Home » Narratives » Bergamo – 2013

Bergamo – 2013

THE SEARCH FOR SAINT SEBASTIAN

CONTINUED, 2013

BERGAMO

By Roy Johnson, Italian translation by Tracy Johnson.

LA RICERCA PER SAN SEBASTIANO

CONTINUATO 2013

BERGAMO

 

 

I am pleased to acknowledge the great help given to me by my dear daughter Tracy Johnson for the Italian text, and to Elizabeth Farrugia and Desmond Reid for their very helpful suggestions.

The Italian photo captions are my work and any errors are my responsibility.

Roy Johnson 2013.

 


BERGAMO.

Bergamo occupies the site of the ancient town of Bergomum, founded as a settlement of the Celtic tribe of Cenomani. In 49 BC it became a Roman municipality, containing c. 10,000 inhabitants at its peak. An important hub on the military road between Friuli and Raetia, it was destroyed by Attila in the 5th century.

From the 6th century Bergamo was the seat of one of the most important Lombard duchies of northern Italy, together with Brescia, Trento and Cividale del Friuli: its first Lombard duke was Wallaris. After the conquest of the Lombard Kingdom by Charlemagne, it became the seat of a county under one Auteramus (died 816).

From the 11th century onwards Bergamo was an independent commune, taking part in the Lombard League which defeated Frederick I Barbarossa in 1165. Caught in the bitter fights between Guelphs and Ghibellines, led in the city by the Colleoni and the Suardi respectively, from 1264 Bergamo was intermittently under the rule of Milan. In 1331 it gave itself to John of Bohemia, but later the Visconti of Milan reconquered it.

After a short conquest by the Malatesta in 1407, in 1428 it fell under the control of the Venetian Republic, remaining part of it until 1797. Between 1797 and 1815, Bergamo and its territory were included in the political entities born in North Italy during the French and Napoleonic dominion. Notably, the Venetians fortified the higher portion of the town.

In 1815, it was assigned to the Austrian Empire. Giuseppe Garibaldi freed it in 1859 during the Second Italian War of Independence, when Bergamo became part of the Kingdom of Italy. For its contribution to “Il Risorgimento” the city is also known as “Città dei Mille” (“City of the Thousand”). During the 20th century Bergamo become one of Italy’s most industrialized cities. It is also one of the few Italian cities that did not suffer major destruction during World War II.

 

BERGAMO

Bergamo occupa il sito dell’antica città di Bergomum che fu fondata come insediamento della tribù Celtica dei Cenomani. Nel 49 a.C. divenne un comune romano dove la popolazione raggiunse circa 10.000 abitanti. Fu un importante centro sulla strada militare tra Friuli e Raetia ma fu distrutto da Attila nel V secolo.

A partire dal VI secolo, Bergamo fu sede di uno dei più importanti ducati Lombardi nel nord Italia insieme a Brescia, Trento e Cividale del Friuli ed il primo duca lombardo fu Wallari.  Dopo che Carlo Magno conquistò il Regno Lombardo esso divenne un’unica contea sotto il dominio di Auteramus (che morì nell’ 816).

A partire dal XII secolo Bergamo era un comune indipendente che prese parte alla Lega Lombarda che sconfisse Federico Barbarossa nel 1165.  Fu coinvolto nelle aspre lotte tra il partito dei Guelfi (capeggiati dai Colleoni) e il partito dei Ghibellini (capeggiati dai Suardi).  Dal 1264 Bergamo era “intermittente” sotto il dominio di Milano.  Nel 1331 la città fu sotto il comando di Giovanni I di Lussemburgo e in seguito fu riconquistata dal Visconte di Milano.

Dopo una breve conquista da parte dei Malatesta nel 1407e in seguito nel 1428 cadde sotto il dominio della Repubblica Veneta e rimase così fino al 1797.  Durante il periodo del dominio Veneta la città alta di Bergamo fu murata. Tra il 1797 e 1815, Bergamo e il suo territorio furono inclusi nelle entità politiche nate nel Nord Italia durante il dominio napoleonico e francese.

Nel 1815, Bergamo fu assegnata all’Impero Austriaco ed è soltanto durante la seconda guerra d’indipendenza nel 1859 che Garibaldi la liberò facendola diventare parte del Regno d’Italia.  Per il ruolo che Bergamo ha avuto nel Risorgimento la città venne nominata Città dei Mille. Durante il XX secolo, Bergamo divenne una delle città italiane più industrializzate ed è una delle poche città del nord Italia a non subire grande distruzione durante la Seconda Guerra Mondiale.

 

Fontana Contarini, Piazza Vecchia, Bergamo.

 

 

 

 

 

The Venetian city walls, Bergamo.

Le mura veneziana, Bergamo.

 

 

 

 

 


Wednesday 20 March 2013.

Although Bergamo is only 1½ hours from Heathrow airport, it is necessary to be there 2 hours before the flight. So, we left home at 09.00, took the bus to Kings Cross, then the underground, Piccadilly line, to Heathrow terminal 5. Our flight was at 13.40 to Milan Malpensa, which is not the best choice of airport for Bergamo. I later found that Bergamo actually has its own regional airport.

At Malpensa we found a notice indicating there was a direct coach to Bergamo and Brescia, so, naturally, we thought that that would be a good way to go. Having waited quietly with English patience for almost an hour we were finally informed that a coach service from Malpensa to Bergamo and Brescia was no longer available!

Having wasted more than an hour, we took a coach to Milan Central Station, then the train to Bergamo. We arrived at our hotel, San Giorgio, via San Giorgio 10, at about 20.15.

We were tired and hungry and found a wine bar; Vini e Spiriti, via Giorgio Vaglio 19b; which was close to the hotel. Desmond had chicken in a mild curry sauce with couscous; I had veal Milanese with mashed potato. The wine was Lugano; a wine from near Lake Garda; and we had a bottle plus two glasses! Our pleasant waitress, Marta, was pleased to practice her excellent English on us, and we were very impressed with the food, wine and service. I feel sure that we will return.

 

Mercoledì 20 Marzo 2013

Anche se il volo da Bergamo a Londra impiega soltanto un’ora e mezza, è necessario essere all’aeroporto due ore prima dell’ora della partenza. Così, siamo partiti da casa alle 09,00 e abbiamo preso il pullman per Kings Cross, poi la metropolitana, Picadilly line, per il terminale 5 dell’aeroporto di Heathrow. Il nostro volo era alle 13,40 diretto a Milano Malpensa che non è comunque la scelta migliore per Bergamo. Infatti, ho poi appreso che Bergamo ha il proprio aeroporto regionale.

Arrivati a Bergamo, abbiamo visto scritto che c’era un pullman diretto per Bergamo e Brescia e così abbiamo pensato che sarebbe stato un ottimo mezzo per arrivare in città. Dopo aver atteso per un’ora con la pazienza che possiedono solo gli inglesi, siamo stati informati che questo servizio di pullman non era più disponibile!

Avendo sprecato un’ora di tempo abbiamo preso un pullman diretto alla stazione centrale di Milano e poi il treno per Bergamo. Siamo arrivati nel nostro albergo, San Giorgio, verso le 20.15.

Eravamo stanchi ed affamati e così abbiamo trovato l’enoteca:Vini e Spiriti in Via Giorgio Valio 19b, che era molto vicina all’albergo. Desmond ha ordinato il pollo con cus-cus in una salsa di curry poco piccante, io ho ordinato il vitello alla Milanese con il purè di patate. Il vino era un Lugano ed insieme alla bottiglia di vino abbiamo chiesto due bicchieri! La nostra cameriera Marta era molto simpatica e ben felice di potere parlare in inglese con noi. Siamo rimasti contenti del servizio, del cibo e del vino e sono sicuro che ritorneremo.

 

 

Note the horse drawn bus in the lower centre.

Guarda al bus a cavalli di fronte nel centro.

 

 

 

Palazzo Ragione, Piazza Vecchia, Bergamo.

 

 

 

 

 

 


Thursday 21 March 2013.

On Monday, my daughter Tracy, who lives in Italy, had warned me that there was snow in Bergamo. So, of course, we packed warm clothes, sweaters etc. This morning we found that there was not a cloud in the sky, and, although it was cold, it was a beautiful day. This is just the weather that I expected; a cold spring day. Breakfast at the hotel is served in an interesting structure, with retractable canvas and clear plastic walls, which can be rolled up to give alfresco dining on the roof terrace in the summer.

We had a list of churches to visit today, but the first one we entered was not on our list. San Leonardo did not have a St Sebastian, but it did have an interesting icon, Christ of the Miracles, Señor de los Milagros, which was on loan from Lima, Peru.

We next found the church of San Rocco, via Broseta, where there was one picture which showed St Sebastian by Francesco Cavagna. But we could not see the second picture as that part of the church was closed.

The church of St Alessandro in Collona, via Sant’Alessandro, has a St Sebastian in the sacristy, by Fabio Ronzelli, and, although Desmond has a colour photograph of the picture, we found that the colours were not true to, nor did justice to, the vibrancy of the  original. It is very difficult to get the correct colour balance in a reproduction.

At the Convent of San Benedetto we found that the church was closed, but we were informed that it would be open at 10.00 on Sunday.

Our information was that there was a St Sebastian in Palazzo Frizzoni, Piazza Matteotti 27, which now houses the Town Hall. The lady in the entrance office was most helpful and phoned a number of people without success. She spoke to a young man who was passing through; I think that he said he was an architect; he was most helpful and spoke excellent English. He was sure that the picture was in the Accademia Carrara and he phoned the director. The Director, who spoke immaculate English, spoke to Desmond on the telephone and agreed to meet us at 15.00 at his office.

We had a simple lunch of tortellini, water and coffee, at the White Caffè, via Borforo 5A. We then returned to the hotel, so that Desmond could collect the paperwork for the items in the Accademia.

To ensure that we were not late for our appointment and also because it was quite a long journey, we took a taxi.

Professor Giovanni Valagussa looked very young to be the director, but, when you are rather old, as we are, they all look too young! He is a most charming gentleman and was very helpful to Desmond. They had a long talk about Desmond’s interest in St Sebastian, he promised to make a CD of the items referring to the saint in the collection, which we can collect tomorrow afternoon. This was all so unexpected and I never cease to be amazed at how very lucky we are to meet such distinguished people.

He also told us that the refurbishment of the Accademia will be completed, and the galleries reopened again, next spring. That will give us a good excuse to return and explore the many St Sebastians scattered profusely all over the Province of Bergamo.

The Director left us in the excellent reference library of the Accademia and pointed out three books which contained illustrations of items in private collections. We found six items which Desmond had no photographs for and the librarian photocopied them for Desmond.

We returned to the hotel very tired but very content with our first day’s progress.

Giulio Ambrosini; the knowledgeable and helpful night manager at our hotel, yesterday evening marked a map of the town showing us where some of the good local restaurants are located. This evening we went to one of his recommendations. All’Antico Borgo, via Don Luigi Palazzolo, is quite close to the hotel, where we had an excellent meal. We started with a selection of vegetables from the buffet, including tiny mushrooms which were delicious. We were served a pizza base instead of bread, which pleased Desmond; he loves warm bread. Desmond had braised meat with polenta and I had braised rabbit also with polenta which is typical of Bergamo. We had a litre of the house white wine which is slightly sparkling and produced locally, and water. It was a very good recommendation by Mr. Ambrosini. We must try the others too!

 

Giovedì 21 Marzo 2013.

Lunedì, mia figlia Tracy, che vive in Italia, mi aveva avvertito che c’era la neve a Bergamo e così, abbiamo messo in valigia vestiti pesanti. Ma questa mattina abbiamo visto che non c’era una nuvola in cielo e anche se faceva freddo era una giornata splendida. Questo è proprio il tempo che mi aspettavo di trovare; una fredda giornata di primavera. La colazione è stato servita dentro una struttura molto interessante, una specie di gazebo con parete in plastica trasparente che può essere tolta d’estate per mangiare al fresco sulla terrazza del tetto.

Avevamo una lista di chiese da visitare ma la prima che abbiamo visitato non faceva parte della lista. La chiesa di San Leonardo non aveva neanche un’ opera di San Sebastiano ma c’era un’icona molto interessante chiamata Señor de los Milagros (il Cristo dei Miracoli) che era lì in prestito da Lima in Perù.

Dopo abbiamo trovato la chiesa di San Rocco in via Broseta dove c’era un dipinto di Francesco Cavagno (021126) che traeva San Sebastiano, ma non potevamo vedere l’altro dipinto che ci interessava perché si trovava in una parte della chiesa che in quel momento era chiusa.

La chiesa di Sant’Alessandro in Collona in via Sant’Alessandro possiede un dipinto di San Sebastiano custodito nella sacrestia. L’opera è di Fabio Ronzelli ma è stato impossibile catturare i colori brillanti del dipinto in una foto. Infatti la foto non fa giustizia al dipinto, è molto difficile catturare in modo fedele le sfumature dei colori in una foto.

Abbiamo trovato la chiesa di San Benedetto chiusa, ma siamo stati informati che sarebbe stata aperta alle 10,00 di domenica.

Noi sapevamo che c’era un San Sebastiano in Palazzo Frizzoni in piazza Matteotti 27 che ora è il Municipio. Così abbiamo chiesto alla signora all’entrata, che si è mostrata molto disponibile,  e ha telefonato a diverse persone senza riuscire a localizzare il dipinto. Combinazione, ha chiesto ad un signore che era lì per caso, credo si trattasse di un architetto, parlava bene l’inglese e lui è stato di grande aiuto. Lui riteneva che il dipinto si trovava nell’Accademia Carrara e così ha chiamato il direttore. Il Direttore, che parlava perfettamente l’inglese, parlò con Desmond e fissò un appuntamento con lui per le 15,00 nel suo ufficio.

Ci siamo fermati per un pranzo semplice di tortellini, acqua e caffè nel White Caffè in via Borforo 5A, poi siamo passati in albergo per prendere gli appunti relativi alle opere dell’Accademia.

Poiché l’Accademia era abbastanza distante dall’albergo e, non volevamo arrivare in ritardo al nostro appuntamento, abbiamo preso un taxi.

Il Professore Giovanni Valagussa sembrava molto giovane per essere il Direttore, ma quando si è tanto vecchi come lo siamo noi, tutti sembrano giovani! Lui era un uomo molto affascinante ed è stato molto utile. Il Professore ha mostrato un interesse nelle ricerche di Desmond ed ha promesso di preparargli un CD con sopra le immagini di tutte le opere di San Sebastiano esistenti nella collezione dell’Accademia. Tutto questo è stata una grande sorpresa e non smettodi meravigliarmi della nostra fortuna nel potere incontrare persone così illustri.

Il Professore ci ha detto che il restauro dell’Accademia sarà completato e le gallerie riapriranno la prossima primavera. Questa è una buona scusa per ritornare e cercare altre opere di San Sebastiano sparse per tutta la provincia di Bergamo.

Poi il Professore ci ha lasciati nell’eccellente biblioteca dell’Accademia e ci ha indicato tre libri che contenevano illustrazioni di articoli d’interesse, che appartengono a collezioni private. Abbiamo trovato sei opere d’interesse di cui Desmond non aveva nessun immagine. La bibliotecaria ha fatto le fotocopie per Desmond.

Arrivati in albergo, eravamo stanchi ma contenti del progresso avuto nel primo giorno.

Ieri sera, il manager notturno del nostro albergo, Giulio Ambrosini, un uomo ben informato e disponibile, ci ha segnato alcuni buon ristoranti nella zona.  All’antico Borgo in via Don Luigi Palazzolo è abbastanza vicino all’albergo e lì abbiamo cenato alla grande. Abbiamo iniziato con un assortimento di verdure dal buffet tra cui dei piccoli funghi che erano veramente squisiti. Desmond ha gustato il brasato con la polenta ed io il coniglio brasato con la polenta, che è un piatto tipico di Bergamo. Abbiamo degustato un litro di vino bianco della casa che era leggermente frizzante ed è prodotto in zona. Il sign. Ambrosini ci ha saputo consigliare molto bene. Dobbiamo poi trovare gli altri ristoranti che ci ha consigliato.

 

Hotel breakfast room.

La stanza per la colazione.

 

 

 

 

Questa pittura è alla chiesa di San Rocco, Bergamo, ma la figura a destra  è di San Fermo, non è San Sebastiano.

 

 

 

 

 

 

 

Professor Giovanni Valagussa.

Il Professore Giovanni Valagussa.

 

 

 

 

Icon “Christ of the Miracles” from Lima, Peru, Church of St Leonard, Bergamo

L’icona “Il Cristo dei Miracoli” da Lima, Perù. La chiesa di San Leonardo, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

Saints Steven, Sebastian and Rocco.by Fabio Ronzelli, Church of St Alexander in Colonna, Bergamo.

Santi Stefano, Sebastiano e Rocco, La chiesa di Sant’Alessandro in Collona, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

Accademia Carrara, Bergamo.

 

 

 

 

La colonna a via Sant’Alessandro, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

 

We found this painting outside on a wall in Via Sant’Alessandro, we have not been able to find any information about it.

Abbiamo trovato questa pittura a Via Sant’Alessandro, non abbiamo niente informazione della.

 

 

 

 

 


ACCADEMIA CARRARA

The origins of the art gallery lie with the Count Giacomo Carrara, a wealthy collector and patron of the arts, who left a generous legacy to the city of Bergamo at the end of the 18th century. After the Count’s death, in 1796, his properties were managed by a nominated commissary until 1958, when the Comune di Bergamo took over direct supervision. In 1810, a new building in the neoclassical style was constructed, the project being undertaken by the architect Simone Elia

The museum has continued to augment its collections both with purchases and donations. As of 2006, it possesses 1,800 paintings dating from the 15th to the 19th century, and by artists including Pisanello, Botticelli, Bellini, Carpaccio, Mantegna, Raphael, Moroni, Baschenis, Fra Galgario, Tiepolo, Canaletto and Piccio.

Besides paintings, there are drawings and prints, bronzes and sculptures, as well as collections of porcelain, furniture and medals.

In 1793, at the same time as the public opening of his gallery, the Count Giacomo Carrara desired that drawing and painting courses be initiated in the same place. The school, which was located in the same building as the art gallery until 1912, now has its own premises nearby. Since 1988, it has been an officially recognized Accademia di Belle Arti (Fine Arts Academy).

In 1991, the modern art gallery Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea (GAMEC) was opened on the opposite side of the road in a partially restored 14th-century monastery that had previously been used as a barracks. Presently, it has ten exhibition halls, on three floors.

 

ACCADEMIA CARRARA

La Galleria Carrara fu fondata dal Conte Giacomo Carrara, un collezionista benestante e un sostenitore delle arti che ha lasciato un’eredità molto generosa alla città di Bergamo alla fine del XVIII secolo.  Dopo la morte del Conte, nel 1796, le sue proprietà furono gestite da una commissione incaricata fino al 1958, quando il comune di Bergamo assunse il controllo. Nel 1810, un nuovo edificio, in stile neoclassico, venne costruito e il progetto fu guidato dall’architetto Simone Elia.

Il museo ha continuato ad aumentare la sua collezione sia con le donazioni che con gl’acquisti. Arrivati fino al 2006, il museo possedeva 1.800 dipinti provenienti dal XV fino a XIX secolo, opere di artisti che includono Pisanello, Botticelli, Bellini, Carpaccio, Mantegna, Raphael, Moroni, Beaschenis, Fra Galgario, Tiepolo, Canaletto e Piccio.

Oltre ai dipinti ci sono disegni e stampe, bronzi e sculture oltre alle collezioni di porcellane, mobili e medaglie.

Nel 1793, in concomitanza con l’apertura della Galleria, il Conte Giacomo Carrara ha voluto istituire dei corsi di disegno e pittura. Così nacque la scuola che era collocata nello stesso edificio della Galleria fino al 1912 quando è passato a nuovi locali. Dal 1988 venne ufficializzata come Accademia delle Belle Arti.

In 1991 fu inaugurata la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea in un monastero parzialmente restaurato del XIV secolo che era stato usato come caserma. Al momento vanta dieci aule di esposizione distribuiti su tre piani.

 

Painting of the Madonna and Child with St Sebastian and St Rocco by Bartolomeo Montagna, Accademia Carrara, Bergamo.

Pittura della Madonna e Bambino con San Sebastian e San Rocco di Bartolomeo Montagna, Accademia Carrara, Bergamo.

 

 

 

 

 

Fresco of St Sebastian by Bernardo Lanfranchi, Accademia Carrara, Bergamo.

Affresco di San Sebastiano di Bernardo Lanfranchi, Accademia Carrara, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

War memorial, Piazza Cavour, Bergamo.

Monumento ai caduti in guerra, Piazza Cavour, Bergamo.

 

 

 

 

 

 


Friday 22 March 2013.

On waking up we found another beautiful day, with blue sky, sunshine and also quite warm.

Our first visit was to the church of San Bartolommeo, in Largo Belotti, where there is a large painting, by Lorenzo Lotto, showing St Sebastian on the extreme right. Then in Santa Maria della Neve,  in via Camozzi, a painting by Paolo Cavagna, of The Madonna and Child in Glory with St Sebastian on the left and St Rocco on the right.

Sant’Alessandro della Croce was closed but we were told that it would be open at 15.00.

Santo Spirito was also closed and would be open from 15.00 to 18.00. We were most impressed by the building which incorporates architectural elements from a number of widely different periods.  The restorers had retained the remains of each period and displayed them to provide a pleasing and intriguing façade.  The last restoration was in 1962, with generous funds being provided from Cardinal Richard Cushing in America .

On the front of the church, above the door, there is a large and very dramatic modern bronze sculpture, by Francesco Somaini from 1971. It represents the descent of the Holy Ghost from Heaven entering the church through a round window above the entrance door.

The Diocesan Museum, via Pignola, was closed until 15.00, so we had lunch nearby at the Bar–Pizzeria, Martiriggiano Teresa, via Pignola 92.  Desmond had pieces of veal cooked with marsala and vegetables; I had pieces of veal cooked with mushrooms and chips. We shared the alexia; a cheese which we find difficult to resist.  With wine and water it was a delicious lunch.

We arrived at the Accademia Carrara before 15.00 and the offices where still closed. So we visited an exhibition of modern art, which I did not enjoy, and I refused to go and see the rest of the exhibition which was on the top floor, because I did not think it worth the tiring climb and there was no lift. Desmond reported that there were two items of interest – an American warplane presented as a crucifix and a canvas fitted with a diagonal zip.

The Accademia office was still closed, but we managed to get into the library, where the efficient librarian allowed us to examine the books until the office reopened.

In some of the books we found more images of St. Sebastian and were generously provided with photocopies of the pages of interest. We may already have some of them on our list and Desmond will have to check later. Whilst we were there, the director came to consult a book and, when he had finished, he took us up to his office.

He had selected the St Sebastian images from his files and had made a list of them. He made some corrections to Desmond’s list; he noted that there were some duplication and some, which he had not been able to identify, which we thought were in the Accademia collection. He then copied all the information on to a CD for Desmond to keep.

He noticed from Desmond’s card that we lived in East Dulwich, and said that he had visited Dulwich Gallery. He said that it was a fine gallery designed by the architect John Soane.  I don’t think that many British people would be able to name the architect.

We returned to Sant’Alessandro della Croce, but the picture that we wanted to see was in the sacristy and the attendant said that we would first have to get permission to see it. He directed us to the priest’s house, but we could get no response when we rang the bell.

At the Diocesan Museum we were the only visitors and a lady showed us round. We did not find many images of St Sebastian, and the ones that we did find did not seem to correspond to our information. We were looking for a processional banner, showing The Madonna and Child with St Sebastian and St Rocco and Christ as a man of sorrows on the reverse. The one that we found had The Madonna and Child with St Sebastian, St Rocco and two other saints, with Christ triumphant on the reverse.

It was then 18.00 and we just had time to visit the church of San Bernardino to see a fresco of St Sebastian on one of the arches.

We were back at the hotel by 18.45 and I had enough time to make some notes about our day. We see so much, that it is sometimes difficult to remember exactly where we have been, but Desmond makes endless notes.

We returned to All’Antico Borgo, because I was just too tired to go any further. We sat in another part of the restaurant, which we were told, was originally a 16C church. It had stone pillars down the centre and very fine brick vaults above; it was easy to believe that it had been a church.

We decided to have pizza; Desmond had one with salami and spinach, mine had salami and sausage, both with cheese and tomato of course. We had a bottle of wine, Lugano, and water. It was most enjoyable and excellent value.

We have been very impressed with our reception here in Bergamo; almost everyone has been most kind and helpful.

 

Venerdì 22 Marzo 2013.

Abbiamo trovato un’altra giornata di sole stamattina, un cielo azzurro ed una temperatura abbastanza alta.

La nostra prima tappa era la chiesa di San Bartolomeo in Largo Belotti, dove c’è un grande dipinto di Lorenzo Lotto che traeva San Sebastiano sull’estrema destra del telo. Poi la chiesa di Santa Maria della Neve in via Camozzi per un dipinto di Paolo Cavagna della Madonna e Bambino in Gloria con San Sebastiano sulla sinistra e San Rocco sulla destra.

La chiesa di Sant’Alessandro era chiusa ma ci hanno riferito che sarebbe stata aperta alle 15,00.

La chiesa dello Spirito Santo era chiusa ma sarebbe stato aperta dalle 15,00 alle 18,00. Siamo rimasti molto impressionati dall’esterno della chiesa che unisce elementi architettonici provenienti da diversi periodi storici. I restauratori hanno conservato i resti di tutti i vari periodi, esponendoli in una facciata esteticamente piacevole ed intrigante. L’ultimo restauro risale al 1962 e fu generosamente finanziato dal Vescovo Richard Cushing in America.

Sulla facciata della chiesa, sopra la porta, c’è una grande e drammatica scultura moderna del 1971, opera di Francesco Somaini. La scultura rappresenta la discesa dello Spirito Santo dai Cieli e il suo ingresso nella chiesa attraverso una finestra rotonda che si trova sopra la porta d’ingresso della chiesa.

Il museo diocesano in via Pignola era chiuso fino alle 15,00 e così ci siamo fermati per pranzare in un bar-pizzeria, Martiriggiano Teresa in via Pignola 92.  Desmond ha preso il vitello cotto in marsala e verdure, io il vitello con funghi e patatine ed insieme abbiamo diviso un pezzo di formaggio buonissimo. Il tutto con vino ed acqua; un pranzo delizioso.

Siamo arrivati all’Accademia Carrara prima delle 15,00 ed essendo gli uffici ancora chiusi, abbiamo visitato una mostra d’arte moderna che non mi è piaciuta. Mi sono pure rifiutato di visitare il resto della mostra che si trovava all’ultimo piano, poiché non c’era l’ascensore, secondo me la mostra non valeva la fatica di salire tutte quelle scale. Desmond è salito e poi mi ha riferito che c’erano due opere d’interesse: un aereo americano da guerra, rappresentato come un crocifisso (a sinistra), e una tela con un zip che l’attraversava diagonalmente.

L’ufficio dell’Accademia era ancora chiuso, ma siamo riusciti ad entrare nella biblioteca dove la bibliotecaria, molto efficiente, ci ha permesso di esaminare dei libri finché non venisse aperto l’ufficio. In alcuni dei libri abbiamo trovato altre immagini di San Sebastiano e la bibliotecaria ci ha fatto le fotocopie. Può essere che alcuni di queste sono già sulla lista, ma questo possiamo verificarlo più tardi. Mentre aspettavamo lì, il Direttore è entrato per consultare un libro e quando ha finito ci ha invitato a salire nel suo ufficio.

Lui aveva selezionato un numero di immagini di San Sebastiano dai suoi archivi e aveva anche composto una lista. Lui ha fatto delle correzioni alla lista di Desmond e poi ha copiato il tutto su un CD per Desmond.

Quando Desmond gli ha presentato la sua carta da visita lui ha notato che abitiamo in East Dulwich e ci ha raccontato che lui aveva visitato la Galleria di Dulwich. Lui ci ha riferito che era un’ottima galleria progettata dall’arch. John Soane. Credo che sono pochi gli inglesi che sanno chi era l’architetto della galleria, figuriamoci gli italiani.

Siamo ritornati alla chiesa di Sant’Alessandro della Croce ma il dipinto che volevamo vedere era nella sacrestia e ci è stato detto che per vederlo dovevamo avere il permesso del prete. Siamo andati a bussare alla sua casa, ma non abbiamo ottenuto una risposta.

Al museo Diocesano eravamo gli unici visitatori e una signora ci ha guidato. Non abbiamo trovato molte immagini di San Sebastiano e quelle che abbiamo trovato non sembravano quelle contenute nella nostra lista. In verità, noi stavamo cercando uno striscione processionale che mostrava la Madonna e Bambino con San Sebastiano, San Rocco e due altri santi e sul retro dello striscione ci doveva essere il Cristo trionfante.

Erano già le 18,00 e avevamo soltanto il tempo di visitare la chiesa di San Bernardino, dove si trova un affresco di San Sebastiano su uno degli archi.

Alle ore 18,45 eravamo in albergo e ho avuto giusto il tempo di scrivere degli appunti sulla giornata di oggi. Abbiamo visto così tanto che qualche volta viene difficile ricordare esattamente dove siamo stati, ma Desmond ha la buona abitudine di scrivere un’infinità di appunti.

Siamo ritornati a cenare all’Antico Borgo perché ero troppo stanco per andare più lontano. Ci siamo seduti da un’altra parte del ristorante e che ci hanno riferito essere in origine una chiesa del XVI secolo. C’erano delle colonne al centro della stanza e delle volte in mattoni molto belle, si vedeva bene che era stata una chiesa.

Abbiamo deciso di mangiare una pizza: Desmond con salame e spinaci ed io con salsiccia, entrambe anche con pomodoro e mozzarella. Una bottiglia di Lucano ed acqua. Una cena piacevole e di buon prezzo!

 

Picture of the Madonna and Child in Glory with St Sebastian and St Rocco by Paolo Cavagna, Church of Santa Maria della Neve, Bergamo.

La pittura della Madonna e Bambino in Gloria con Santi Sebastaino e Rocco di Paolo Cavagna, Chiesa di Santa Maria della Neve, Bergamo.

 

 

 

 

 

This picture, a canvas painted red with a zip, is in the Museum of Modern Art.

Questa pittura, una tela dipinto rosso con lo zip, è nel Museo dell’Arte Moderno.

 

 

 

 

 

 

Statue of St Sebastian in the Diocesan Museum, Bergamo.

La Statua di San Sebastiano nel museo Diocesano, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

La pittura di Lorenzo Lotto can San Sebastiano a destra, la chiesa di San Bartolomeo, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

 

We rather liked this picture of Christ which is in the Diocesan Museum.

Ci piace questa pittura di Cristo che èd al Museo Diocesano.

 

 

 

 

 

 

These ex-votos are in the Diocesan Museum.

 

 

 

 

 

 

 

This banner is in the Diocesan Museum; St Sebastian is the second figure on the left.

Lo striscione processionale che mostrava la Madonna e Bambino con San Sebastiano alla sinistra.

 

 

 

 

 

 

Part of the restaurant All’Antico Borgo, which was originally a church.

Parte del ristorante all’Antico Borgo che era in origine una chiesa.

 

 

 

 

 

 

This picture of St Sebastian is in the Diocesan Museum, Bergamo.

Questa pittura di San Sebastiano è al Museo Diocesano.

 

 

 

 

 

 

Fresco of St Sebastian, Church of San Bernardino, Bergamo.

L’affresco di San Sebastiano, Chiesa di San Bernardino, Bergamo.

 

 

 

 

 

 


 

 

The bomber with a crucified Christ was created in 1965 by Leon Ferrari, regarded as Argentina’s most important conceptual artist.

Entitled “Le Civilization Cristiana Occidental” (Western Christian Civilization) and produced when the United States was beginning its bombing campaign in Vietnam. The piece was intended by Ferrari as a three pronged attack – on war, on the hypocrisy of organised religion and, more generally, on government sanctioned violence.

In 2004 the piece was included in a retrospective exhibition in the Recoleta Cultural Centre in Buenos Aires.  Cardinal Bergoglio, now Pope Frances, condemned it as blasphemous, demanded the closure of the exhibition and called for a ‘day of reparation.’  In response, mobs of Catholics took to the streets and broke in, damaged many of the exhibits.

But thousands of supporters gathered outside the Cultural Centre, chanting “Attention, Attention, they brought back the Inquisition!”

Addressing the crowd, Ferrari expressed his gratitude to the Church for the free publicity.

He died, aged 92, shortly after we returned to London.

 

Il Bombardiere con il Cristo crocifisso fu creato in 1965 dall’artista Leon Ferrari considerato uno degli artisti concettuali più importante dell’Argentina. L’opera, intitolata “Le Civilization Cristiana Occidental” fu prodotto quando gli Stati Uniti avevano iniziato a bombardare il Vietnam. Ferrari intendeva criticare gli Stati Uniti tramite quest’opera su tre punti – la guerra, l’ipocrisia delle religioni e in modo più ampio, sulla violenza sancita del suo governo.

Nel 2004 l’opera fu inclusa in una mostra retrospettiva nel Centro Culturale  Recoleta in Buenos Aires. Il Cardianle Bergoglio, che ora è il Papa Francesco, condannò l’opera come blasfema e chiese l’immediata chiusura della mostra. Definì quel giorno “giorno di risarcimento.” Ciò provocò una risposta violenta da parte dei Cattolici che fecero irruzione nel Centro Culturale è provocarono danni a molte delle opere esposte.

In risposta a questa reazione violenta, migliaie di sostenitori di Ferrari si unirono fuori del Centro e  insieme gridarono “Attenzione, attenzione, hanno ripristinato l’inquisizione!”

Ferrari, parlando alle masse, espresse la sua gratitudine per la pubblicità gratuita offerta dalla chiesa.

All’età di 92 anni, Ferrari morì pochi giorni dopo il nostro rientro a Londra.

 


Saturday 23 March 2013.

Last night we consulted Giulio Ambrosini, the night manager at our hotel, for advice about the local bus services. He told us where to find the bus number 1A into Bergamo Alta and where to buy the tickets. A ticket for 24 hours costs €3.50, so we bought six. We found the bus stop nearby and only waited a few minutes for a bus to arrive. The ride itself is interesting, as there are fantastic views from the city walls as the road winds upwards towards the old town. The bus enters the old town via one of the massive surviving gates, Porta San Agostino, and it just fits through with hardly an inch to spare. It terminates at the Citadel.

Eventually we located ourselves on the map and made our way to Piazza Vecchia. We thought that we had found the cathedral, but the picture; of The Madonna and Child in Glory with St Rocco on the left and St Sebastian on the right, by Gian Paolo Lolmo; was not the one we were seeking. Later we found that we had been in the church of Santa Maria Maggiore and that the picture was on our list. We did not have time to speak to the custodian because he was anxious to close the church during the lunch time period.

So we decided to have lunch at Caffè del Tasso, Piazza Vecchia 3/B. Desmond had a dish of roasted vegetables in a cream sauce and topped with a fried egg. I had tagliatelle with a meat sauce. We each had a glass of fine old Chianti Reserva; which was very good; and water. I had a coffee to finish. A very satisfying lunch.

We found the Tourist Information Office and the young lady there spoke excellent English. We needed to know if there was more than one church with the title ” St Sebastian” and she confirmed that there was only one. But she did point out that it is a very small church and unlikely to be open. She told us to ask at the Bishop’s palace and provided us with a telephone number. We will ask the hotel to call them to find the opening times.

Then we started looking for Santa Maria Maggiore. We went in entirely the wrong direction on via Donizetti, which was actually quite fortunate, because we located the station for the funicular which we needed later. Eventually we located the church and I said to Desmond that it was the one we had already visited and I showed him the painting that we had photographed earlier. The young man in the sacristy confirmed the name of the church and told us that the cathedral was across the little street.

The cathedral was indeed very close, and the picture that Desmond wanted to see, should have been in the sacristy. Unfortunately it is in store and was not available. Desmond was advised to write and ask to see it; which he will do before we return to Bergamo.

What surprised me was that the church of Santa Maria Maggiore was much larger and more ornate than the cathedral, which is quite modest and not as impressive.

We visited one last church, San Pancrazio, which is near the tourist office. There we found an external fresco of St Sebastian, in the lunette above the main entrance; it is a very old fresco, but it is easy to identify the figure of Sebastian on the left.

We took the funicular down to the new town and then the bus to the railway station. From there it is a short, simple walk to the hotel.

I suggested that, as it was Saturday, the restaurants would be busy and that we should go out at 19.00 rather than 20.00 which is our usual time. We went to Caffè Capri, via XX Settembre, which was recommended by the night manager. It is an excellent restaurant and, as I expected, it was very busy.

We had an excellent bottle of Greco di Tufo, which is one of our favourite Italian wines, but very difficult to find in England; although Desmond did manage to find me 11 bottles for my birthday.

Desmond had a pizza with meat. I had a veal chop with vegetables. We had wine and water. It was very tasty and good value and we will return if we have the time.

When we left the restaurant there was a queue of people waiting for tables, so I was pleased that we had the prescience to arrive early.

 

Sabato 23 Marzo 2013.

Ieri sera abbiamo chiesto a Giulio Ambrosini, il manager notturno del nostro albergo, consigli riguardanti i servizi dei pullman locali. Ci ha indicato dove prendere il pullman numero 1A  che ci avrebbe portato a Bergamo-Alta e, dove comprare i necessari biglietti.  Un biglietto per 24 ore costa €3,50 e così ne abbiamo comprati sei. Siamo riusciti a trovare la fermata del pullman con facilità e abbiamo atteso pochi minuti prima che arrivasse il pullman. Il tragitto in sé è molto interessante poiché ci sono dei panorami bellissimi mentre il pullman sale sulle strette strade verso la città antica. Il pullman entra attraverso uno delle enormi porte: Porta San Agostino e ci passa a malapena. Il tragitto termina alla fermata di Cittadella.

Dopo aver consultato la nostra mappa siamo arrivati a Piazza Vecchia. Credevamo di essere alla cattedrale ma il dipinto che c’era nella chiesa della Madonna con Bambino in Gloria, non era il dipinto che stavamo cercando. Successivamente abbiamo scoperto che eravamo nella chiesa di Santa Maria Maggiore e il dipinto che avevamo visto era comunque sulla nostra lista. Non abbiamo potuto parlare con il custode perché aveva fretta di chiudere la chiesa per la pausa pranzo.

Così abbiamo deciso di fermarci a pranzo al Caffè del Tasso in Piazza Vecchia 3/B. Desmond ha ordinato verdure arrostite in una salsa con la panna con sopra un uovo fritto. Io ho ordinato le tagliatelle con ragù di carne. Abbiamo bevuto un bicchiere di Chianti Riserva, un ottimo vino e per finire ho preso un caffè; un pranzo molto soddisfacente.

Dopo il pranzo siamo riusciti a trovare l’ufficio d’informazione per turisti e lì c’era una giovane signorina che parlava bene l’inglese. Volevamo sapere se c’era più di una chiesa di San Sebastiano e lei ha detto che c’era solamente una. Ma ci ha anche detto che è una chiesa molto piccola ed era improbabile che fosse aperta. Lei ci ha consigliato di andare al palazzo del vescovo e ci ha fornito il numero di telefono. Avremmo chiesto a qualcuno dell’albergo di chiamare per sapere gli orari di apertura.

Poi abbiamo iniziato a cercare la chiesa di Santa Maria Maggiore. Siamo andati nella direzione sbagliata sul via Donizetti, ma è stata una fortuna perché abbiamo localizzato la stazione della funicolare che avremmo preso più tardi. Infine abbiamo trovato la chiesa e ho capito che era quella che avevamo visitato prima e ho mostrato a Demond le foto del dipinto che avevamo già visto. L’uomo nella sacrestia ha confermato che era la chiesa di Santa Maria Maggiore e ha detto che la cattedrale era dall’altra parte della strada.

Il dipinto che Desmond voleva vedere doveva essere nella sacrestia, ma in realtà era stato conservato e non era possibile vederlo. A Desmond è stato consigliato di scrivere al vescovo e chiedere il permesso di visionare il dipinto; sicuramente lo farà prima della nostra prossima visita a Bergamo.

Ciò che mi ha sorpreso più di tutto è stato il fatto che la chiesa di Santa Maria Maggiore era molto più grande e più ornata della cattedrale, che è molto più modesta e meno imponente.

Abbiamo visitato l’ultima chiesa di San Pancrazio che si trova vicino all’ufficio turistico. Lì abbiamo trovato un affresco esterno di San Sebastiano situato in una lunetta sopra l’ingresso principale; è un affresco molto antico, ma è facile identificare San Sebastiano che si trova nella pare sinistra del dipinto.

Abbiamo preso la funicolare per scendere fino a Bergamo nuova poi abbiamo preso il pullman alla stazione dei treni e dopo una breve passeggiata eravamo in albergo.

Poiché era sabato, ho intuito che i ristoranti sarebbero stati pieni e quindi ho suggerito di andare a cena alle 19,00 piuttosto che alle 20,00 (il nostro orario preferito). Dietro al suggerimento del manager notturno, siamo andati al Caffè Capri in via XX Settembre; un eccellente ristorante e, come mi aspettavo, c’era molta gente.

Abbiamo bevuto una bottiglia di Greco di Tufo che è uno dei miei vini italiani preferiti e in Inghilterra è molto difficile trovarlo. Ma Desmond è riuscito a comprarmi 11 bottiglie di questo vino per il mio compleanno.

Desmond ha ordinato una pizza con carne, io il vitello con verdure. Era tutto buonissimo e non troppo costoso; se abbiamo tempo prima di partire spero di ritornare. Quando siamo usciti dal ristorante ho visto che la gente faceva la fila per aver un tavolo, così ero contento che fossimo arrivati prima.

 

We found these illustrations in two books in the National Library, Bergamo.

Abbiamo trovato queste illustrazioni nei due libri nella Biblioteca Nazionale, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

Entrance to the Church of Santa Maria Maggiore with the Collioni Chapel on the right, Bergamo.

L’entrata della chiese di Santa Maria Maggiore con la cappella Collioni s destra, Bergamo.

 

 

 

 

 

 


The baptistery, Santa Maria Maggiore, Bergamo.

Il battistero, Santa Maria Maggiore, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

Il Duomo, Bergamo.

 

 

 

 

 

Desmond at the entrance to Santa Maria Maggiore, Bergamo.

Desmond all’entrata di Santa Maria Maggiore, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

Roy at the entrance to Santa Maria Maggiore, Bergamo.

Roy all’entrata di Santa Maria Maggiore, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

Painting of the Madonna and Child in Glory with St Rocco e St Sebastian by Gian Paolo Lolmo, Santa Maria Maggiore, Bergamo.

Pittura della Madonna e il Bambino con San Rocco e San Sebastiano di Gian Paolo Lolmo, Santa Maria Maggiore, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

This picture is in the Church of Santa Maria Maggiore, Bergamo

Questa pittura e nella chiesa di Santa Maria Maggiore, Bergamo.

 

 

 

 

This is above the main entrance to the Church of San Pancrazio, St Sebastian is the figure on the upper left.

Questa è sopra l’entrata principale della chiesa di San Pancrazio; San Sebastiano e la figura a sinistra.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Sunday 24 March 2013.

Today we had rain, rain and more rain, and it was quite cold. The forecast on the TV this morning said to expect snow above Bergamo. It did not stop us going out and exploring.

We returned to the Monastery of Santa Benedetta, via Sant’Alessandro, before 09.30. We saw a gentleman ringing the bell, and when the door opened for him, we quietly followed him into the church by the side entrance. The interior was quite dark, but Desmond, and his torch, located the painting that Desmond had a black and white photo of.  I did not see St Sebastian in that painting because he is behind everyone else and only his head and hand holding three arrows are visible.

The other paintings on our list must be inside the monastery and it appears to be a closed order of nuns.

A short walk took us to a bus stop where we caught the bus to Bergamo Alta. When we stopped for a coffee in via B. Colleoni, we saw a long and joyful Palm Sunday procession, with the choir and priests, followed by hundreds of people carrying palm or olive branches. The all went into the cathedral for the service. We followed them into Piazza Vecchia and went into the Treasury of the cathedral. They have some beautiful silver processional crosses that looked very heavy and I would not have liked to have had to carry one for any distance. We were not allowed to take photos, but there are some good pictures in the little guide book that we bought. There is an interesting 13C iconostasis in carved marble and, above, there were blind arches, where a series of sacred icons were painted. They are, Saints John the Baptist, Peter, Bartholomew and Catherine of Alessandria, who all face the central figure of St. Anne and The Madonna and Child Enthroned.

During the closure of the Accademia Carrara  there was a small display of some of their paintings in the Palazzo Ragione, including a fine one of St Sebastian

We took the lift to the top of the Civic Tower, The Campanone, but today was quite misty and there was not a lot to see. On a clear day I think the views will be spectacular.

We returned to Caffè del Tasso for lunch and our waitress from yesterday came over specially to greet us. We had two glasses each of the Chianti Reserva, water, a plate of mixed local salami and cheese with bread and I had a coffee to finish. It was a most enjoyable picnic; with the wine accounting for most of the cost.

It was still raining hard and I did not want to see anything else; so we took the funicular, the same as yesterday. When we arrived at the lower station, we found a bus waiting for any passengers and it took us directly to the railway station.

We had the rest of the afternoon to relax and read; we intended to eat early again in the evening.

Tonight, Giulio Ambrosini, the always helpful night manager, recommended La Bruschetta, via Guglielmo D’Alzano 1, for dinner. It was about 5 minutes walk from our hotel.  It is a very large restaurant on the ground floor of a very old building, perhaps originally it was the basement; certainly it had a brick vaulted ceiling and some very old brick pillars.

First we were served with a complimentary glass of prosecco. We had Casoncelli alla Bergamasca della Bruschetta; pasta filled with meat, cooked with butter, bacon, parmesan and sage. It was delicious! There was also a basket of 5 different breads. We were not very hungry, so we then just had a sweet selection; both were different and really well presented. We had a bottle of wine and water. Finally a complimentary glass of limoncello. Definitely a restaurant to return to.

What I have found rather strange during this visit, is that strangers frequently stop me and ask for directions.  Perhaps I look like a native. It happened this afternoon at the station and I think that that was the third time in five days.

 

Domenica 24 Marzo 2013.

Oggi è stata una giornata di pioggia, pioggia e ancora tanta pioggia. Faceva anche abbastanza freddo e le previsioni del tempo in TV davano neve su Bergamo, questo però non ci ha scoraggiati e siamo usciti per le nostre ricerche.

Siamo ritornati al Monastero di Santa Benedetta in via Sant’Alessandro prima delle 9,30 e lì abbiamo visto un signore che suonava alla porta laterale della chiesa e quando lo hanno aperto l’abbiamo seguito dentro. La chiesa era abbastanza buia, ma Desmond aveva con se una torcia e così siamo riusciti a localizzare il dipinto che ci interessava. Desmond aveva una foto in bianco e nero del dipinto che cercava, ma io non riuscivo a localizzare San Sebastiano nel dipinto, poiché si trova dietro a tutti gli altri personaggi e si può solo intravedere la sua testa e una mano che tiene tre frecce.

Gli altri dipinti sulla nostra lista devono trovarsi nel monastero e sembra che sia un ordine di suore in clausura.

Dopo un breve tragitto siamo giunti alla fermata dell’autobus dove abbiamo preso il pullman per arrivare a Bergamo Alta. Quando ci siamo fermati per prendere un caffè in via B. Colleoni, abbiamo visto una lunga gioiosa processione della domenica delle Palme. C’era il coro con i preti e il seguito di centinaia di persone che portavano con se palme o rami d’ulivo. Noi abbiamo seguito la processione fino a Piazza Vecchia e loro sono entrati in chiesa per la messa e noi siamo entrati nel tesoreria della Cattedrale. Lì ci sono delle croci processionali in argento che avevano l’aspetto di essere molto pesanti; io non vorrei portarli in processione. Non ci è stato permesso di fare foto, anche perchè ci sono diverse ottime foto nel libro di guida che avevamo comprato. C’è un interessante iconostasi (13C) scolpito in marmo e sopra ci sono gli archi ciechi dove sono dipinte una seria di icone sacre. I santi ritratti sono: Giovanni Battista, Pietro, Bartolomeo e Caterina d’Alessandria, tutti loro guardano verso le figure centrali di Sant’Anna, la Madonna e Bambino in Gloria.

Durante il periodo di chiusura dell’Accademia Carrara, un numero di dipinti sono esposti nel Palazzo Regionale e tra questi c’è un bellissimo San Sebastiano.

Dopo abbiamo preso l’ascensore fino alla cima della Torre Civica o Campanone, ma oggi c’è nebbia e non c’era molto da vedere. Credo che in una giornata limpida la vista deve essere meravigliosa.

Siamo ritornati al Caffè del Tasso per il pranzo e la cameriera di ieri è venuta a salutarci. Abbiamo preso due bicchieri ciascuno di Chianti riserva, acqua, un piatto di salumi e formaggi con pane ed io ho preso il caffè dopo. Un picnic buonissimo e il costo era quasi tutto per il vino.

Pioveva ancora tanto ed io non avevo voglia di vedere altro; così abbiamo preso la funicolare come ieri. Quando siamo arrivati alla stazione, abbiamo trovato il pullman che era in attesa di passeggeri e ci ha portato direttamente alla stazione dei treni.

Avevamo il resto del pomeriggio per rilassarci e leggere; abbiamo deciso di cenare di nuovo presto.

Per cena, il nostro sempre disponibile manager notturno, Giulio Ambrosini, ci ha consigliato La Bruschetta in via D’Alzano 1. Il ristorante dista circa cinque minuti di camminata dall’albergo. È un grande ristorante sul pianterreno di un edificio molto antico, può darsi che in origine era un seminterrato. Infatti la soffitta era una volta in mattoni e c’erano delle colonne molto antiche.

Il cameriere ci ha portato un bicchiere di prosecco, omaggio del ristorante e, poi abbiamo mangiato Casoncelli alla Bergamasca della Bruschetta. Questo è una pasta ripiena di carne servita con un condimento di burro, pancetta, parmigiano e salvia.  Era veramente deliziosa. C’era anche un cestino con dentro cinque varietà di pane ma, poiché non avevamo molta fame, abbiamo ordinato un dolce per finire. Entrambi erano buonissimi e ben presentati.

Abbiamo preso una bottiglia di vino e dell’acqua. Per finire ci hanno offerto un bicchiere di limoncello: è un ristorante da rivisitare. Durante questa visita a Bergamo, ho trovato strano che spesso la gente mi chiede indicazioni stradali. Può darsi che sembro uno del luogo. È accaduto anche oggi alla stazione e se non sbaglio è la terza volta in cinque giorni.

 

Painting by Lucano Sagio with St Sebastian to the right of thr Madonna and Child, The Monastery of Santa Benedetta, via Sant’Alessandro, Bergamo.

Pittura di Lucano Sagio con San Sebastiano a destra della Madonna e il Bambino, il Monastero di Santa Benedetta, via Sant’Alessandro, Bergamo.

 

 

 

 

 

The view from the Civic Tower.

La vista della Campanone.

 

 

 

 

Fresco by Miaffiolo da Cazzano, showing Saints Sebastian, James and Nicholas, Palazzo della Ragione, Bergamo.

L’affresco di Miaffiolo da Cazzano che mostra Santi Sebastiano, Giacomo e Nicolò, Palazzo della Ragione, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

The Museum and Treasury of the Cathedral, Bergamo.

Il Museo e il Tesoro della Cattedrale, Bergamo.

 

 

 

 

 

The Iconostasis, The Museum and Treasury of the Cathedral, Bergamo.

L’iconostasi, Il Museo e il Tesoro della Cattedrale, Bergamo.

 

 

 

 

 

The Iconostasis, The Museum and Treasury of the Cathedral, Bergamo.

L’iconostasi, Il Museo e il Tesoro della Cattedrale, Bergamo.

 

 

 

 

 

 


Monday 25 March 2013.

My sister-in-law, Clara, came from Milan to see us. We met her at Bergamo railway station just before 10.00 and I had already bought day tickets for the city transport. We took the bus up to Bergamo Alta and walked to Piazza Vecchia, to show her the church of Santa Maria Maggiore and the cathedral.

Santa Maria Maggiore has a collection of the most magnificent tapestries and some of them are enormous. The smaller ones are more colourful. I noted that one very large one was 16-17C. For my taste, the church has too much decoration, plasterwork, gilding, paintings, woodwork and also the tapestries. Clara said that it reminded her of churches in Spain and Portugal, which are also very ornately decorated.

We walked to the Tourist Information Office, so that I could pick up a couple of postcards, and Desmond asked about the church of San Michele al Pozzo Bianco; St Michael of the White Well, named because there was a well of pure water there and it still has a drinking fountain, perhaps from the same source. We were told that it is one of the few churches not to close for lunch.

We were looking for two frescos. One is in the church on the right hand wall which shows The Madonna with Child enthroned, St Rocco and St John the Baptist on the left and St Sebastian on the right. When we looked more carefully at our information, we found that one was in the crypt. There we found one on the left of the altar, showing The Madonna and Child surrounded by nine other figures; St Sebastian is the third figure on the left. Above the altar there is St Christopher in the centre with St Sebastian on the left and St Rocco on the right. Finally on the right of the altar there is St Sebastian, The Madonna and Child, St Rocco and another saint. Having expected to find two images of St Sebastian, we now have four from the same church.

The second church of Sant’Agostino was closed and part of the cloisters and other buildings, now house part of the university. When we enquired there we were told that it had been closed some years for restoration. They suggested that we check at the town hall where, perhaps, we could get permission to visit.

We found a hotel nearby where we had something to eat. Clara and Desmond both had Casoncelli alla Bergamasca; which we had the other evening; I had tagliatelle with a sauce of boar meat. We had a carafe of local red wine, water and coffee.

We took the funicular and then the bus to the railway station, where Clara had less thank two minutes to catch her train to Milan Central Station; unfortunately the doors were already closed and so she missed it. Desmond checked platform 2, where he found her and brought her back to the ticket hall. I noticed that there was a train to Milan Porta Garibaldi and I asked her if that was any use to her. She said that it was nearer to her house than Milan Central. She checked that her ticket was valid for that station and so she took that train.

We had had a lovely day with her; she is always good company, and a reliable source of interesting information, and we do like to see her whenever possible.

We dined at the wine bar, Vini e Spiriti, where we went on our first evening in Bergamo. We had veal escalope (cottoletta alla Milanese) with mashed potato and salad. The wine was a 2006 Chianti Reserva from Petrognano. This is where our dear friends Sally and David Gluck used to go for a month every year to paint. We raised our glasses and drank to their memory.

 

Lunedì 25 Marzo 2013.

Oggi mia cognata Clara, è venuta da Milano per stare un po’ con noi. L’abbiamo incontrata alla stazione di Bergamo un po’ prima della 10,00 e,  nell’attesa del suo arrivo, ho comprato i biglietti per il trasporto giornaliero. Non appena arrivata Clara, abbiamo preso il pullman fino a Bergamo Alta e poi a piedi siamo arrivati a Piazza Vecchia. Lì volevamo mostrare a Clara la chiesa di Santa Maria Maggiore e anche la cattedrale.

La chiesa di Santa Maria Maggiore ha una magnifica collezione di tappezzerie ed alcuni di queste sono enormi. Quelli più piccoli sono più colorati. Ho notato che uno di quelli più grandi era il 16-17L. Per i miei gusti la chiesa è troppa decorata, ci sono intonaci indorati, lavori in legno e anche delle tappezzerie. Clara ha notato una somiglianza con le chiese in Spagna e Portogallo che sono anche esse molto corate.

Dopo siamo arrivati all’ufficio turistico per prendere un paio di cartoline e Desmond ha chiesto informazioni sulla chiesa di San Michele al Pozzo Bianco, così nominato a causa del pozzo di acqua puro che si trova lì e ancora oggi c’è una fontana, forse dalla stessa fonte. Ci è stato detto che questa chiesa è una delle poche che non chiude durante la pausa pranzo.

Noi stavamo cercando due affreschi. Uno è nella chiesa sulla parete di destra e trae la Madonna con il Bambino in Gloria, San Rocco e San Giovanni Battista sulla sinistra e San Sebastiano sulla destra. Quando abbiamo guardato meglio le nostre informazioni, abbiamo letto che c’era un’altra opera nella cripta. Lì abbiamo trovato la Madonna e il Bambino circondato da altri nove figure; San Sebastiano è la terza figura sulla sinistra. Sopra l’altare c’è un San Cristoforo al centro con San Sebastiano sulla sua sinistra e San Rocco sulla sua destra. Infine, sulla destra dell’altare c’è un altro San Sebastiano, la Madonna e il Bambino, San Rocco e altri santi. Noi ci aspettavamo di trovare due immagini di San Sebastiano, invece ne abbiamo trovato quattro nella stessa chiesa.

La seconda chiesa che volevamo visitare era quella di Sant’Agostino e parte del chiostro ed altri edifici, ora appartengono all’università. Ci hanno riferito che la chiesa era chiusa da diversi anni per restauro ma ci è stato suggerito di andare al Municipio e chiedere un permesso per visitarla.

Abbiamo trovato un albergo lì vicino dove poter mangiare. Clara e Desmond hanno preso il Casoncelli alla Bergamasca che avevamo già mangiato l’altra sera; io ho preso le tagliatelle con il ragù di cinghiale. Abbiamo bevuto una caraffa di vino locale, acqua e preso il caffè.

Dopo pranzo abbiamo preso la funicolare e poi il pullman per arrivare alla stazione ferroviaria, mancavano due minuti alla partenza del treno di Clara per Milano Centrale, ma sfortunatamente le porte del treno erano già chiuse e quindi ha perso il treno. Desmond è andata a riprendere  Clara e siamo andati verso la biglietteria della stazione. Io ho notato che c’era un treno in partenza diretto a Milano Porta Garibaldi e ho chiesto se poteva andare bene. Lei ci ha risposto che era anche meglio, poiché questa fermata era più vicina a casa sua, così ha controllato che il biglietto fosse valido e così è partita.

Abbiamo passato una bella giornata con lei; Clara è sempre di buona compagnia ed è una fonte affidabile d’informazioni e a noi piace vederla il più possibile.

Per la cena ci siamo fermati all’enoteca Vini e Spiriti dove abbiamo cenato proprio il giorno che siamo arrivati. Abbiamo mangiato le cotolette alla Milanese con il purè di patate e l’insalata. Il vino era un Chianti Riserva del 2006 da Petrognano; questo è il posto in cui i nostri cari amici defunti, Sally e David Gluck, andavano per un mese ogni anno per dedicarsi alla pittura. Abbiamo innalzato i nostri bicchieri e bevuto alla loro memoria.

 

Desmond and Clara in Santa Maria Maggiore, Bergamo.

Desmond e Clara nella chiesa di Santa Maria Maggiore, Bergamo.

 

 

 

 

Fresco in the nave of the church of San Michele al Pozzo Bianco, Bergamo.

L’affresco nella navata della chiesa di San Michele al Pozzo Bianco, Bergamo.

 

 

 

 

 

Sally Gluck 21.4.1939 – 24.3.2006

 

 

 

 

 

David Gluck 29.10.1939 – 18.2.2007

 

 

 

 

 

 

Fresco by Antonio Boselli in the crypt of the Church of San Michele al Pozzo Bianco, Bergamo. (St Sebastian is the third figure on the left).

L’affresco di Antonio Boselli nella cripta della chiesa di San Michele al Pozzo Bianco, Bergamo. (San Sebastiano è la tersa figura a sinistra).

 

Fresco by Bartolomeo Cabrini in the crypt of the Church of San Michele al Pozzo Bianco, Bergamo, showing St Sebastian, St Christopher and St Rocco.

L’affresco di Bartolomeo Cabrini nella cripta della chiesa di San Michele al Pozzo Bianco, Bergamo, che mostra Santi Sebastiano, Cristoforo e Rocco.

 

 

 

Fresco in the crypt of the church of San Michele al Pozzo Bianco, Bergamo.

L’affresco nella cripta della chiesa di San Michele al Pozzo Bianco, Bergamo.

 

 

 

Desmond and Clara, lunch in Bergamo.

Desmond e Clara, la seconda colazione a Bergamo.

 

 

 

 

Clara with a Lion, Bergamo.

Clara con un leone, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

Roy with a glass of wine, Bergamo.

Roy con un bicchiere di vino, Bergamo.

 

 

 

 

 

 


Tuesday 26 March 2013.

This was our last full day in Bergamo. The weather; just to make sure that we did not miss anything; decided to snow and now we have had cold, rain and snow. I was wearing a pair of long johns, thermal socks, vest, shirt, 2 pullovers, a padded jacket, a raincoat, hat and gloves because it was very cold. It will be much warmer tomorrow in Calabria even if it is raining.

Our first visit was to the Tourist Information Office near the station, to get details of our route to Milan Linate Airport tomorrow morning. The lady advised us to take the train to Milan Central Station and then the shuttle bus to the airport. We bought our tickets at the station and then took the bus to Bergamo Alta.

We walked to La Rocca; a tower which is part of the old fortifications; where there is a museum devoted to the history of Bergamo and there are some impressive war memorials, relating to the first World War, in the gardens.

We had lunch in a wine bar, Al Donizetti, via Combito 17/a, where we had a delicious bottle of Valpolicella 2009 and water. Desmond had Casoncelli alla Bergamasca again; I had lasagne, but with cheese instead of meat, and I had coffee. It was most enjoyable. At the next table there were a friendly couple from Finland who spoke some English.

As usual we took the funicular and then a bus to Porta Nuova. From there we walked to the Diocesan Museum to ask the Director of the museum, Dr. Matteo Minelli, if we could consult a book in their library. He proved most helpful and cooperative. He took us into the library and left us to search the stacks for ourselves, as he had been called away.

I found the book which we wanted; a catalogue of the Diocesan Museum. I found the items that Desmond wanted and located the black and white pictures of them. There were a couple of items which were not illustrated but perhaps Desmond can trace them from the catalogue entries. Dr. Minelli kindly provided Desmond with photocopies of all the pages that he wanted; now he has quite a lot of work to do.

We called in at the church of Santo Spirito and Desmond quickly found the St Sebastian. It proved very difficult to photograph because of reflections, but I think that he eventually managed it.

We found a bus to take us near to the hotel. Just when you start to find you way around on the buses, it is time to leave!

We returned to All’Antico Borgo, where we ate far too much. The waitress recommended a small whole grilled cheese, but she did not say that it came on a plate of cured ham. We also started with the buffet of mixed cooked vegetables and salad. Our main course was grilled steak; Desmond’s with mushrooms and mine with rocket and shaved parmesan. We had a bottle of Chardonnay from Lake Garda.

Desmond settled the hotel bill and we gave the night manager a ‘thank you’ tip. He had been so very helpful recommending restaurants, and providing information about bus routes and other local information which I doubt we could have found out for ourselves.

 

Martedì 26 Marzo 2013.

Oggi è l’ultimo giorno che passeremo a Bergamo. Il tempo, giusto per non farci perdere qualcosa, ha deciso di regalarci la neve, così abbiamo avuto tutto: freddo, pioggia e neve. Io indossavo la biancheria termica, una maglia interna, la camicia, due maglioni, una giaccia imbottita, un impermeabile, un capello , una sciarpa e un paio di guanti perché faceva veramente freddo. Domani sarà molto più caldo in Calabria anche se c’è la pioggia.

La nostra prima tappa è stata l’ufficio turistico, che si trova vicino alla stazione, per sapere come arrivare, domani mattina, all’aeroporto di Linate. La signora dell’ufficio ci ha consigliato di prendere il treno fino alla stazione centrale di Milano e poi proseguire con lo shuttle-bus fino all’aeroporto. Abbiamo comprato i biglietti necessari alla stazione per domani e poi abbiamo proseguito con il pullman fino a Bergamo Alta.

A piedi poi siamo arrivati alla Rocca che è una torre che è parte delle vecchie fortificazioni. Lì c’è un museo dedicato alla storia di Bergamo e, inoltre, nei giardini ci sono dei monumenti notevoli di guerre che riguardano la Prima Guerra Mondiale.

Abbiamo pranzato in un’enoteca, Al Donizetti, in via Combita 17/A. Abbiamo bevuto una bottiglia deliziosa di Valpolicella del 2009 e Desmond ha mangiato di nuovo i Casoncelli alla Bergamasca; io ho mangiato le lasagne ai formaggi e per finire un caffè. Un pranzo gustoso. Al tavolo di fianco a noi c’era una coppia di Finlandesi molto amichevoli che parlavano inglese.

Come al solito abbiamo preso la funicolare poi il pullman per raggiungere Porta Nuova. Da lì abbiamo proseguito a piedi fino al museo Diocesano per chiedere al direttore, dott. Matteo Minelli, se potevamo consultare un libro che si trova nella biblioteca del museo. Lui è stato molto disponibile e ci ha portato nella libreria e ci ha lasciato poiché era stato chiamato via.

Io ho trovato il libro che volevamo; un catalogo del museo Diocesano, ho trovato poi gli oggetti che Desmond voleva con le rispettive fotografie in bianco e nero. C’erano le descrizioni di alcuni oggetti senza illustrazioni, ma può essere che Desmond riuscirà a tracciare questi oggetti in base all’informazione contenuto nel libro. Il dott. Minelli ha provveduto a fare le fotocopie delle pagine che ci interessavano; ora Desmond ha un bel po’ di lavoro.

 

Walking back down the hill from La Rocca we saw this old fountain, cheerfully ‘decorated’ by local vandals.

Guardando indietro dalla Rocca, lungo la collina, abbiamo visto una vecchia fontana ‘decorata’ dai vandali locali.

 

 

 

 

 

 

The View from La Rocca.

La vista do La Rocca.

 

 

 

 

Picture by Lorenzo Lotto with St Sebastian on the right, in the Church of Santa Spirito, Bergamo

Pittura di Lorenzo Lotto con San Sebastiano a destra, nella chiesa di Santo Spirito, Bergamo.

 

 

 

 

War memorial at La Rocca, Bergamo.

Monumento ai caduti in Guerra, La Rocca, Bergamo.

 

 

 

 

 

 


Wednesday 27 March 2013.

We left the Hotel San Giorgio at 09.15 and had a leisurely stroll to the station for the train at 10.02 to Milan Central Station. We had help at the station from no less than three kind strangers as we struggled up the stairs with our luggage. The lift to the platform was out of order.

At Milan Central Station we quickly located the airport shuttle bus to Linate Airport. We had already completed our check-in on line and printed our boarding cards, so we had only to leave out suitcases and proceed to the departures lounge.

We had a salad with tuna and anchovies and a glass of Frascati. It was then time to find our boarding gate A7 and boarding had already started when we arrived at the gate. The plane was absolutely full; everyone going home to the family for Easter.

The plane was late leaving Linate but the pilot made up the time so that we arrived on schedule.

Mario, my son-in-law, and my grandson Francesco were waiting for us and took us to the Hotel Royal in Cosenza. Daniela Bozzo, whom we know from previous visits, was on the reception desk and so I received a warm hug and a kiss. For the next day or so we will be busy greeting the hotel staff; most of them have worked there for a long time, so we know them quite well.

I had just finished unpacking when there was a knock at the door of my room. Tracy had finished work and decided to come and collect us. It was a lovely surprise.

Tracy had made baked chicken, with a topping of curry, paprika and breadcrumbs, plus a dish of spinach. We had wine and a glass of a fennel liqueur, which Tracy had made. There is nothing like home cooking and a family meal.

 

Mercoledì 27 Marzo 2013.

Alle 09,15 abbiamo lasciato l’hotel San Giorgio e siamo andati lentamente fino alla stazione per prendere il treno delle 10,02 per la stazione centrale di Milano. Siamo stati aiutati da almeno tre gentili persone a farci salire le scale con le nostre valigie, poiché l’ascensore era fuori uso.

Arrivati alla stazione centrale di Milano, abbiamo trovato lo shuttle per l’aeroporto di Linate. Noi avevamo già fatto il check-in on line e avevamo fatto stampare le nostre carte d’imbarco, così dovevamo soltanto lasciare le valigie e procedere alla sala d’imbarco.

Lì, abbiamo pranzato mangiando un’insalata con tonno e acciughe e un bicchiere di Frascati. Così si era fatta l’ora di trovare l’uscita d’imbarco A7 e quando siamo arrivati, l’imbarco era già iniziato. L’aereo era pieno; tutti tornavano a casa per passare la Pasqua in famiglia.

Mario, il mio genero e mio nipote Francesco, erano già a Lamezia ad aspettarci e ci hanno accompagnati all’albergo Royal di Cosenza. Daniela Bozzo, che conosciamo bene da visite precedenti, era di servizio e mi ha accolto con un caldo abbraccio e un bacio. Per i prossimi giorni saremo occupati a salutare tutto lo staff dell’albergo; la maggior parte di loro lavorano in questo albergo da molto tempo, perciò li conosciamo bene.

Avevo appena fatto in tempo a disfare la valigia quando ho sentito bussare alla porta. Tracy aveva finito di lavorare e aveva deciso di venirci a prendere. È stata una bellissima sorpresa!

Per cena Tracy aveva preparato il pollo con paprika e curry e gli spinaci. Abbiamo bevuto il vino e per finire un liquore di finocchio di timpa che Tracy aveva fatto. Non c’è niente di più bello che mangiare cibi di cucina casareccia con la famiglia!

 

Alessandro, my grandson, and his father, Mario Scarlato.

Alessandro, mio nipote, e sua padre, Mario Scarlato.

 

 

 

 

Francesco, my grandson; the sculpture is The Wolf of Sila by Mimmo Rotella 2005, Corso Mancini, Cosenza.

Francesco, mio nipote; la scultura è Il Lupo della Sila di Mimmo Rotella 2005, Corso Mancini, Cosenza.

 

 

 

 

Tracy in Kew Gardens, London.

Tracy a Kew Gardens, Londra.

 

 

 

 

 

Mario Scarlato, my son-in-law, gave me a number of views of Cosenza, some are below.

Mario Scarlato, mio genero, mi ha dato dei numeri visti di Cosenza, che sono sotto.

 

Corso Mazzini.

 

 

 

 

 

Palazzo della Prefettura.

 

 

 

 

 

Teatro Comunale Alfonso Rendano.

 

 

 

 

 

Il Duomo.

 

 

 

 

 


Thursday 28 March 2013.

We had a beautiful sunny day with the temperature as high as 18C and we walked most of the day around the town.

Desmond wanted a reversible belt in two colours for future journeys, so we visited the leather shop near the hotel. They did not have one but they were able to suggest a leather workshop just of the main shopping street, Corso Mancini. The gentleman there will make one for Desmond before we return to London.

Later we visited a local history museum which is in the Monumental Complex of St Agostino which must originally have been a monastery. It tells the story of two of the early tribes, the Bretti and the Enotri; it is quite an interesting museum. The church of St Agostino was closed, but Tracy managed to persuade the custodian to open it for us. The interior was interesting – all white and yellow with some very fine stuccowork.

Later we visited a local shop which had an impressive range of wines on offer.  We noted, with interest, a fine Marsala, called ‘Terre Arse’ which, it was thought, might prove popular in London wine bars.

After dinner we went in the car, to visit a number of churches. This is a popular tradition on Maundy Thursday and there is always one altar in each church specially decorated for this one day. It will all have been cleared away before the next morning. Each church we visited was attended by a large number of devotees.

It was 23.00 when we returned to the hotel, and we were tired, but we had had an enjoyable day.

 

Giovedì 28 marzo 2013.

Oggi è stata una giornata bellissima con temperature intorno ai 18°C e abbiamo trascorso la maggior parte della giornata fuori.

Desmond voleva comprare una cintura reversibile con due colori per futuri viaggi, così abbiamo fatto visita al negozio di pellame che sta vicino al nostro albergo. Loro non avevano questi articoli ma ci hanno indirizzato da un artigiano di pellame che sta sul Corso Mazzini, la strada principale di Cosenza. L’artigiano preparerà una cintura per Desmond che sarà pronta prima di tornare a Londra.

Dopo abbiamo visitato un museo dedicato alla storia locale che si trova nel complesso monumentale di Sant’Agostino, che in origine doveva essere un monastero. Il museo narra la storia di due delle prime tribù, i Breti e gli Enotri. E’ un museo molto interessante. La chiesa di Sant’Agostino era chiusa, ma Tracy è riuscita a convincere il custode a farci visitare la chiesa. L’interno era molto interessante – tutto bianco e giallo con dei stucchi molto belli.

Più tardi abbiamo visitato un negozio locale che vendeva vini molto interessanti. Abbiamo notato un vino, una buona Marsala che si chiama “Terra Arse” che, secondo noi, potrebbe suscitare molto interesse nelle enoteche di Londra (la parola “arse” in inglese significa culo!)

Dopo cena siamo andati a visitare i Sepolcri nelle varie chiese di Cosenza. Questa è la tradizione di Giovedì Santo e ogni chiesa decora un altare per questo giorno. Domani mattina sarà tutto tolto. Ogni chiesa che abbiamo visitato era piena di gente.Erano le 23.00 quando siamo arrivati in albergo ed eravamo stanchi ma avevamo passato una bella giornata.

 


Friday 29 March 2013.

We had a leisurely walk to Palazzo Arnone; which was a prison when the Spanish ruled the Kingdom of the Two Sicily’s and the Spanish Coat of Arms is still visible on the ceiling of the entrance. Today it houses the collection of the National Gallery of Cosenza. They have two paintings of St Sebastian which we have seen on previous occasions and we have photographs of them both. Then Desmond found another painting with St Sebastian in the upper right hand side; we must have seen the painting before without realising that it contained a depiction of St Sebastian. He is carrying a bow and there is an arrow in his upper arm.

The other exhibition was a collection from three banks and it was very impressive.

For lunch Andrea had cooked trout and salmon trout in the oven, and we had it with a green salad. I was pleased to see that he is taking an interest in cooking; I think everyone should be able to cook. Alessandro had made fruit salad and we had a piece of Colomba, the special Easter cake. It was very tasty and satisfying.

After a short rest, Tracy came and met us at the hotel. We posted the cards, which we had bought in Bergamo and kept for Tracy to sign. We then collected the belt which Desmond had had made and which we had only ordered yesterday.

I gave Tracy a hand with some food shopping and then we went to see our friend Marina Malizia. She and her family have a smart fast food outlet, and there we had a beer and a snack.

Later we sat down to study the map of Calabria to see where to go next Tuesday with Tracy, Alessandro and Francesco. We are thinking of going to Castrovillari.

 

Venerdì 29 marzo 2013.

Siamo andati fino al Palazzo Arnone che era anticamente la prigione, quando il Regno delle Due Sicilie era sotto il dominio degli Spagnoli. Infatti il blasone spagnolo e ancora visibile sulla soffitta dell’entrata. Oggi il Palazzo ospita la collezione d’arte della Galleria Nazionale di Cosenza. Lì ci sono due dipinti di San Sebastiano che avevamo già visto e fotografato in precedenza. Ma poi Desmond ha trovato un dipinto dove si vedeva San Sebastiano in alto sulla destra; sicuramente l’avevamo già visto ma non ci siamo accorti che conteneva un’immagine del Santo. Lui porta un arco e ha una freccia nel suo avambraccio.

C’era un’altra mostra di dipinti che appartenevano a tre banche, una collezione notevole.

Per pranzo, Andrea aveva cucinato le trote al forno e le abbiamo mangiato con un’insalata. Alessandro aveva preparato una macedonia di frutta e dopo abbiamo mangiato una fetta di colomba (un dolce tipico della Pasqua). Un pranzo molto soddisfacente e gustoso.

Dopo un riposino, Tracy è venuta ad incontrarci in albergo. Abbiamo spedito le cartoline che avevamo comprato a Bergamo. Non le avevamo spedite precedentemente, per dare a Tracy la possibilità di firmarle. Poi siamo andati a ritirare la cintura che Desmond aveva ordinato soltanto ieri.

Io ho aiutato Tracy a fare un po’ di spesa e poi siamo andati a trovare la nostra amica Marina Malizia. Lei, insieme alla sua famiglia, ha una pizzeria d’asporto, e lì abbiamo preso da mangiare insieme ad una birra.

La sera abbiamo studiato una mappa della Calabria per vedere dove potevamo andare martedì prossimo con Tracy, Alessandro e Francesco. Forse andremo a Castrovillari.

 

A typical street in old Cosenza.

Una stradina tipica nella Cosenza antica.

 

 

 

 

 

 

Il fiume Busento a Cosenza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Saturday 30 March 2013.

This morning we walked along the main shopping street, Corso Manzzini, and bought some presents. Here it is not usual to give Easter presents but we managed to find Tracy, Mario and my grandsons presents for Easter. We have always joked about Tracy and the size her handbags. When she was in England she had to have very large handbags so that she could carry all her ballet teaching equipment and costumes. In Bergamo we found her a chocolate handbag which we gave her on Easter Sunday. She was really pleased, not just with a new handbag, but chocolate too!

For Mario we found a leather key holder. Francesco will have some Maltesers (his favourite English chocolates); Alessandro was given a special comprehensive pocket map of Dublin (he intends to visit there eventually) and Andrea had a key ring with a special metal cylinder which holds a €20 note for use in an emergency.

In the evening we watched with interest while Tracy and Alessandro make pizzas, 6 large ones, all different and all delicious.

The clocks were put forward one hour tonight and so we will loose some sleep.

 

Sabato 30 Marzo 2013.

Questa mattina, Desmond ed io abbiamo passeggiato lungo corso Mazzini e abbiamo comprato dei “pensierini”. Qui non è solito fare dei doni a Pasqua ma noi abbiamo trovato qualcosa per Tracy, Mario e i miei nipoti. Noi abbiamo sempre preso in giro Tracy per le dimensioni delle sue borse. Quando abitava a Londra, usava le borse molto grandi così da poter contenere tutto quello che le occorreva per la danza. Quando eravamo a Bergamo abbiamo trovato una borsa di cioccolato che le abbiamo regalato per Pasqua. Lei è stata molto contenta, non solo della borsa ma anche della cioccolata!

Per Mario abbiamo trovato un portachiavi in pelle, per Francesco i suoi cioccolatini inglesi preferiti (i Maltesers), per Alessandro una guida tascabile di Dublino (un posto che lui intende un giorno visitare) e per Andrea un portachiavi speciale che ha un piccolo cilindro di metallo dove tenere € 20 per le emergenze.

Quella sera abbiamo guardato con interesse Tracy e Alessandro che preparavano le pizze, hanno fatto 6 pizze grandi tutto diversi e tutte deliziose.

Questa notte si cambia orario e dovremo mettere avanti gli orologi di un’ora. Così perderemo un po’ di sonno.ù

 

This Coat of Arms of Cosenza was made by Alessandro when he worked at the marble factory in Cosenza. It was installed in Corso Manzzini.

Questa stemma di Cosenza è stato fatto da Alessandro, quando ha lavorato alla fabbrica di marmo a Cosenza. E’ installato a Corso Manzzini.

 

 

This Coat of Arms of Cosenza was made by Alessandro when he worked at the marble factory in Cosenza. It was installed in Corso Manzzini.

Questa stemma di Cosenza è stato fatto da Alessandro, quando ha lavorato alla fabbrica di marmo a Cosenza. E’ installato a Corso Manzzini.

 

 

Palazzo Arnone, The Picture Gallery, Cosenza.

Palazzo Arnone, la pinacoteca, Cosenza.

 

 

Tracy and Alessandro made pizzas.

Tracy e Alessandro hanno fatto le pizze.

 

 

 

 

 

 

We saw this wine in a local shop; the name amused Desmond.

Abbiamo notato questo vino al negozio locale, il nome ha divertito Desmond (la parola “arse” in inglese significa culo!)

 

 

 

 

 

 


Sunday 31 March 2013.

This morning at 07.00 it was raining hard and it did not clear up until the afternoon. We accompanied Tracy and Mario to the Bethel evangelical church, which is where Tracy now usually attends, for the morning service. We were made very welcome; perhaps our reputation had preceded us! We met a few people who spoke English. One sprightly lady had spent two years travelling all round America with a circus; she was a bareback rider.

Lunch was green lasagne with artichokes in a white sauce; then sausages with kale. A friend had given Mario some almonds just picked off the tree, and we had some, plus a piece of Easter cake that Tracy made the previous day. She originally made 13 special Easter cakes but they had all either been eaten or given as presents, so yesterday she made another four and only gave one away.

After a rest during the afternoon, we went by car to Rende and had a walk. It is much nicer now that the clocks have gone forward one hour and it is still light at 19.30. The sunshine came late in the afternoon and the temperature was up to 18C.

I was not hungry in the evening so I did not have any supper.

 

Domenica 31 Marzo 2013.

Questa mattina alle 7.30 c’è stata una pioggia battente ed è piovuto ininterrottamente fino al pomeriggio. Noi abbiamo accompagnato Tracy e Mario nella chiesa evangelica Bethel, che loro frequentano per il culto di domenica mattina. Siamo stati accolti con molto calore; forse la nostra reputazione ci ha preceduto! Abbiamo incontrato tante persone che parlavano l’inglese. Una signora allegra aveva trascorso due anni, in gioventù, a girare tutto gli Stati Uniti con un circo; lei era una cavallerizza.

Per pranzo abbiamo mangiato le lasagne verdi con carciofi e besciamelle, poi salsicce e rape. Abbiamo finito con le mandorle appena raccolte dall’albero che un amico di Mario gli aveva regalato e per finire la pastiera che Tracy aveva preparato il giorno prima. Lei aveva già fatto 13 pastiere ma tutte erano state regalate, così ieri lei aveva rifatto altre quattro e, questa volta, ne ha regalato soltanto una.

Dopo un riposino pomeridiano siamo andati a fare una passeggiata sul viale parco di Rende. Adesso che abbiamo mandato avanti gli orologi di un’ora, alle 19,30 c’era ancora luce: è molto più bello! Nel tardi pomeriggio era uscito il sole e la temperatura è salita fino a 18°C.

Io non avevo fame quella sera e quindi non ho cenato.

 

Tracy’s Easter present, a chocolate handbag.

La borsa di cioccolato che Tracy abbiamo regalato per Pasqua.

 

 

 

 

In a shop in Rende we found these Romeo and Juliet chairs.

Queste sedie da pranzo, Romeo e Giulietta, era nel negozio a Rende.

 

 

 

The Church of Carlo Borromeo, Rende

La chiese di Carlo Borromeo, Rende.

 

 

 

 

 


Monday 1 April 2013.

Today we had a splendid feast outdoors in the courtyard, which is next to the flats where Tracy lives. It was much too impressive to be called just ‘lunch’! There were a lot of people there; aunts, uncles, cousins, brothers, sisters, in-laws, grandchildren and friends of the extended family. It was a very good humoured affair. Most people brought something to eat or drink. Alessandro had made a very tasty meat lasagne. There were dishes of cooked artichokes, aubergines, kale, roast lamb and bacon cooked in the pizza oven, and on the grill there were sausages. We had Easter cakes, Colomba and Pasticceria, and ice cream. There was wine, water, coke, a little liqueur to finish and coffee of course. A very nice leisurely feast.

We returned to the hotel to rest and we met again at about 19.30. Again I did not have any supper.

 

Lunedì 1 Aprile 2013.

Oggi abbiamo fatto un banchetto nel cortile che sta di fianco alla casa di Tracy. Era troppo riduttivo chiamarlo ‘pranzo’. C’erano tante persone, zie, zii, cugini, fratelli, sorelle, cognate, nipoti e amici di una famiglia allargata. Una riunione di famiglia molto piacevole. Alessandro aveva preparato la pasta al forno, c’erano carciofi, melanzane, rape, salsicce, agnello e pancetta cotta alla griglia. C’era il vino, le bibite e un liquore a fine pasto con la pastiera, la colomba e il gelato. Un banchetto gustato con molta allegria.

Siamo tornati in albergo per riposare e ci siamo rincontratati verso le 19.30. Nemmeno stasera ho voluto cenare.

 

The view from Montalto Uffugo.

La vista da Montalto Uffugo.

 

 

 

 

 

 

The Church of San Francesco di Paola, Montalto Uffugo.

La chiesa di San Francesco di Paola, Montalto Uffugo.

 

 

 

 

 

 

 

 


Tuesday 2 April 2013.

We went to Tracy’s house, where I did our flight check-in and printed out boarding cards for tomorrow.

Alessandro drove us, Tracy, Francesco, Desmond and me, to Montalto Uffugo, a small town quite close to Cosenza.

The cathedral was closed but Tracy quickly found the church offices and asked for it to be opened for us. Meanwhile we visited the church of San Francesco di Paola, where there is portrait of him which is reputed to have been painted whilst he was alive. His dates are 1416 – 1507, so it is quite an old painting.  He is my grandson Francesco’s patron saint.

After a coffee we returned to the cathedral which was then open. The lady with the keys was still there and when we had finished our brief tour she took us back to San Francesco di Paola to show us the cloisters.

She told us that the composer, Leoncavallo, wrote the opera “I Pagliacci” here in Montalto. His father was as a judge here at that time. Not surprisingly there is at least one street named after him. The Leoncavallo Museum was closed but there were some old photos outside in the cloister. One was of an early production of Pagliacci in Moscow.

Our lady guide did show us the family home, now a museum, of Don Gaetano Mauro, who spent most of his life here. He was born on 13 April 1888 in Rogliano and died on 31 December 1969 in Montalto. The house has been preserved as it was when he passed away. It is now only opened when requested; at present there is no money to keep it open permanently.

Don Gaetano Mauro was ordained as a priest on 14 July 1912 and his first parish was in Montalto Uffugo, where he set up a youth club for young people. During the First World War he was a military Chaplain in Friuli and was imprisoned in an Austrian concentration camp where he contacted tuberculosis, which he never really recovered from. He returned to Montalto Uffugo in 1919 where he founded and became Superior General of The Pious Workers Rural Catechists, which was mainly concerned with the local farmers and their workers. He is also remembered for his work with among young people in the rural population. He was buried in the church of San Francesco di Paola. He was canonised in 2012.

Alessandro wanted to take us to a special fish restaurant he recommended but, when we eventually found it, it was closed. Nearby there was an Agritourismo, Santa Rita, so we went there instead. We had a selection of starters and a main course of grilled meats. We had deserts and coffee, local wine and water. It was an excellent lunch and I did not want any supper.

 

Martedì 2 Aprile 2013.

Questa mattina, arrivati a casa di Tracy, abbiamo fatto il check-in on line e abbiamo stampato le nostre carte d’imbarco per domani.

Alessandro ci ha portato me,Tracy, Francesco e Desmond a Montalto Uffugo, un paesino piccolo vicino a Cosenza.

La cattedrale era chiusa ma Tracy trovando gli uffici della chiesa lì vicino, ha chiesto che venisse aperta. Nel frattempo, che stavamo aspettando qualcuno venisse ad aprire la chiesa, abbiamo visitato la chiesa di San Francesco di Paola. Nella chiesa c’è un ritratto del Santo che si ritiene fu fatto quando lui era ancora in vita. Lui visse dal 1416 fino al 1507 perciò è un dipinto molto vecchio. San Francesco di Paola è l’avventore di mio nipote Francesco.

Ci siamo fermati per prendere un caffè e poi siamo ritornati alla Cattedrale che era stata aperta. La signora che l’aveva aperta era lì e quando abbiamo finito di vedere la cattedrale ci ha accompagnati di nuovo alla chiesa di San Francesco per farci vedere i chiostri.

Lei ci ha raccontato che il compositore Leoncavllo aveva scritto l’opera “I Pagliacci” a Montalto. Suo padre era un giudice a Montalto a quel tempo e nel paese c’è almeno una strada intestata a lui. Il Museo di Leoncavallo era chiuso ma c’era una serie di fotografie vecchie intorno al chiostro, una mostrava una delle prime rappresentazioni dei “I Pagliacci” a Mosca.

La nostra guida ci ha fatto visitare la casa, ora un museo, di Don Gaetano Mauro che visse a Montalto per quasi tutta la vita. Lui nacque a Rogliano 13 aprile 1888 e morì sempre a Montalto il 31 Dicembre 1969. La casa è stata preservata così come era quando lui morì. Adesso viene aperta soltanto dietro richiesta poiché non ci sono soldi per tenerla aperta sempre.

Don Gaetano Mauro fu ordinato prete 14 luglio 1912 e la suo prima parrocchia fu a Montalto Uffugo e lì fondò un’associazione di giovani. Durante la Prima Guerra Mondiale, fu un cappellano militare imprigionato in un campo di concentramento austriaco dove contrasse la tubercolosi da cui non si era mai ripreso. Ritornò a Montalto Uffugo nel 1919, fondò e divenne Superiore Generale dell’Associazione Religiosa degli Oratori Rurali, che si occupava principalmente dell’insegnamento della dottrina cristiana ai contadini locali. Lui è ricordato anche per il suo lavoro tra i giovani. Fu seppellito nella chiesa di San Francesco di Paola e nel 2012 fu canonizzato.

Alessandro voleva portarci a mangiare in un ristorante rinomato per il pesce, ma quando l’abbiamo trovato era chiuso. Lì vicino c’era un agriturismo, Santa Rita, così abbiamo scelto di mangiare lì. Abbiamo iniziato con un antipasto misto e poi abbiamo preso la carne arrostita con un buon vino. Per finire un dessert con un caffè: un ottimo pranzo e io di nuovo non ho voluto cenare.

 

 

The Cathedral, Montalto Uffugo.

 

 

 

 

 

We found this notice, against the N’Dregetta, which is a Calabrian version of the Mafia.

Abbiamo trovato questo tabellone contro la n’drangheta, che è la mafia Calabrese.

 

 

 

 

Don Gaetano Mauro, 13 Aprile 1888 – 31 Dicembre 1969.

 

 

 

 

Don Gaetano Mauro, 13 Aprile 1888 – 31 Dicembre 1969.

 

 

 

 

 

 

 

Casa Mauro, Montalto Uffugo.

 

 

 

 

Francesco a Montalto Uffugo.

 

 

 

 

 

 

 

This picture is in the cloister of San Francesco di Paola.

Questa pittura è ai chiostri di San Francesco di Paola.

 

 

 

San Francesco di Paola.

 

 

 

 

 

 

 

Piazza Mercato, e la chiesa di San Francesco di Paola, Montalto Uffugo.

 

 

 

 

 

 

Piazza Mercato, e la chiesa di San Francesco di Paola, Montalto Uffugo.

 

 

 

 

 

 

La scultura di Maurizio Carnevali 2005, Montalto Uffugo.

 

 

 

 

 

 

 

 


Wednesday 3 April 2013.

We had settled our hotel bill the previous evening and we were packed and ready to leave when Alessandro and Francesco collected us at 07.00 and took us to the airport.

We had an uneventful flight to Milan Linate where we had to change planes. Our flight to London Heathrow was quite late in the afternoon but that gave us time to have a salad for lunch and inspect the shops.

We arrived at Heathrow late in the afternoon, unfortunately just in time to catch the rush hour on the underground. The train was so unbelievably crowded that we feared that we would not be able to exit when it reached Kings Cross.  We arrived at Kings Cross at about 19.00 and we then took the bus home, where we arrived at about 20.00.

It was a very long tiring day.

I was pleased with our time in Bergamo, we saw most of the sites on our list, and I will be pleased to return when the Accademia Carrara reopens. Then we will be able to visit some of the many sites in the Province of Bergamo where we think that there are images of St Sebastian.

Desmond was delighted with the outcome of our trip.  Thanks to the information and the guidance he received from the Director of the Accademia, Dr. Giovanni Valagussa, he has been able to locate and document many more examples of Saint Sebastian in the province than he had anticipated.  He started out with a search list of 89 sites and returned with more than 650!  What a result!

Our time in Cosenza was, as always, a pleasure, and we were able to spend time with old friends and family.

 

Mercoledì 3 aprile 2013.

Avevamo pagato il conto dell’albergo la sera precedente così eravamo pronti a partire alle 07.00 quando Alessandro e Francesco sono venuti a prenderci per accompagnarci all’aeroporto.

Il volo fino a Milano Linate è stato tranquillo e lì dovevamo prendere un altro volo per Heathrow, Londra. Il volo era previsto nel tardo pomeriggio ma questo ci ha dato il tempo di prendere un’insalata per pranzo e di dare un’occhiata ai negozi.

Sfortunatamente siamo arrivati a Londra proprio nell’ora di punta della metropolitana. Il treno era così pieno che temevo che non saremmo riusciti a scendere, una volta arrivati a Kings Cross. Lì siamo arrivati intorno alle 19.00 e abbiamo preso un pullman fino a casa,dove siamo arrivati alle 20.00.

È stata una giornata molto lunga e stancante.

Sono rimasto contento del tempo che abbiamo trascorso a Bergamo, siamo riusciti a visitare la maggior parte dei siti che volevamo vedere e sarò felice di ritornare quando l’Accademia Carrara riaprirà. Allora potremo visitare altri siti nelle province di Bergamo dove crediamo di trovare altre immagini di San Sebastiano.

Desmond è rimasto molto contento dell’esito del nostro viaggio. Grazie alle informazioni e i consigli ricevuti dal Direttore dell’Accademia, dott. Giovanni Valagussa, Desmond è riuscito a localizzare e documentare tante altre immagini di San Sebastiano nella provincia di Bergamo. Molti di più di quanto aveva inizialmente anticipato. Era partito con una lista di 89 siti ed è ritornato con più di 650: che risultato!

Il tempo che abbiamo trascorso in Cosenza è stato, come sempre, un grande piacere. E’ bello poter passare del tempo con i miei familiari e con vecchi amici.

 

Il soffitto nella chiesa di San Francesco di Paola, Montalto Uffugo.

 

 

 

 

 

 

 

The little 11C Church of Santa Croce, Bergamo.

Il tempietto di Santa Croce della prima metà dell’XI secolo, Bergamo.

 

 

 

 

 

 

Mia Baker (Desmond’s great niece), Clare Baker (Desmond’s niece), Andrea Scarlato (my grandson) and Desmond at Windsor Castle. August 2013.

Mia Baker (la pronipote di Desmond), Clare Baker (la nipote di Desmond), Andrea Scarlato (mio nipote) e Desmond al castello di  Windsor. Agosto 2013.

 

 

 

 

 

Desmond and Mario (mio figlio).

 

 

 

 

Geraldine Finney and Roy Chow (my grandson).

 

 

 

 

 

Emma Johnson (my grand-daughter).

 

 

 

 

 

Charlotte Johnson (my grand-daughter).

 

 

 

 

 

Jane Johnson (my daughter-in-law).

 

 

 

 

 

Alice Johnson (my grand-daughter).

 

 

 

 

 


 

 


Leave a comment

Your e-mail address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: