, but we were not allowed to take photographs. However, Desmond did manage a quick surreptitious shot of the St. Sebastian which is painted in oils on the wall.  Unfortunately the plaster is beginning to crack in places.  St. Sebastian is shown tied to a column, against a very dark background, and we could see no sign of any arrows; it is not a memorable piece.

We took the bus to near St. Peter’s and decided to try and visit it. We did not have to wait too long to put our bags through the scanner. The chapel of St. Sebastian is on the right and the huge mosaic shows him tied to a tree, with an archer in the foreground about to pick up his bow and arrows. Originally this was a painting, which was replaced by the present replica in mosaic; the original painting is now in St. Maria degli Angeli and we saw it last year. Desmond made a quick detour into the treasury, to take a photograph of the reliquary of St. Sebastian which he saw last year but was unable to photograph; this time he was more fortunate. Outside, we had noticed all the statues above the Bernini colonnade, Desmond spotted St. Sebastian tied to a tree, shot with a couple of arrows. As far as we know, this one is not mentioned or listed in any of Desmond’s sources.

The church of St. Giovanni Calibita, on the Island of Tibertina, actually belongs to the hospital and serves as the hospital chapel, and the gentleman in the information desk told us that the church is open on Sundays at 11.00. We hope to return then.

Across the river is Trastevere and there we had an excellent lunch at Romolo, Via Porta Settimiana 8, in the coolness of the garden under a canopy of vine leaves. We each started with a plate of mixed meats; Desmond had sausages with lentils for his main course, while I had chicken cooked with ham and cheese, and spinach, also wine, water and coffee. That was the second time that we had visited this restaurant; the first time was in October 2005   Desmond loves dining out of doors, eating Italian dishes and drinking Italian wine, and here we ate well under a pergola of vine leaves through which filtered the Roman sun.  A memorable lunch in an idyllic location.

The Corsini Gallery closed at 13.30, so we were too late to visit and just took the 116 bus to St. Andrea della Valle, the 64 to Termini station and then the 649 back to the hotel. The no. 64 bus route is notorious for thieves and pickpockets; it is a very busy route from Termini to S. Peter’s and the bus is always packed. Two people, a man and a woman, were eying Desmond’s bag, but, as he was staring at them quite pointedly, they quickly moved away from him. I had been given a seat and I made sure that they knew that I too was watching them. The girl had been eying my bag also, but realised that I was on to their tricks. Near the end of Via Nazionale they got off the bus; immediately crossed the road and stood at the stop for the bus going in the opposite direction to try their chances again with less watchful travellers.

We did not go out in the evening, neither of us was hungry, so we planned our itinerary for tomorrow and rested.

 

Venerdì 27 Ottobre 2006

Finalmente abbiamo trovato aperta la chiesa di Santa Maria Della Pace, ma non era permesso prendere foto. Desmond ne ha fatta una della pittura a olio di San Sebastiano furtivamente. Il Santo è legato alla colona, è dietro c’è uno sfondo molto scuro, e non abbiamo visto l’indicazione delle frecce; non è una pittura memorabile.

Abbiamo preso l’autobus fino alla chiesa di San Pietro e abbiamo deciso di tentare una visita.  Non abbiamo aspettato a lungo abbiamo dovuto mettere le borse attraverso la macchina della sicurezza. La cappella di San Sebastiano è alla destra ed è un mosaico grande che lo mostra legato all’albero, con un’arciere pronto a raccogliere da terra il suo arco e le frecce. Originalmente quello era un dipinto, che è stato sostituito con questa replica di mosaico, il dipinto ora è nella chiesa di Santa Maria degli Angeli e lo abbiamo visto l’anno scorso. Desmond ha fatto una breve deviazione al tesoro di San Pietro, per prendere una foto del reliquiario di San Sebastiano, che ha visto l’anno scorso ma, allora, non è stato possibile prenderla; in quest’occasione è stato più fortunato. Fuori abbiamo visto tutte le statue sopra il colonnato di Bernini e Desmond ha visto che ce n’era una di San Sebastiano legato all’albero, e colpito da due frecce. Non lo sappiamo se questa è menzionata nelle fonti di riferimento che Desmond usa.

La chiesa di San Giovanni Calibita, nell’isola di Tibertina, realmente appartiene all’ospedale e la usa come cappella, e l’uomo all’ufficio informazioni ci ha detto che apre la Domenica alle 11.00.

Al di là del fiume era Trastevere, e là abbiamo pranzato bene al ristorante ‘Romolo’, Via Porta Settimiana 8, nella frescura del giardino sotto il baldacchino di una pianta rampicante. Abbiamo cominciato con un piatto di carne mista; per secondo Desmond ha scelto salsiccia con lenticchie, ed io pollo cucinato con prosciutto, formaggio, e spinaci; abbiamo bevuto vino, acqua e caffè. Quella è stata la seconda volta che abbiamo visitato questo ristorante; la prima volta era nell’Ottobre 2005. A Desmond piace molto mangiare fuori, con il cibo e vino italiano, e là abbiamo mangiato bene sotto la pergola dove filtrava il sole romano. Un pranzo memorabile in un sito ideale.

La Galleria Corsini chiudeva alle 13.30, così eravamo in ritardo per vederla e abbiamo preso l’autobus numero 116 fino alla chiesa di San Andrea della Valle, poi il numero 64 fino alla stazione Termini e il numero 649 ritornare all’hotel. Il numero 64 è famigerato per ladri e borsaioli, è un percorso tra Termini e San Pietro è sempre pieno di gente. Due persone, un uomo ed una donna, guardavano la borsa di Desmond, ma, poiché lui li guardava fisso, sono andati via veloci. Mentre io ero seduto e ero certo che loro sapevano che anch’io li guardavo. La donna aveva guardato la mia borsa, ma aveva capito che conoscevo i suoi trucchi. All’ultima firmata di Via Nazionale sono scesi dall’autobus, hanno attraversato subito la strada e poi hanno aspettato l’autobus che andava nella direzione apposta per tentare ancora la loro fortuna con i viaggiatori meno attenti.

La sera non siamo usciti, non avevamo fame, così abbiamo fatto il percorso per l’indomani e ci siamo riposati.

 

The picture by Lionello Spada, in the church of Santa Maria della Pace.

La pittura di Lionello Spada, nella chiesa di Santa Maria della Pace.

 

 

 

 

 

 

The St. Sebastian reliquary, in St. Peter’s Basilica museum.

Il reliquario di San Sebastiano, nel Museo della Basilica di San Pietro.

 

 

 

 

The picture by Domenichino, in the church of Santa Maria Degli Angeli, originally in St. Peter’s Basilica, now replaced by a mosaic copy.

La pittura di Domenichino, nella chiesa di Santa Maria degli Angeli, già nella Basilica di San Pietro, adesso ha sostituto di una coppia di mosaico.

 

 

 

 

 

The statue of St. Sebastian, on the Bernini Colonnade.

La statua di San Sebastiano, nel Colonnato di Bernini.

 

 

 

 

The dome over the main altar, in St. Peter’s Basilica.

La cupola sopra l’altare maggiore, nella Basilica di San Pietro.

 

 

 

Pietà by Michelangelo, in St. Peter’s Basilica.

La Pietà di Michelangelo, nella Basilica di San Pietro.

 

 

 

 

 

 

The Bernini Colonnade.

Il Colonnato di Bernini.

 

 

 

 


Saturday 28 October 2006

Our first visit was to Gallery Colonna, which is near Piazza Venezia, and only open on Saturday from 09.00 – 12.00; we found 3 pictures of St. Sebastian. We failed to find two others and the woman on the ticket desk knew nothing, not even the name of the Director, and told us to ring the office. I was surprised at her attitude; she was quite happy to chat to her friends on her mobile phone, but showed complete indifference to our query.  Her attitude was unusual.  We have found most Italian museum staff courteous, knowledgeable, very helpful and willing to guide and instruct us.  The Colonna palace is magnificent and its main salon is one of the most impressive rooms I have ever seen.

The 982 bus took us very close to the Villa Doria Pamphilj, where we came last week, but this time to see the chapel (actually the mausoleum), which is only open at 16.00 on Saturdays for mass. We walked again through the magnificent gardens and when we reached the chapel we asked the officiating priest for admittance to the family crypt, which he did without demur.  We found a very dusty marble statue of St. Sebastian there, abandoned in an alcove and surrounded by mops, ladders and cleaning materials.  It is of good quality, perhaps 19th century and deserved a better resting place.  In the chapel above, on the right of the apse above the altar, there is a very fine modern mosaic of St. Sebastian. Both these images are completely new to Desmond and currently undocumented.

We were back at the hotel about 17.00. Dinner was at “Botegga Trattoria” in Santa Croce in Gerusalemme, where we had spaghetti, fruit, water and a most excellent Frascati Superiore “Santa Teresa”. It was perfect and the staff there are always very pleasant and good humoured.

 

Sabato 28 Ottobre 2006

Oggi la prima visita era La Galleria Colonna, che è vicino a Piazza Venezia, e apre solo il sabato mattina dalle 09.00 alle 12.00; abbiamo trovato tre pitture di San Sebastiano. Non abbiamo trovato le altre due, e la donna alla biglietteria non ne sapeva niente, ne anche il nome del direttore, e ci ha detto di  telefonare l’ufficio. Sono rimasto sorpreso dal suo atteggiamento; era molto contenta di  palare con i suoi amici al telefonino, ma ha mostrato totale indifferenza alla nostra domanda. Questo era molto insolito. Abbiamo trovato che i dipendenti italiani dei musei sono molto gentili, ben informati, servizievoli e compiacenti di faci da guida. Il Palazzo Colonna è magnifico e la sala principale è una delle più imponenti che abbia mai visto.

Siamo andati, con l’autobus e il metro, a Piazza Risorgimento per cercare la fermata dell’autobus numero 982. Poi abbiamo pranzato con antipasto, salsicce, fragole, vino e acqua.

L’autobus numero 982 ci ha portato vicino alla Villa Doria Pamphilj, dove siamo stati la settimana scorsa, ma questa volta per vedere la cappella (veramente il mausoleo), che apre solo alle ore 16.00 del sabato per la messa. Abbiamo camminato ancora attraverso il bel giardino e, quando siamo arrivati alla cappella, abbiamo chiesto al prete l’accesso alla cripta della famiglia, e lo ha fatto senza fare obiezione. Abbiamo trovato una statua di marmo, molto polverosa, abbandonata nella nicchia circondata da scope, scale e materiale per pulire. È di alta qualità, forse del diciannovesimo secolo e merita un posto migliore. Sopra, nella cappella, a destra dell’abside sopra l’altare, c’è un bel mosaico moderno di San Sebastiano. Entrambe quelle immagini sono completamente nuove per Desmond ed al momento non documentate.

Siamo ritornati all’hotel verso le 17.00. Abbiamo cenato alla “Bottega Trattoria” a Santa Croce in Gerusalemme, dove abbiamo mangiato spaghetti, frutta, e abbiamo bevuto acqua ed una bottiglia di ottimo Frascati Superiore “Santa Teresa”. Era perfetto ed i dipendenti sono sempre simpatici e di buon umore.

 

The room of The Apotheosis of Martin V, in the Colonna Gallery.

Galleria Colonna la stanza dell’Apoteosi di Martino V.

 

 

 

 

Desmond in the park at the Doria Pamphilj Villa.

Desmond nel parco della Villa Doria Pamphilj.

 

 

 

Mosaic above the altar in the Mausoleum of the Doria Pamphilj Villa.

Il mosaico nel Mausoleo della Villa Doria Pamphilj.

 

 

 

 

 

 

Mosaic above the altar in the Mausoleum of the Doria Pamphilj Villa – detail.

Il mosaico nel Mausoleo della Villa Doria Pamphilj. – particolare.

 

 

 

 

 

 

The statue in the crypt of the Mausoleum of the Doria Pamphilj Villa.

La statua nella cripta del Mausoleo della Villa Doria Pamphilj.

 

 

 

 

 

 

Picture by Gian Domenico Cerrini, in the Colonna Gallery.

La pittura di Gian Domenico Cerrini, nella Galleria Colonna.

 

 

 

 

 

 

The martyrdom of St. Biagio (with St. Sebastian above) by Giacinto Brandi, in the church of San Carlo ai Catinari.

Il Martirio di San Biagio (con San Sebastiano in alto) di Giacinto Brandi, nella chiesa di San Carlo ai Catinari.

 

 

 

 

 

 

The throne room, in the Colonna Gallery.

Galleria Colonna la stanza del trono.

 

 

 

 

 

 


Sunday 29 October 2006

At the church of St. Vito and Modesto, we found that the mass was at 10.30 and not 10.00 as we expected; so we went to the Quirinale Palace instead. It is only open on Sunday 08.30 – 12.30, but when we arrived there was quite along queue and we did not have time to linger. We were heading for the church of St. Giovanni on the Island of Tiberina. We knew that it would be open at 11.00, and although we were early, it was already open. The painting Desmond wanted to see, by Giaquinto Corrado, is actually on the ceiling, and I am not certain that it is S. Sebastian. The priest told Desmond that it was the only painting by that artist in the church.  Desmond took photographs and will investigate when we get home.

We strolled through Trastevere; stopped for a coffee; made a booking for lunch at Romolo, and went to the Corsini Gallery. Desmond wanted to see an exquisite bronze statue of St. Sebastian, which was on the table, directly in front of the large Rubens oil painting St. Sebastian. He asked if he could take a photograph and the lady attendant said that we must write and ask permission. When I explained our interest, she allowed him to take just one, which we thought was very kind of her.

At the restaurant, Desmond had mixed antipasto, chicken with ham and cheese and lentils; I had Palma ham with melon, veal rolls stuffed with ham and vegetables, mushrooms and an artichoke; and the usual wine, water and coffee. We will not need another meal this evening.

Desmond wanted to see the church of St. Pietro in Montesoro, where there is a tomb and monument to Hugh O’Neill, the last Irish Earl of Tyrone.  He was an Irish patriot who united the squabbling Irish factions and, with Spanish help, led a nine years war between 1594 and 1603 to drive the English out of Ireland.  When the revolt failed he went to Rome in 1607 where he lived in exile as a guest of the Pope until his death in 1616.  With him died the last of the great Irish leaders who had sufficient power and charisma to unite his country.  His monument is set into the floor of the church close to the main altar.  It was actually covered by a carpet. Desmond went to ask where it was and before he could speak, they asked if he was looking for O’Neill’s monument. He must have looked very Irish! When we left the church, we had to stop for a few moments to admire the view over the rooftops of Rome. Then a bus came to a halt in front of us and we got on it; I did not know where it was going and I didn’t care, it was better than walking. I recognised the main street Viale di Trastevere, so we got off. I saw a no.3 bus going in the opposite direction and I found the stop round the next corner; the bus took us all the way to St. Croce in Gerusalemme, which is just at the end of our street. We did not go out again, preferring to spend the evening reading and relaxing.

 

Domenica 29 Ottobre 2006

Alla chiesa dei Santi Vito e Modesto, credevamo che la messa fosse alle 10.30, e non alle 10.00, così siamo andati al Palazzo di Quirinale. Apre solo la Domenica dalle 08.30 alle 12.30, ma c’era una fila lunga e non avevamo il tempo di aspettare. Siamo andati alla chiesa di San Giovanni dell’isola Tiberina. Sapevamo che apre alla 11.00, e, benché fossimo in anticipo, era già aperta. Desmond voleva vedere una pittura di Giaquinto Corrado, che, è sul soffitto, e non son certo se è una di San Sebastiano. Il prete ha detto che quella era la sola pittura di quest’artista nella chiesa. Desmond ha preso le foto e investigherà di più, quando ritorneremo a Londra.

Abbiamo passeggiato verso Trastevere, siamo andati a prendere il caffè, abbiamo prenotato il pranzo al ristorante Romolo, e siamo andati alla Galleria Corsini. Desmond voleva vedere una bella statua di San Sebastiano, che era su una tavola, di fronte a un quadro di San Sebastiano di Rumena. Ha chiesto se era possibile prendere una foto, ma la donna gli ha risposto che doveva scrivere per il permesso. Ho spiegato il suo interesse, così Desmond ha avuto il permesso di prenderne una.

Al ristorante, Desmond, ha preso antipasto misto, pollo con prosciutto e formaggio, anche lenticchie; per me prosciutto crudo con melone, rotoli di vitello ripieni di prosciutto e verdure, funghi ed un carciofo; e come di solito vino, acqua e caffè. Non è stato necessario mangiare la sera.

Desmond oggi desidera vedere la chiesa di San Pietro in Montesoro, dove c’è la tomba e monumento a Hugh O’Neill, l’ultimo Conte Irlandese di Tyrone. Lui era un patriota Irlandese, chi univa le sette, che litigavano, e, con l’aiuto della Spagna, le ha guidate alla guerra per nove anni tra il 1594 e il 1603, per cacciare gli Inglesi dall’Irlanda. La rivoltava non è stata un successo, e, nel 1607, lui è andato a Roma, dove ha vissuto in esilio, come ospite del Papa fino al 1616, quando morì. Lui è stato l’ultimo grande capo Irlandese, ad avere la potenza e il carisma per unire la sua nazione. Il suo monumento è nel pavimento della chiesa vicino all’altar maggiore. Veramente era coperto con un tappeto. Desmond è andato a chiedere dove era il monumento e, gli hanno chiesto se voleva vederlo. Doveva sembrare molto irlandese! Abbiamo lasciato la chiesa e siamo rimasti per un momento ad ammirare lo scenario sui tetti di Roma. Poi, di fronte a noi, c’era un autobus, così siamo saliti, non lo so dove andava, e non mi preoccupavo, era certamente meglio restare li, che camminare. Ho riconosciuto la strada principale, il Viale di Trastevere, così siamo scesi. Ho visto l’autobus numero 3 che andava nella direzione apposta e ho trovato la firmata vicino; l’autobus ci ha portati fino a Santa Croce in Gerusalemme, che era alla fine della nostra strada. Non siamo più usciti, abbiamo preferito stare all’hotel a leggere e riposare.

 

Bronze statue of St. Sebastian, in the Corsini Gallery.

La statua di bronzo di San Sebastiano, nella Galleria Corsini.

 

 

 

 

 

 

Romolo restaurant garden.

Il giardino del ristorante Romolo.

 

 

 

Ceiling painting by Giaquinto Corrado, in the church of San Giovanni in Isola.

Il soffitto dipinto di Giaquinto Coraddo, nella chiesa di San Giovanni in Isola.

 

 

 

 

 

 

The Acqua Paola Fountain by Giovanni Fontana and Flaminio Ponzio in Via Garibaldi.

La fontana di Acqua Paola di Giovanni Fontana e Flaminio Ponzio nella Via Garibaldi.

 

 

 

Old wine cooler at the restaurant Romolo.

Il secchiello del ghiaccio antico nel ristorante Romolo.

 

 

 


Monday 30 October 2006

This morning there appeared to be a political rally in Piazza Navona near where we were going. Never-the-less, we persisted in fighting our way through the good humoured crowds and eventually arrived at St. Carlo ai Catinari, our second visit, so that Desmond could pick up a postcard. There were none available of the one with St. Sebastian, but a kind lady took us into the sacristy and looked in her cupboard. Unfortunately, there were none there either, but she did find a guide to the church with a good illustration of it, so we bought that instead.

Next we went toward the Coliseum to the quiet and peaceful church of St. Sebastian al Palatino, which is reached along a pedestrian road and is sited on a small hill overlooking the Coliseum and set in well tended gardens. Desmond rang the bell at the gate and we were admitted, to be greeted by a lady, whom Desmond had met on a previous visit and who had given him a one page history of the church in English. He had a number of questions to ask, but first we went inside the church so that I could see it. Above the altar, in a lunette, there is a 17th C fresco of St. Sebastian being nursed by pious women, by Bernardino Gagliardi (Desmond had seen it and, in the poor light,  thought that it was Christ taken down from the cross). In the apse above the altar there are some interesting very early murals from about 970 AD; there is Christ in the centre with St. Sebastian and St. Lawrence on the right and St. Zoticus and St. Stephen on the left. Originally the whole of the east wall had murals of the life and death of St. Sebastian but they were destroyed in about 1630 when the church was restored. Fortunately the artist Antonio Eclissi made watercolour copies, which are now in the Vatican library, and there are usually 18th century copies of his drawings on display in the church. However, in 2000 they went away for restoration and have not yet been returned. Fortunately the lady had some illustrations of them and gave us a photocopy; at least Desmond now knows what was there before.  This was an important site for Desmond because of the very early dates of the frescos.

We went to look at the remains of Nero’s Golden House which is on a hill nearby; it was rather disappointing as there is very little to see above ground. Articles, which we have read in the past, said that there are quite substantial remains underground, perhaps where tourists are not allowed. It is possible that we just did not find the entrance; we can always try again another year. We did not attempt the Coliseum because there was a discouragingly long queue.

We had lunch of salad, wine and water, before setting out to find a 9.25 metres high granite obelisk, sited on the Pincio Hill.  The granite came from Egypt and was sculpted in Rome, on Hadrian’s orders, to commemorate his protégé Antinous.  In Egyptian hieroglyphics on all four faces it carries Hadrian’s own epitaph for Antinous. However, the Egyptian characters which cover it are not authentic and were incised by Roman workmen ignorant of true Egyptian forms.  No one has yet succeeded in making much sense of the symbols and the full meaning remains cryptic.  As part of the text claims that the obelisk marks the actual burial place of Antinous, its original position in antiquity is of considerable interest. Originally, it is thought it was installed in Hadrian’s villa at Tivoli around 136 AD; later it was moved to the Piazza S. Croce in Gerusalemme, near our hotel, then in 1822 it was re-erected on the Pincio Hill on a new base. It is a very interesting piece, because it is one of the few works of art created in the Egyptian style and erected in Rome.  For the Romans, Egypt had been a powerful enemy and the historical threat from Cleopatra and her supporters had never been forgotten, so one would not expect to find any Egyptian art in Rome.  The other obelisks in Rome were trophies of war, taken to demonstrate Rome’s triumph against the Egyptians.  The view from the top of the hill out over Rome is also worth the visit.  The obelisk is surrounded by beautiful gardens which are very popular with Romans and are full of children, pedestrians and cyclists enjoying the cool air on the hill.

We bought our train tickets, from a machine at Termini station, ready for our return to the airport tomorrow, and arrived back at the hotel by about 17.00. We went to “The Mad Sheep” for our final dinner, fillet steak with wild mushrooms, a sweet, wine and water.

 

Lunedì 30 Ottobre 2006

Questa mattina apparentemente c’era un raduno politico a Piazza Navona vicino alla nostra destinazione. Tuttavia, abbiamo persistito e finalmente siamo arrivati alla chiesa di San Carlo ai Catinari, la nostra seconda visita, così Desmond avrebbe potuto comprare una cartolina. Non c’è n’erano di San Sebastiano, ma una donna molto gentile ci ha accompagnati alla sagrestia e ha guardato nel suo armadio. Sfortunatamente, non c’è n’erano neanche lì, ma la donna ha trovato un libro della chiesa con una bella illustrazione del quadro, così Desmond lo ha comprato.

Poi siamo andati alla chiesa, quieta e pacifica, di San Sebastiano al Palatino, vicino al colosseo che abbiamo raggiunto via una strada pedonale, ed è su una collina che gode la vista del colosseo e c’è in un bel giardino. Desmond ha suonato il campanello e siamo entrati, ci ha salutati una donna che Desmond aveva già incontrato. Lei ha dato a Desmond una storia della chiesa, di una pagina, scritta in Inglese. Lui aveva a certo numero di domande da  chiederle, ma prima siamo entrati in chiesa per guardarla. Sopra l’altare, nella lunetta, c’è un affresco, del diciassettesimo secolo, di San Sebastiano curato dalle donne, è un dipinto di Bernardino Gagliardi (Desmond lo ha visto ma pensava che fosse una deposizione di Cristo). Nell’abside sopra l’altare ci sono un numero di murali interessanti del 970d.c. c’è Cristo nel centro con San Sebastiano e San Lorenzo a destra, e San Zotico e Santo Stefano a sinistra. Originalmente, tutta la parete est aveva murali della vita e la morte di San Sebastiano, ma sono stati distrutti nel 1630, quando la chiesa è stata restaurata. Fortunatamente l’artista Antonio Eclissi ha fatto delle copie in acquarello, adesso sono nella biblioteca Vaticana; di solito ci sono le copie dei suoi disegni in mostra nella chiesa. Comunque, nel 2000 sono stati portati via per restauro e non sono ancora ritornati. Per fortuna, la donna aveva un’illustrazione e ci ha dato una fotocopia; Desmond, adesso sa che cosa c’era lì prima. Per Desmond, questo è un sito molto importante, perché gli affreschi sono stati fatti secoli fa.

Abbiamo cercato le rovine della casa d’oro di Nerone, che sono su una collina lì vicino; ma era piuttosto scoraggiante perché non c’era molto da vedere li. Abbiamo letto nei giornali che c’erano molte rovine sotto la terra, forse i turisti non hanno il permesso di entrare. È possibile che non abbiamo trovato l’entrata, potremmo tentare ancora un altr’anno. Non abbiamo tentato di vedere il colosseo perché c’era una fila lunga ed era scoraggiante.

Abbiamo pranzato con insalata, vino e acqua, poi siamo andati a cercare l’obelisco di granito che è alto 9,25 m., sulla colina del Pincio. Il granito portato dall’Egitto è stata scolpito a Roma, su ordinazione di Adriano, per commemorare il suo pupillo Antinous. Nei geroglifici egiziani, Adriano ha scritto il suo epitaffio per Antinous. Comunque i caratteri egiziani non sono veri perchè fatti da operai romani che non conoscevano le forme egiziane giuste. Nessuno è riuscito a leggere i simboli e il loro significato rimane un segreto. Una parte del testo scritto sull’obelisco segna il vero sito della tomba di Antinous, la sua posizione nell’antichità desta molto interesse. Si pensa che originalmente sia stato costruito nella villa di Adriano a Tivoli verso il 136 d.c.; e poi portato a Piazza di Santa Croce in Gerusalemme, vicino al nostro hotel, e poi nel 1822 a ricostruito sulla collina del Pincio su una nuova base. È interessante perché, è una delle poche opere d’arte in stile egiziano, montata a Roma. Per i romani, l’Egitto era un nemico potente e la minaccia storica di Cleopatra e i suoi sostenitori non sono mai stati dimenticati, così nessuno  si aspetta di trovare arte egiziana a Roma. Gli altri obelischi a Roma erano i trofei di guerra, prendevano dimostrare le vittorie di Roma. La vista di Roma, della cima dalla collina vale la pena. L’obelisco è circondato da bei giardini, e sono molto popolari con i Romani, sono pieni di bambini, pedoni e ciclisti che godono l’aria fresca sulla colina.

Abbiamo comprato i nostri biglietti per il treno, da una macchinetta alla stazione Termini, pronti per ritornare all’aeroporto domani, e siamo arrivati all’hotel a circa le 17.00. Siamo andati al ristorante “La Pecora Pazza” per l’ultima cena di filetto di manzo, funghi salvatici, un dolce, vino e acqua.

 

Watercolours by Antonio Eclissi, now in the Vatican Library, of the destroyed murals showing scenes from the life of St. Sebastian which were in the church of St. Sebastian al Palatino

L’acquerelli di Antonio Eclissi, adesso nella Biblioteca Vaticana, dei murali (adesso distrutto) che mostrato scene della vita di San Sebastiano, che erano nella chiesa di San Sebastiano al Palatino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Picture by Bernardino Gagliardi, in the church of St. Sebastian al Palatino.

La pittura di Bernardino Gagliardi, nella chiesa di San Sebastiano al Palatino.

 

 

 

 

The murals above the altar, in the church of St. Sebastian al Palatino.

I murali sopra l’altare, nella chiesa di San Sebastiano al Palatino.

 

 

 

 

 

 

Entrance to San Sebastian al Palatino.

L’entrata alla chiesa di San Sebastiano al Palatino.

 

 

 

 

 

 

The ceramic plaque above the gate.

La placca di ceramica sopra il cancello.

 

 

 

 

Picture by Andrea Camassei, in the church of St. Sebastian al Palatino.

La pittura di Andrea Camassei, nella chiesa di San Sebastiano al Palatino.

 

 

 

 

 

 

Picture by Geralomo Imparato, in the church of St. Sebastian al Palatino.

La pittura di Geralomo Imparato, nella chiesa di San Sebastiano al Palatino.

 

 

 

 

 

 


Tuesday 31 October 2006

We left the hotel at about 10.30; caught the bus to Termini station and then the train to the airport. We checked in using a computer style terminal, which takes all of 5 minutes, left our cases and went through to the departure lounge. Our flight was not until 15.00, so we had plenty of time to have lunch from a well stocked buffet, antipasto, salad, and wine. Then a little shopping and so on to the plane, for a nice uneventful journey back to Heathrow. Desmond’s brother-in-law, Marc, was there to meet us and take us home; and Patricia had made sure that we had some food in the fridge for the next couple of days.

We were glad to be home again, after a very interesting holiday.

 

Martedì 31 Ottobre 2006.

Abbiamo lasciato l’hotel alle 10.30 circa; abbiamo preso l’autobus fino alla stazione Termini, poi il treno per l’aeroporto. Abbiamo usato il terminale come computer, per il nostro check in, poi abbiamo lasciato il nostro bagaglio al banco e siamo entrati nella sala delle partenze. Il nostro volo era alle 15.00, così avevamo molto tempo per il pranzo, antipasto, insalata e vino. Poi per fare un po’ di acquisti e poi sull’aeroplano, per un viaggio tranquillo fino a Heathrow. Marc, il cognato di Desmond, ci ha incontrati e ci ha portati a casa; e Patrizia si è assicurata che il frigo fosse pieno di cibo per un giorno o due.

Eravamo contenti di essere di nuovo a casa, dopo una vacanza molto interessante.

 

The obelisk to Antinous, on the Pincian Hill.

L’obelisco di Antinous, sulla colina Pincio.

 

 

 

 

 

 

The Coliseum © Roy Johnson 2007.

Il Colosseo © Roy Johnson 2007.

 

 

 

 

 

 

We bought this print by Piranesi of the church of San Sebastiano fuori le Mura, Rome, on the internet.

Abbiamo comprato questa stampa di Piranesi della chiesa di San Sbastiamo fuori le mura a Roma, sull’internet.

 

 

 

 

The view on the Pincian Hill.

La vista sulla colina Pincio.

 

 

 

The Mausoleum of the Doria Pamphilj Villa. © Roy Johnson 2007.

Il Mausoleo della Villa Doria Pamphilj. © Roy Johnson 2007.

 

 

 

 

 

 


 


Leave a comment

Your e-mail address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: