Home » Narratives » Malta – January 1997

Malta – January 1997

MALTA

JANUARY 1997

Statue of Neptune, Grand Master’s Palace, Valetta.

La statua di Neltuno, Il Palazzo del Gran Maestro, Valetta.


ROY JOHNSON                                               MALTA


20 January, 1997. 

I arrived in Malta at about 4 o’clock in the afternoon and, after London, it felt very warm. The airport is very near to Valletta, the capital, and Sliema, where I stayed.

20 Gennaio 1997.

Sono arrivato a Malta alle quattro del pomeriggio e, dopo Londra, ho sentito molto caldo. L’aeroporto è vicino alla Valletta, la capitale, e Sliema, dove sono stato.


 

 

 

 

 

 

 


21 January, 1997.

I used the day to explore Sliema which is situated on a peninsular; it was quite easy finding my way around. This fort is quite close to the hotel but it isn’t very interesting. It did however have good views of Valletta and its fortifications, across Sliema Creek, and I took a number of photographs. In the evening I walked to St. Julians, along Tower Road, which is beside the sea all the way. I took about 90 minutes there and back and I was a little tired when I arrived back at the hotel.

21 Gennaio 1997.

Oggi ho esplorato Sliema, che è situato sulla penisola; e stata abbastanza facile trovare la mia direzione nella città. C’era una fortezza, vicino al mio hotel, ma non era molto interessante. Comunque avevo una bella vista della Valletta e anche delle sue fortificazioni, attraverso la piccola baia di Sliema e ho preso delle fotografie. La sera ho camminato a St. Julians, lungo la strada della torre, che era vicino al mare. Sono andato e ritornato in 90 minuti ero stanco, quando sono arrivato al mio hotel.

 

 

 

 

 

 

 


22 January, 1997.

I spent the morning in Valletta; I went on the bus; about 15 minutes; and returned on the ferry; about 5 minutes.

I visited St. John’s Cathedral which I found very interesting. The ceiling was painted by Mattia Preti, born in Calabria, from 1662 to 1667 and depicts episodes in the life of St. John the Baptist. He is also responsible for a number of the altar paintings.

In the Oratory are the St. Jerome and also the Beheading of St. John, both painted by Caravaggio. The St. John was not on show; it is being restored in Florence. In the museum are a number of Flemish tapestries, designed by Jodocus de Vos in 1697, based on paintings by Rubens and Poussin. They were normally hung in the nave from Corpus Christi to the feast of St. Peter and St. Paul; this no longer happens as they are now rather fragile. They were last hung in their correct places in the nave in 1990 for the Pope’s visit to Malta and Gozo.

In the afternoon I went on a mini-bus to see something of the countryside. Malta is an agricultural country and very fertile in parts. It was a very interesting tour, on very minor roads, away from the towns. We went to two places with lovely views of the country and the sea. At this time of the year it is very green, but during the summer it is all dried up and withered.

Tomorrow I will return to Valletta and explore further.

Valetta.

 

 

 

 

 

 

Grand Harbour entrance and Senglea, Valetta.

L’entrata del Grande Porto e Senglea, Valetta.

 

 

 


22 Gennaio 1997.

Ho passato la mattina a Valletta; sono andato in bus; l’autobus ha impiegato circa 15 minuti e sono ritornato in traghetto; ci ha impiegato solo 5 minuti.

Ho visitato la cattedrale di San Giovanni che ho trovato molto interessante. Il soffitto è stato dipinto da Mattia Preti, nato in Calabria, dal 1662 alle 1667 dipinse episodi nella vita di San Giovanni Battista. Lui ha anche dipinto molti quadri che sono sopra gli altari. Nell’oratorio ci sono due pitture di Caravaggio; il San Gerolamo e la decapitazione di San Giovanni. Il San Giovanni non era in mostra; è a Firenze per la restaurazione. Nel museo c’erano gli arazzi fiamminghi, disegnati da Jodocus de Vos nel 1697, delle pitture di Rubens e Poussin. Normalmente, sono appese nella navata alla festa del Corpus Domini alla festa di San Pietro e San Paolo; ma oggi sono troppo fragili da attaccare. L’ultima volta e stato nel 1990 quando il Papa ha visitato Malta e Gozo.

Nel pomeriggio sono andato in mini-bus a vedere la campagna. Malta è un paese agricolo e in parte molto fertile. Era un giro interessante, lungo le piccole strade, lontano dalla città. Siamo andati in due luoghi con belle viste della campagna e il mare. In questo momento la compagna è molto verde, ma durante 1’estate è molto secca e appassita.

Domani ritornerò alla Valletta per esplorare di più.

 

Dockyard Creek, Valetta.

Dockyard Creek, Valetta.

 

 

 

 

 

 


23 January, 1997.

The Museum of Fine Art is quite an interesting gallery with paintings from most periods on display. There are a number of paintings by Mattia Preti which are very good.

Unfortunately there is no guide book; it is out of print; and only 10 postcards available, 5 showing Sciortino’s sculptures and 5 of various paintings. There were no reproductions of the paintings which I particularly liked.

There is a small room devoted to the sculptor Antonio Sciortino (1897 – 1947) some of which I found very interesting. A design, entitled ‘Disaster of a Submarine’, presumably for a memorial, is particularly good. There is a large memorial, in remembrance of the defeat of the Turkish siege of 1565, in Great Siege Square, by the same artist.

The Upper Barracca Gardens are notable for the views of the three cities across the Grand Harbour.

Again I returned to Sliema on the ferry.

23 Gennaio 1997.

Il Museo di Belle Arti è abbastanza interessante con quadri di periodi diversi. Ci sono pitture di Mattia Preti che sono molto belle.

Sfortunatamente non c’è una guida; devono ristamparla; e solo 10 cartoline da comprare, 5 delle sculture di Sciortino e 5 di varie pitture. Non c’erano riproduzioni di pitture che mi piacessero.

C’è una piccola stanza per lo scultore Antonio Sciortino (1897 – 1947) che ho trovato interessante. Un progetto, che si chiama ” Disastro di un Sommergibile”, suppongo per un monumento, mi piace molto. C’è un gran monumento di questo artista, qui vicino, nella rievocazione della sconfitta dell’assedio turco del 1565.

Il giardino a Upper Barracca è famoso per le viste delle tre città attraverso il gran porto.

Sono ritornato a Sliema ancora sul traghetto.

Valetta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The memorial to the great siege of 1565 by Sciortino, Great Siege Square, Valetta.

Il monumento per il gran assedio del 1565 di Sciortino, Great Siege Square, Valetta.

 

 

 

 

 

 

Sculpture by Sciortino “Disaster of a Submarine” in The Museum of Fine Art, Valetta.

La scultura di Sciortino “Il disastro del sottomarino” nel Museo di Belle Arti, Valetta

 

 

 

 

 

 

Fort St. Elmo from Dragut Point.

Il forte di Sant’Elmo da Dragut Point.

 

 

 

Bighi Hospital from Valetta.

L’ospedale a Bighi da Valetta

 

 

 

 

Mdina.

 

 

 

 

 


24 January, 1997.

Until the Knights of St. John were given Malta in 1530, Mdina was the capital and today it was included in my tour. I liked the town, but we were there for a very short time, and I will be returning next week.

St. Mary’s church in Mosta has the third largest unsupported dome in the world. The architect was Giorgio Grognel de Vasse, who based the design on the Ancient Roman Pantheon in Rome. Building started in 1833 and took 27 years.

In 1942, during a very crowded service, the church was hit by 3 bombs. Two bounced off the dome and landed, without exploding, in the square; the third fell through the dome, and after hitting the interior wall twice, rolled across the floor, again without exploding. Not one person was hurt, and the people claim that The Virgin performed a miracle by protecting them and their church.

We finally visited the old fishing village of Marsaxlokk which is quite charming.

24 Gennaio 1997.

Fino a quando Malta è stata data ai cavalieri di San Giovanni a 1530, Mdina era la capitale e oggi era inclusa nel mio giro. La città mi piace, ma era una visita breve, e ritornerò la settimana prossima.

La chiesa di Santa Maria a Mosta ha la terza più grande cupola senza sostegni nel mondo. L’architetto era Giorgio Grognel de Vasse, che ha usato il Pantheon a Roma come suo modello. Ha cominciato 1’edificio nel 1833; il fine dopo 27 anni.

Nel 1942, durante una messa affollata, la chiesa fu colpita da tre bombe. Due sono balzate contro la cupola e sono finite, senza esplodere, nella piazza; la terza e caduta attraverso la cupola, ha percosso la parete due volte, ed è rotolata attraverso il pavimento, ancora senza esplodere.

Nessuno è stato colpito e la gente dice che Maria ha fatto un miracolo ha protetto loro e anche la chiesa.

Finalmente abbiamo visitato il vecchio villaggio di pescatori di Marsaxlokk che incantevole.

St. Mary’s church, Mosta.

La chiesa di Santa Maria,  Mosta.

 

 

 

 

Marsaxlokk harbour.

Il porto di Marsaxlokk.

 

 

 

 

The Cathedral, Mdina.

La cattedrale, Mdina.

 

 

 

 

 

 


25 January, 1997.

The earliest recorded fort on Birgu, now Vittoriosa, was in the thirteenth century and it was certainly in use in the next two centuries. When the Knights of St. John arrived in 1530 they took over the existing fort and quickly reinforced it against any attack by the Ottoman Turks. This proved to be very wise as they were attacked in 1565 but were able, eventually, to repulse a formidable Turkish Armada. This part of the island was under siege for 3 months before the Turks retreated and Malta was again safe. The fort underwent various changes in the following years. In the nineteenth century the British took over.

The fort commands good views of The Grand Harbour and Kalkara and Dockyard Creeks, so the Royal Navy used it as a shore establishment, named first HMS Egmont, then, in 1933, HMS St. Angelo. The people of Malta were both surprised and amused, during the Second World War, when Italy announced that they had sunk HMS St. Angelo! They also claimed to have destroyed the railway and the coal mines. The railway had been closed for 10 years and the island has never had any coal to mine. The fort was extensively damaged by air attack because it is so near to the dockyard area. Between 1940 and 1943 the fort took 69 direct hits.

Recently the government have granted the Order of St. John the right to occupy the upper part; the Magisterial Palace and the chapel of St. Anne; which they are restoring.

The fort is only a small part of the defences of the Grand Harbour and Valletta built by the Knights.

25 Gennaio 1997.

La prima fortezza a Birgu, adesso Vittoriosa, era nel tredicesimo secolo e era in uso nei due secoli dopo. Quando i Cavalieri di San Giovanni sono arrivati nel 1530 hanno occupato questa fortezza e al più presto la hanno rinforzata contro gli attacchi dell’impero ottomano. Questo è stata una decisione molto assennata, perchè i turchi li hanno attaccati nel 1565, ma, alla fine, hanno vinto. Questa parte dell’isola ha sofferto 1’assedio per 3 mesi, quando i turchi si sono ritirati e Malta era al sicuro. Nel diciannovesimo secolo gli inglesi hanno occupato Malta.

La fortezza ha belle viste del gran porto e le piccole baie di Kalkara e Dockyard, cosi il ministero della marina la ha usata come base di terra firma, prima fu chiamata La nave di sua Maestà Egmont, e, nel 1933, Sant’Angelo. La gente di Malta era sorpreso e divertita, durante la seconda guerra mondiale, quando 1’Italia ha annunciato che la nave era stata affondata. La fortezza aveva avuto gravi danni costate dall’attacco in volo, perchè il cantiere era vicino. Fra il 1940 e il 1943 la fortezza e stata colpita da 69 bombe.

La fortezza e una parte piccola delle difese del gran porto e della città della Valletta.

Fort St. Angelo from Valetta.

Il forte di Sant’Angelo da Valetta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fort St. Angelo, Vittorioso.

Il forte di Sant’Angelo, Vittorioso.

 

 

 

 

 

 

The Blue Grotto.

La grotta azzurra.

 

 

 

 


26 January, 1997.

This morning we visited a tiny village in the south of the island to see the site of the Blue Grotto. The sea was too rough for us to take a boat and see inside the grotto. We continued to Vittoriosa where we had about 40 minutes to explore. There is good view of Senglea from there across Dockyard Creek.

