Home » Narratives » Byzantine Macedonia – September 1997

Byzantine Macedonia – September 1997

BYZANTINE MACEDONIA

 

SEPTEMBER 1997

View with the Basilica on the island of Ayios Achilleios, Little Lake Prespa.

La vista con la basilica sull’isola di Ayios Achilleos, Piccolo Lago di Prespa.


ROY JOHNSON                            BYZANTINE MACEDONIA        


27 September, 1997. 

This tour concentrated on Byzantine remains from the 10th to 14th century. This part of Greece was in the kingdom of Philip II of Macedonia; the father of Alexander the Great. The part of the former Republic of Yugoslavia to the north of Greece, which is also called Macedonia, was also part of this kingdom. Later it was part of Classical Greece, the Roman Empire, the Byzantine Empire, the Bulgar Empire and eventually was part of the Turkish Empire. (Greece became an independent state in 1917.) A very complicated history, so it is easier to stay with one period and try to get some sense of continuity.

After seeing the marvelous mosaics in Ravenna and Venice, these churches could be a disappointment, as the interiors were usually only painted, but that did not happen. Once one had an idea of what to expect in the wall paintings, it was interesting to see where they deviated from the norm. Sometimes the church was very small and fewer scenes would be shown; at other times they had made changes to the position of a scene. In one church The Baptism of Christ was in the narthex, because that was where they had placed the font. Occasionally a scene would be painted differently; we noticed that the Virgin in the Dormition would be shown with her head to the right hand side of the picture, whilst most had her head on the left.

27 Settembre, 1997.

Questo viaggio era una visita dei resti bizantini dal decimo secolo al quattordicesimo secolo. Questa parte della Grecia era nel regno di Filippo secondo di Macedonia; il padre di Alessandro Magno. Anche la parte della Iugoslavia, al nord della Grecia, che si chiamava Macedonia, faceva parte di questo regno. Dopo fece parte della Grecia classica, l’impero romano, l`impero bizantino, l’impero bulgaro e finalmente divenne parte dell’impero turco. (La Grecia divenne uno stato autonomo nel 1917.) Una storia molto complicata, cosi e più facile rimanere con un periodo e tentare che mantenere un senso di continuità.

Dopo aver visto i mosaici di Ravenna e Venezia, queste chiese potrebbero deludere, perché gli interni avevano di solito dipinti sulle pareti, ma questo non è accaduto. Avendo già un’idea di cosa aspettarsi dalle pitture murali, è stato interessante vedere dove hanno deviato dalla norma. Qualche volta la chiesa era molto piccola e meno scene venivano mostrate; a volte cambiavano anche la posizione di una scena. In una chiesa il battesimo di Cristo era nel nartece, perché il fonte battesimale era nel nartece. A volte una scena era dipinta in modo diverso; la morte della Vergine Maria di solito mostrava Maria con la testa girata alla sinistra della pittura, ma qualche volta la testa era alla destra.

 

 

 

 

 

The White Tower, Thessalonica.

La Torre Bianco, Tessalonica.

 

 

 

 

 

 

Sarcophagus, Archaeological Museum, Thessalonica.

Il sarcofago, Museo d’Archeologico, Tessalonica.

 

 

 

The church of St. Nicolas Orphans, Thessalonica.

La chiesa di San Nicolò degli Orfani, Tessalonica.

 

 

 


28 September, 1997.

Thessaloniki is 1997 European City of Culture and the new Byzantine museum was opened for the current exhibition “Treasures of Mount Athos”. The monasteries have lent a lot of material for this exhibition including icons, manuscripts, vestments and item of gold and silver.

In one room there were two 12th century icons, mosaic on wood, of St. John and St. Demetrius ¾ life size which were most beautiful. The fine detail was quite amazing and the tesserae used in the hands and faces were minute.

I saw the beautifully carved inside of a wooden book cover (13th century), about 3″ wide by 5″ high, which showed 18 scenes from the Life of Christ.

The custodian, of the church of St. Nicholas of the Orphans, very kindly kept the church open especially for us. It was built in the late 14th century, it was originally part of a monastery, and the interior had some very good wall paintings showing the life of St. Nicholas.

We visited the north wall of the town, built by Theodosius in the 4th century; in this part largely intact; which had very good views of the town.

The five aisled Basilica of St. Demetrius was built in the 5th century over the tomb of the saint; he was speared to death in the Roman public baths, parts of which are still visible. His tomb, at one period, was said to exude a liquid, perfumed with myrrh, which was collected in small bottles and carried around by the pilgrims as a talisman. The bottles show the head of the saint and have been found all around the Mediterranean and the Balkans.

In 1917 much of the town was destroyed by fire and the church roof and part of the west wall also perished. A little of the old decoration has survived but this is mainly a new church.

We were back at our hotel by 6 o’clock, time to rest and relax before dinner.

28 Settembre, 1997

Tessalonica è la Città Europea di cultura del 1997 e il nuovo museo bizantino è stato aperto per presentare la mostra “Le Ricchezze di Monte Attoso”. I monasteri hanno prestato icone, manoscritte, abiti da cerimonia e articoli d’oro e d’argento.

In una stanza c’erano le due icone di San Giovanni e di San Dimitrio, fatte di mosaici su legno, erano molto belle. Le mani e i volti erano fatti di tessere piccole e 1’effetto era meraviglioso.

Ho visto 1’interno della copertura di legno, di un libro del tredicesimo secolo, circa 8cm per 12.5cm, che avevano intagliato per mostrare le diciotto scene della vita di Cristo.

La guardiana della chiesa di San Nicolo degli orfani, era molto gentile e aveva aperto la chiesa per noi. Costruita nel quattordicesimo secolo, la chiesa era la parte originale di un monastero; all’interno c’erano le belle pitture murali che mostravano le scene dalla vita di San Nicolo.

Abbiamo visitato le mura a nord, risale all’imperatore Teodosio nel quarto secolo; in questa parte, prevalentemente intatte; si vedevano le belle vedute della città.

La basilica di San Dimitrio, con le cinque navate, fu costruita nel quinto secolo sopra la tomba del santo; trafitto a morte dalle lancie nel bagno pubblico romano; di cui sono ancora visibili alcune parti. Una volta si diceva che la tomba del santo emanasse un liquido, con 1’aroma di mirra, che veniva raccolto in bottigliette che i pellegrini usavano come talismani. Le bottigliette mostravano la testa del santo e sono state trovate nelle zone del Mediterraneo e i Balcani.

Nel 1917 una grande parte della città fu incendiata, inclusi il tetto e la parete ovest della chiesa, Un po’ della vecchia decorazione era visibile ma questa è prevalentemente una chiesa nuova.

Siamo arrivati al nostro albergo alle sei, con un po’ di tempo per rilassarci e riposare prima di cena.

The marriage at Canaan, The church of St. Nicolas Orphans, Thessalonica.

La sposata a Canaan, La chiesa di San Nicolò degli Orfani, Tessalonica.

 

 

 

The miracles of St. Nicolas, The church of St. Nicolas Orphans, Thessalonica.

I miracoli di San Nicolò, La chiesa di San Nicolò degli Orfani, Tessalonica.

 

 

 

 

The 4th C. walls, Thessalonica.

 

Le mura del quarto secolo, Tessalonica.

 

 

 

 

 


The view from the 4th C. walls, Thessalonica.

La vista dalle mura del quarto secolo, Tessalonica.

 

 

 


The Church of St Demetrius, Thessalonica.

La Basilica di San Dimitrio, Tessalonica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mosaic of St Demetrius and an Angel and The Holy Spring in the Crypt, The Church of St Demetrius, Thessalonica.

Il mosaico che mostra San Dimitrio e un’Angelo e La Santa Fonte nella cripta, La Basilica di San Dimitrio, Tessalonica.

 

 

 

 

 

Site of the Roman Baths near the Church of St Demetrius, Thessalonica.

 

Il sito dei bagni romani accanto la Basilica di San Dimitrio, Tessalonica.

 

 

 

 

 

St. John the Theologian and St. George, 14th C. icons from the monastery of Vatopaidi, Mount Athos.

 

San Giovanni il teologo e San Giorgio, icone del quattordicesimo secolo dal monastero di Vatopaidi, Monte Attoso.

 

 

 

 

 

The Virgin and Child, 14th C. icons from the monastery of Vatopaidi, Mount Athos.

 

La Madonna e Il Bambino, icone del quattordicesimo secolo dal monastero di Vatopaidi, Monte Attoso.

 

 

 


29 September, 1997.

Today we went to Macedonia in former Yugoslavia.

Moglena, our first stop today, was a Byzantine fortified town, built upon a hill, of which little now remains. There is a short stretch of wall and ruins, but the view was beautiful; a good place to take photographs. Our lecturer assured us that there was a church here which she had helped excavate many years ago.

We rested in Edessa for lunch, in what was the acropolis of the Greek town built upon a steep escarpment. The lower town has a short stretch of street from the classical period and the walls are well preserved in parts. From the acropolis flow two waterfalls which are visible from quite a distance. In former times there were more than two, but now they all flow mainly into one great fall; used to produce electricity. From above the falls look wonderful and it is possible to walk behind them about 40 ft below the summit. Again, wonderful views and a very tasty lunch beside the fast flowing river which feeds the falls.

It then took us the rest of the day to negotiate passport and customs, not only in Greece, they took about 1 hour, but also into former Yugoslavia, they took only 45 minutes! Eventually we drove through lovely country to Ohrid and our hotel beside the lake. A very tiring day.

29 Settembre, 1997.

Oggi siamo andati in Macedonia in Iugoslavia.

Moglena, la prima fermata oggi, era una città fortificata bizantina, sulla collina. C’erano una parte del muro e rovine, ma la vista era bellissima; per fotografie, perfette. La nostra oratrice ci ha detto che c’era una chiesa qua che lei ha aiutato a scavare tanti anni fa.

Siamo stati a Edessa per pranzo, nella acropoli della città greca, costruita sulla ripida scarpata. La città giù in basso aveva una strada breve del periodo classico e parte delle mura. Dalla acropoli ci sono due cascate che sono visibili per alcuni chilometri. Molti anni fa ce ne erano più di due, ma adesso tutte confluiscono in una cascatona; che si usa per idroelettricità. Le cascate sono meravigliose, se si vedono dall’alto, ed è possibile camminare dietro della cascata per circa 14m al di sotto della sommità. Ancora viste stupende e il buon pranzo vicino al fiume rapido che alimenta la cascata.

Nel pomeriggio abbiamo passato il posto di dogana e passaporti, non solo in Grecia, per circa un’ora, ma anche in Iugoslavia, per soli 45 minuti! Finalmente siamo andati attraverso la bella campagna a Ohrid e il nostro albergo sul lago. Una giornata molto faticosa.

 

Moglena and the view from there.

Moglena e la vista da là.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Krisi, Byzantine fortified town.

Krisi, città fortificata bizantina.

 

 

 

 

 

 

 

Krisi, Byzantine fortified town with Edessa on the hill behind.

Krisi, città fortificata bizantina con Edessa sulla colina dietro.

 

 

 


 

 

 

 

 


30 September, 1997.

Today I remained in the hotel with an attack of diarrhoea. A kind friend gave me some Imodium which quickly brought me back to normality. So a day of sleep, reading and mineral water.

The hotel is on the bank of a lake surrounded by mountains; my room faced due west and the sunset was most beautiful.

30 Settembre, 1997.

Oggi sono rimasto in albergo con la diarrea. Un’amica gentile mi ha dato la medicina, Imodium, che mi ha curato presto. Uno giorno per dormire, leggere e bere acqua minerale.

L’albergo era sul lago circondato dalle montagne; la mia camera guardava verso ovest e il tramonto era bellissimo.

The waterfall and the view from there. Edessa.

La cascata e la vista da là, Edess

 

 

Sunset on Lake Ochrid.

Il tramonto al Lago di Ochrid.

 

 

 

 

 

 

 

 

Sunset on Lake Ochrid.

Il tramonto al Lago di Ochrid.

 

 

 

 

A page from Angela Mitchell’s sketch book of a church in Ochrid.

 

Una pagina dal album di schizzi di Angela Mitchell di una chiesa a Ochrid.

 

 

 

 

 

This is the little road to the church at Asmati.

Questa è la piccola strada fino alla chiesa a Asmati.

 

 

 

 

The church at Asmati.

La chiesa a Asmati.

 

 

 

 

Inside the church at Asmati.

L’interno della chiesa a Asmati.

 

 

 

Inside the church at Asmati.

L’interno della chiesa a Asmati.

 

 

 

 

Photo of Linda Woollard and Roy Johnson taken by Mary Ann Hetzer in Asmati.

La fotografia di Linda Woollard e Roy Johnson che Mary Ann Hetzer ha preso a Asmati.

 

 

 

Freda Loverance in the village of Asmati.

Freda Loverance nel villaggio di Asmati.

 

 

 

 

 

 


l October, 1997.

Our first visit was to the late 12th century church of St. George, near a tiny village called Asamati. The church was originally attached to a monastery, but is now the village

church, although it is a 15 minute walk away. The outside had originally been painted and this is now very faded, but inside the paintings are still visible although damaged in places. The part behind the altar was the best preserved with the virgin and child in the apse, the ascension above, and the local bishops and saints below.

We continued to the Hellenistic town of Heraclea where we saw the remains of two small churches, one with a fine marble pavement the other with a mosaic floor. The large basilica was originally the administrative centre of the Roman town and was used in the 5th century as a church. The font is still there, as is the fine mosaic pavement in the narthex which shows birds and animals amid trees with a border of fishes and birds. This is an allegory of paradise “The peaceable Kingdom”.

We managed to negotiate the border without too much delay and stopped in Florina for a quick lunch. We were all very pleased to be back in Greece where we knew the currency. In former Yugoslavia they will reluctantly accept their local currency, but much prefer US$ or DM.

We stayed the night at Great Lake Prespa; the area is now a nature reserve, where our hotel was built up the mountain, overlooking the lake and the village of Psarades on the other side of the inlet. In the evening we visited the village to dine in a local taverna. A typical Greek meal; I had trout caught in the lake; delicious.

1 Ottobre, 1997

Questa mattina abbiamo visto la chiesa di San Giorgio, del dodicesimo secolo, vicino a un piccolo villaggio che si chiama Asamati. Originalmente la chiesa era con un monastero, ma adesso è la chiesa del villaggio, benché sia a quindici minuti a piedi. Originalmente l’esterno era dipinto ed adesso è molto scolorito, ma i dipinti interni sono ancora visibili benché danneggiati. La parte dietro l’altare è ben preservato, con la Vergine e il bambino nella abside, l’ascensione sopra, ed i vescovi ed i santi locali sotto.

Abbiamo continuato alla città ellenistica di Heraclea dove abbiamo visto le rovine delle due piccole chiese, una con il pavimento di marmo e l’altra con il pavimento di mosaico. La grande basilica era il municipio della città romana, poi nel quinto secolo è stata usata come chiesa. Aveva il fonte battesimale, e anche un bel pavimento di mosaico nel nartece che mostrava animali, uccelli ed alberi con i bordi con pesci e volatili. Questa è un’allegoria del paradiso “Il Regno Pacifico”.

Abbiamo passato il posto di dogana e passaporti abbastanza presto e siamo restati a Florina per mangiare. Eravamo molto felici di essere ritornati in Grecia dove conoscevamo la monela. In Iugoslavia non volevano la monela locale, preferivamo i soldi degli Stati Uniti o del Germania.

Siamo restati al Lago di Prespa Grande; l`area è una riserva naturale; il nostro albergo è stato costruito sopra una montagna, vicino al lago con il villaggio di Psarades attraverso l’insenatura. La sera abbiamo pranzato nel villaggio in una tipica taverna. Cena greca naturalmente, ho mangiato la buonissima trota del lago.

The ruins of the Hellenistic town of Heraclea.

Le rovine della città ellenistica di Heraclea.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mosaic pavement in Heraclea.

Il pavimento di mosaici a Heraclea.

 

 

 

 

 

 

The ruins of a church in the Hellenistic town of Heraclea.

Le rovine della chiesa nella città ellenistica di Heraclea.

 

 

 

 

A page from Angela Mitchell’s sketch book of a font in Heraclea.

 

Una pagina dal album di schizzi di Angela Mitchell di una fonte battesimale a Heraclea.

 

 

 

 

 

A page from Angela Mitchell’s sketch book of Prespa.

 

Una pagina dal album di schizzi di Angela Mitchell di Prespa.

 

 

 

Lake Prespa.

Il lago di Prespa.

 

 

 


2nd October, 1997.

The church of Ayios Yermanos, in the village of the same name, dates from the 11th century and has a 19th century church attached. We could only see the outside as it was being restored, but over the door was a painting of St. Germanus, patriarch of Constantinople, which dates from the 12th century.

On the island of Ayios Achilleios, located in Little Lake Prespa, we saw the basilica built by the Bulgar Tsar Samuel toward the end of the 12th century. It is a very large church to find in such an isolated spot; it is thought that Tsar Samuel may have used the island as his capital, but there is, as yet, no trace of his palace nor of the palace of the bishop, which should also be near by.

On Great Lake Prespa, in the afternoon, we took a boat to see the caves of the hermits, who used to live there; some of which contain paintings but I only managed to see one. We landed at a quite inaccessible place to see a small 14th century church, built inside a cave. Unfortunately it was built high up in the cave and there were 170 steps to ascend to reach it. The interior is painted with various scenes from the life of Christ and the virgin, very well done and quite well preserved.

The paintings at this period all followed a similar pattern; virgin and child in the apse, the annunciation on either side and the ascension above; the life of the saint to whom the church was dedicated was also shown; but the main scenes were always the

same.

The lake forms the border between Greece, Albania and Yugoslavian Macedonia. A very wild region with bears, wolves, foxes, pelicans and cormorants.

We arrived at the town of Kastoria, on Lake Kastoria, at about 7 o’clock; we were later than expected because one member of our party was missing for an hour.

2 Ottobre, 1997.

La chiesa di Ayios Yermanos, nel villaggio con lo stesso nome, è dell’undicesimo secolo e ha una chiesa nuova accanto. Abbiamo visto solo l’esterno, perché l’interno era in restauro, ma sopra la porta c’era un dipinto del dodicesimo secolo di San Germanus, il patriarca di Costantinopoli.

Nel lago di Prespa Piccolo c’è l”isola di Ayios Achilleios e la basilica costruita, nel dodicesimo secolo, dallo zar Samuel di Bulgaria. Era una chiesa molto grande per questo posto remoto, è possibile che lo zar abbia usato l’isola per la sua capitale, ma non hanno travato il suo palazzo né il palazzo del vescovo che doveva essere vicino.

Nel pomeriggio abbiamo navigato, sul lago di Prespa Grande, per vedere le caverne dove gli eremiti abitavano, ho visto una caverna con un dipinto. Siamo sbarcati in una spiaggia remota per vedere una chiesa piccola del quattordicesimo secolo costruita nella caverna. Sfortunatamente fu costruita in cima a una caverna e c’era una scala di 170 gradini per arrivarci. Al1’interno c’era un bel dipinto con le scene della vita di Cristo e la Vergine, erano ben preservati.

I dipinti, di questo periodo, seguivano lo stesso disegno; La Vergine e il bambino nell’abside, l’annunciazione a destra e a sinistra e l’ascensione sopra; anche la vita del santo, il cui nome veniva dato alla chiesa, ma le scene principali erano sempre le stesse.

Il lago ha le frontiere fra la Grecia, l’Albania e la Macedonia di Jugoslavia. Questa regione è molto remota e ha orsi, lupi, volpi, pellicani e cormorani.

Siamo arrivati a Kastoria, nel lago di Kastoria, alle sette.

Eravamo in ritardo perché per un’ora avevamo perso uno dei componenti del gruppo!

The village and below the 11th C. church of St Germanos, Psarades.

Il villaggio e la chiesa di San Germanos del undecimo secolo, Psarades.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

We went by boat to the island of Ayios Achilleios in Little Lake Prespa.

Abbiamo preso una barca per 1’isola di Ayios Achilleios nel lago di Prespa Piccolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The remains of the basilica on the island of Ayios Achilleios in Little Lake Prespa.

Le rovine della basilica nel1’isola di Ayios Achilleios nel lago di Prespa Piccolo.

 

 

 


With Freda Loverance and Linda Winnington-Ingram.

Con Rowena Loverance and Linda Winnington-Ingram.

 

 

 

 

Angela Mitchell made a crown from reeds and gave it to our lecturer Rowena Loverance.

 

Angela Mitchell ha fatto una corona dalle canne, poi la ha dato a Rowena Loverance la nostra oratrice.

 

 

 

 

 

A map of Little Lake Prespa.

Una mappa del lago di Prespa Piccolo.

 

 

 

 

 

 

 

Two pages from Angela Mitchell’s sketch book of Ayios Achilleios.

Due pagina dal album di schizzi di Angela Mitchell di Ayios Achilleios.

 

 

 

 

 

 

On Great Lake Prespa.

Sul lago di Prespa Grande.

 

 

 

 

The cavern on Great Lake Prespa and the view from high inside.

La caverna nel lago di Prespa Grande e la vista dall’interno alto.

 

 

 

 

 

 

The little church in the cavern.

La piccola chiesa nella caverna.

 

 

 

 

The little church in the cavern.

La piccola chiesa nella caverna.

 

 

 

 

 

The painting above the entrance.

La pittura sopra l’entrata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A painting inside the church.

 

Un dipinto dentro la chiesa.

 

 

 

Paintings inside the church.

Le pitture dentro la chiesa.

 

 

 

 

Paintings inside the church.

Dipinti dentro la chiesa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

On Great Lake Prespa.

Sul lago Prespa Grande.

 

 

 

 

 

 


3rd October, 1997.

Today was a day of churches; but first we visited the small icon museum in Kastoria, containing about 20 icons from 10th to 16th century. The 10th century icon of Elijah was beautifully painted and well preserved.

At Kastoria there is a mountain, surrounded on three sides by the lake, and joined to the mainland by a narrow isthmus on which the town of Kastoria is built. Part of the town wall still stands but most of it is lost. The land rises very steeply to the acropolis and the streets are very narrow; some are only flights of steps.

The church of St. Anargyroi is one of the largest in Kastoria and most of the painted decoration dates from the 11th century, when the church was renovated. Beneath this layer are 10th century paintings but it is very difficult to date either layer.

The church of St. Stephen was very interesting as it had a gallery above the narthex, presumably for the women of the congregation.

In the church of St. Nicholas was a painting of the saint with the virgin handing him a stole and Christ handing him a book. In the painting of The Dormition of the Virgin, Mary is shown with her head to the right of the painting, which is most unusual.

Occasionally one sees a house in a poor state of repair which shows something of the construction. We saw one timber framed building yesterday; where the wall had been repaired with reeds and plaster; exactly as you would expect a 15th century house to be built. Today we saw another in Kastoria.

Finally we visited two adjoining churches at The Monastery of the Panagia Mavriotissa which had some 14th century wall paintings, including the only last judgement which we have seen.

3 Ottobre, 1997.

Oggi era un giorno per le chiese; ma prima abbiamo visitato il piccolo museo delle icone a Kastoria, aveva circa venti icone dal decimo al sedicesimo secolo. L’icona di Elia era ben dipinta e ben preservata.

A Kastoria c’è una montagna, circondata su tre lati dal lago, e unito alla terra da un istmo stretto dove la città di Kastoria è costruita. Una parte del muro è ancora intatta, ma la maggior parte è scomparsa. La terra sale ripida verso l’acropoli e le strade sono piccole e strette; alcune sono solo scale.

La chiesa di San Anargyroi è una delle più grandi a Kastoria e dipinta nell’undicesimo secolo quando è stata restaurata. Sotto questi dipinti c’erano altri dipinti del decimo Secolo.

La chiesa di Santo Stefano era molto interessante perché c’era un balcone sopra il nartece, penso che fosse per le donne.

Nella chiesa di San Nicolò c’era dipinto il santo con la Vergine che gli passava una stola e Cristo che gli passava un libro. Nel dipinto della morte di Maria, la Vergine aveva la testa a destra del quadro, questo era molto insolito.

Di tanto in tanto si vedeva una casa in cattivo stato che mostrava come era stata costruita. Ieri abbiamo visto un edificio con l’intelaiatura di legno, dove il muro era stato riparato con canne e intonaco; esattamente come ci si aspetterebbe di vedere costruita una casa del quindicesimo secolo. Né ho visto un’altra a Kastoria.

Finalmente abbiamo visitato le due chiese adiacenti, al monastero di Panagia Maviotissa, che avevano i dipinti del quattordicesimo secolo, incluso il solo Giorno del Giudizio che ho visto.

12th C. Icon of Elijah, Icon Museum, Kastoria.

 

L’Icona d’Elia del dodicesimo secolo, Il museo degli icone, Kastoria.

 

 

 

 

 

The town of Kastoria on the lake.

La città di Kastoria sul lago.

 

 

The church of St. Anargyroi, Kastoria.

La chiesa di San Anargyroi, Kastoria.

 

 

 

 

 

 

The painting of St George and St Dimitrios in the 11th C. church of  St Anargyroi, Kastoria.

Il dipinto di San Georgico e San Dimitrio nella chiesa di San Anargyroi del undicesimo secolo, Kastoria.

 

 

 

 

 

 

The painting of The Archangel Michael in the 11th C. church of  St Anargyroi, Kastoria.

Il dipinto dell’Arcangelo Michele nella chiesa di San Anargyroi del undicesimo secolo, Kastoria.

 

 

 

 

 

 

 

 

The painting of St Nicolas in the church of  St Nicolas, Kastoria.

 

Il dipinto di San Nicolò nella chiesa di San Nicolò, Kastoria.

 

 

 

 

The Dormition of the Virgin in the church of St Nicolas, Kastoria.

La morte di Maria nella chiesa di San Nicolò, Kastoria.

 

 

 

The painting of St John the Baptist with his head on a platter, Church of St Stephen, Kastoria.

Il dipinto di San Giovanni Battista con sua testa sul piato da portata, la chiesa di Santo Stefano, Kastoria.

 

 

 

 

 

Lake Kastoria.

Il lago di Kastoria.

 

 

 

 

The 14th C. church of Christ, Veria.

 

La chiesa di Cristo del quattordicesimo secolo, Veria.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Painting in the 14th C. church of Christ, Veria.

I dipinti nella chiesa di Cristo del quattordicesimo secolo, Veria.

 

 

 


4 October, 1997.

We travelled over the mountains, to the old town of Veria, on a road with magnificent views for most of the time, stopping briefly at a small village high in the mountains. It is easy to see that life, in this remote region, will be very hard; they will be cut off by the snow in the winter and will need the high piles of wood, which stand outside all the houses, for heating. It is most unlikely that they would use electricity for heating, it would be too expensive, nor are they likely to have mains gas in such a sparsely populated place. I expect that they rely on the old wood-burning stoves which are found throughout Eastern Europe and Russia.

In Veria we saw the Church of Christ (late 14th century) which had a very good set of wall paintings, including some on the outside walls. One in particular caught my attention; I could not understand what was happening to a crowd of people, above whom floated flying saucers. They were in fact heavenly crowns descending on the 40 martyrs, a famous episode for the orthodox church. The custodian very kindly opened another nearby church for us which is usually closed. This had an interesting painting of Mary and the child in the apse. All the churches, which we have seen, have had this scene in the apse; I take it to be a Byzantine tradition.

This was a very interesting tour, not only for the archaeological remains, but also to see this wild remote country, which has seen so many changes of ruler over the centuries.

Tomorrow we arrive back in London in time for lunch.

4 Ottobre, 1997.

Siamo andati sulle montagne, alla città vecchia di Veria, sulla strada con le grandi vedute, siamo remasti brevemente a un piccolo villaggio molto in alto sulle montagne. La vita, in questa remota regione, sarebbe molto difficile; d’inverno sarebbero isolati dalla neve e il legno, che accumuleranno fuori di tutte le case, servirebbe per scaldare le case. Per scaldare le case 1’elettricità sarebbe molto costosa e il metano non è disponibile qui, perchè la zona è scarsamente popolato. Suppongo che abbiano le stufe antiche, per bruciare la legna, stufe che sono prevalentemente dall’Europa dall’Est e dalla Russia.

A Veria abbiamo visitato la chiesa di Cristo, del quattordicesimo secolo, che ha bei dipinti tutti e due interni e esterni. Uno era molto strano, un gruppo ha i dischi volanti

sopra le teste, e non ne ho capito il perchè. In realtà c’erano le corone celesti che discendevano sui quaranta martiri; un episodio famoso per la chiesa ortodossa. Il guardiano era molto gentile e ha aperto un’altra chiesa per noi che era usualmente chiusa. Questa aveva un dipinto interessante di Maria e il Bambino nella abside. Tutte le chiese che ho visto hanno questa scena nell’abside, suppongo che sia una tradizione bizantina.

Questa gita era molto interessante, non solo per la storia e i resti archeologici, ma anche per vedere questo remoto e selvaggio paese che ha avuto molti sovrani durante i secoli.

Domani arriveremo a Londra verso mezzogiorno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 



Leave a comment

Your e-mail address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: