Home » Paintings

Category Archives: Paintings

Torino – February, March 2015

THE SEARCH FOR SAINT SEBASTIAN

CONTINUED, 2013

BERGAMO

By Roy Johnson, Italian translation by Tracy Johnson.

LA RICERCA PER SAN SEBASTIANO

CONTINUATO 2013

BERGAMO

 

 

I am pleased to acknowledge the great help given to me by my dear daughter Tracy Johnson for the Italian text, and to Elizabeth Farrugia and Desmond Reid for their very helpful suggestions.

The Italian photo captions are my work and any errors are my responsibility.

Roy Johnson 2013.

 


BERGAMO.

Bergamo occupies the site of the ancient town of Bergomum, founded as a settlement of the Celtic tribe of Cenomani. In 49 BC it became a Roman municipality, containing c. 10,000 inhabitants at its peak. An important hub on the military road between Friuli and Raetia, it was destroyed by Attila in the 5th century.

From the 6th century Bergamo was the seat of one of the most important Lombard duchies of northern Italy, together with Brescia, Trento and Cividale del Friuli: its first Lombard duke was Wallaris. After the conquest of the Lombard Kingdom by Charlemagne, it became the seat of a county under one Auteramus (died 816).

From the 11th century onwards Bergamo was an independent commune, taking part in the Lombard League which defeated Frederick I Barbarossa in 1165. Caught in the bitter fights between Guelphs and Ghibellines, led in the city by the Colleoni and the Suardi respectively, from 1264 Bergamo was intermittently under the rule of Milan. In 1331 it gave itself to John of Bohemia, but later the Visconti of Milan reconquered it.

After a short conquest by the Malatesta in 1407, in 1428 it fell under the control of the Venetian Republic, remaining part of it until 1797. Between 1797 and 1815, Bergamo and its territory were included in the political entities born in North Italy during the French and Napoleonic dominion. Notably, the Venetians fortified the higher portion of the town.

In 1815, it was assigned to the Austrian Empire. Giuseppe Garibaldi freed it in 1859 during the Second Italian War of Independence, when Bergamo became part of the Kingdom of Italy. For its contribution to “Il Risorgimento” the city is also known as “Città dei Mille” (“City of the Thousand”). During the 20th century Bergamo become one of Italy’s most industrialized cities. It is also one of the few Italian cities that did not suffer major destruction during World War II.

 

BERGAMO

Bergamo occupa il sito dell’antica città di Bergomum che fu fondata come insediamento della tribù Celtica dei Cenomani. Nel 49 a.C. divenne un comune romano dove la popolazione raggiunse circa 10.000 abitanti. Fu un importante centro sulla strada militare tra Friuli e Raetia ma fu distrutto da Attila nel V secolo.

A partire dal VI secolo, Bergamo fu sede di uno dei più importanti ducati Lombardi nel nord Italia insieme a Brescia, Trento e Cividale del Friuli ed il primo duca lombardo fu Wallari.  Dopo che Carlo Magno conquistò il Regno Lombardo esso divenne un’unica contea sotto il dominio di Auteramus (che morì nell’ 816).

A partire dal XII secolo Bergamo era un comune indipendente che prese parte alla Lega Lombarda che sconfisse Federico Barbarossa nel 1165.  Fu coinvolto nelle aspre lotte tra il partito dei Guelfi (capeggiati dai Colleoni) e il partito dei Ghibellini (capeggiati dai Suardi).  Dal 1264 Bergamo era “intermittente” sotto il dominio di Milano.  Nel 1331 la città fu sotto il comando di Giovanni I di Lussemburgo e in seguito fu riconquistata dal Visconte di Milano.

Dopo una breve conquista da parte dei Malatesta nel 1407e in seguito nel 1428 cadde sotto il dominio della Repubblica Veneta e rimase così fino al 1797.  Durante il periodo del dominio Veneta la città alta di Bergamo fu murata. Tra il 1797 e 1815, Bergamo e il suo territorio furono inclusi nelle entità politiche nate nel Nord Italia durante il dominio napoleonico e francese.

Nel 1815, Bergamo fu assegnata all’Impero Austriaco ed è soltanto durante la seconda guerra d’indipendenza nel 1859 che Garibaldi la liberò facendola diventare parte del Regno d’Italia.  Per il ruolo che Bergamo ha avuto nel Risorgimento la città venne nominata Città dei Mille. Durante il XX secolo, Bergamo divenne una delle città italiane più industrializzate ed è una delle poche città del nord Italia a non subire grande distruzione durante la Seconda Guerra Mondiale.

 

Fontana Contarini, Piazza Vecchia, Bergamo.

 

 

 

 

 

The Venetian city walls, Bergamo.

Le mura veneziana, Bergamo.

 

 

 

 

 


Wednesday 20 March 2013.

Although Bergamo is only 1½ hours from Heathrow airport, it is necessary to be there 2 hours before the flight. So, we left home at 09.00, took the bus to Kings Cross, then the underground, Piccadilly line, to Heathrow terminal 5. Our flight was at 13.40 to Milan Malpensa, which is not the best choice of airport for Bergamo. I later found that Bergamo actually has its own regional airport.

At Malpensa we found a notice indicating there was a direct coach to Bergamo and Brescia, so, naturally, we thought that that would be a good way to go. Having waited quietly with English patience for almost an hour we were finally informed that a coach service from Malpensa to Bergamo and Brescia was no longer available!

Having wasted more than an hour, we took a coach to Milan Central Station, then the train to Bergamo. We arrived at our hotel, San Giorgio, via San Giorgio 10, at about 20.15.

We were tired and hungry and found a wine bar; Vini e Spiriti, via Giorgio Vaglio 19b; which was close to the hotel. Desmond had chicken in a mild curry sauce with couscous; I had veal Milanese with mashed potato. The wine was Lugano; a wine from near Lake Garda; and we had a bottle plus two glasses! Our pleasant waitress, Marta, was pleased to practice her excellent English on us, and we were very impressed with the food, wine and service. I feel sure that we will return.

 

Mercoledì 20 Marzo 2013

Anche se il volo da Bergamo a Londra impiega soltanto un’ora e mezza, è necessario essere all’aeroporto due ore prima dell’ora della partenza. Così, siamo partiti da casa alle 09,00 e abbiamo preso il pullman per Kings Cross, poi la metropolitana, Picadilly line, per il terminale 5 dell’aeroporto di Heathrow. Il nostro volo era alle 13,40 diretto a Milano Malpensa che non è comunque la scelta migliore per Bergamo. Infatti, ho poi appreso che Bergamo ha il proprio aeroporto regionale.

Arrivati a Bergamo, abbiamo visto scritto che c’era un pullman diretto per Bergamo e Brescia e così abbiamo pensato che sarebbe stato un ottimo mezzo per arrivare in città. Dopo aver atteso per un’ora con la pazienza che possiedono solo gli inglesi, siamo stati informati che questo servizio di pullman non era più disponibile!

Avendo sprecato un’ora di tempo abbiamo preso un pullman diretto alla stazione centrale di Milano e poi il treno per Bergamo. Siamo arrivati nel nostro albergo, San Giorgio, verso le 20.15.

Eravamo stanchi ed affamati e così abbiamo trovato l’enoteca:Vini e Spiriti in Via Giorgio Valio 19b, che era molto vicina all’albergo. Desmond ha ordinato il pollo con cus-cus in una salsa di curry poco piccante, io ho ordinato il vitello alla Milanese con il purè di patate. Il vino era un Lugano ed insieme alla bottiglia di vino abbiamo chiesto due bicchieri! La nostra cameriera Marta era molto simpatica e ben felice di potere parlare in inglese con noi. Siamo rimasti contenti del servizio, del cibo e del vino e sono sicuro che ritorneremo.

 

Trieste, Udine – May 2014

THE SEARCH FOR SAINT SEBASTIAN

CONTINUED, 2013

BERGAMO

By Roy Johnson, Italian translation by Tracy Johnson.

LA RICERCA PER SAN SEBASTIANO

CONTINUATO 2013

BERGAMO

 

 

I am pleased to acknowledge the great help given to me by my dear daughter Tracy Johnson for the Italian text, and to Elizabeth Farrugia and Desmond Reid for their very helpful suggestions.

The Italian photo captions are my work and any errors are my responsibility.

Roy Johnson 2013.

 


BERGAMO.

Bergamo occupies the site of the ancient town of Bergomum, founded as a settlement of the Celtic tribe of Cenomani. In 49 BC it became a Roman municipality, containing c. 10,000 inhabitants at its peak. An important hub on the military road between Friuli and Raetia, it was destroyed by Attila in the 5th century.

From the 6th century Bergamo was the seat of one of the most important Lombard duchies of northern Italy, together with Brescia, Trento and Cividale del Friuli: its first Lombard duke was Wallaris. After the conquest of the Lombard Kingdom by Charlemagne, it became the seat of a county under one Auteramus (died 816).

From the 11th century onwards Bergamo was an independent commune, taking part in the Lombard League which defeated Frederick I Barbarossa in 1165. Caught in the bitter fights between Guelphs and Ghibellines, led in the city by the Colleoni and the Suardi respectively, from 1264 Bergamo was intermittently under the rule of Milan. In 1331 it gave itself to John of Bohemia, but later the Visconti of Milan reconquered it.

After a short conquest by the Malatesta in 1407, in 1428 it fell under the control of the Venetian Republic, remaining part of it until 1797. Between 1797 and 1815, Bergamo and its territory were included in the political entities born in North Italy during the French and Napoleonic dominion. Notably, the Venetians fortified the higher portion of the town.

In 1815, it was assigned to the Austrian Empire. Giuseppe Garibaldi freed it in 1859 during the Second Italian War of Independence, when Bergamo became part of the Kingdom of Italy. For its contribution to “Il Risorgimento” the city is also known as “Città dei Mille” (“City of the Thousand”). During the 20th century Bergamo become one of Italy’s most industrialized cities. It is also one of the few Italian cities that did not suffer major destruction during World War II.

 

BERGAMO

Bergamo occupa il sito dell’antica città di Bergomum che fu fondata come insediamento della tribù Celtica dei Cenomani. Nel 49 a.C. divenne un comune romano dove la popolazione raggiunse circa 10.000 abitanti. Fu un importante centro sulla strada militare tra Friuli e Raetia ma fu distrutto da Attila nel V secolo.

A partire dal VI secolo, Bergamo fu sede di uno dei più importanti ducati Lombardi nel nord Italia insieme a Brescia, Trento e Cividale del Friuli ed il primo duca lombardo fu Wallari.  Dopo che Carlo Magno conquistò il Regno Lombardo esso divenne un’unica contea sotto il dominio di Auteramus (che morì nell’ 816).

A partire dal XII secolo Bergamo era un comune indipendente che prese parte alla Lega Lombarda che sconfisse Federico Barbarossa nel 1165.  Fu coinvolto nelle aspre lotte tra il partito dei Guelfi (capeggiati dai Colleoni) e il partito dei Ghibellini (capeggiati dai Suardi).  Dal 1264 Bergamo era “intermittente” sotto il dominio di Milano.  Nel 1331 la città fu sotto il comando di Giovanni I di Lussemburgo e in seguito fu riconquistata dal Visconte di Milano.

Dopo una breve conquista da parte dei Malatesta nel 1407e in seguito nel 1428 cadde sotto il dominio della Repubblica Veneta e rimase così fino al 1797.  Durante il periodo del dominio Veneta la città alta di Bergamo fu murata. Tra il 1797 e 1815, Bergamo e il suo territorio furono inclusi nelle entità politiche nate nel Nord Italia durante il dominio napoleonico e francese.

Nel 1815, Bergamo fu assegnata all’Impero Austriaco ed è soltanto durante la seconda guerra d’indipendenza nel 1859 che Garibaldi la liberò facendola diventare parte del Regno d’Italia.  Per il ruolo che Bergamo ha avuto nel Risorgimento la città venne nominata Città dei Mille. Durante il XX secolo, Bergamo divenne una delle città italiane più industrializzate ed è una delle poche città del nord Italia a non subire grande distruzione durante la Seconda Guerra Mondiale.

 

Fontana Contarini, Piazza Vecchia, Bergamo.

 

 

 

 

 

The Venetian city walls, Bergamo.

Le mura veneziana, Bergamo.

 

 

 

 

 


Wednesday 20 March 2013.

Although Bergamo is only 1½ hours from Heathrow airport, it is necessary to be there 2 hours before the flight. So, we left home at 09.00, took the bus to Kings Cross, then the underground, Piccadilly line, to Heathrow terminal 5. Our flight was at 13.40 to Milan Malpensa, which is not the best choice of airport for Bergamo. I later found that Bergamo actually has its own regional airport.

At Malpensa we found a notice indicating there was a direct coach to Bergamo and Brescia, so, naturally, we thought that that would be a good way to go. Having waited quietly with English patience for almost an hour we were finally informed that a coach service from Malpensa to Bergamo and Brescia was no longer available!

Having wasted more than an hour, we took a coach to Milan Central Station, then the train to Bergamo. We arrived at our hotel, San Giorgio, via San Giorgio 10, at about 20.15.

We were tired and hungry and found a wine bar; Vini e Spiriti, via Giorgio Vaglio 19b; which was close to the hotel. Desmond had chicken in a mild curry sauce with couscous; I had veal Milanese with mashed potato. The wine was Lugano; a wine from near Lake Garda; and we had a bottle plus two glasses! Our pleasant waitress, Marta, was pleased to practice her excellent English on us, and we were very impressed with the food, wine and service. I feel sure that we will return.

 

Mercoledì 20 Marzo 2013

Anche se il volo da Bergamo a Londra impiega soltanto un’ora e mezza, è necessario essere all’aeroporto due ore prima dell’ora della partenza. Così, siamo partiti da casa alle 09,00 e abbiamo preso il pullman per Kings Cross, poi la metropolitana, Picadilly line, per il terminale 5 dell’aeroporto di Heathrow. Il nostro volo era alle 13,40 diretto a Milano Malpensa che non è comunque la scelta migliore per Bergamo. Infatti, ho poi appreso che Bergamo ha il proprio aeroporto regionale.

Arrivati a Bergamo, abbiamo visto scritto che c’era un pullman diretto per Bergamo e Brescia e così abbiamo pensato che sarebbe stato un ottimo mezzo per arrivare in città. Dopo aver atteso per un’ora con la pazienza che possiedono solo gli inglesi, siamo stati informati che questo servizio di pullman non era più disponibile!

Avendo sprecato un’ora di tempo abbiamo preso un pullman diretto alla stazione centrale di Milano e poi il treno per Bergamo. Siamo arrivati nel nostro albergo, San Giorgio, verso le 20.15.

Eravamo stanchi ed affamati e così abbiamo trovato l’enoteca:Vini e Spiriti in Via Giorgio Valio 19b, che era molto vicina all’albergo. Desmond ha ordinato il pollo con cus-cus in una salsa di curry poco piccante, io ho ordinato il vitello alla Milanese con il purè di patate. Il vino era un Lugano ed insieme alla bottiglia di vino abbiamo chiesto due bicchieri! La nostra cameriera Marta era molto simpatica e ben felice di potere parlare in inglese con noi. Siamo rimasti contenti del servizio, del cibo e del vino e sono sicuro che ritorneremo.

 

Paintings 801-900

Order by:
« 1 of 2 »

Paintings 701-800

Order by:
« 1 of 2 »

Paintings 601-700

Order by:
« 1 of 2 »

Paintings 501-600

Order by:
« 2 of 2 »

Paintings 401-500

Order by:
« 1 of 2 »

Paintings 301-400

Order by:
« 1 of 2 »

Paintings 201-300

Order by:
« 1 of 2 »

Paintings 101-200

Order by:
« 1 of 2 »

Categories