In the afternoon I went to Valletta and fort St. Elmo, which I did not find as interesting as fort St. Angelo yesterday. The ticket, which I bought yesterday, gives access to both forts for 50 cents; less than one pound sterling.

Last Monday, on the plane from London, there was a party of blind people and their human guides, who are also staying in my hotel. Their helpers are from all walks of life and I had some very interesting conversations with them. One lady is sure that I would be a very good helper. If they took their guide dogs abroad with them, they would be in quarantine for 6 months when they returned to the UK, so they take human helpers. I think it is a very practical thing to do and it ensures that they can have a holiday abroad.

26 Gennaio 1997.

Questa mattina abbiamo visitato un piccolo villaggio al sud di Malta per vedere la grotta azzurra. Il mare era troppo agitato per le barche. Abbiamo continuato a Vittorioso dove abbiamo avuto quaranta minuti per esplorare. C’è una bella vista di Senglea da là attraverso Dockyard Creek.

Nel pomeriggio sono andato alla Valletta e alla fortezza di Sant’Elmo, che non ho trovato tanto interessante quanto la fortezza di Sant’Angelo. I1 biglietto, che ho comprato ieri, da accesso a tutte e due le fortezze per 50 centesimi; meno di una sterlina.

Lunedì scorso, nell’aeroplano da Londra, c’era un gruppo di persone non vedenti e le loro guide, che è rimasto al mio hotel. Le nostre guide erano di tutti ceti e occupazioni e ho avuto conversazioni molto interessanti con loro. Una donna era convinta che sarei stato un buon guida. Penso che sia una buona idea per i ciechi.

Fort St. Elmo, Valetta.

La fortezza di Sant’Elmo, Valetta.

 

 

 

 

 

 

Fifla Island.

 

 

 

 

 

Dragur Point from Fort St. Angelo.

Drague Point dal forte di Sant’Angelo.

 

 

 


27 January, 1997.

From the Upper Barracca Gardens, this morning, I had a good view of the Royal Yacht Britannia moored in The Grand Harbour of Valletta.

I went to see the Manoel Theatre which is an eighteenth century gem. The interior, boxes etc., is made of wood which makes the acoustics very good. Antonio Manoel de Vilhena was Grand Master of the Knights at the time, and he decided in 1731 to build a public theatre, mostly with his own money, for the honest recreation of the people. On the very day that the Deed of Transfer of the site was signed, building commenced and in ten months it was finished. It was originally “Public Theatre”, later “Royal Theatre”, but in 1866 it was named for its founder.

In 1861 it was sold and became a private property, as it was considered to be too small, and The Royal Opera House was built. It was, for a time, a doss house for beggars; 50 cents to sleep in one of the boxes for the night. They were evicted in 1873 and the theatre was back in use; the Opera House had been destroyed by fire. When the Opera House was rebuilt and open, the theatre served, briefly, as a dance hall and later as a cinema. The Opera House was completely destroyed in the Second World War, and the theatre was again saved and beautifully restored. The original decoration was mainly intact and what we see today would look familiar to its founder.

Recently a fine old house, adjoining the theatre, has been converted to create an “L” shaped hall where concerts and exhibitions are held. It is now the National Theatre of Malta.

In the evening we had a lecture on the history of the Knights of St. John which was very interesting.

27 Gennaio 1997.

Questa mattina, dal giardino Upper Barracca, ho visto il panfilo reale Britannico ormeggiato nel gran porto di Valletta. Sono andato per vedere il teatro Manoel lì c’è una gemma del diciottesimo secolo. L’interno e fatto di buon legno che rende ottima 1’acustica. Antonio Manoel de Vilhena era il padrone dei Cavalieri a quel tempo, e nel 1731 decise di costruire un teatro pubblico, con i suoi soldi, per il passatempo della gente. Quando firmo 1’atto di cessione per 1’area, comincio 1’edificio e il fine in 10 mesi. Originalmente “Teatro Pubblico”, dopo “Teatro Reale”, nel 1866 gli fu dato il nome del suo fondatore.

Nel 1861 è stato venduto, perchè troppo piccolo, e fu costruito il teatro reale dell’opera. Per un tempo è stato un dormitorio pubblico per gli accattoni; 50 centesimi per dormire nel palco per una notte. Nel 1873 i mendicanti furono sfrattati e il teatro venne usato di nuovo, il teatro nuovo è stato distrutto da un incendio. Quando il teatro nuovo è stato ricostruito, il teatro Manoel era una sala da ballo e un cinema. Il Teatro Reale dell’Opera è stato completamente distrutto durante la seconda guerra del mondo e il Teatro Manoel è stato salvato e restaurato. Le decorazioni originali sono rimaste abbastanza intatte, e ciò che vediamo oggi, sarebbe apparso al fondatore.

Recentemente una vecchia casa, contigua con il teatro, è stata trasformata per fare una grande sala per concerti e mostre. Adesso è il Teatro Nazionale di Malta.

La sera c’era una conferenza della storia dei cavalieri di San Giovanni, è stata molto interessante.

Manoel Theatre, Valetta.

Il teatro Manoel, Valetta.

 

 

 

 

Four members of the band of the Royal Yacht Britannia, Valetta.

Quattro membri della banda della yacht reale Britannia, Valetta.

 

 

 

 

Three members of the band of the Royal Yacht Britannia, Valetta.

Tre membri della banda della yacht reale Britannia, Valetta.

 

 

 


28 January, 1997.

We had a very busy day in Valletta and a few surprises.

Our first stop was St. John’s Cathedral; the band from HMS Britannia were about to give a concert in the cathedral square, starting in 5 minutes. Naturally, we all voted to listen to the band for half an hour and it gave our day a most enjoyable start. Unfortunately a lot of the people left the square and also entered the cathedral; we abandoned our cathedral tour until the afternoon when it was very quiet.

The Grand Masters Palace was our next destination, to see the impressive state rooms and the beautiful set of Gobelins tapestries. Unfortunately the Malta Parliament meets in this palace, and was in session that morning, so the state rooms and armoury were closed, but we saw them all in the afternoon.

We visited the War Museum and saw The Malta Experience, a film relating some of the history of Malta.

Our coach took us back to the bus terminus via the waterfront so that we could see HMS Britannia at ground level. We stopped within 100 yards of her for a few minutes and she looked very smart and clean.

28 Gennaio 1997.

Abbiamo avuto un giorno molto occupato alla Valletta e alcune sorprese.

La nostra prima fermata era alla cattedrale di San Giovanni; la banda dello yacht Britannia avrebbe dato un concerto nella piazza della cattedrale, e cominciava in 5 minuti. Naturalmente, abbiamo votato per ascoltare la musica per una mezz’ora e ha dato alla nostra giornata un inizio molto piacevole. Sfortunatamente molte persone hanno lasciato la piazza e sono anche entrate nella cattedrale; abbiamo rimandato il nostro giro della cattedrale fino il pomeriggio, quando era molto tranquillo.

Il Palazzo dei Padroni era la nostra prossima meta, per vedere i maestosi saloni e gli arazzi del gobelin che sono belli. Sfortunatamente il parlamento di Malta si riunisce in questo palazzo, e erano lì quella mattina, cosi i saloni e 1’armeria erano chiusi, ma abbiamo visto tutto nel pomeriggio.

Abbiamo visitato il Museo della Guerra e abbiamo visto ” L’esperienza di Malta”, un film della storia di Malta.

I1 nostro pullman ci ha portati al capolinea attraverso la zona portuale cosi abbiamo visto Britannia da vicino, era molto elegante e pulito.

The painting of “The Beheading of St. John the Baptist” by Caravaggio, in St. John’s cathedral, Valetta.

Il quadro di Caravaggio “La decapitazione di San Giovanni Battista” nella cattedrale di San Giovanni, Valetta.

 

 

 

 

The painting of “St Jerome” by Caravaggio, in St. John’s cathedral, Valletta.

Il quadro di Caravaggio “San Gerolamo” nella cattedrale di San Giovanni, Valletta.

 

 

 

 

The Ggantija Temple, Gozo.

Il tempio Ggantija, Gozo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


29 January, 1997.

Today we had a very pleasant trip to Gozo, which is about 5 miles from Malta. It was a beautiful warm sunny day and the sea was very calm. The ferry took about 20 minutes.

We had our own bus to take us around, first to Ggantija, to see two temples dating from 3500 BC which were very impressive. They are built of huge slabs of stone and would not look out of place at Stonehenge.

We had lunch, at a tiny fishing village, on the quay side, in the sun. Later we visited Victoria, the capital of Gozo, to see the small museum. It has artefacts from the Bronze Age, the Roman period and some inscriptions from the seventeenth century.

The cathedral was very nice; but cannot be compared to Valletta cathedral; and the citadel is very impressive, giving good views of the surrounding countryside.

29 Gennaio 1997.

Oggi abbiamo fatto un giro molto piacevole di Gozo, che è circa a otto chilometri da Malta. Era un giorno bello e il mare era molto calmo. Il traghetto ha preso circa 20 minuti.

Avevamo il nostro autobus che ci ha portato, primo a Ggantija, a vedere i tempi dal 3500 a.C. che sono molto imponenti. Ci sono risale delle piastre enormi di pietra e non appaiono strano a Stonehenge.

Abbiamo mangiato a un piccolo villaggio di pescatori, al mare e al sole. Dopo abbiamo visitato la capitale di Gozo, Victoria, per vedere un piccolo museo con i manufatti della età del bronzo, il periodo romano e il diciassettesimo secolo. La cattedrale è piacevole, ma non come San Giovanni a Valletta; e la cittadella è imponente con la bella vista della campagna.



The Citadel, Victoria, Gozo.

La cittadella, Victoria, Gozo.

 

 

 

 

 


30th January, 1997.

The Tarxien temples were discovered in 1914 by a farmer, these large blocks of stone kept damaging his plough.

These megalithic temples seem to date from about 2500 BC to 1500 BC. The great slabs of stone were moved using limestone balls, exactly like ball bearings; they have also been found in Sardinia. This is a very complex site having the remains of 5 different temples. Also found here were a number of different carved decorations including the usual spirals.

At Hagar Qim (pronounced Hajar eem) there is a very large container, used, they think, for burning aromatic herbs during religious ceremonies. These temples have been extensively reconstructed but it is easy to see where this has been done. We spent the afternoon on a boat tour of the harbours of Valletta; it took about 90 minutes; Marsamxett Harbour to the north and Grand Harbour to the south. It all looks very different from the water, rather than from the top of the fortifications. One gets a better idea of the height of the defences and some things are better seen from this angle.

In the evening a talk on the great siege of 1565.

30 Gennaio 1997.

I tempi a Tarxien sono stati scoperti nel 1914 da un agricoltore, questi blocchi di pietra danneggiavano il suo aratro.

Questi tempi megalitici datano del 2500 a.C. al 1500 a.C. I blocchi sono stati mossi con i pali di calcare, esattamente come cuscinelti; li hanno trovati anche in Sardegna. Questo e una zona molto complesso con le rovine di 5 tempi. Ci sono vari ornamenti intagliati inclusa la solita spirale.

A Hagar Qim c’è un gran vaso usato, si pensa, per bruciare le erbe aromatiche durante i servizi religiosi. Questi tempi sono stati ricostruiti ma e facile a vedere dove e stato fatto.

Nel pomeriggio abbiamo fatto una gita in barca, dei due porti di Valletta; circa 90 minuti; Il porto di Marsamxett al nord e il porto grande al sud. Le città al mare appaiono diversa, invece sulle fortificazioni, si vede 1’altezza dei muri.

La sera abbiamo avuto una lettura del gran assedio del 1565.

 

The Tarxien temple.

Il tempio a Tarxien

 

 

 

 

Hagar Qim temple complex.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The main gate, Mdina.

La porta principale, Mdina.

 

 

 

 

 

 

The Ministry of Culture, Mdina.

Il ministro di cultura, Mdina.

 

 

 

 

Mdina.

Mdina.

 

 

 

 

 

 

From the City walls, Mdina.

Dalle Mura, Mdina.

 

 

 

 

 

 

 

The entry of the Vergin into the Temple and Joachim and the Angel.

L’entrata della Vergine nel tempio e Joachim e l’Angelo.

 

 

 

 

 

 

Jesus among the doctors in the temple and The adoration of the magi.

Gesù tra i dottori nel tempio e L’adorazione dei Magi.

 

 

 

 


31st January, 1997.

Today we went to the old capital of Malta, Mdina. It was so named by the Saracens when they conquered the island in 870 AD. Prior to that it had been Roman Melita and also the Punic capital.

The Saracens refortified the citadel and ruled for about 200 years; until the Normans arrived from Sicily and Southern Italy and drove them out. The Arabs left their language which forms a large part of the present language.

We first visited the cathedral; rebuilt, after the 1693 earthquake, in a restrained Baroque style; a very charming building. I passed on to the cathedral museum which has a fine set of copper engravings and woodcuts by Albrecht Durer (1471 – 1528).

St. Paul is the patron saint of Malta. Here he was shipwrecked on his way to Rome and converted the islanders. He lived for 3 months in a grotto, which we visited. We also saw the St. Agatha crypt and catacombs of the 4th century AD.

In the evening we had our Gala Dinner followed by the conclusion of the talk on the great siege of 1565.

31 Gennaio 1997.

Oggi siamo andati a Mdina, la vecchia capitale di Malta. Così è stato chiamata dei saraceni, quando hanno conquistato 1’isola nel 870 d.C. Dopo era Melita per i romani; è stata anche la capitale cartaginese.

I saraceni hanno rifortificato la cittadella e hanno governato per circa 200 anni; fino a quando sono arrivati i normanni dalla Sicilia e lì hanno spinti fuori 1’isola. Gli arabi hanno lasciato la loro lingua che e parte della lingua adesso.

Abbiamo visitato la cattedrale; che è stata ricostruita in stile barocco dopo il terremoto del 1693; un edificio incantevole. Ho continuato e ho visto il museo della cattedrale che ha le belle incisioni di rame e i taglialegna di Albrect Durer (1471 – 1528).

San Paolo è il santo protettore di Malta, dove ha naufragato e ha convertito la gente di Malta. Ha vissuto in una grotta per tre mesi, là abbiamo visitata. Abbiamo visto anche la cripta di Santa Agata e le catacombe del quarto secolo.

Nella sera, dopo la cena di gala, abbiamo avuto la conclusione della lettura del gran assedio grande del 1565.

The Old Bakery, Vittorioso.

Il panificio vecchio, Vittoriosa.

 

 

 


1 February, 1997.

This morning I went to Vittoriosa, to see the Inquisitors Palace; a sixteenth century building with some lovely old wooden ceilings in the main rooms. (Wood on Malta has been a scarce commodity from early times.) The rooms were high but rather dark; the cells were completely dark and forbidding. The palace is only open on Saturdays and so this was my last chance.

On to the Oratory of St. Joseph which is now a museum. It contains some relics which the Knights brought with them from Rhodes, and the hat and sword worn by Grand Master la Valette at the victory ceremonies following the great 1565 siege. I also saw the church of St. Lawrence, next door, which was the conventual church of the Knights when they took over Malta in 1530.

Today Malta is celebrating the feast of St. Paul. His actual feast day is 10th February, but, this year, that is the start of carnival and so St. Paul has had to move. I called in at St. Paul’s Shipwreck church which is hung with red damask for the occasion and has the entire altar silver on display. A beautiful sight.

At 1 o’clock the band did a little tour of Valletta and paraded 6 flags, but in the evening at 5.30 there was a big procession and I could hear the fireworks from Sliema.

The other exhibitions, which I wanted to see, were closed, so I must return tomorrow and hope they will be open.

1 Febbraio 1997.

Questa mattina sono andato a Vittoriosa a vedere il palazzo dell’inquisitore, un edificio del sedicesimo secolo che ha bei soffitti di legno nelle stanze principale. (Il legno è stato un prodotto scarso a Malta). Le stanze sono alte ma abbastanza scure; le celle sono completamente scure e bieche. Il palazzo è aperto solo il sabato e questa è stata 1’occasione quando finalmente ci sarei andato.

L’oratorio di San Giuseppe è un museo e ha i resti di Rodi che i cavalieri hanno portato nel 1530, anche il cappello e la spada hanno portato di la Valette per le cerimonie per la vittoria del 1565. Ho visto la chiesa di San Lorenzo che è stato la chiesa conventuale dei Cavalieri di San Giovanni quando sono arrivati a Malta.

Oggi è la festa di San Paolo a Malta. La festa è normalmente il 10 Febbraio ma, quest’anno, ci sarà il carnevale e così La Festa di San Paolo deve essere rimandato. Sono andato a vedere la chiesa di San Paolo Naufragio che aveva le pareti coperte con damasco rosso per la festa e mostrava 1’argento dell’altare. Una vista bellissima.

All’uno una banda ha fatto un piccolo giro della Valletta con le sei bandiere, ma la sera alle cinque e mezzo c’è stata la grande processione e ho sentito lo spettacolo pirotecnico da Sliema.

Le altre mostre, che desideravo vedere erano chiuse, così sono dovuto ritornare 1’indomani e sperando di trovarle aperte.

Republic Street, Valetta.

Republic Street, Valetta.

 

 





 

 

 

 

St. John’s Street, Valetta.

St. John’s Street, Valetta.

 

 

 

 

 

 

St. Paul’s Street, Valetta.

St. Paul’s Street, Valetta.

 

 

 

 

 

 

St. Paul’s Shipwreck church, Valletta.

 

 

 

 

 

 

 

 

St. John’s cathedral, Valletta.

La cattedrale di San Giovanni Battista, Valletta

 

 

 

 

 

 

The State dining room, Grand Master’s Palace, Valletta.

La sala da pranzo, Il palazzo del Gran Maestro, Valletta.

 

 

 

 

The office of The President, Auberg of Castille, Valletta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


2nd February, 1997.

We had a video this morning showing some of the prehistoric artefacts which have been found in Malta. They are usually displayed in the National Museum of Archaeology; at present closed for restoration. The building is the 1575 Auberge of Province; a lovely building but considerably altered internally.

I then rushed to Valletta to St. Paul’s Anglican Cathedral for the 10.30am service. Quite a traditional service, which I like. The church was built; at the expense of the dowager Queen Adelaide, widow of William IV of England; in 1839 – 1841. It is in the classical style and has two rows of columns with Corinthian capitals dividing the nave into 3 parts. It is quite plainly decorated but I think that is an advantage.

I visited the Sunday market, which is below St. James Bastion, but didn’t buy anything.

The rest of the day was spent reading and relaxing in the sun. I was sorry to be returning to London, very early the next morning, as I had had a very happy holiday.

2 Febbraio 1997.

Abbiamo guardato un video, questa mattina, che mostrava i manufatti preistorici trovati a Malta; usualmente sono nel Museo Nazionale di Archeologia, ma adesso è chiuso per la restaurazione. L’edificio è L’Auberge di Province del 1575 ed è bello.

Dopo mi sono precipitato alla Valletta e la Cattedrale Anglicana di San Paolo per il servizio delle 10.30; è stato un servizio tradizionale che mi piace. Questa chiesa è stata costruita nel 1839 – 1841, la regina Adelaide; vedova del re Guglielmo quattro di Inghilterra; pagò le spese. Lo stile è classico con due file di colonne con i capitelli corinzi che separano la navata in tre parti. La decorazione è semplice e penso che sia un vantaggio.

Ho visitato il mercato domenicale, ma non ho comprato niente.

Per il resto del giorno ho letto e mi sono rilassato al sole. Mi è dispiaciuto ritornare a Londra, dopo, di buon’ora la mattina, perchè è stata una buona vacanza.

Upper Baracca Gardens, Valetta.

 

 

 

 

Painting of St. Sebastian by Giuseppe D’Arena, St. John’s Cathedral, Valletta.

Il quadro di San Sebastiano di Giuseppe D’Arena, La cattedrale di San Giovanni, Valletta.

 

 

 

 

 

 

Valletta.

 

 

 

 

View of Sliema from Dragut Point.

Vista di Sliema da Dragut Point.

 

 

 


Leave a comment

Your e-mail address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: