Home » Narratives » East of Byzantium – September 1998

East of Byzantium – September 1998

EAST OF BYZANTIUM:

THE LOST KINGDOMS OF THE CHRISTIAN ORIENT.

 

SEPTEMBER 1998

Sumela Monastery.                                                         Il monastero a Sumela.


ROY JOHNSON                                               EAST OF BYZANTIUM


11 September 1998

After the sack of Constantinople by the Crusaders in 1204, the Byzantine Empire fragmented. The ‘Empire’ of Trabzon was one small part, founded by Alexius Comenus, the son of Emperor Manuel l. The Comene family always claimed to be the only legitimate Emperors of Byzantium, although they controlled only an insignificant corner of that Empire. They remained in power through diplomacy but mainly by marrying their beautiful daughters to nearby rulers, thus creating allies. Their rule ended when David, the last ruler, was killed by the Ottomans in 1461.

Trabzon was important during this period as it was a stage on the Silk Road from China and goods were trans-shipped from here to Europe by the fleets of Venice and Genoa.

1923 is a date frequently referred to in Turkey. It marks the foundation of the modern secular state, the independence of Greece and the exchange of populations. Most of the Greeks in Turkey were repatriated to Greece whilst the Muslims in Greece were transported to Turkey. Obviously a very great upheaval for many ordinary people as well as all the religious communities.

The people of Trabzon are mainly fair and often have blue eyes. One day we say/two children with lovely red hair and very pale skin; they reminded me of the Irish, many of whom have the same colouring.

11 Settembre 1998

Dopo il saccheggio di Costantinopoli del 1204, da parte dei crociati, l’impero bizantino divenne frammentato. L’imperio di Trabzon era solo una piccola parte, fondata da Alexius Comenus, il figlio dell’imperatore Manuel l. I membri della famiglia Comene hanno sempre sostenuto di essere i soli imperatori bizantini, benché avessero governato un angolo irrilevante di quest’impero sono rimasti al potere con la diplomazia ma sopratutto hanno fatto sposare le figlie con i sovrani di paesi vicini, per avere, cosi, degli alleati. Il suo governo fine quando Davide, l’ultimo imperatore, venne ucciso dagli ottomani nel 1461.

Durante questo periodo Trabzon è stata importante perché era una fermata lungo il tragitto che portava la seta dal Cina, e le merci venivano rispedite da qui all’Europa con le flotte delle repubbliche di Venezia e Genova.

In Turchia parlano spesso della data 1923; è la fondazione dello stato moderno e secolare, l’indipendenza dalla Grecia, e lo scambio della gente. I Greci che vivevano in Turchia vennero rimpatriati in Grecia, e i musulmani che vivevano in Grecia ritornarono in Turchia. C’è uno sconvolgimento molto grande per la gente comune e anche per la comunità religiosa.

La gente di Trabzon è abbastanza bionda e spesso ha gli occhi blu. Un giorno abbiamo visto due ragazzi con i capelli castano dorato e la pelle pallida; sembravamo Irlandesi, molti dei quali hanno questo colore di carnagione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The Black Sea Coast, Trabzon.

La costa del mare Nero, Trabzon.

 

 

The Citadel, Trabzon.

La cittadella, Trabzon.

 

 

 


12 September 1998.

Yesterday we departed from London at 12,30 pm and arrived at our hotel in Trabzon after 11.00 pm. The tour really only started today.

Modern Trabzon is a very undistinguished city with some old buildings, The church of Haghia Sofia (Holy Wisdom); which is now preserved as a museum, after being used as a mosque; was originally the church of a monastery built in the 13′ century. The church is famous for its frescoes, the best of which are in the narthex. Christ in the temple, in discussion with the teachers, is a very fine example and also The Marriage at Cana, where Christ turned the water into wine.

We visited another two churches which had been converted into mosques and the oldest, 8″‘ century and named for Saint Anne, is now used as a storehouse.

There are still parts of the old citadel walls in situ, but the ruins of the palace chapel proved to difficult to get to. We did find the original gateway into the palace and part of the fortifications nearby. On one tower we found two carved plaques high up on the wall, the left hand one was clearly Adam and Eve with the angel driving them from Paradise. I think the other showed Jacob and was very well preserved.

We had a simple two-course lunch in a local cafe; it was very tasty. In the evening we had a lecture before dinner.

12 Settembre 1998.

Ieri siamo partiti da Londra alle 12.30 e siamo arrivati al nostro albergo alle 11.00 di sera. II giro veramente è cominciato oggi.

La moderna città di Trabzon è molto mediocre con pochi edifici vecchi. La chiesa di Haghia Sofia; che adesso è un museo, prima era usata come una moschea; prima ancora era la chiesa di un monastero costruito nel tredicesimo secolo. La chiesa è famosa per i suoi affreschi, i più belli sono nel nartece. “Cristo nel Tempio con gli insegnati” è un esempio bellissimo e anche “II matrimonio di Canna”, dove Cristo ha trasformato l’acqua in vino.

Abbiamo visitato le due altre chiese trasformate in moschee e la più vecchia, che è dell’ottavo secolo e chiamata Sant’Anna, e adesso è usata come deposito.

Ci sono ancora pezzi delle mura della vecchia fortezza, ma non è stato possibile vedere le rovine del palazzo. Abbiamo trovato l’originale cancello palatino, con vicino una parte della fortificazione. Su una torre in alto abbiamo visto le due placche, quella di sinistra era chiaramente Adamo e Eva espulsi dal paradiso. Penso che l’altra mostrasse Giacobbe ed era molto ben preservata.

Abbiamo mangiato un pranzo semplice in una trattoria locale, era molto saporito. La sera abbiamo avuto una conferenza prima del pranzo.

The Town Wall, Trabzon.

Le mura, Trabzon.

 

 

 

 

 

 

The church of Hagia Sofia, Trabzon.

La chiesa di Hagia Sofia, Trabzon.

 

 

 

 

The main door, Hagia Sofia, Trabzon.

La porta principale della chiesa di Hagia Sofia, Trabzon.

 

 

 

Fresco of Christ in the Temple, Hagia Sofia, Trabzon

L’Affresco di Cristo nel Tempio, Hagia Sofia, Trabzon.

 

 

 

View from Hagia Sofia, Trabzon.

La vista da Hagia Sofia, Trabzon.

 

 

 

 

 

 

Stone carving, Hagia Sofia, Trabzon

Pietra intagliata, Hagia Sofia, Trabzon

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Views from the church of Hagia Sofia, Trabzon.

Le viste dalla chiesa di Hagia Sofia, Trabzon.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ruins outside the church of Hagia Sofia, Trabzon.

Le rovine fuori la chiesa di Hagia Sofia, Trabzon.

Entrance to the Royal Palace, Trabzon.

L’entrata del Palazzo Reale, Trabzon.

 

 

 

 

 

 

Sumela Monastery.

Il monastero a Sumela.

 

 

 

 

 

The path to the Sumela Monastery.

Il sentiero al monastero a Sumela.

 

 

 

 

 

 


13 September 1998.

The monastery at Sumela is situated 4062 ft (1205 m) above sea level, on a cliff face and in times passed it was a very stiff climb up the final 800 ft (250 m). Today it is much easier and this final stretch can be ascended by mini-bus. The most energetic of our group walked up and even more walked down.

The monastery was founded in the 16th century to house the icon of the Virgin, painted by St. Luke, called The Virgin of the Black Rock. The icon was taken, to Mount Athos in 1923 and is reputed to be there still, but no one is allowed to see it. This was a flourishing monastery, having rich land holdings from the various Emperors and, after 1461, the endowments continued with the Ottoman rulers. They did not close the churches and monasteries, but they did encourage the Greeks to convert to Islam. What we see today is rather dilapidated, having been neglected since 1923. In such an inaccessible place it is of little use to anyone. The church is cut into the rock and the frescoes, both inside and outside, are mainly 17th century, but in places it is possible to see the earlier painting underneath.

It is a truly spectacular position; the ledge on which it is built is very narrow; but the view is marvellous. Set in a steep sided valley, within the national park, looking out over the pine forest that covers both sides of the valley, it is well worth the effort to get there.

We visited the Zigana Pass; the route reputed to have been taken by Xenophon and the 10000 from Babylon in 400 BC, a famous episode in Greek history. The modern road, not unexpectedly, does not follow the original route (if it ever did), and the old road is now impassable for coaches. However the view is beautiful and spectacular.

That finished the official tour, but people expressed an interest in visiting an Armenian monastery near Trabzon. This was quite an adventure. Firstly we knew the location and route only vaguely, which meant that we had to ask for directions more than once; even from an army guard at a military depot along the way. Eventually the coach could proceed no further and still have room to reverse direction. We took a small dirt track and after 20 minutes, and a number of helpful directions we were in a farmyard. The church is now used as a barn but we could still see some of the 17″‘ century wall paintings and our lecturer was able to interpret a number of them. How much longer they will survive is impossible to guess. The monastery was abandoned in 1923 and in places the church roof has fallen in; I would not expect the paintings to survive another 300 years.

13 Settembre 1998.

Il monastero a Sumela è situato a 1250 m, su una scogliera e, tanti anni fa, gli ultimi 250 m erano molto difficili da scalare. Oggi è più facile e ci si arriva con un piccolo autobus. I membri del nostro gruppo che avevano energia hanno fatto il tragitto a piedi, ma molti di più ne sono scesi.

Il monastero, fondato nel sedicesimo secolo ospita l’icona della Vergine, dipinta da -San Luca, e chiamata La Vergine della roccia nera. L’icona venne trasferita a monte Attos nel 1923 e si pensa sia ancora lì, ma nessuno ha il permesso di vederla. Questo era un monastero prospero, aveva ricche tenute dei vari imperatori e, dopo il 1461, con i sovvenzionamenti ha continuato con i sovrani ottomani. Non hanno chiuso le chiese e i monasteri, ma hanno incoraggiato i greci a convertirsi all’islam. Oggi il monastero è piuttosto in rovina, dopo il 1923 non è stato più preservato. Un posto cosi inaccessibile e di poco uso per nessuno. La chiesa venne scavata dalla roccia e tutti gli affreschi, interni e esterni sono del diciassettesimo secolo, ma sotto, in alcune, è possibile vedere il primo dipinto.

È una vera posizione straordinaria; fu costruito su una cornice molto ristretta; ma la vista è meravigliosa. All’interno di un parco nazionale, e in una valle dirupata, con una foresta di pini in tutti e due i fianchi della valle, è un’esperienza utile.

Abbiamo visitato il passo a Zigana; la rotta che Senofonte e i diecimila hanno usato dalla Babilonia nel 400 prima al Cristo, un episodio molto famoso nella storia greca. La strada moderna non segue la rotta originale (se l’ha mai fatta), e la strada vecchia adesso è intransitabile per gli autobus. Comunque la vista e bella e grandiosa.

Questa visita ha finito il percorso per oggi, ma dovevamo ancora visitare un monastero armeno vicino a Trabzon. Questa è stata piuttosto un’avventura. Conoscevano vagamente la località e la rotta, così abbiamo chiesto più direzioni, anche ad un guardiano di un deposito militare vicino alla strada. Alla fine non è stato possibile per il pullman di andare oltre e avere posto per girarsi. Abbiamo preso una strada di terra battuta e dopo venti minuti, e utili indicazioni, siamo arrivati nel cortile di una fattoria. La chiesa adesso è usata come capannone, ma c’erano lo stesso i dipinti murali dal diciassettesimo secolo che, la nostra professoressa, aveva interpretare per noi. Non è possibile sapere per quanto tempo sopravvivranno. Il monastero è stato abbandonato nel 1923 e il tetto della Chiesa non è completo; non mi aspetto che i dipinti rimangano per altri trecento anni.

Sumela Monastery.

Il monastero a Sumela.

 

 

 

 

 

 

The view from the Sumela Monastery.

La vista dal monastero a Sumela.

 

 

 

 

Wall painting of The Resurrection, Sumela Monastery.

Il murale della Risurrezione, Il monastero a Sumela.

 

 

 

 

Sumela Monastery.

Il monastero a Sumela.

 

 

 

 

 

 

The Zigana Pass.

Il passo a Zigana.

 

 

 

 

 

 

A mural in the old Armenian monastery near Trabzon, now used as a barn.

Il murale del vecchio monastero armeno vicino Trabzon, adesso è usato come capannone.

 

 

 

 

The promenade, Trabzon.

Il lungomare, Trabzon.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Two plaques on the town wall of (left) Adam & Eve driven from Paradise and (right) Jacob.

Le due placche sulle mura di (sinistra) Adamo e Eva espulsi dal paradiso e (destra) Giacobbe.


14 September 1998.

This morning I took a stroll to say goodbye to Trabzon and found my way down to the seaside, which has no beach but a promenade with small cafe’s and children’s playgrounds. A monument caught my eye, as it was intended to do, and I found it was a memorial to Suleiman the Magnificent the great 16th century ruler. This is a modern piece of sculpture, but I liked it, and I was pleased to see that they remembered this great man who ruled 4 centuries ago. Everywhere there are statues of Ataturk, who transformed Turkey into a modern republic in 1923; most towns also have a square or street named after him.

We travelled from Trabzon, along the Black Sea coast, to Hopa. About halfway, near the town of Rize, is the tea growing region of Turkey and the prosperity of Rize is built entirely on tea. It was first planted here in 1935 and since 1945 production has rocketed and the region now supplies all of Turkey and also exports. We saw the ladies by the roadside sorting the leaves, discarding the twigs etc before it is sent to the tea factories to be processed. These ladies kindly allowed us to take photos; in Turkey it is unwise to take photos of ladies without first requesting permission.

We had lunch in Hopa and I was happy with a pitta topped with spicy meat. We then left the coast and headed into the mountains. Crossing the mountains gave us the most wonderful views of the whole range. It was also quite scary, as the road is not wide and in places there was a sheer drop on one side. We had a good and careful driver and we arrived safely in Artvin.

The town is built on the upper slopes of a wide valley and, as we approached from the river, there was a good view of a 15th century castle set upon a jagged cliff which drops straight down into the river. Our hotel was near the summit of the valley and I had a beautiful view from my window. The other side of the hotel was on the main square and I expect it was quite noisy. Although we are about 1500 ft (400 m) up in the mountains it is still quite warm, but I am told that it can be very changeable at this time of the year.

This part of Turkey is very rugged and still quite remote. The frontiers in this part of the world have always been rather fluid. The Romans did not come so far to the east; but the Byzantines later extended their territory into Russia, well east of the present border. They found it very difficult to keep control of this new land and it led to their over-extension and Fragmentation. The region then split into a number of separate kingdoms still nominally under Byzantine rule. Artvin was      part of the kingdom of Georgia, which came into being at the beginning of the 11th century. Eventually the ottomans gained control of this region along with the whole of Turkey.

Artvin has always been important because it lies astride one of the main trading routes following the Coruh River down to the Black Sea. This meant that they could charge customs duty on goods passing through, as well as providing horses and pack animals to replace the ones which had died on route.

14 Settembre 1998.

Stamattina ho fatto un giro per dire addio a Trabzon e ho travato la strada che porta al mare; che non aveva una spiaggia ma un passeggio con i bar e i campi di giochi. Un monumento ha attirato la mia attenzione, e ho trovato che era un memoriale a Suleyman il Magnifico, il grande governante del sedicesimo secolo. Questo è un pezzo di scultura moderna, ma mi piace, e mi ha fatto piacere vedere che si sono ricordati di quest’uomo che ha governato quattro secoli fa. Dappertutto ci sono le statue di Ataturk, che ha trasformato la Turchia nel 1923 in una repubblica moderna; e anche le città hanno una piazza o una strada con il suo nome.

Abbiamo viaggiato da Trabzon fino a Hopa, lungo la costa del Mar Nero. Circa a meta strada, vicino alla città di Rize, c’è la regione dove crescono il tè e la prosperità di Rize viene solo dal tè; piantato qua nel 1935. Dal 1945 la produzione è aumentata e adesso questo territorio provvede il tè per tutta la Turchia e anche lo esporta. Abbiamo v!sto delle donne, vicino alla strada, separavano le foglie di tè, staccavano i rametti ecc., prima di mandarlo alle fabbriche per essere trattato. Le donne ci hanno permesso di prendere delle foto, in Turchia non è saggio prendere foto di una donna senza l’autorizzazione. Abbiamo pranzato a Hopa, dove ho mangiato una pitta con carne piccante. Poi abbiamo lasciato la costa e siamo andati verso le montagne. Attraversando i monti c’erano delle viste stupende della catena di montagne. Era abbastanza pauroso perché la strada non era larga e in parte c’era un precipizio. Avevamo un buon autista e siamo arrivati sani e salvi a Artvin.

Artvin è stata costruito sulle alte pendici di una larga valle, e abbiamo visto bene il castello del quindicesimo secolo su una rupe dentellata che ha i fianchi che scendono verso il fiume. Il nostro albergo era vicino alla cima della valle, e c’era una bella vista dalla mia camera. L’altro fianco dell’hotel era sulla piazza principale e presumo è stato abbastanza rumoroso. Benché fossimo a 400 m era lo stesso piuttosto caldo, ma mi hanno detto che il clima era molto incostante in questa stagione.

Questa parte della Turchia è un paesaggio aspro e abbastanza remoto. In questa parte del mondo le frontiere cambiano spesso di posizione. I romani non sono venuti fino a qui, ma i bizantini dopo hanno esteso il loro territorio fino alla Russia, molto lontano ed ad est della frontiera attuale. Hanno trovato molto difficile controllare questo nuovo paese e la conseguenza è stata l’allargamento e la frammentazione. Poi la regione era stata divisa in un numero di regni separati benché nominalmente sotto Bizantino. Artvin era nel regno di Georgia, avuto creato agli inizi dell’undicesimo secolo. Finalmente gli ottomani hanno avuto il controllo di questo territorio insieme a tutta la Turchia.

Artvin è sempre stata importante perché siede sopra una rotta mercantile principale che segue il fiume Coruh fino al Mar Nero. Perciò avrebbero potuto fare pagare per le merci che passavano, e anche fornire i cavalli e le bestie da soma per sostituire quelli che morivano durante il tragitto.

River Corah valley from Artvin.

La valle del fiume Corah da Artvin.

 

 

 


15 September 1998.

From Artvin we went to Ardanuc, but before we had travelled very far there was an obstruction. We were told that further up the gorge was the site of a new dam, so it was necessary to construct a new road, high up on the cliff face, before work could commence on the dam. We watched, fascinated, as a bulldozer pushed rocks and debris over the edge of the new road and down the cliff. There was a possibility that rocks and boulders could come all the way down and land on the road which we were using. Consequently the traffic was delayed in both directions and allowed to proceed every hour, on the hour, for 15 minutes. We waited about 25 minutes.

Eventually we arrived at the church at Dolisqana; now used as a farm store. The church was built in the 10th century and is still mainly intact. There are still the blind niches on the drum of the tower, and a small sculpture showing King Leon III presenting the church, presumably to Christ only that part is missing. Some painted decoration has survived externally; internally there is now little to see, the door was locked and we could see only a small part of the interior.

We had lunch in Ardanuc where a castle sits upon a high crag and dominates the town. One presumes that the old town was below the castle, but that is conjecture as nothing now remains there. This was the capital of Tao, a Georgian kingdom during the 9th and 10th centuries.

We went to another church up the river valley but were soon turned back because the road was blocked by a landslide. We made a long detour, up and over the mountain, to approach from a different direction. This was truly remote country and we were travelling on dirt tracks. We knew then why we were in two mini-busses, our coach would not have reached even the first church. I do not know what the second church looked like, as the path to it was very steep and I did not want to risk a broken leg. I paddled in the river instead which was very refreshing; I was very soon joined by seven other people.

The journey back was just as hair-raising; I do not mind the heights but I find the narrow tracks which pass across the face of the cliff terrifying. Unfortunately we are taking the mini-busses again tomorrow, so I expect more of the same; I can always look away from the sheer drops.

15 Settembre 1998.

Da Artvin siamo andati fino a Ardanuc, ma prima siamo dovuti andare molto lontano perchè c’era un impedimento. Ci avevano informati che in questa gola c’era una nuova diga, e era anche necessario costruire una nuova strada, sopra i dirupi, prima di cominciare i lavori dello sbarramento. Abbiamo osservato, affascinati, mentre un bulldozer spingeva le rocce e i rottami sopra l’orlo della nuova strada ed è giù dalla rupe. C’era una possibilità che rocce e macigni cascassero sulla strada che dovevamo usare. Di conseguenza, tutta il traffico era ritardato, in tutte e due le direzioni, ed era permesso procedere solamente ad ogni ora esatta, per quindici minuti. Abbiamo aspettato circa venticinque minuti.

Finalmente siamo arrivati alla chiesa di Dolisquana; adesso usata come capannone. La chiesa costruita nel decimo secolo è abbastanza intatta. Ci sono ancora le nicchie cieche sul tamburo della torre, e anche una piccola scultura che rappresentante il Re Leone III che dava la chiesa, presumibilmente a Cristo, ma questa parte non esiste più. All’esterno è sopravvissuta un po’ della decorazione; la porta era chiusa con la chiave cosi non abbiamo visto niente dell’interno.

Abbiamo pranzato a Ardanuc dove il castello, su una rupe alta, domina la città. Si suppone che la vecchia città sia sotto il castello, ma questa è una congettura perchè niente rimane. Questa città era la capitale di Tao, un regno georgiano durante il nono secolo e decimo secolo.

Siamo andati per vedere un’altra chiesa ma subito siamo ritornati perchè c’era una frana nella strada. Abbiamo fatto una lunga deviazione, su e giù per le montagne, per arrivare dall’altra direzione. Questo era un paese molto remoto e abbiamo viaggiato a lungo per una strada non asfaltata. In quel momento abbiamo capito perchè abbiamo usato due mini-bus, non era possibile per il pullman arrivare nemmeno alla prima chiesa perchè la strada era piuttosto brutta; non ho visto la seconda chiesa, il viottolo era motto dirupato e non volevo rischiare di avere una gamba rotta. Ho sguazzato nel fiume, che era molto rinfrescante, e con piacere sette altri membri del gruppo hanno fatto la stessa cosa.

Il viaggio di ritorno era motto spaventoso; non mi preoccupavo delle altezze, ma ho trovato, che le stradine strette che attraversavano i dirupi erano terrificanti. Sfortunatamente anche domani prenderemo i mini-bus, cosi mi aspetto lo stesso scenario; potrei sempre non guardare i dirupi.

Here I am bathing my feet in a stream at Dolisqana.

Ho bagnato i miei piedi nel torrentello a Dolisqana.

 

 

 

 

The view from the church at Dolisqana, and Left – The church.

La vista dalla chiesa a Dolisqana, Sinistra – La chiesa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

River Corah valley at Dolisqana.

La valle del fiume Corah al Dolisqana.

 

 

 


16 September 1998.

The Georgian church of Ishan was built in the 7th century and expanded in the 11th century: this was our first stop today. Georgian churches were usually built on a cut stone platform of three courses. This is quite a large church with a shallow dome over the crossing set upon a decorated drum. The structure is in a fairly good condition, although without its roof; the western end of the nave was used at one time as a mosque. Above the dome is a Steep conical roof that looks modern and is helping to protect the dome. Some decoration remains in the dome and inside the drum, which has eight windows. In the arch of each window is a painted head and these are still recognisable and the best preserved. The dome is painted with the symbol of Christ supported by four angels. The painting on the wall in the right transept we decided was a lamentation i.e. after Christ was taken down from the cross. Externally there is some stone decoration and some clear inscriptions, which date the restoration and expansion of the church to the 10th century and another refers to the 11th century alterations.

We had a satisfying lunch in a local cafe in Yusufeli, before continuing to the second church, which had formed part of a monastery built by David the Great in the 10th century. The church at Dort Kilise was unusual as its plan was based on neither the Greek nor the Latin cross but is a basilica; a much earlier design. Early churches were based on the basilica plan; basically a nave and two side aisles separated by two rows of columns. A basilica, in the Roman world, was the courthouse and there was one in every town. The early Christians would hire the hall for their services and later used the same design for their churches.

Dort Kilise was a Georgian church with stone decoration both internally and externally; the paintings have almost all disappeared except for a roundel showing Chris holding a model of the church and a row of bishops with other church dignitaries below.

The interesting thing at this site was a typical Byzantine chapel, built of stone with brick courses, which was completely overshadowed by the huge stone Georgian church. It was in a beautiful setting, in a gorge, on a platform about 30ft (9m) above the river and very remote.

16 Settembre 1998.

La chiesa georgiana di Ishan fu costruita nel settimo secolo e allargata nell’undicesimo secolo; questa era la nostra prima fermata oggi. Le chiese georgiane, di solito, erano costruite su un podio di tre strati di pietra tagliata. Questa chiesa era abbastanza grande con una cupola piana su un tamburo decorato sopra il transetto. La condizione della struttura era abbastanza buona; benché senza il tetto; una volta la parte della navata ovest veniva usata come moschea. Sopra la cupola c’era un erto tetto conico che sembrava moderno e aiutava a proteggere la cupola. Nella cupola rimangono alcune decorazioni e così pure nel tamburo, che ha otto finestre. Negli archi di tutte le finestre c’è una testa dipinta, e queste sono ben preservate. La cupola è dipinta con il simbolo di Cristo sostenuto da quattro angeli. Abbiamo deciso che il dipinto, sulla parete nel transetto a destra, era una lamentazione, cioè dopo che Cristo ha tolto dalla croce. All’esterno ci sono decorazioni di pietra e delle iscrizioni ben chiare, del decimo secolo, che danno la data del restauro e dell’espansione della chiesa e altre che si riferiscono alle modifiche nell’undicesimo secolo.

Abbiamo pranzato bene in un bar a Yusufeli, poi abbiamo continuato verso la seconda chiesa che faceva parte di un monastero costruito da Davide Magno nel decimo secolo. Questa chiesa a Dort Kilise è straordinaria, perchè la pianta non è basata né su croce greca e neanche su croce latina ma è una basilica; ed è un designo di molti anni prima. Le prime chiese erano sempre basate su disegno di una basilica; una navata, con due navate laterali, separata da due file di colonne. Una basilica, nel mondo romano, era il palazzo di giustizia e cen’era una in ogni città. I primi cristiani noleggiavano il palazzo per le cerimonie e dopo usavano questo disegno per le loro chiese.

Dort Kilise è una chiesa georgiana con decorazioni di pietra all’interno ed esterno; i dipinti sono tutti spariti eccetto un medaglione che mostra il Cristo con il modello della chiesa, e anche una fila di vescovi, con sotto un’altra fila di dignitari.

Questo posto era interessante perché c’era una cappella tipica bizantina, costruita con corsi di pietra e mattoni, che era completamente oscurata dalla grande chiesa georgiana. L’area era bellissima, in una gola molto remota, a 9 m al di sopra del fiume.

The Georgian church of Ishan.

La chiesa georgiana di Ishan.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The Georgian church of Ishan.

La chiesa georgiana di Ishan.

 

 

 

 

 

 


17 September 1998.

To travel from Artvin to Kars took 6 hours; via gorges, over mountains, across upland plateaux and finally via Lake Cilder to Kars. We had lunch in Ardahan at the Turkish equivalent of a greasy spoon, which was nevertheless most enjoyable. We would have been earlier, but for a 30 minute hold-up where there was a political rally taking place on the main road; as if the labour party were to hold a rally half way up the Al. Needless to say, all the participants were men.

Lake Cilder, at just over 6000 ft (1900m), is the highest lake in Turkey; beautiful but rather desolate. Kars is built on a high plateau; rather a dull place and quite down at heel. It is a town of ugly buildings and the worst pavements that I have ever had the misfortune to encounter. It looks as if all the public utilities, plus the cable TV companies, have dug up the pavements to lay pipes and cables and, when work ceased, not bothered to repave or resurface. According to my guide book when it rains it becomes a sea of mud and also describes it as the armpit of Turkey; but I think that that is a rather flattering description. It was the capital of the Kingdom of Armenia for a period, before Armenia split and Ani became the capital of the break-away Kingdom.

Kars has a 15th century castle built on earlier ruins and a charming Ottoman bridge. Nearby there were no less than three Turkish baths, which looked remarkably filthy from the outside; I have never felt less desire to participate. We visited the 10th century Church of the Apostles. Externally the drum had carvings of the 12 Apostles but they were very crudely carved and it was impossible to say which figure represented which Apostle. The church is now used as a store and we could not gain access to the interior. Armenian churches in this period were usually based on the 7th century design, Circular or based on the Greek cross, with a central drum and dome.

Kars was captured by the Russians during the Crimean War and was only returned to Turkey in 1923. After the First World War; when Turkey was allied to Germany; the Treaty of Sevres was designed to finally dissolve the Ottoman Empire. Most of the victorious allies were ceded tracts of the former empire with the Turkish nation squeezed into the interior of the country, and it seemed that the Turks were resigned to partition. Matters, however, were far from settled, and when, in 1920, Greece arrived to take occupation of her Sevres Treaty lands on the Aegean, which Britain encouraged, the Turks had had enough. Their apathy exploded into anger at the violence of this invasion by their former vassals and the army, led by Mustafa Kemal (Kemal Ataturk), marched against the invaders. By 1922 the War of Independence was over; the Greek army had sailed away after burning Izmir; and the allies were given the choice of either fighting or drafting a new treaty. The Treaty of Lausanne extended the Turkish borders to their current position and approved the exchange of populations between Greece and Turkey.

17 Settembre 1998.

Il giro da Artvin a Kars è durato sei ore; tra gole, montagne e altopiani e finalmente lungo il lago di Cilder a Kars. Abbiamo pranzato ad Ardahan in un bar locale che era molto piacevole. Avremmo fatto più presto, ma abbiamo dovuto aspettare per 30 minuti perché c’era un raduno politico nella strada principale; come se la lega nord avesse fatto un raduno in autostrada. Naturalmente i partecipanti erano solo uomini.

II lago di Cilder, a 1900 m, è il più alto della Turchia; bellissimo e solitario. Kars è costruita in una pianura elevata; un paese abbastanza tedioso e scalcinato. È una città con edifici brutti e con i marciapiedi più dissestati che abbia mai avuto la sfortuna di incontrare. Sembrava che tutti i servizi pubblici, e anche le compagnie televisive via cavo, avessero scavato i marciapiedi per stendere tubi e cavi e, finito il lavoro, non avessero riparato la superficie. Il mio libro di guida dice che quando piove è un mare di fango e l’ha anche rappresentata come “l’ascella” della Turchia; è una descrizione motto adulatoria. È stata per un periodo la capitale del regno di Armenia, ma prima era divisa e Ani era la capitale del nuovo regno.

A Kars c’era un castello del quindicesimo secolo, costruito sulle prime rovine, e un incantevole ponte ottomano. Vicino ci sono i tre bagni turchi, che sembravano eccezionalmente sporchi all’esterno; non ho mai avuto il più pallido desidero di partecipare. Abbiamo visitato la chiesa degli apostoli del decimo secolo. All’esterno del tamburo c’erano i lavori d’intaglio degli apostoli, ma erano stati fatti molto primitivamente e non è stato possibile decidere che figura rappresentassero. La chiesa adesso è usata come un deposito e la porta era chiusa a chiave così non abbiamo visto l’interno. In quel periodo le chiese Armene venivano costruite su disegno del settimo secolo, che era circolare o come una croce greca, con un tamburo e cupola centrale.

Durante la guerra di Crimea, Kars fu conquistata dai Russi e finalmente ritornò ai Turchi nel 1923. Dopo la prima guerra mondiale; quando la Turchia era alleata del Germania; il trattato di Sevres annullò definitivamente l’imperio ottomano. I vittoriosi alleati avevano ceduto parti dell’imperio, con la nazione Turca schiacciata all’interno del paese, e sembrava che la Turchia fosse contenta con la divisione. Comunque, la faccenda non era risolta, e quando nel 1920 i Greci sono arrivati a occupare la terra vicino al mare Egeo, terra che il trattato di Sevres aveva loro allocato e che la Gran Bretagna aveva incoraggiato; i turchi ne avevano abbastanza. La loro apatia esplose con rabbia per questa invasione dei loro ex vassalli e l’esercito, con il capo Mustafa Kemal (Kemal Ataturk), marcio verso gli invasori. Nel 1922 la guerra d’indipendenza era finita; l’esercito Greco se ne andò dopo aver incendiato Izmir; e gli alleati hanno potuto o combattere o fare un nuovo trattato. Il trattato di Losanna ha dato alla Turchia le attuali frontiere e ha sanzionato lo scambio della popolazione tra la Grecia e la Turchia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lake Cilder.

Il lago di Cilder.

 

 

 

Local boys outside The Church of the Apostles, Kars

I ragazzi locale fuori La Chiesa degli Apostoli, Kars.

 

 

 

 


18 September 1998.

The city of Ani was named for the Persian goddess, Anahid, identified with Aphrodite. The city grew here on a major east-west caravan route and became very prosperous. The Armenian rulers later used this wealth to endow the city with sumptuous churches.

Beneath the present ruins there is a vast series of caves and galleries, containing about 4000 dwellings, churches and 16 dovecotes; it was excavated at the beginning of this century. The theory is that the doves were used to carry messages, i.e. the Imperial Postal Service, but I do not know how they reached this conclusion. It seems more likely to me that they were used for food and their droppings for fertiliser.

Above ground, the present structures date from the l0th to 13th century and our first ruin was the Chapel of the Redeemer, built to house a piece of the true cross. This was an octagonal chapel surmounted by a drum and dome, half the chapel still stands; a great semi-circular shell. Originally the interior was painted and some 13th century painting is still visible.

Down toward the edge of the ravine is the church, built in 1215, of St Gregory the illuminator, apostle to the Armenians, which had murals inside and in the porch outside. Inside, at the west end, the paintings show scenes from the life of St Gregory and in the rest of the church, various scenes from the life of Christ and the Virgin.

The great cathedral (987 – 1010) is largely intact and very impressive with its soaring columns. The murals would have been painted out when it was converted into a mosque. It is a basilica with a dome, a purely Armenian design which no-one else seems to have used. What is referred to as a mosque, built in 1072, was clearly an open arcaded building with lovely views of the ravine, a perfect summer house, and surely part of a palace. In the afternoon we visited three other interesting churches and returned to our coach just as we were hit by a storm.

The Russians occupied Ani until 1923 and before the First World War they carried out excavations here. All the interesting artefacts were removed to Russia, where some remain, but the rest are now lost. The records of the excavations should still be in Russia and, although they cannot be found at present, there is still a chance that they will surface again.

18 Settembre 1998.

La città di Ani aveva il nome della dea persiana, Anahid, identificata con Afrodite. La città prosperò, perchè era sulla rotta delle carovane che andavano da est a ovest e perciò era molto ricca. Dopo, i sovrani armeni usarono questa ricchezza per sovvenzionare la città con le sontuose chiese.

Sotto le rovine c’è una vasta serie di caverne e gallerie, che hanno circa 4000 case, chiese e sedici colombaie; e che vennero scavate agli inizi di questo secolo. La teoria è che quelle colombe venivano usate per mandare messaggi; il servizio postale imperiale; ma non lo so come siano arrivati a questa conclusione. Nella mia opinione è più probabile che li abbiano usati per mangiare e gli sterchi come fertilizzante.

Sopra la terra, le rovine sono del decimo e tredicesimo secolo, e la prima rovina era la cappella del redentore, costruita per ospitare un pezzo della vera croce. Questa era una cappella ottagonale con un tamburo e una cupola; la metà della cupola è ancora intatta, ed è una grande conchiglia a semicerchio. L’interno originale era dipinto e alcune delle pitture del tredicesimo Secolo sono ancora visibili.

Giù, verso l’orlo della gola c’era la chiesa, di San Gregorio l’illuminatore, l’apostolo degli Armeni, chiesa che fu costruita nel 1215 e aveva murali all’interno, e all’esterno, nel portico. Sulla parete ovest i dipinti mostravano la vita di San Gregorio e, nelle altre pareti, le scene della vita di Cristo e la Vergine.

La grande cattedrale (987 – 1010) è abbastanza intatta e molto imponente con le sue colonne che si innalzano. I murali sarebbero stati coperti, quando le chiese venivano usate come moschee. È una basilica con una cupola, un disegno tipico armeno che nessun altro ha mai usato. L’edificio, di solito chiamato la moschea, è costruito nel 1072, era decisamente una casa con un’arcata da cui osservare le belle vedute della gola, un chiosco perfetto, è certamente parte di un palazzo. Nel pomeriggio abbiamo visitato le tre altre chiese che sono molto interessanti e siamo ritornati al pullman esattamente, quando è cominciata una tempesta.

Ani e stata occupata dai Russi fino al 1923 e, prima, della prima guerra mondiale, hanno fatto degli scavi. Tutti gli artefatti interessanti vennero trasportati in Russia, dove una parte vi è rimasta, ma la maggiore parte adesso è stata perduta. Gli annali degli scavi dovrebbero essere in Russia, e, benché non sono ancora stati travati, forse un giorno li ritroveranno.

The cathedral, Ani.

La cattedrale, Ani.

 

 

 

Wall paintings in the church of the Redeemer, Ani.

Le murale nella chiesa del Redentore, Ani.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Wall paintings showing scenes from the life of St Gregory the Illuminator in the church is named after him, Ani.

Le murale che mostra le scene della vita  di San Gregorio l’Illuminatore nella chiesa che ha il stesso nome, Ani.

 

 

 

 

 

Left – The church of the Redeemer, Right – The river forms the frontier between Turkey and Georgia, Ani.

 

 

Sinistra – La chiesa del Redentore, Destra – Il fiume è la frontiera tra Turchia e Georgia, Ani.

 

 

 

Ani.

Ani.

 

 

 

 

 

 

The cliffs with the caves, Ani.

Le scogliere con le caverne, Ani.

 

 

 

 

 

 

Ani just before the rain.

Ani prima della tempesta.

 

 

 


19 September 1998.

This morning was spent travelling from Kars to Erzurum. We stopped to admire the 16″ century bridge, Coban Kopru, Shepherds Bridge, which spans the river Araxes. It was constructed by the architect Sinan; who also built mosques in Istanbul; it is the finest old bridge still in use in Turkey, but only on foot, it is blocked to traffic. Nearby, set on a hill overlooking the road, was Hasankale Castle, a 17th century construction which we did not attempt to visit. It was flying the Turkish flag so we assumed that it was in use by the military and therefore forbidden territory. However we did take photos, which are also forbidden.

Erzurum is an interesting place and we had lunch, tasty kebab with rice and yogurt, in a local cafe. First we visited the Ulu Cami mosque; a huge place with 7 aisles which give the impression of a forest of columns, it is rather austere. Clifte Minare Madrasa, a religious school, had two minarets above the main entrance and some very interesting stone carving. Opposite the entrance the building terminated in a tomb. Inside was an open courtyard with small rooms down each side and a gallery above. It was very lively, lots of people walking about, sitting drinking tea and watching us, the tourists. The citadel has 5th century foundations but most of the walls are later and the 11th century bell tower was built as a minaret. The small ethnographic museum in the centre of the town had some very interesting old prints of Erzurum.

Erzurum is on a plateau, 6300ft (1940m) above sea level, in the centre of the Anatolian plain and is extremely cold in winter; 15km away is the best ski mountain in all Turkey. The Arabs first called it ‘Arz-er-rum’ land of the Romans i.e. Byzantines, and the name has remained.

19 Settembre 1998.

Stamattina siamo andati da Kars fino a Erzurum. Siamo rimasti ad ammirare il ponte del sedicesimo secolo, Coban Kopru, il ponte dei pastori, che attraversa il fiume Araxes. Fu costruito dall’architetto Sinan; che aveva anche costruito moschee a Istanbul; è il miglior ponte vecchio ancora in uso in Turchia, ma solo a piedi, perchè è bloccato al traffico. Vicino, su una collina sopra la strada, c’era il castello Hasankale, una costruzione del diciassettesimo secolo che non abbiamo nemmeno tentato di visitare. Perché aveva issata la bandiera turca così abbiamo dedotto che era usato dall’esercito e era territorio proibito. Comunque abbiamo fatto delle foto, e anche questo era proibito.

Erzurum è una città interessante e abbiamo pranzato in un bar; uno spiedino di carne gustosa con riso e yogurt. Prima abbiamo visitato la moschea Ulu Cami; un edificio grande con sette navate che dava 1’impressione di una foresta di colonne, ed era abbastanza austero. Clifte Minare Madrasa, una scuola religiosa, aveva i due minareti sopra la porta principale e aveva della pietra scolpita che era interessante. Di fronte alla porta, l’edificio terminava con una tomba. All’interno c’era un cortile con piccole stanze in tutti e due i lati e una galleria sopra. Era pieno di movimento, con molte persone che camminavano, o si sedevano a bere il tè, e osservavano noi turisti. La fortezza aveva le fondazioni del quinto secolo, ma la maggiore parte delle mura venne costruita molto dopo, e, il campanile del dodicesimo secolo venne costruito originalmente come un minareto. Il piccolo museo etnologico, al centro della città aveva le vecchie foto di Erzurum che erano interessanti.

Erzurum è stata costruita su un altopiano, alto 1940m, at centro della pianura Anatolica e d’inverno è estremamente fredda; a 15km da qui, c’è la miglior montagna di sci di tutta la Turchia. Gli arabi l’avevano chiamata ‘Arz-er rum’ la terra dei romani, cioè i bizantini, e il nome le e` rimasto.

Ulu Cami mosque, Erzurum.

 

La moschea Ulu Cami, Erzurum.

 

 

 

 

 

Clifte Minare Madrasa, Erzurum.

Clifte Minare Madrasa, Erzurum.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carving at the Ethnographic Museum, Erzurum.

Intaglio nel Museo d’etnografia, Erzurum.

 

 

 

 

 

 

Central drum and dome, The Church of David the Great, Osk Vank.

Il tamburo e cupola centrale, La Chiesa di Davide Magno, Osk Vank.

 

 

 

 

 

 

Carving, The Church of David the Great, Osk Vank.

Intaglio, La Chiesa di Davide Magno, Osk Vank.

 

 

 

 

 

 


20 September 1998.

We had a pleasant drive from Erzurum due north to Tortum following the road along the Coruh River valley. From Tortum we headed into the hills for Osk Vank, where King David the Great endowed a monastery. Its Georgian church has an inscription dated 966, which refers to some alterations, so the church itself must be earlier.

The church was visible as the coach climbed the unmade road which led us to the front of the church. To the left of the entrance porch was a very interesting carved pillar which echo’s a carving at the eastern end. The latter shows Christ in the centre, flanked by the Virgin and St John the Baptist, with Kings David and Bagrat at each end both holding a model of the church. Unfortunately Mary had become detached but was near by. On the pillar there was Mary, Christ and John with another saint on the left and a kneeling figure a little lower down to the right, identified by an inscription as the architect. The rest of the monastery buildings have long since disappeared.

We had lunch at a trout farm near Lake Tortum, fried trout, bread, salad and water, delicious. The lake was formed by a landslide, which blocked the River Tortum three centuries ago. The road cuts along the cliff side of the lake; quite a hair-raising drive at times but the views are beautiful. In some places the lake is a clear blue, in others a strange opaque green, depending on the angle of your gaze. This is really a beautiful, mysterious place, the more so for being so quiet and remote.

Our second church at Haho was again Georgian, 10th century, and of the same plan; basilica with three aisles and a drum and dome above the crossing. This church had one complete chapel near by, another in ruins and the ruins of other monastic buildings. The church was in a reasonable state of repair as it is now used as a mosque. There are still intact stone carvings there, usually they have been defaced. Above the south entrance was a rather crude carving but the carvings each side of the doorway were more interesting. On the left, the top figure was Alexander the Great, then a griffin with a collar and a lion eating an ox. These were partly covered by the pillars of the porch added in the 11th century. On the right; The Virgin Mary with a distaff, Jonah and the whale, a cock with a collar and a lion. The whale looks very strange with the mouth of a crocodile and the body, complete with legs, of a pig. The Georgians did not know what a whale looked like, so they copied the Armenian version, unfortunately the Armenians didn’t know either.

Inside the dome was a painted jewelled cross, borne aloft by angels, and in the apse are five apostles. Constantine the Great erected a jewelled cross in Jerusalem and it is thought that this is a representation of it.

It is surprising that the paintings have not been whitewashed out, as is usually the case, and I find the cross, still plainly visible above the main part of the mosque, really amazing.

20 Settembre 1999.

Abbiamo fatto una piacevole passeggiata in pullman da Erzurum nord fino a Tortum seguendo la strada vicino al fiume Coruh. Da Tortum siamo andati nelle colline verso Osk Vank, dove il re Davide Magno ha sovvenzionato il monastero. La chiesa georgiana ha un’inscrizione del 966, ma questa fa riferimento ad alterazioni, così abbiamo concluso che la chiesa stessa sia più vecchia.

L’edificio era visibile, quando il pullman è salito sulla collina lungo la strada di terra battuta che finiva di fronte alla chiesa. A sinistra del portico c’era una colonna scolpita e motto interessante ed era la reminiscenza di una placca del muro est. Quest’ultima mostrava il Cristo nel centro, con, al fianco sinistro la Vergine e al fianco destro San Giovanni Battista, poi, i re Davide e Bagrat alle estremità, e tutti e due avevano in mano un modello della chiesa. Sfortunatamente Santa Maria era distaccata, ma era vicino. Sulla colonna c’era Maria, il Cristo e San Giovanni Battista con un altro santo a sinistra e sotto a destra un uomo in ginocchio, che era l’architetto. Gli altri edifici del monastero sono svaniti molti anni fa.

Abbiamo pranzato in un vivaio vicino il lago di Tortum, la trota fritta, il pane, l’insalata ed acqua, erano deliziosi. II lago venne formato da una frana, che bloccò il fiume Tortum tre secoli fa. La strada era sul fianco della rupe sopra il lago; di tanto in tanto era agghiacciante, ma le viste erano belle. In posti l’acqua era trasparente e blu, in altri posti era di uno strano verde opaco, dipendeva dal punto di osservazione. Questo era un paese bellissimo e misterioso, perchè era motto tranquillo e remoto.

Anche la seconda chiesa a Haho era georgiana, è del decimo secolo, e dello stesso disegno, una basilica con tre navate, e un tamburo e una cupola sopra la traversata. Questa chiesa aveva vicino una cappella che era intatta, e un’altra in rovine e anche le rovine degli antri edifici del monastero. La chiesa era in buone condizioni, e adesso è usata come moschea. Li, ci sono ancora i bassorilievi, che di solito sono deturpati. Sopra la porta a sud c’era una scultura primitiva, ma su tutti e due i fianchi della porta le sculture erano più interessanti. A sinistra in alto c’era Alessandro Magno, poi un grifone con un collare e un leone che mangia un bue. Questi erano in parte coperti dal portico, costruito nell’undicesimo secolo. A destra, c’era La Vergine Maria con una rocca, Giona e la balena, un gallo con un collare e un leone. La balena è apparsa molta strana con la bocca come un coccodrillo e il torso del maiale con le gambe. I georgiani non sapevano come fosse una balena, così hanno copiato la versione armena, ma sfortunatamente né anche loro lo sapevano.

All’interno della cupola c’era il dipinto una croce ingioiellata, sorretta da angeli, e nella abside c’erano anche dipinti i cinque apostoli. Costantino Magno ha innalzato una croce ingioiellata a Gerusalemme e si pensa che questa sia una rappresentazione di quella.

È motto strano che i dipinti non sono stati distrutti, cosi come di solito è il caso, e trovo la croce, ancora distintamente visibile sopra la parte principale della moschea, veramente sorprendente.

Sculture, Left – Alexander the Great, A griffin and a Lion; Right – The Vergin with a distaff, Johan and the whale and a cock, The church, Haho.

Bassorilievi, Sinistra – Alessandro Magno, Un grifone e un leone; Destra – Santa Maria con una rocca, Giona e la balena e un gallo, La chiesa, Haho.

 

 

 

 

 

Drum and dome, The Church, Haho.

Il tamburo e cupola, La Chiesa, Haho.

 

 

 

 

 

 


21 September 1998.

Lake Van is the second highest lake in Turkey at 5260ft (1600m); the modern town of Van was built where the ground was flat, 4km from the lake shore; it has no view of the lake.

The first Armenian kingdom was founded there by King Tigranes the Great after he had captured the territory from the Romans. The Romans under Pompey recaptured it and it remained in their possession until the 3rd century AD, then the Sassanians of Iran held it for some time. It was ruled by the Armenians, under Rome, until the Arabs arrived in the 640’s and captured and converted it to Islam. It lies close to the border with Iran and Mount Ararat.

The interior of Eastern Turkey is still very primitive and has few good roads. The people in the countryside live in quite small, low houses roofed with earth and grass. I assume they are fairly warm in winter as they can only consist of two or three rooms. They are usually surrounded by a wall, to make an enclosure for the animals. This is the only time I have seen farmers harvesting with scythes and, in the market, sickles were on sale.

Unfortunately I had developed diarrhoea during the day and the remainder of the holiday was of no interest to me.

On the 24th September we flew to Istanbul for one night, returning to London on the 25th. I saw very little of Istanbul, but that is not important as I have already decided that I must return to Western Turkey in the near future. Eastern Turkey, however, is a different story and, although I am pleased to have made this trip, I will never return.

21 Settembre 1998.

II lago di Van è il secondo più alto della Turchia a 1600m; la città moderna venne costruita in pianura, a 4km dal lago; e non ha la vista del lago.

II primo regno armeno fu fondato dal re Tigranes Magno dopo aver conquistato il territorio dai romani. I romani, sotto il comando di Pompeo, hanno catturato di nuovo il territorio che fu di loro proprietà fino al terzo secolo D.C., e poi per un periodo ci furono i Sassaniani dell’Iran. Furono governati dagli Armeni, sotto Roma, fino all’arrivo nel seicentoquaranta degli Arabi che si accaparrarono i territori e li convertirono l’islam. È qui che c’è vicino la frontiera con l’Iran e monte Ararat.

All’interno della parte est della Turchia è motto primitivo e ha meno strade in buone condizioni. La gente in campagna abita in case basse, che sono abbastanza piccole, con i tetti di terra e di erba. Suppongo che abbiano abbastanza caldo d’inverno perchè hanno solo due o tre stanze. Di solito sono circondate da un muro, che fa da recinto per gli animali. Questa è stata l’unica volta che ho visto gli agricoltori usare una falce e mietere i raccolti e vendere falcetti al mercato.

Sfortunatamente ho avuto la diarrea durante il giorno e il resto della vacanza non era d’interesse per me.

Il 24 Settembre siamo andati, in aereo, a Istanbul per una notte; siamo ritornati a Londra il 25 Settembre. Ho visto un po’ di Istanbul, ma non era motto importante perché ho deciso che posso ritornare nell’ovest della Turchia in futuro. La Turchia est, e un’altra storia, e, benché mi sia piaciuta non ci ritornerò mai più.

Ortakoy Mosque and the Bosporus Bridge, Istanbul.

La moschea Ortakoy e il ponte Bosforo, Istanbul.

 

 

 

 

 

The church of Hagia Sofia, Istanbul.

La chiesa di Hagia Sofia, Istanbul.

 

 

 

 

Lake Van.

Il Lago Van.

 

 

 

 


 


 

 

 

 


Leave a comment

Your e-mail address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: