Home » Narratives » Venice – October 2004

Venice – October 2004

THE SEARCH FOR SAINT SEBASTIAN

VENICE-OCTOBER 2004

By Roy Johnson

 

LA RICERCA PER SAN SEBASTIANO

VENEZIA-OTTOBRE 2004

 

This account of our journey is dedicated to our good friend Sally Gluck.

Quest racconto del nostro viaggio é dedicato alla nostra amica Sally Gluck.

 

The ferry to Greece on the Guidecca canal. 

La nave traghetto per la Grecia nel canale della Giudecca.

© Roy Johnson 2003

 

I am pleased to acknowledge the great help given to me by Elizabeth Farrugia in ensuring that theItalian text is correct and to Desmond Reid for his very helpful suggestions.

Roy Johnson 2005.

 

 

 


 Monday 4 October 2004

This is our third visit to Venice in search of images of Saint Sebastian; Desmond intends to publish his findings on the internet. He now has more than 3000 images of the saint in his computer, but, of course, he has not seen them all. This trip should finish Venice quite effectively, as far as this saint is concerned; but there are other places reasonably near, which we can also visit during these two weeks.

In May 2004 we looked for a number in Treviso and we may return there to find the last two that we know about. We also stayed in Ravenna for 10 days and, again, found many pictures etc, but we were able also to see and admire the architecture and mosaics, for which it is justly famous. We have always been met with interest and kindness when enquiring about images of Saint Sebastian. In the Ravenna Picture Gallery, we met the lady director, who with her charming assistants was very helpful. Desmond was enquiring if photographs were available of some of the paintings; she told him to buy the catalogue of the gallery and simply choose whichever pictures he was interested in, and keep them on his computer.

Whilst we were in Ravenna, we found the time to visit Faenza for a day and found the tourist information office most helpful. Because the picture gallery was closed for restoration, they found us a photo of the Saint Sebastian, which is normally kept there. We were presented with a book about the town and were taken to the new church of Saint Sebastian; it was actually very near, but the gentleman wanted to make sure that we found it.

Today, when we arrived in Venice at about 6.30pm, we were greeted enthusiastically outside the hotel by Andrea Rossi, who works on the reception desk. He is a most charming young man and always very helpful. The next morning, when we went down to breakfast, the lady there remembered us very well; she even knew that we wanted tea in separate teapots and that one took lemon and the other cold milk. We are treated so well here that it is a pleasure to return; it is almost like coming home.

 

Lunedì 4 Ottobre 2004

Questa è la nostra terza visita a Venezia alla ricerca d’immagini di San Sebastiano; Desmond intende pubblicare le sue scoperte su internet. Adesso ha più di 3000 immagini del Santo nel suo computer, ma, certamente non le ha viste tutte. Questo giro, concluderebbe Venezia, certamente circa questo santo; ma ci sono altri luoghi abbastanza vicini, che possiamo visitare durante queste due settimane.

Nel Maggio del 2004, ne abbiamo viste un certo numero a Treviso e possiamo ritornare la per trovare gli ultimi due che di cui siamo a conoscenza. Siamo restati anche a Ravenna per dieci giorni e, ancora, abbiamo trovato molte pitture ecc, ma, abbiamo anche potuto guardare e ammirare l’architettura e i mosaici, per cuì la città é giustamente famosa. Siamo sempre stati incontrati con interesse e cortesia quando abbiamo chiesto informazioni sulle immagini di San Sebastiano. Nella pinocateca di Ravenna, abbiamo incontrato la direttrice, che, con le sue affascinanti assistenti, é stata molto utile. Desmond ha chiesto se delle fotografie dei quadri fossero disponibili; gli ha detto di comprare il catalogo della galleria e semplicemente scegliere le pitture che voleva, e di tenerle nel suo computer.

Mentre eravamo a Ravenna, abbiamo visitato per un giorno anche Faenza e abbiamo trovato l’ufficio turistico molto informativo. Poiché la pinocateca era chiusa per restauri, ci hanno travato una fotografia del quadro di San Sebastiano, che normalmente risiede li. Ci hanno dato un libro della città e ci hanno accompagnati alla chiesa nuova di San Sebastiano; veramente, era in realtà vicina, ma desiderava assicurarsi che la trovassimo.

Oggi, siamo arrivati a Venezia, circa al sei e mezzo di sera, e siamo stati incontrati con entusiasmo fuori dell’hotel da Andrea Rossi, che lavora nella ricezione. É un uomo piacevole e sempre molto utile. La mattina seguente, quando siamo scesi per la prima colazione, la donna nella sala da pranzo si è ricordata molto bene di noi; sapeva che volevamo il tè con due teiere e che uno di solito prende il limone e l’altro latte freddo. Perché, riceviamo un buon trattamento qui, è un piacere ritornare, ed è quasi come ritornare a casa nostra.

 

Venice canal.

Un canale veneziano.

 

 

 

 

Waterwheel in Treviso.

La Ruota idraulica a Treviso.

© Roy Johnson 2004

 

 

Ravenna Cathedral from the Botanical Gardens.

La cattedrale a Ravenna dal giardino botanico.

 

 

 

 

 

 

Riva dei Sette Martiri, Venice.

© Roy Johnson 2003

 

 

 

St Marks Basin, Venice.

Il bacino di San Marco, Venezia.

© Roy Johnson 2001

 

 

 

Venice from St George’s Island.

 

 

 

 

Desmond in Faenza.

 

 

 

 

 

 

 

Roy in Campo Manin, Venice.

 

 

 

 

 

 


Tuesday 5 October 2004

Dinner last night was at “Alla Fonte” in Calle Crosera, a restaurant three minutes walk from our hotel. We have dined there a number of times, not only in May this year but also in October last year. Lunch today was at another favourite, “Ristorante Gianni”, on Fondermenta Zattere ai Gesuati, in Dorsoduro. We really enjoy revisiting these places.

I had written to the silversmith here in Venice, to commission five sets of ballet shoes in silver. These will be Christmas presents for my daughters, Tracy and Lisa, Desmond’s sister, Patricia, my ex wife, Piera and the final pair for ourselves.

I have been searching for years for a little silver pair of ballet shoes for Patricia; I have a pair which came from Cosenza; but we have not been able to find them again. So, I decided that the only solution, was to have them made specially and we are very pleased with the results.

Desmond had made an appointment, for the afternoon, for us to see the collection of Dott. Pier Luigi Pizzi; I think that he is a theatre and opera designer; he certainly lived and worked in Paris for more than 20 years. His apartment is in an old palazzo, on the ground and first floors. He has been here for about 3 years; previously he had rented one, but it took him years of searching, to find one which suited his needs.

We went up the old stone steps to his main reception room on the first floor. A truly enormous salon 40’ by 63’ and 24’ high; the two opposite walls, to the left and right of the door, consisted almost entirely of windows. Here are the main items of his collection. Until a few years ago Dott. Pizzi collected contemporary art, then he became interested in classical and he has a very impressive collection. He has collected sculpture for many years and he has busts, torso’s and heads, many of them appear to be Roman. On this floor also is his bedroom and a smaller reception room. On the ground floor he has his library, with bookshelves on all the walls and the windows overlooking a canal, this is his work room. In the next room is the water gate opening directly onto the canal, again with windows at both ends. Here are some very large pieces from his set designs, a river god, two enormous vases on pedestals, a winged victory, a male nude holding aloft a shield, and the bust of, perhaps, a Roman emperor. I would assume that they are made of fibreglass or something similar.

On the way back to the hotel we stopped for a beer, we were tired and thirsty. We had a rest and some fruit in Desmond’s room, before an evening stroll for an hour or so.

 

Martedi 5 Ottobre 2004

La cena, ieri notte è stata “Alla Fonte” in Calle Crosera, un ristorante a tre minuti a piedi dal nostro hotel. Abbiamo mangiato là parecchie volte, non solo in Maggio ma anche nell’Ottobre dell’anno scorso. Oggi il pranzo é stato ad un’altra trattoria favorita, “Ristorante Gianni”, nella Fondamenta delle Zattere ai Gesuati, a Dorsoduro. Godiamo molto rivisitare questi luoghi.

Da Londra, ho scritto all’argentiere, a Venezia, per commissionare cinque paia di scarpette da ballo in argento. Queste saranno regali di natale per le mie figlie, Tracy e Lisa, Patrizia la sorella di Desmond, Piera la mia ex moglie e, finalmente, l’ultimo paio per noi. Ne cercavo da anni un paio per Patrizia; io ne ho uno che è venuto da Cosenza, ma non mi è stato possibile trovarne ancora.  Così, la sola soluzione è stata di farle fare specialmente, e siamo molto contenti con i risultati.

Per questo pomeriggio, Desmond ha fatto un appuntamento per vedere la collezione del Dott. Pier Luigi Pizzi; penso che sia uno scenografo di teatri e opere, e come ci ha detto ha abitato e lavorato a Parigi per più di vent’anni. Il suo appartamento è in un vecchio palazzo, al pianterreno, e al primo piano. Abita qui da circa tre anni; precedentemente ne affittava uno, ma per molti anni ha fatto mari e monti per trovarne uno adatto.

Siamo saliti per l’antica scala di pietra alla sala principale nel piano nobile. Una stanza enorme lungo 19m, largo 12m e alto 7m; dove le pareti, a sinistra e destra della porta, sono fatte prevalentemente di finestre. Questa è dove mantiene la maggior parte della sua collezione. Il Dott. Pizzi si è interessa d’arte classica solo da un po’ anni; precedentemente raccoglieva arte contemporanea e ne ha una raccolta imponente. Ha comprato anche per molti anni sculture, busti, torsi e teste; e molti sembrano essere romani antichi. In questo piano c’ è anche la sua camera da letto, e una sala più piccola. Al pianterreno ha la sua biblioteca; con scaffali in tutte le pareti, e le finestre dominano un canale, questo è il suo posto di lavoro. Nella stanza accanto c’è la porta che porta direttamente in canale, ancora con le finestre dai due lati. Qui ci sono molti grandi pezzi, ricavati dai suoi disegni per lo scenario; un dio fluviale, due gran vasi su piedestalli, una vittoria alata, uno scudiero nudo, e un busto, forse, di un imperatore romano.  Presumo che siano fatti di lana di vetro o qual cosa di simile.

Ritornando all’hotel, abbiamo bevuto una birra, eravamo stanchi e assetati. Ci siamo riposati e abbiamo mangiato la frutta nella camera di Desmond, prima di passeggiare senza fretta per quasi un’ora.

The church of San Giovanni in Bragora

La chiesa di San Giovanni in Bragora

© Roy Johnson 2003

 

 

 

Silver ballet shoes by Franco Mazzucco

Le scarpette da ballo in argento di Franco Mazzucco

 

 

 

Desmond on the Rialto bridge

Desmond sul ponte di Rialto

 

 

 

 

 

 

Rio Terra dei Nomboli.

 

 

 

 

 

 

 

Ristornate Gianni, Fondamenta Zattere ai Gesuati. Dorsoduro.

 

 

 

 

 

Dott. Pier Luigi Pizzi.

 

 

 

 

 

‘Ecco Homo’ di Jusepe de Ribera, Collezione Pizzi.

 

 

 

 

 

 

 

‘Venus punishing Love’ by a painter active in Naples (1640-1650), Collezione Pizzi.

‘Venere punisce Amore’ di pittore attivo a Napoli (1640-1650), Collezione Pizzi.

 

 

 

 

 

 

‘San Sebastiano Trafitto’ di Luca Giordano, Collezione Pizzi.

 

 

 

 

 

 

 

‘San Sebastiano’ di Pietro Della Vecchia, Collezione Pizzi.

 

 

 

 

 

 

 

‘San Sebastiano Trafitto’ di Antonio de Bellis, Collezione Pizzi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Wednesday 6 October, 2004

We found a small bass relief of Saint Sebastian in an out of the way alley, Calle del Magazen, near Campo Santa Margherita. The building was covered in scaffolding, so it was impossible to take a photo and the sculpture itself is in a very poor condition and difficult to see. It is on an outside wall of a house, so one must expect it to be worn.

We visited Ca’ Fasetti, an old palazzo near Rialto, in search of a painting by Antonio Ballestra. The palace, and the adjoining Ca’ Dandalo, are now used as local government offices and, as it was quite late in the day and they displayed a “closed” notice, I was sure that we would be turned away. However, the porters could not have been kinder or more helpful. One of them took us up to see the main salon, where there are many paintings, but, unfortunately, not the one that Desmond was looking for. He also tried looking on the internet for us, but he had no success. He suggested that we ring the superintendent of all the Venetian museums and seek his advice and he provided us with that gentleman’s name, telephone number and office address in San Marco.

We dined at “Poste Vecie” (the old post office) a well known restaurant near the fish market. The food there is first class and, naturally, it is expensive. Our main course was turbot in a cream and saffron sauce with rice; it was delicious. We returned on the vaporetto as far as Valaresso and found that the Piazzetta was closed, because they were filming a scene for “Casanova”. They had also taken over the Royal Gardens; as we passed by, we saw many of the extras, still dressed in colourful and extravagant costumes, in the gardens and also walking along Fondamenta delle Farine from the Piazzetta. There were two sedan chairs in front of the Doge’s Palace, which they had obviously used as a backcloth. We had noticed that they were preparing for filming in the square, on the previous evening. Andrea, one of the receptionists at our hotel, thinks that the main actors are American, but we did not see anyone important. He said that they had been there for at least two weeks.

 

Mercoledì 6 Ottobre 2004

Abbiamo trovato un bassorilievo di San Sebastiano in un vicolo abbastanza remoto, Calle del Magazen, vicino Campo Santa Margherita. L’edificio era coperto da un’impalcatura, così è stato impossibile prendere una foto e la scultura è in pessime condizioni e molto difficile da vedere. É nel muro esterno della casa, così uno si aspetta già di trovarlo logorato dalle intemperie.

Abbiamo visitato Ca’ Farsetti, un palazzo vecchio vicino a Rialto, per cercare una pittura di Antonio Ballestra. Il palazzo che è accanto é Ca’ Dandolo, adesso sono usati come uffici del municipio, dato che era tardi nel pomeriggio e c’era scritto “Chiuso”, ero sicuro che ci avrebbero chiesto di ritornare. Benché i portieri fossero molto gentili ed utili. Uno ci ha portato a vedere la sala principale, dove ci sono molte pitture, ma, sfortunatamente, non quella che Desmond voleva vedere. Ha anche guardato su internet per noi, ma, non ha avuto successo. Ha suggerito che telefonassimo al soprintendente di tutti i musei di Venezia per chiedere il suo consiglio; e ci ha fornito anche il nome, il suo numero telefonico e l’indirizzo del suo ufficio a San Marco.

Abbiamo preso la cena alle “Poste Veccie” un ristorante abbastanza famoso vicino al mercato del pesce. Il cibo è di prima classe, e naturalmente costoso. Il nostro piatto principale era filetto di rombo con una salsa, di panna e zafferano, e riso; era delizioso. Siamo ritornati, in vaporetto, fino a Valaresso e abbiamo trovato che la Piazzetta era chiusa, perché filmavano una scena del film “Casanova”. Occupavano anche i Giardini Reali; passandoci vicino, abbiamo visto molte delle comparse, che portavano ancora i costumi stravaganti e pieni di colore. C’erano due portantine di fronte a Palazzo Ducale, che, ovviamente hanno usato come un fondale. La sera precedente abbiamo visto che hanno preparato la piazzetta per filmare. Andrea, uno dei receptionist al nostro hotel, diceva che gli attori principali erano americani, ma non abbiamo visto nessuno di importante. Ha affermato che erano là da più di due settimane.

Sculpture of San Sebastiano in Calle del Magazin, Venice.

La scultura di San Sebastiano in Calle del Magazin, Venezia.

 

 

 

 

Sculpture of San Sebastiano in Calle del Magazin, photo from Cini Fototeca.

La scultura di San Sebastiano in Calle del Magazin, foto dalla Cini Fototeca.

 

 

 

 

Fish Market, Venice.

La pescheria, Venezia.

 

 

 

 

View from Rialto, Venice.

Una vista dal ponte di Rialto.

 

 

 

 

Old photo of Riva degli Sciavoni flooded, Venice.

La vecchia foto della Riva degli Sciavoni con l’acqua alta.

 

 

 

 

Old  photo of the Piazzetta in the snow, Venice.

La vecchia foto della Piazzetta sulla neve.

 

 

 

 

 

 


Thursday 7 October 2004

We had an appointment for 11.30am to visit the fototeca of the Giorgio Cini Foundation; so we decided first to visit the church of Saint Giuliano, (San Zulian), located in the Merceria, north of Saint Marks church. Where, we had heard, there was a painting, said to be by Vincenzo Guarano, with Saint Sebastian in it. I thought that we had seen all the pictures of Saint Sebastian, but, no, here was one which we had missed. It has Saint Sebastian on the left, Saint Roch with his dog, what looked to be a pumpkin and a Dominican. Saint Roch’s dog is carrying a bread roll in its mouth, Desmond thought it looked like a croissant – after all, he said, Saint Roch was French. The resident priest confirmed that it is by Guarano (1792). As usual, photography is forbidden and there are neither postcards nor a guide to the church, which could have provided an illustration; but one becomes accustomed to this sort of disappointment. No documentation or references for this painting could be found.

Our appointment was at the Giorgio Cini Foundation, on the island of Saint George; it is in part of the old Benedictine monastery. Count Vittorio Cini (1884 – 1977) was a patron of the arts, collector, philanthropist, politician and businessman, who founded the institute in memory of his only son Giorgio, who was killed in an air crash in 1949. We were interested in researching some images of Saint Sebastian in the fototeca (a photo library); it has many black and white photos of the churches of Venice; architectural details, sculptures, frescos and paintings. We were pleasantly surprised to find a number of the items which Desmond wanted; we also found a few about which he knew nothing. For instance, he has an image of a mosaic in Saint Mark’s church and hoped to find a better reproduction of it; we did not find it. But we did find another mosaic which looks more like a Saint Sebastian; so it was not entirely a waste of time. They were very kind in providing photocopies for us; as they did when we visited in May this year. Tomorrow we will return and see if we can find further information about items in the Accademia and Correr museums.

We dined at “Sottoprova” in via Garibaldi, another old favourite; we have been here many times. Desmond had coarse salami with a vinegar sauce, which he enjoyed, I had Parma ham, then, we both had veal escallops and vegetables, plus a litre of red wine. It was delicious.

We returned via Arsenale; one of the few buildings in Venice which is floodlit; and we decided to return in the day time in order to see it properly.

 

Giovedì 7 Ottobre 2004

Avevamo un appuntamento per le undici e mezza per visitare la fototeca della fondazione Giorgio Cini; così, prima, abbiamo deciso di visitare la chiesa di San Giuliano (san Zulian) che è nelle Mercerie, a nord della chiesa di San Marco, dove, ci hanno detto che c’era un quadro con un’immagine di San Sebastiano, e corre voce che sia di Vincento Guarano,. Pensavamo di aver visto tutte le pitture di San Sebastiano, ma, no, ecco ce ne era una che non avevamo rilevato. San Sebastiano è a sinistra, poi San Rocco, con il suo cane e qual cosa che sembra una zucca e un frate domenicano. Il cane di San Rocco porta un panino in bocca, panino che secondo Desmond sembra un croissant – dopo tutto, lui ha detto, San Rocco è francese. Il frate residente ha confermato che è un dipinto di Guarano (1792). Per prendere una fotografia, come di solito, era proibito e non c’erano ne anche cartoline o una guida della chiesa; che avrebbero fornito un’illustrazione, ma uno si abitua a una delusione come questa. Non abbiamo travato ne anche la documentazione o i riferimenti per questo quadro.

Il nostro appuntamento era all’istituzione Giorgio Cini, nell’isola di San Giorgio; è nella parte dell’antico monastero benedetto. Il conte Vittorio Cini (1884 – 1977) era un protettore delle arti, collettore, filantropo, politico e agente d’affari, e ha fondato la fondazione in memoria del suo unico figlio, Giorgio, ucciso in una sciagura aerea nel 1949. Eravamo interessati nell’investigare l’immagine di San Sebastiano nella fototeca. Lí hanno molte foto, in bianco e nero, delle chiese di Venezia, particolari dell’architettura, sculture, affreschi e dipinti. Siamo stati molto contenti di trovare un numero di articoli che Desmond desiderava; e ne abbiamo trovato anche un certo numero, che, lui non conosceva. Per esempio; ha un’immagine di un mosaico nella chiesa di San Marco e sperava di trovarne una più bella, ma non é stato possibile. Ma, abbiamo scoperto, un altro mosaico, che rassomiglia a San Sebastiano; così non é stato completamente uno spreco di tempo. Sono stati molto gentili lì di fornirci fotocopie; hanno fatto lo stesso a Maggio, quando siamo andati lì per la prima volta. Domani ritorneremo per più informazioni sulle collezioni che sono all’Accademia e al museo Correr.

La cena era da “Sottoprova” a Via Garibaldi, un altro vecchio favorito, dove abbiamo mangiato molte volte. Desmond ha preso salame di campagna con una salsa d’aceto; che gli è piaciuto molto, per me prosciutto crudo, poi, scaloppine di vitello con verdura per entrambi, anche un litro di vino rosso. É stato delizioso.

Siamo ritornati via l’Arsenale, uno degli edifici di Venezia che ha i riflettori; e abbiamo deciso di ritornare l’indomani, durante il giorno per vederlo meglio.

 

L’isola di San Giorgio, Venezia.

 

 

 

 

Il Canale di Cannaregio, Venezia.

 

 

 

 

 

Street, Dorsoduro, Venice

Un Rio a Dorsoduro, Venezia

© Roy Johnson 2003

 

 

 

 

Cruise ship from Fondamenta delle Farine, Venice.

Una nave da crociera della Fondamenta delle Farine, Venezia.

© Roy Johnson 2003

 

 

 

 

Santa Maria della Salute dall’isola di San Giorgio, Venezia.

 

 

 

 

 

Boatyard near the church of San Trovaso, Venice.

Il cantiere per imbarcazioni minori, vicino alla chiesa di San Trovaso, Venezia.

 

 

 

San Lazzaro degli Armeni, Venezia.

© Roy Johnson 2004

 

 

 

 

 

 

 


Friday 8 October 2004

We spent all morning in the fototeca of the Cini Foundation, again, searching for images of Saint Sebastian in the Accademia and Correr collections. We were actually quite successful and Desmond has about twenty more photocopies to add to his archive.

We had lunch at the Trattoria da Paolo, which is directly outside Arsenale. A little salami and a tuna salad, wine and coffee; very good and satisfying.

Back to Cini, this time to the library. We completed the request forms for a number of books and they will be available, we trust, on Monday morning. We are hoping to finish the work on Saint Sebastian on Monday; there are other things I would rather like to do as well.

We returned to San Guilian to see again the picture by Guarano; the worksheet said that there were four figures, but we only remembered three. There are only three; we had remembered correctly; the worksheet was incorrect.

In the evening, we tried to dine at a new restaurant, but they were fully booked, so we returned to another old favourite, “al Vecio Portal”, which is at least five yards from our hotel. We had mixed antipasto; salami, Parma ham etc; then grilled Venetian sausages with polenta, grilled vegetables and chips; and a bottle of Valpolicelli to drink, a delicious wine. We had a stroll down to Piazza San Marco and back to the hotel. A very enjoyable evening.

 

Venerdì 8 Ottobre 2004

Tutta la mattina siamo stati nella fototeca alla fondazione Cini, per ricercare le immagini di San Sebastiano nelle raccolte dell’Accademia e il museo Correr. Abbiamo avuto, veramente, abbastanza fortuna e Desmond adesso ha circa altre venti fotocopie per il suo archivio.

Abbiamo preso il pranzo alla “Trattoria da Paolo”, che è di fronte all’Arsenale. Un po’ di salame e un’insalata di tonno, con vino e caffè; molto buono e soddisfacente.

Siamo ritornati alla Cini, questa volta alla biblioteca. Abbiamo completato i moduli per vedere un numero di libri e saranno disponibili, speriamo, Lunedì mattina. Speriamo di finire il lavoro su San Sebastiano Lunedì; ci sono altre cose che vorrei fare.

Siamo ritornati alla chiesa di San Guilian per vedere ancora il quadro di Guarano; la nostra scheda diceva che erano quattro persone, ma noi ricordavamo solo tre e ce ne sono solo tre; avevamo ragione, la scheda è sbagliata.

La sera, abbiamo voluto mangiare in un ristorante nuovo, ma era tutto prenotato, così siamo ritornati “al vecchi Poste”, un altro vecchio favorito, che è circa a 5m dal nostro hotel. Abbiamo preso, antipasto misto; salame prosciutto crudo ecc, poi salsicce Veneziane alla griglia con polenta, verdure ai ferri e patate fritte, una bottiglia di Valpolicella che è un vino delizioso. Abbiamo girato verso Piazza di San Marco e poi all’hotel. Una sera molto piacevole.

 

L’Arsenale, Venezia.

 

 

 

 

 

 

Piazza San Marco di Canaletto, Venezia.

 

 

 

 

 

 

La vista da San Pietro di Castello di Canaletto, Venezia

 

 

 

 

Un Canale, Venezia.

 

 

 

 

 

 

 

Il Canal Grande di Canaletto, Venezia.

 

 

 

 

 


Saturday 9 October 2004

We decided to go to Padua for the day; it would have been more sensible to have made the decision last night, but we were still managed to arrive there by mid-day.

The Civic Museum of Padova is on a number of different sites; the main one is the Eremitani museum, a former monastery where one has to purchase tickets. Here also is the Archaeological Museum and, more important from Desmond’s point of view, the picture gallery. The church of the Eremitani adjoins the cloisters; near by, in the public gardens, is the Scrovegni chapel and the remains of the Roman arena and, finally, across the main road, Palazzo Zuckermann shows applied and decorative art. Because our tickets for the Scrovegni chapel were for 1.15pm, we started in Palazzo Zuchermann, it has quite an interesting collection but not what we had actually come to see.

At 1.15pm we were waiting at the Scrovegni chapel to see the marvellous cycle of frescos by Giotto. First there was a 15 minute film about the chapel and an explanation of the frescos. Then we were able to enter the air conditioned chapel itself, but only for 15 minutes and when everyone had left the chapel and the door had been closed, we were released into the open air once more. They are trying to keep the temperature and humidity the chapel constant. Actually visitors are not good for the frescos, they breathe and that creates moisture in the air, which will eventually destroy them. They are beautiful paintings and should not be missed. They are not in first class condition, but after about 700 years (1317 – 1320) they look pretty good. The chapel was originally attached to the palace which is now a ruin. A portico was added in the 15th century, it collapsed in 1817 and the stucco was removed from the outside walls.  None of this helped to preserve the frescos, in fact, quite the opposite.

The archaeological museum and the picture gallery are in the cloisters of the monastery and they have been well arranged. The pictures, from the Veneto area from the 14th to 18th century, are on the upper floors and it is a surprisingly large collection.

In 1783 the Monastery of San Giovanni da Verdara was suppressed and its collections assigned to the city. “The City Museums of Padova” was officially instituted in 1857 and collections of books, paintings, sculpture and applied arts all arrived, which show the history of the city from remote times to the present day. In 1985 the old Eremitani monastery had been restored and the main museum was transferred there.

The church of the Eremitani was badly damaged during the Second World War, but there are parts of the frescos, painted by Giotto and Mantagna, still in situ at the east end.

By this time it was 4 o’clock; we had had nothing to eat since 9 o’clock in the morning; but we found an outdoor café where we had a glass of wine and a roll each; very overpriced.

We went in search of a fresco, said to be on the outside of a building in Via Beata Pellegrini; we walked the entire length of the street twice but we did not find anything. However, in the church of the Carmini, was a statue of Saint Sebastian, exactly as expected. Although not made of marble, Desmond considered that it was very similar to the much more famous one, by Alessandro Vittoria, in the magnificent church of San Fresco della Vigna in Venice. The priest very kindly allowed us to take a photo; in the smaller towns they are much more relaxed about these things.

On our return to Venice, we dined nearby at “Alla Fonte”; antipasto, liver for Desmond, a pork escalope for me, and a bottle of a lovely Sicilian chardonnay. Then we took our usual constitutional as far as San Marco and returned along the Riva.

 

Sabato 9 Ottobre 2004

Abbiamo deciso di andare a Padova per la giornata; sarebbe stato più saggio se avessimo preso la decisione la notte precedente, ma siamo arrivati circa a mezzogiorno.

I Musei Civici a Padova sono in diversi punti della città; ma il principale è al Museo degli Eremitani, un ex monastero, dove è necessario comprare i biglietti. Qui ci sono anche Il Museo Archeologico e, più importante per Desmond, la pinocateca. La chiesa degli Eremitani è accanto al chiostro, nel vicino giardino pubblico, la ci sono la cappella Scrovegni e le rovine dell’arena romana e, finalmente, attraverso la strada principale, il Palazzo Zuccermann che mostra l’arte, applicata e decorativa. Poiché i biglietti per la cappella, erano per 13.15, abbiamo cominciato al Palazzo Zuccermann, che ha una raccolta abbastanza interessante ma non quello che volevamo vedere.

Alle 13.15 abbiamo aspettato alla cappella Scrovegni per vedere il meraviglioso ciclo d’affreschi di Giotto. Prima c’era un film per 15 minuti con la storia della cappella e la spiegazione gli affreschi. Poi siamo potuti entrare. La cappella ha aria condizionata, ma si puó visitare solo per 15 minuti e, quando tutti sono usciti e la porta è stata chiuso, siamo ritornati all’aperto. Cercano di mantenere constante la  temperatura e l’umiditá interna della cappella. Veramente, i visitatori non vanno bene per gli affreschi, respirano e creano umiditá nell’aria, che, li distruggerá. Ci sono dipinti bellissimi e non si devono perdere. Non sono in buone condizioni, ma dopo circa 700 anni (1317 – 1320) sembrano OK. Originalmente la cappella era accanto al palazzo che adesso è in rovina. Un portico che era stato aggiunto nel quindicesimo secolo è crollato nel 1817, e lo stucco rimosso dalle mura esterne. Neanche questo ha aiutato a perseverare gli affreschi, in fatti, è successo, piuttosto, il contrario.

Il museo archeologico e la pinocateca sono nei chiostri del monastero e sono stati ben arrangiati. Le pitture, provenienti dalla regione di Veneto datano dal trecento fino al settecento, e sono nei piani alti e, in modo sorprendente, è un’ampia collezione.

Nel 1783 Il monastero di San Giovanni da Verdara è stato abolito e la sua collezione assegnata dalla città. “I Musei Civici di Padova” vennero formati ufficialmente nel 1857 e raccolte di libri, quadri, sculture e arte applicata sono arrivati, lí mostrano la storia della città dai tempi antichi fino ad adesso. Nel 1985 il vecchio monastero degli Eremitani è stato rinnovato e il museo principale è stato trasferito lì.

La chiesa degli Eremitani è stato molta danneggiata durante la seconda guerra mondiale, ma, ci sono una parte degli affreschi, di Giotto e Montagna, nella parete ad est.

Erano le 16.00, non avevamo ancora mangiato niente dalle nove di mattina, ma abbiamo trovato un bar dove abbiamo preso un bicchiere di vino e uno spuntino, molto costoso.

Siamo andati poi a cercare un affresco, corre voce che sia all’esterno di un edificio in Via Beata Pellegrini, l’abbiamo percorsa due volte, ma non abbiamo trovato niente. In ogni modo, nella chiesa dei Carmini, c’era una statua di San Sebastiano, esattamente come sapevamo. Benché non sia fatta di marmo, Desmond l’ha considerata più famosa, di quella di Alessandro Vittoria nella magnifica chiesa di San Francesco della Vigna a Venezia. Il prete, molto affabile, ci ha permesso di prendere una foto; nelle città più piccole non sono rigidi come nelle città più grandi.

Quando siamo ritornati a Venezia, abbiamo preso la cena “Alla Fonte”; antipasto, fegato per Desmond, scaloppina di maiale per me ed una bottiglia di Chardonnay Siciliano. Poi abbiamo fatto una passeggiata come di solito fino a San Marco, poi siamo ritornati via la Riva.

 

La cappella Scrovegni, Padova.

 

 

 

 

 

 

 

La Crocifissione di Giotto, la cappella Scrovegni, Padova.

 

 

 

 

 

 

 

La Pentecoste di Giotto, la cappella Scrovegni, Padova.

 

 

 

 

 

 

 

The Arena and the Scrovegni chapel, Padua.

L’Arena e la cappella Scrovegni, Padova.

 

 

 

 

The Arena and the Scrovegni chapel, Padua.

L’Arena e la cappella Scrovegni, Padova.

 

 

 

 

 

 

The statue of St Sebastian by Agostino Zoppo, the church of Santa Maria del Camini, Padua

La Statua di San Sebastiano d’Agostino Zoppo nella chiesa di Santa Maria del Carmini, Padova

 

 

 

 

 

 

The statue of St Sebastian by Alessandro Vittoria, the church of San Francesco della Vigna, Venice

 

La Statua di San Sebastiano d’Alessandro Vittoria nella chiesa di San Francesco della Vigna, Venezia

 

 

 

 

 


Sunday 10 October 2004

In the morning we joined a guided tour on the island of San Giorgio Maggiore. What was advertised as a tour of the Giorgio Cini Foundation, was actually a tour of the old cloisters of the monastery. The monastery was founded before the first millennium of the Christian era; the buildings today date from the 16th to 18th century. When Count Vittorio Cini bought the island in the 1950’s, it was derelict, after being abandoned for about 150 years; the result, mainly, of the suppression of the religious orders under Napoleon, the French and then the Austrians. The furnishings had, long ago, been sold or stolen; so Count Cini was most fortunate to find the original bookcases from the library, still here in Venice, which he purchased and reinstalled. I think that the most impressive part is an enormous hall which stretches from one side of the building to the other and is most beautifully lit by natural light only; it is about 165 m long; with the monk’s cells on either side. Now restored, it is used to accommodate scholars and visitors to the many exhibitions and conferences hosted by the Cini Foundation.

While touring the monastery, we came to a locked gate, which our guide was unable to open with the keys she had with her. Desmond amused the rest of the group by swiftly picking the lock, with a pocket knife and the ring-pull from a soft drink can. This saved our guide a long walk back to the office to fetch the correct keys. I wonder where he learned to do that!

An open air theatre was built in the gardens and performances of music and ballet are held here during the summer season.

We remained on the Guideca and found a bar, where we had a coffee and brandy. Our excuse was that it was a very misty morning and we had been up unusually early and we felt in need of a boost, although it was still quite warm. Further along the fondamenta we came to a boatyard, which we remembered from our last visit to Venice, where the “Restaurant Mistra” is situated in the upper part of one of the buildings. It has a fine view toward the Lido, but today it was too misty to see so far. By a process of mutual misunderstanding, we shared a plate of mixed fish antipasto, followed by a fillet steak each, then, much to our surprise, I was presented with a grilled salmon steak with vegetables and chips. A bottle of chardonnay helped digest our lunch, which was preceded by a complimentary glass of proseco and followed by another complimentary glass of grappa. By this time we were no longer concerned with the weather; it was raining quite heavily; we had neither raincoats nor umbrellas, and when we arrived back at our hotel we were a bit wet. As all either of us wanted was a nap, we had no time to feel cold and damp.

I had a text message from Patricia, to say that she would keep the Sunday papers for Desmond and that it was a miserably cold, wet day in London. One also from Tracy to say that they were having lunch at the seaside, sitting in the glorious sunshine; whilst her mother in London had had to switch on the central heating.

By late afternoon, although it was still overcast, the rain had ceased and it was much fresher. We did not eat again, but we did take a long walk of about 1 ½ hours. Near Campo San Stefano, there are a number of shops and galleries selling art; in one we spotted a lonely, battered, wooden statue of Saint Sebastian. We will have to return to see it another day, when the shop may be open.

 

Domenica 10 Ottobre 2004

Nella mattina abbiamo partecipato a una visita guidata nell’Isola di San Giorgio Maggiore.  Quella che era pubblicizzata come un giro della fondazione Giorgio Cini, era veramente una visita dei chiostri del monastero di San Giorgio. Il monastero fu fondato prima del primo millennio dell’era cristiana; oggi gli edifici sono dal cinquecento fino al settecento. Quando il Conte Vittorio Cini ha comprato l’isola nel millenovecentocinquanta, era trascurata, perché era stato abbandonato per circa 150 anni; a causa della soppressione degli ordini religiosi sotto Napoleone, i francesi e poi gli austriaci. Molti anni fa, il mobilio è stato o venduto o rubato; così il Conte è stato molto fortunato di aver trovato a Venezia gli armadietti originali della biblioteca, e lí ha comprati e reinstallati. Penso che la parte più imponente sia una sala grande che si estende da un fianco dell’edificio fino all’altro, che è illuminata solo dalla luce naturale; è lunga circa 165m, con le celle dei monaci ai lati. Adesso restaurata, la usano per ospitare gli eruditi e i visitatori alle molte mostre e conferenze organizzate dalla fondazione Cini.

Durante questo giro del monastero, siamo arrivati al cancello del giardino, che era chiuso a chiave, e la nostra guida non aveva con se la chiave. Desmond, ha divertito il nostro gruppo, quando ha aperto il cancello con il suo temperino e un ring-pull della lattina della bibita analcolica. Così non è stato necessario per la nostra guida ritornare all’ufficio per prendere la chiave. Chissà dove ha imparato a scassinare cancelli!!

Un teatro all’aperto è stato costruito nel giardino e ci sono spettacoli di musica e balletto durante la stagione estiva.

Siamo rimasti nell’isola di Giudecca e trovato un bar, dove abbiamo preso un caffè e cognac. La nostra scusa era una mattina molto nebbiosa ed anche ci siamo alzati più presto del solito e ci voleva una spinta, benché fosse ancora abbastanza caldo. Lungo la fondamenta siamo arrivati a un cantiere per imbarcazioni minori, l’avevamo visto durante nostra prima visita a Venezia, dove c’è il ristorante “Mistra” nella parte superiore di un edificio. Ha la vista del Lido, ma adesso era nebbioso per poter vederlo. Via un processo di malinteso reciproco, abbiamo mangiato un piatto d’antipasto di pesce misto, due bistecche di filetto, poi, con grande mia sorpresa, mi hanno portato un filetto di salmone ai ferri con verdure e patate fritte. Una bottiglia di chardonnay ci ha aiutati a digerire il cibo; che è stato preceduto da un bicchiere di prosecco gratis e seguito da uno di grappa. Ormai non eravamo interessati al tempo; pioveva molto; non avevamo neanche impermeabili e ne ombrelli, e, quando siamo arrivati all’hotel eravamo un po’ bagnati. Desideravamo solo una dormitina, non avevamo tempo di sentire ne il freddo ne l’umido.

Ho avuto un messaggio da Patricia, nel mio telefonino, per confermare che avrebbe tenuto i giornali per Desmond e che a Londra era un giorno misero e bagnato. Un altro da Tracy che diceva “Siamo in spiaggia e mangiamo al sole”; mentre sua madre a Londra ha dovuto accendere il riscaldamento centrale.

La sera, benché fosse ancora nuvoloso, la pioggia era cessato ed era più fresco. Non abbiamo mangiato, ma abbiamo fatto una passeggiata per un’ora e mezza. Vicino a Campo Santo Stefano ci sono un numero di negozi e gallerie che vendono arte; in uno c’era una statua di legno, triste e danneggiata, di San Sebastiano. Saremmo ritornati a vederla un altro giorno, quando forse il negozio sarebbe stato aperto.

 

San Sebastiano di Bonifazio Veronese, Fondazione Cini, Venezia.

 

 

 

 

 

 

 

The cloister by Palladio, church of St George the Greater. Venice.

Il chiostro di Palladio, la chiesa di San Giorgio Maggiore, Venezia.

 

 

 

 

 

 


Il ritratto doppio di Tullio Lombardo, Ca’ d’Oro, Venezia.

 

 

 

 

 

 

 

La Flagellazione di Luca Signorelli (att), Ca’ d’Oro, Venezia.

 

 

 

 

 

 

 

Santa Maria, Jesú e Giuseppe di Jacopo di Barberi (att), Ca’ d’Oro, Venezia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Monday 11 October 2004

The wind was quite strong this morning and it is much cooler than last week. All one can do is put on a jumper, I must admit that I also needed a jacket, but at least I was warm.

We were all day in the Cini library, the books, which we requested on Friday, were waiting for us when we arrived. Desmond was allowed to use his laptop and scanner; that enabled us to complete all the work for this trip; and we decided to work non-stop from 10.00am to 4.30pm, so that it would not be necessary to return again. The librarian is most efficient; when we requested another three books about the paintings in the Civic Museum in Padua, he simply said “Yes, of course” and within minutes they were on the table.

We had a quick sandwich and a glass of wine, before setting off to find the wooden statue of Saint Sebastian, which we saw yesterday in the shop window. Unfortunately the shop was still closed; Desmond left his card requesting an E-mail with all the details. Last Saturday Desmond ordered a book, from the bookshop near St Mark’s square, about Saint Sebastian, in French, to give to Dott. Pizzi, as a ‘thank you’ present; we collected it this afternoon.

Dinner again at “Alla Fonte”, gnocchi with a meat sauce, liver Venetian style for me, pork cutlet in breadcrumbs for Desmond, we shared a portion of apple pie, another bottle of Sicilian chardonnay and a complimentary glass of a green liqueur. We found out later that it is made with bay leaves, lemons and lots of alcohol. It was all very enjoyable. We went to bed early, as we are going to explore Verona tomorrow.

 

Lunedì 11 Ottobre 2004

Questa mattina il vento era abbastanza forte ed era più freddo della settimana scorsa. Si può portare una maglia, ma ammetto che bisogna anche avere una giacca, ma almeno mi sentivo caldo.

Siamo rimasti tutto il giorno nella biblioteca di Cini; i libri, che abbiamo richiesto venerdì, ci aspettavano quando siamo arrivati. Desmond ha avuto il permesso di usare il suo computer portatile e lo scanner; che ci hanno permesso di finire tutto il lavoro per questo viaggio, ed abbiamo deciso di lavorare senza interruzione dalle 10.00 fino alle 16.30, così non sarebbe stato necessario ritornare ancora. Il bibliotecario è molto competente; quando abbiamo chiesto altri tre libri dei quadri che sono nel Museo Civico di Padova, ha detto “Si, certamente” e in pochi minuti erano sulla tavola.

Abbiamo preso uno spuntino e un bicchiere di vino, poi siamo andati a trovare la statua di San Sebastiano, che avevamo visto ieri nella vetrina di un negozio. Sfortunatamente era ancora chiuso; Desmond ha lasciato il suo biglietto da visita per richiedere un E-mail con tutti i dettagli. Sabato scorso Desmond ha comandato un libro, in francese su San Sebastiano, dalla libreria vicino a Piazza di San Marco, per darlo al Dott. Pizzi, come un regalo di ringraziamento. Questo pomeriggio siamo andati a prenderlo.

La cena ancora era al “Alla Fonte, gnocchi con una salsa di carne, fegato per me, scaloppina di maiale nel pane grattugiato per Desmond, abbiamo diviso un pezzo di torta di mele, una bottiglia di cardonnay siciliano e un bicchiere di un liquore verde. Dopo abbiamo scoperto che è fatto con alloro, limone e molto alcol. Era molto piacevole. Siamo andati a letto più presto; domani andremo a esplorare a Verona.

 

L’Arsenale, Venezia.

 

 

 

 

 

“Alla Fonte” in Calle Crosera, Venezia.

 

 

 

 

 

Desmond e una scultura, Venezia.

 

 

 

 

 

 

 

Desmond e La Scultura “Quiribus” di Igor Mitoraj, Venezia.

 

 

 

 

 

 

 

La Scultura “Quiribus” di Igor Mitoraj, Venezia.

 

 

 

 

 

 

 

 


Tuesday 12 October 2004

We caught the early intercity train to Verona, with only 2 minutes to spare; it would have been good, if it had not arrived 15 minutes late; usually the trains in Italy do keep very good time. First a refreshing coffee, then a walk to the arena; where the opera is performed from June to August; it is a very impressive space. We climbed up to the top tier, to see the wonderful view of the city; then, of course, we had to climb down again; my knees were not happy. When one remembers that this structure is about 2000 years old, it is still remarkably intact. Originally there would have been an open loggia, behind the top row of seats, but that is no longer there.

What was required, after that visit, was some sustenance and, although there were many restaurants in the square near the arena, we decided somewhere in a quiet back street was what we wanted. A wine shop, Enocibus, in Vicolo Pomo D’Oro, exactly fitted the bill. We shared 4 different glasses of wine, which were all delicious; a plate of Parma ham and another with a selection of cheeses, bread and then coffee.

Thus fortified, we were then ready to tackle the museum in Castlevecchio; a mainly 14th century structure which has been imaginatively adapted for the  archaeological collection and the picture gallery. Desmond quickly found a number of Saint Sebastians and a bell, with an image of Saint Sebastian on one side and Saint Roch on the opposite side. This was completely new; Desmond had not seen a reference to it before. Museums and art galleries can be very tiring; especially this one which had lots of steps, so we returned to the station, where the first train was a Eurostar. We had to pay extra, but that was not really very important and it took us back to Venice very quickly.

We arrived back at our hotel at about 7 o’clock, intending to have a rest before dinner. Instead, I started to write this account for half an hour; but I still had 30 minutes to rest.

La Nuova Pearla, Ponte Veneta Marina, is at one end of Via Garibaldi; we have passed it many times, but, this evening, we thought that we would try it. The absolute truth is that Sottoprova, last night and again tonight, was closed, another restaurant was fully booked, but La Nuova Pearla was open and had a table. We had a litre of the house white wine, which was good. I had veal escallops with mushrooms and vegetables and Desmond had, probably the biggest pizza that he had ever seen, but it was delicious. We have not had any ice cream since we came a week ago, so we indulged ourselves; it is quite possible that we will not have it again on this trip; but we enjoyed it. The total cost was € 56.34, about £40.00, not expensive for Venice.

After waking up at 6.30am this morning, we were back in the hotel for 10.30pm; I certainly needed an early night as I had not had a sleep all day; but it was after 11.00pm before I went to bed.

 

Martedì 12 Ottobre 2004

Abbiamo preso il treno intercity presto la mattina per Verona, con solo due minuti disponibili; sarebbe andato tutto bene, se non fosse arrivato con 15 minuti di ritardo; di solito i treni in Italia mantengono molto bene gli orari. Primo una tazza di caffè avvincente, poi una camminata per vedere l’arena, dove ci sono le opere da Giunio fino ad Agosto; è uno spazio molto imponente. Siamo saliti fino all’ultima fila di posti; per vedere la vista meravigliosa della città; poi, naturalmente, era necessario scendere ancora, uno dei miei ginocchi non era molto felice. Se uno si ricorda che questa struttura ha circa due mila anni, noto che é abbastanza intatta. Originalmente ci sarebbe stata una loggia aperta, davanti alla fila superiore, ma adesso non esiste più.

Dopo quella visita, avevamo bisogno di nutrimento e, benché, ci fossero molti ristoranti vicino all’arena, abbiamo deciso di trovarne uno in una stradina tranquilla. Una cantina, “Enocibus”, in Vicolo Pomo D’Oro”, era esattamente quello che desideravamo. Abbiamo preso quattro bicchieri di vini diversi, tutti erano deliziosi, un piatto di prosciutto crudo eduno di una selezione di formaggi, pane e poi caffè.

In questo modo, ci siamo rifocillati, poi eravamo preparati per il museo in Castlevecchio, una struttura principale del trecento che è stato adattato con immaginazione, per le raccolte archeologiche e le pitture. Subito, Desmond ha trovato un numero di pitture di San Sebastiano ed anche una campana, con l’immagine di San Sebastiano da un lato e San Rocco nell’altro. Per Desmond, quello era completamente nuovo, non ha mai visto un attestato. I musei e le gallerie possono essere molto standosi, questa specialmente, perché c’erano molte scale, cosí siamo ritornati alla ferrovia, dove il primo treno era un Eurostar. Abbiamo pagato di più, ma, non é stato molto importante e ci ha portati a Venezia più velocemente.

Siamo arrivati al nostro hotel alle 19.00, per un riposo prima della cena. Invece, ho cominciato a scrivere questo racconto per una mezz’ora, ma, lo stesso ebbi trenta minuti per un pisolino.

“La Nuova Perla”, al Ponte Veneta Marina, è alla fine di Via Garibaldi; l’abbiamo passato molte volte, ma, questa sera, abbiamo pensato di provarla. La verità era che “Sottoprova” era chiuso, ieri sera e questa sera, un altro era tutto prenoto, ma, “La Nuova Perla” era aperta ed aveva una tavola. Abbiamo preso un litro di vino bianco della casa, ed era buono. Ho mangiato scaloppine di vitello con funghi e verdure, e Desmond ha mangiato, possibilmente la più grande pizza, mai vista. Non abbiamo mai mangiato gelato da quando siamo arrivati a Venezia una settimana fa, così abbiamo soddisfatto i nostri appetiti; ma è possibile che non ne mangeremo un altro in quest giro, ma, quello l’abbiamo goduto. Il conto era €56.34, circa 40.00 sterline, non molto costoso per Venezia.

Dopo, essere alzati alle 6.30 questa mattina, siamo ritornati all’hotel per le 22.30; certamente avevo bisogno di dormire prima perché non ho dormito tutto il giorno, ma non sono andato a letto primo delle 23.00.

 

At the top of the arena, Verona.

In cima all’Arena, Verona.

 

 

 

 

The bell with an image of San Sebastiano, Castlevecchio, Verona.

La campana con l’immagine di San Sebastanio, Castlevecchio, Verona.

 

 

 

 

 

 

Inside the arena, Verona.

L’interno dell’Arena, Verona.

 

 

 

 

The old bridge, Verona.

Il Ponte Vecchio, Verona.

 

 

 

 

 

 

A view of Verona from the Arena.

La Vista di Verona dall’Arena.

 

 

 

 

A view of Verona from Castlevecchio.

La Vista di Verona da Castlevecchio.

 

 

 

 

The old bridge in Verona from Castlevecchio.

Il Ponte Vecchio a Verona da Castlevecchio.

 

 

 

 

Inside Castlevecchio, Verona.

L’interno il Castlevecchio a Verona.

 

 

 

 

 

 

Inside Castlevecchio, Verona.

L’interno il Castlevecchio a Verona.

 

 

 

 

Castlevecchio, Verona.

Il Castlevecchio a Verona.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Wednesday 13 October 2004

I was awake at 7o’clock after a good nights sleep; I only woke up once, at 1 o’clock, and that makes a very pleasant change. Although it is still cold, the sky is clear and the sun is shining; perhaps winter has not quite arrived.

We went to the Guggenheim Museum shop, because Desmond was looking for the catalogue of an exhibition which was here last May. It was not possible for him to find only one book; he needed to buy two, which will be sent to London by post. When we came to Venice, Desmond’s suitcase weighed 30k, and the lady told him not to put anything extra in it for the return journey; that is why the books are going by post. My case was only 26k; I do not need to carry all the paperwork which Desmond has to have for his research.

We had lunch at “Al Vecio Postal” with Nicola Bello; a young man who is about to finish his degree and thesis on the history of art. We met him in May, when he was on duty at the church of Santa Maria dei Derelitti – Ospedaletto and he showed us the music room. Desmond hopes that he will be able to carry out some research on his behalf, here in Venice, on Saint Sebastian. Today he took the opportunity to talk to him and find out if he would be interested in the work. I think that they will be able to come to some mutually agreeable arrangement.

Neither Desmond nor I could remember seeing the church of Santa Maria del Giglio; so that was our destination this afternoon; we had seen it in May.

We had a long chat to the owner of our hotel, Sig. N. Caputo, who has had this hotel for more than 30 years. He had worked in London, at the Savoy, Rembrandt and the Inn on the Park; he is married to an English lady and their daughter was born in London. He is a very interesting man; he remembered Sally and David Gluck, who recommended the Nuovo Teson to us. During this winter he is installing air conditioning and, possibly, computer sockets in all the rooms. I said that it would become so popular, that we will never be able to find rooms here again, but he assured me that they would always find room for us. We congratulated him on his staff; they are always good humoured, polite and helpful.

We returned to “La Nuova Pearla” for dinner; antipasto of mixed meats, Veal escallops with mushrooms for Desmond, veal escallop in breadcrumbs for me, vegetables – which in this restaurant are very good, especially the spinach – and a litre of the house red wine, served in a ceramic jug. There were an English couple at the next table and we had a 45 minute conversation with them.

It was a very relaxing day; no rushing about; and our time was our own.

 

Mercoledì 13 Ottobre 2004

Mi sono alzato alle sette dopo una buona notte; mi sono svegliato solo una volta all’una, e per me era un cambiamento molto piacevole. Benché fosse freddo, il cielo era sereno e il sole splendeva; forse l’inverno non è arrivato completamente.

Siamo andati al negozio del museo Guggenheim, perché Desmond desiderava un catalogo di una mostra che era qui a Venezia il Maggio scorso. Non è stato possibile comprare solo un libro, ha dovuto comprarne due, che saranno mandati a Londra per posta. Quando siamo venuti a Venezia, la valigia di Desmond era 30k, e la donna, a Londra, ha detto di non includere nient’altro per il viaggio di ritorno; così, quello era il motivo per cui abbiamo mandato i libri. La mia valigia era solo 26k; ma non era necessario per me portare tutte le carte di cui Desmond aveva bisogna per la sua ricerca.

Abbiamo pranzato a “Al Vecchio Postal” con Nicola Bello; un uomo giovane che finirà la sua laurea e tesi sulla storia d’arte. Lo abbiamo incontrato a Maggio, quando era di servizio alla chiesa di Santa Maria dei derelitti – Ospedaletto e ci ha mostrato la sala della musica. Desmond, spera che potrà aiutarlo con la sua ricerca su San Sebastiano, qui a Venezia. Oggi ha avuto l’occasione di parlare e scoprire se sarebbe stato interessato in questo lavoro. Penso che potranno arrivare ad un accordo e sarà bene per tutti.

Non ricordavamo una visita alla chiesa do Santa Maria del Giglio; così questa era la nostra destinazione per il nostro pomeriggio; l’abbiamo vista a Maggio.

Abbiamo parlato molto con il proprietario del nostro hotel, Sig. N. Caputo, che è lì da più di trentenni. Ha lavorato a Londra, al Savoy, Rembrandt e anche The Inn on the Park, è sposato con una donna inglese e sua figlia è nata a Londra. É un uomo molto interessante; si ricordava di Sally e David Gluck, che ci hanno raccomandato Il Nuovo Teson. Durante l’inverno installerà l’aria condizionata e, possibilmente, prese di corrente per i computer in tutte le camere. Ho detto che sarà così popolare che non potremo più trovare le stanze, ma ci ha rassicurato che potrebbero sempre trovare le camere per noi. Ci siamo congratulati con il suo personale; è sempre di buon umore, gentile e utile.

Per la cena, siamo ritornati a “La Nuova Perla”, antipasto di carne mista, scaloppine di vitello con funghi per Desmond, una scaloppa di vitello nel pane grattugiato, verdure, che in questo ristorante sono buone, specialmente gli spinaci, un litro di vino rosso, servito nella brocca di ceramica. Alla tavola accanto c’era una coppia inglese e abbiamo parlato con loro per 45 minuti.

É stato un giorno molto rilassato; senza fretta; e il tempo era tutto per noi.

 

Il Canale Grande dal Museo Gugenhiem, Venezia.

© Roy Johnson 2004.

 

 

 

 

Battleship moored in St, Marks basin, Venice.

La Nave da Guerra vicino a San Marco, Venezia.

 

 

Battleship moored in St, Marks basin, Venice.

La Nave da Guerra vicino a San Marco, Venezia.

 

 

 

 

Desmond al Museo Gugenhiem, Venezia.

 

 

 

 

 

 

 

Il Canale Grande dal Museo Gugenhiem, Venezia.

 

 

 

Battleship moored in St, Marks basin, Venice.

La Nave da Guerra vicino a San Marco, Venezia.

 

 

 

 

 

 


Thursday 14 October 2004

We, leisurely, made our way to re-visit the magnificent and princely apartment of Dott. Pizzi and to refresh our memories of his pictures; Desmond thinks that he own the largest private collection of Saint Sebastians in existence. Unfortunately, the poor man was unwell and remained in bed; but he had arranged for his butler to show us round. Desmond had brought him the book, which he bought on Monday, to express his thanks for being allowed to see the pictures.

We wandered around the back streets, until we came to the church of Saint Roch, where Desmond recalled seeing a lovely statue of David; it is to the right of the main door. Much to our surprise, we found a statue of Saint Sebastian, to the right of the main alter; how we missed it on our last visit is a mystery, as it is not only plain to see but unmistakably Saint Sebastian. “No, we could not take a photo, unless we asked the director himself, in the Scuola Grande, for permission”. So, we did just that, and the gentleman very kindly said “Yes”. Armed with a letter of authorisation, we returned to the church, where, on this occasion, Desmond was admitted into the Sanctuary, so that he could get a better view. Then, the custodian took us to a locked glass door and let us enter. It was a vestibule; which leads into a corridor, then into the sacristy; but, imagine our surprise, to find a fine fresco of Saint Sebastian on the left, partly hidden by a door. We knew that it existed; but our information was that it was on the façade of the building and we had been unable to find it on previous visits.  We, naturally, assumed that this description referred to the front wall; but it is on an inside wall – once more we had been misinformed.

A shop window caught our attention, where there were paperweights and other items. We bought one of Saint Mark’s Lion; a bass relief in enamel and gold, encased in glass. All the items in the shop have been made by Giovanni Ferro and we were pleased to meet him; he is a very talented artist.

As we passed, on the vaporetto, near the fish market, there was a very elaborately decorated boat moored on our left. The arcade beyond was decorated with golden swags and balls; in the centre of the small square was a scaffolding tower, to be used for a camera angle or to support the lights. On the other side of the canal there was a much larger boat; the barge moored in front of it supported two gantries, or cherry pickers, with platforms for the cameras. Although filming had finished for the day, I am sure that, once again, these would be outdoor shots for “Casanova”.

We continued to the railway station, to buy tickets for our return trip to Padua tomorrow. It was already time for lunch, so we remained in the area, and went to a restaurant, in Rio Terra Lista di Spagna, called “Trattoria Bella Venezia”. It was a little expensive, but we will only need a snack this evening.

During the afternoon, we revisited the Correr Museum to see again the two stone bass reliefs which show Saint Sebastian. I found all the steps and stairs particularly tiring today; my legs have not yet recovered from the exercise climbing to the top of the arena in Verona. We have come to the conclusion, that, as all the bridges have steps, it is the Venetian version of step aerobics, which, I am sure, helps to keep one fit and healthy.

We were not hungry in the evening, so we did not even have a snack. Instead we walked along the Riva for an hour, then early to bed, as we need to be out by 7.40am in the morning, to catch the train to Padua.

 

Giovedì 14 Ottobre 2004

Siamo andati, senza fretta, a visitare ancora l’appartamento magnifico e principesco del Dott. Pizzi e rinfrescare le nostre memorie sulle sue pitture. Desmond pensa che abbia la più grande raccolta privata che esista, di quadri di San Sebastiano. Sfortunatamente l’uomo era indisposto ed é rimasto a letto, ma, ha ordinato al suo maggiordomo di farci visitare la collezione. Lunedì, Desmond, ha comprato un libro per esprimere la propria gratitudine, per averci permesso di vedere i suoi dipinti.

Abbiamo camminato senza fretta nelle stradine, sino alla chiesa di San Rocco, dove Desmond ricorda di aver visto una statua di Davide, è a destra della porta principale. Siamo stati sorpresi di trovare una statua di San Sebastiano a destra dell’altare; è un enigma per me, perché non l’abbiamo vista nella prima visita, perché non solo è ben visibile ma è facilmente riconoscibile. “No, non é stato possibile prendere una foto, bisognava avere il permesso, dal capo del museo nella Scuola Grande.” Così, abbiamo parlato con il direttore, e lui ha detto “Si.” Con l’autorizzazione scritta, siamo ritornati alla chiesa dove, in quest’occasione, Desmond aveva il permesso di entrare nel santuario, per venderlo meglio. Poi, il guardiano ci ha condotto alla porta di vetro che era chiusa a chiave e ci ha permesso di entrare. C’era un atrio, prima del corridoio che porta alla sacrestia; ma, immaginate la nostra sorpresa, nel trovare un bel affresco di San Sebastiano sulla sinistra, in parte nascosto dalla porta. Sapevamo che esisteva, ma la nostra informazione era che era situato nella facciata della chiesa, ma non l’avevamo trovato nelle visite precedenti. Naturalmente, supponevamo che questa descrizione fosse del muro esterno, ma San Sebastiano era nella parete interna – e ancora ci avevano dato informazioni sbagliate.

La vetrina di un negozio ha attirato la nostra attenzione lì c’erano i fermacarte e altre cose. Ne abbiamo comprato uno del leone di San Marco, è un bassorilievo con smalto e oro, in vetro. Tutti gli articoli sono fatti da Giovanni Ferro e siamo stati felice di incontrarlo, è un’artista con molto talento.

Eravamo in vaporetto, quando siamo passati per l’Erboria, c’era ormeggiata una barca decorata molto elaboratamene e la loggia era decorata con festoni e palle d’oro. Nel centro

della piazzetta c’era una torre di ponteggio presumibilmente usata per la luce o forse per la telecamera. Nell’altro lato del canale una barca più grande, con un barcone di fronte con due gru a cavalletto e con palchi ancora per le telecamere. Benché, avessero finito di filmare per la giornata, sono sicuro che, quelle erano le scene esterne di “Casanova”.

Abbiamo continuato il nostro viaggio fino alla ferrovia, per comprare i biglietti per il nostro giro di ritorno a Padova. Ormai era ora di pranzo, così siamo rimasti nell’area e siamo andati ad un ristorante a Rio Terra Lista di Spagna, chiamato “Trattoria Bella Venezia”. É stato un po’ costoso, dovevamo prendere solo uno spuntino la sera.

Nel pomeriggio, abbiamo rivisitato il museo Correr, per vedere ancora i due bassorilievi che mostrano San Sbastiamo. Oggi, ho trovato tutti gli scalini e i gradini molto faticosi, le mie gambe non hanno recuperato dall’esercizio di ieri, salendo in cima all’arena a Verona. Siamo arrivati alla conclusione che, dato che tutti i ponti hanno gradini, questa è la versione veneziana di “step aerobics”, penso che aiuti a restare in forma e sana.

Non avevamo fame la sera, così non abbiamo preso niente. Invece, abbiamo camminato lungo la Riva per un’ora, poi presto a letto; domani mattina sarà necessario uscire alle 7.40, per prendere il treno per Padova.

 

Sculpture of St. Sebastian by Giovanni Maria Mosca, the church of St. Rocco, Venice.

La scultura di San Sebastiano di Giovanni Maria Mosca, La chiesa di San Rocco, Venezia.

 

 

 

 

 

 

Venice paperweight.

Il fermacarte veneziano.

 

 

 

 

 

 

Venice steps.

I gradini veneziani.

 

 

 

 

 

 

The fresco of St. Sebastian XVII C, the church of St. Rocco, Venice.

L’affesco di San Sebastiano XVII S, La chiesa di San Rocco, Venezia.

 

 

 

 

 

 

The boat for Casanova, near the fish market, Venice.

La barca per Casanova, l’Erboria, Venezia.

 

 

 

 

Cruise ship in the mist on the Giudecca Canal, Venice.

Una Nave da Crociera nella nebbiolina, nel Canale della Guidecca, Venezia.

 

 

 

Venice canal.

Un canale veneziano.

 

 

 

 

 

 

 


Friday 15 October 2004

We were up and out before 7.45am and on the vaporetto to the station for our train to Padua. We had no time for breakfast, so, at the station, we bought two rolls, to eat on the train, and had a coffee to wake us up. As we were sailing along the Grand Canal, the barge, which I saw near the fish market yesterday, passed us going in the opposite direction. I hoped that the elaborate boat would not yet have been moved and that I would be able to take a photo. We were lucky; it was still in the same place complete with its very rich cloth hangings at the stern and the sides. I now have good pictures of both boats, to include in this account of our travels.

In Padua, we decided to look first at the church on Desmond’s list, which was furthest from the station. It was Saint Anthony of Padua; but we arrived during a mass, so we started our visit at the museum, where we found a Saint Sebastian. Photos were not permitted, “So, how do we get permission?” – “Go to the church information office”. We went and actually got written permission to take photos, not only of the picture in the museum, but also the pictures in the church. At the foot of the stairs, up to this office, there was a small statue of Saint Sebastian. The young man, who was attending to us, knew nothing about it; he had probably never even noticed it before; but we included in on our list and took a photograph. Then we went back into the museum to take our photographs. In the church, we had no trouble; when we were told that we could not take photos, we produced our permission. There were a couple of items which we could not find and the church was closing for lunch. Near the church, we had a salad, a litre of wine and coffee.

Then we visited two churches, both of which were closed; Santa Maria dei Servi and Saint Thomas a Becket; how on earth did they know about Thomas a Becket here in Padua? However, we had no time to speculate, and off we went to the cathedral where we did not find any pictures of Saint Sebastian. Next to the cathedral is the baptistery which, inside, is covered in frescos by Giusto De’ Menabuoi (xiv C.) There should be a painting of Saint Sebastian inside the cupola, but there are more than 120 saints up there and it proved impossible to find just one. However, the frescos are absolutely marvellous.

In the museum, the young lady at the cash desk spoke good English and was pleased to use our language. We carefully explained the situation to her, but, unfortunately, the director was away at a conference that day, so nothing could be done about permission to take photos. She promised that she would speak with him the next day and advised Desmond to write from London, requesting photos of the paintings. She then charged us only € 6.00 instead of the correct price of € 12.00. We expected to find two pictures of Saint Sebastian; in one room there were five, by Nicoletto Semitocolo (about 1367) as well as a reliquary, which should have been in the cathedral treasury. After that, we found another two; the first was on Desmond’s list but in another church; the other was part of a very large painting in the manuscript room of Saint George and various other saints. Having found Saint Roch at the extreme right of the picture, I said that there should be a Saint Sebastian; and there he was; the next figure to the left. We had not seen him because he had been painted from behind and he was wearing armour, but in his right hand he was holding 3 arrows and a palm of martyrdom. What a find! The young lady, on the cash desk, did not know about that one, but she said that she would go and see it as soon as possible. She is a graduate, in the history of art, from Padua University.

It was late when we arrived back at our hotel, so a quick wash and out again for dinner at “Alla Fonte”. We were served hot bread, straight from the oven, which is Desmond’s favourite; he obviously enjoyed it so much, that they made us another batch! We are going again tomorrow night for their special Sicilian menu.

 

Venerdì 15 Ottobre 2004

Ci alzammo e uscimmo prima delle 7.45, e dopo aver preso il vaporetto siamo arrivati alla ferrovia per prendere il nostro treno per Padova. Non avemmo il tempo per la colazione, così, alla stazione ferroviaria, abbiamo comprato due panini, da mangiare in treno, e un caffè per svegliarci. Quando siamo andati sul Canale Grande, il barcone, che avevo visto ieri vicino alla pescheria, ci è passato vicino e andava nell’altra direzione. Speravo che l’elaborata barca fosse ancora nel luogo di ieri così avrei potuto prendere una foto. Siamo stati fortunati, era là con i suoi molti ricchi tendaggi nella poppa ed i fianchi. Ora ho le fotografie di entrambe le barche, da includere in questo racconto del nostro viaggio.

A Padova, abbiamo deciso di vedere prima la chiesa, nella lista di Desmond, chiesa che è lontana dalla ferrovia. Era la chiesa di San Antonio da Padova; ma siamo arrivati durante una massa, così abbiamo cominciato la nostra visita al museo, dove abbiamo trovato una pittura di San Sebastiano. Le fotografie non erano permesse. “Così, che cosa facciamo per ottenere il permesso?” – “Andate nell’ufficio informazioni della chiesa.” Siamo andati e veramente abbiamo ottenuto l’autorizzazione scritta per prendere le foto, non solo nel museo ma anche nella chiesa. Nel fondo delle scale che vanno a quest’ufficio, era una statua abbastanza piccola di San Sebastiano. L’uomo giovane, che ci aiutava, non ne sapeva niente; forse non se ne era mai accorto; ma dobbiamo includerla nella lista e Desmond ha preso una foto. Siamo ritornati al museo per prendere le foto. Non abbiamo avuto nessun problema in chiesa, quando ci hanno detto che non potevamo fare foto, abbiamo presentato il nostro permesso. C’erano due cose che non abbiamo travato, ma la chiesa chiudeva per il pranzo. Vicino alla chiesa abbiamo preso un’insalata, un litro di vino e un caffè.

Poi abbiamo visitato le due chiese che erano chiuse; Santa Maria dei Servi e San Tommaso Becket; come mai conoscono Tommaso Becket qui a Padova? Comunque, non avevamo tempo per speculare, e siamo andati al duomo, dove non abbiamo trovato nessun quadro di San Sebastiano. Accanto alla cattedrale c’è il battistero che, all’interno, è coperto di affreschi di Giusto De’ Menabuoi (xiv secolo). Dovrebbe esserci una pittura di San Sebastiano nella cupola, ma ci sono circa 120 santi là ed è stato impossibile trovare solo uno. In ogni modo, gli affreschi sono meravigliosi.

Nel museo del duomo, la donna giovane alla cassa parlava bene l’inglese ed era contenta di usarlo. Le abbiamo spiegato accuratamente la situazione, ma, sfortunatamente il capo era fuori oggi era andato a una conferenza, così non è stato possibile far niente per il permesso di prendere le foto. Ci ha fatto la promessa di parlargli domani e ha consigliato a Desmond di scrivere da Londra, per richiedere le foto delle pitture. Poi, abbiamo pagato solo €6.00 invece di €12.00, che è il prezzo corretto. Ci aspettavamo di trovare due quadri di San Sebastiano; in una stanza ce ne erano cinque di Nicoletto Semitocolo (C 1367) ed anche un reliquiario, che doveva essere nel tesoro della cattedrale. Poi, ne abbiamo trovato alti due; il primo era nella lista di Desmond ma in un’altra chiesa; il secondo era una parte di una pittura grandissima, nella sala dei manoscritti, che mostra San Giorgio ed altri santi. Avendo scoperto San Rocco all’estrema destra della pittura, ero sicuro che ci sarebbe stato San Sebastiano, ed infatti era la figura accanto, a sinistra. Non l’abbiamo riconosciuto perché è stato dipinto da dietro e portava l’armatura, ma nella sua mano a destra, teneva tre frecce e la palma del martirio. Che scoperta! La donna alla cassa non ne sapeva niente, ma mi ha affermato che sarebbe andata subito a vederlo. É una laureata, in storia d’arte, all’università di Padova.

Siamo arrivati all’hotel più tardi, così un bagno breve e fuori ancora per la cena al ristorante “Alla Fonte”. Ci hanno servito pane caldo, diretto dal forno, che è un favorito di Desmond; lo ha tanto gustato, che ne hanno fatto un’altra infornata. Andremo ancora domani per il menu speciale siciliano.

 

The boat for Casanova, near the fish market, Venice.

La barca per Casanova, vicino l’Erboria, Venezia.

 

 

 

 

St. Antonio’s church, Padua.

La chiesa di San Antonio, Padova.

 

 

 

 

St Sebastian by Zanchi, Museum of St Antonio, Padua.

Pittura di San Sebastiano di Zanchi, Museo di San Antonio, Padova.

 

 

 

 

 

 

The Cathedral, Padua.

Il Duomo, Padova.

 

 

 

 

 

 

Painting of St Sebastian before Diocletian by Nicoletto Semitecolo, Cathedral Museum, Padua.

Pittura di San Sebastiano davanti a Diocleziano di Nicoletto Semitecolo, Museo del Duomo, Padova.

 

 

 

 

 

 

The fresco of the Baptism of Christ by Giusto De’ Menabuoi, Baptistry, Padua.

L’affresco del battesimo di Cristo di Giusto De’ Menabuoi, il Battistero, Padova.

 

 

 

 

 

 

Sculpture of St Sebastian, Museum of St Antonio, Padua

La scultura di San Sebastiano, Museo di San Antonio, Padova.

 

 

 

 

 

 

The fresco of Christ by Giusto De’ Menabuoi, Baptistry, Padua.

L’affresco di Cristo di Giusto De’ Menabuoi, il Battistero, Padova.

 

 

 

 

 

 

The fresco of Mary by Giusto De’ Menabuoi, Baptistry, Padua.

L’affresco di Santa Maria di Giusto De’ Menabuoi, il Battistero, Padova.

 

 

 

 

 

 

The fresco on the west wall, Baptistry by Giusto De’ Menabuoi, Padua.

L’affresco nella parete ovest di Giusto De’ Menabuoi, il Battistero, Padova.

 

 

 

 

 

 

The fresco on the cupola by Giusto De’ Menabuoi, Baptistry, Padua.

L’affresco nella cupola di Giusto De’ Menabuoi, il Battistero, Padova.

 

 

 

 

 

 

 

 


Saturday 16 October 2004

When I opened the shutters, this morning, it had been raining, the pavements were wet, but no-one had an umbrella open. I think that, for the first time, I will take mine out with me; unless, of course, the sun breaks through the clouds. We will not leave for another 1 ½  hours, so it has time to change for the better, but I rather doubt it. When we left the hotel it was raining quite hard; but not for long. Whilst walking to the vaporetto, a cruise ship passed by, followed by a sailing boat with 5 masts; I think that it was also for cruising. Then we noticed a rather odd looking boat, over the next bridge, moored beside the Riva. We had to go and see; it was a replica of a 13thC merchant sailing ship of the Armenian Kingdom of Cilicia. It is 20m long, 5m wide, weighs 5 tons and has a speed of 4 knots. The Ayas Nautical Research Club was founded in 1955 and their wide range of activities include historical aspects of ancient Armenian ships. The ship was finally launched on Lake Sevan, Armenia, in 2002. It is equipped with all the accessories traditional to the 13thC (navigational tools, trading goods, meals, clothing etc) replicating the lifestyle of medieval sailors. The crew will adhere to the means of navigation which were then in use, as well as following the diet of those times.

Eventually, we took the vaporetto to San Basilio and the church of Saint Sebastian. We had been advised that the sacristy would be open and that all the paintings were returned in August after conservation. Last October and again in May this year, the sacristy had been bare of paintings; so we had checked that we would be able to see them on this occasion. We abruptly informed, by a rather unpleasant young lady, that the sacristy was closed and that it would only be open on Sunday afternoon. Instead, we went to see if the church of Sant’Angelo Raphaele was open; it had been closed on all our previous visits. We were surprised to find that it was open, and we were able to find the picture which shows Saint Sebastian. Desmond managed to convince the custodian that he really needed a photo, and the gentleman agreed.

Our tickets, for the Correr museum, also included entry into the Doge’s Palace, so we decided to use them. Unfortunately, we took the vaporetto which was going in the wrong direction and it was some time before we realised our mistake. No matter, we arrived at San Zaccaria and from there, along the raised walkways, to the entrance to the palace. The water was quite deep, but when we returned again, in 3 hours time, it had already disappeared. Before starting our tour, we had a snack and a bottle of wine in the cafeteria. It really is a magnificent building and, I think that we found another Saint Sebastian. There is a large painting of the Last Judgement, by Jacopo Palma il Giovane (1548 – 1628), in the Sala dello Scrutinio; high up on the right, there appears to be Saint Sebastian among the other saints. This one is not mentioned anywhere, that Desmond is aware of; what a lucky find. We returned to the hotel along the Riva; a very pleasant walk in the sunshine. Then, a rest and a read before dinner.

The Sicilian menu was good value; a starter of vegetables, pasta, swordfish steak and a sweet, wine as always; the total bill was € 60.00, about £ 45.00. We shook hands with the staff, because we will not be returning there again on this visit.  The green liqueur is homemade and we were given a parting glass. I think that they have enjoyed our visit as much as we have. Finally an hour’s walk along the back streets, and so to bed.

 

Sabato 16 Ottobre 2004

Stamattina, quando ho aperto le persiane, ho scoperto che pioveva, i calli erano bagnate ma nessuno portava l’ombrello aperto. Penso che, per la prima volta, porterò il mio; ameno che il sole non appaia attraverso le nuvole. Non usciremo per un’altra ora e mezzo, così ha il tempo di cambiare per il meglio, ma io lo dubito. Abbiamo lasciato l’hotel e pioveva molto; ma solo per poco tempo. Siamo arrivati al vaporetto, quando una nave da crociera è passato, seguita da una barca a vela con cinque alberi; penso che anche questa sia da crociera. Poi abbiamo visto una barca, che sembrava un po’ strana, era vicina al ponte e ormeggiata accanto alla Riva. Dovevamo andare a vederla; era una replica di un mercantile a vela del duecento, del regno armeno di Cilicia. Lungo 20m., largo 5m. e del peso di 5 tonnellate e la velocità di quattro nodi.  Il club “Ayas” della ricerca nautica fondato nel 1955, e le sue ampie attività, includono gli aspetti storici delle vecchie barche armene. Finalmente, questa barca è stata varata sul lago di Sevan, in Armenia, nel 2002. É equipaggiata con tutti gli accessori tradizionali del tredicesimo secolo (strumenti nautici, merci, cibo, vestiti, ecc) riproduce lo stile di vita dei marinari medievali. L’equipaggio seguirà, le vie di navigazione usate nel tempo, e seguirà anche l’alimentazione di quella epoca.

Finalmente, abbiamo preso il vaporetto fino a San Basilio e la chiesa di San Sebastiano. Ci avevano informati che la sacrestia sarebbe stata aperta e che tutti i quadri erano ritornati lì in Agosto dopo il restauro. Nell’Ottobre scorso ed ancora in Maggio quest’anno, la sacrestia era senza pitture; così ci siamo assicurati di poterli vedere in questa occasione. Una donna, abbastanza sgradevole, ci ha informati che la sacrestia era chiusa, e che apriva solo le Domenica pomeriggio. Invece, siamo andati a vedere se la chiesa di San Angelo Rafaele era aperto; era chiusa nelle visite precedenti. Sorprendentemente era aperta, e abbiamo potuto trovare la pittura che mostra San Sebastiano. Desmond ha persuaso il guardiano che doveva prendere una foto, e l’uomo ha detto si.

I nostri biglietti per il museo Correr, includevano anche l’entrata al Palazzo Ducale, così abbiamo deciso di usarli. Sfortunatamente abbiamo preso il vaporetto che è andato nella direzione opposta ed è stato dopo qualche tempo che abbiamo realizzato il nostro errore. Non era importante, siamo arrivati a San Zaccaria e da là abbiamo camminato via il passaggio pedonale alto, all’entrata del palazzo. L’acqua era abbastanza alta, ma quando siamo ritornati, dopo tre ore, era sparita completamente. Prima di cominciare il nostro giro, abbiamo preso uno spuntino e una bottiglia di vino nella caffetteria. É un edificio meraviglioso e, penso che abbiamo trovato un’altro San Sebastiano. C’è una pittura grandissima, Il Giudizio Universale, di Jacopo Palma il Giovane (1548 – 1628), nella Sala dello Scrutinio; a destra in alto appare San Sebastiano tra gli altri santi. Desmond non ha visto mai un riferimento di quest’immagine del santo; una scoperta molto fortunata. Siamo ritornati all’hotel attraverso la Riva; una camminata molto piacevole alla luce del sole. Poi, un riposo e una lettura prima di cena.

Il menu Siciliano è stato a buon mercato; antipasto di verdure, pasta, pesce spada, dolce e vino, come di solito, in totale €60.00. Perché non ci ritorneremo ancora durante questa vacanza, abbiamo stretto la mano dello staff. Penso che lo staff abbia goduto tanto quanto noi la nostra visita. Finalmente una camminata nelle stradine per un’ora, poi a letto.

 

St George’s Island from Doges Palace, Venice.

L’isola di San Giorgio dal Palazzo Ducale, Venezia.

 

 

 

Cruise Ship with 5 masts, Venice.

Una Nave da Crociera con i 5 alberi, Venezia.

 

 

 

 

 

 

Armenian Research Ship, Venice.

La nave ricerca Armena, Venezia.

 

 

 

 

Painting of St Sebastian by Francesco Fontebasso, Church of Sant’Angelo Raphaele, Venice.

Pittura di San Sebastiano di Francesco Fontebasso, la chiesa di Sant’Angelo Raphaele, Venezia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Sunday 17 October 2004

Desmond had a long discussion with Cesare Zanini, the gentleman in the bookshop, Libreria Sansovino, near St. Mark’s square; he is very knowledgeable and is willing to find books for Desmond and post them to London. We slowly made our way toward Accademia, for our last lunch at “Gianni” in Dorsoduro, of pizza, wine and coffee. The food is good and Desmond particularly likes dining on the sun-lit pontoon over the water; we always come back again.

Today the sacristy of the church of Saint Sebastian was open, so we went in to look at the restored paintings, and very good they look too. There is only one picture of Saint Sebastian, although Cini are listing two; but the photo of the one on the ceiling, is actually St. John the Evangelist; Desmond will have to write and tell them that their label is incorrect.

We had a lovely surprise at the Accademia Galleries; a gentleman presented us with complimentary tickets and asked to see identification; that was not a problem as we both carry copies of our passports. Was it because it was Sunday, or the fact that we are over 60, or because we were foreigners? Desmond said it was because we looked in need of charity. I do not know the answer. I think that we found another painting incorporating a Saint Sebastian, in a large painting by Veronese; “Incoronation della Vergine”, he is the reclining figure in the foreground, with an arrow either in his right hand or in his upper thigh; it is in room XI.

At last, we found the old photo, which we had been looking for since we arrived, of the Piazzetta in the snow, with two carabinieri wearing cloaks; it is a famous antique image.

We presented Andrea, a receptionist at our hotel, with a book about Casanova and he seemed pleased with it. We felt that he should know more about one of the most famous of his compatriots. After working here for the last two years, he told us that he will be leaving this hotel by the end of the year; he obviously feels that it is time to move on. We wished him success and told him to call us when he is next in London; we also have his E-mail address.

We had a nice long walk to Rialto; stopping on the way for a piadina and a glass of wine. Tomorrow we return to London, the cold, the rain and the wind. I am not looking forward to it at all.

 

Domenica 17 Ottobre 2004

Desmond ebbe una discussione lunga con il Sig. Ceasare Zanini, l’uomo nella Libreria Sansovino vicino Piazza San Marco; è ben informato e disposto a trovare i libri per Desmond e mandarli a Londra. Siamo andati lentamente nella direzione dell’Accademia, per l’ultimo pranzo da “Gianni” a Dorsoduro, due pizze, vino e caffè. Il cibo era buono ed a Desmond piace particolarmente pranzare sul pontone assolato sopra l’acqua, ci ritorniamo sempre.

Oggi la sacrestia della chiesa di San Sebastiano é aperta, così siamo entrati per vedere le pitture rinnovate, e sono state belle. Lì c’è solo una pittura di San Sebastiano, benché Cini ne abbia incluso due nel suo elenco; ma la foto di quella sul soffitto è veramente San Giovanni Evangelista e Desmond dovrà scrivere per affermare che la sua etichetta é inesatta.

Abbiamo avuto una sorpresa bella all’Accademia, un uomo ci ha presentato biglietti gratis e ha domandato di vedere i nostri documenti, ma non è stato un problema, perché abbiamo sempre con noi una copia dei nostri passaporti. É perché era Domenica, o perché abbiamo più di 60 anni, o forse perché siamo stranieri? Desmond ha detto che era perché sembravamo in bisogno di beneficenza. Non ne so la risposta. Penso che abbiamo trovato un altro quadro che incorpora San Sebastiano, nella pittura grande di Veronese, “L’Incoronazione della Vergine”, lo ha dipinto adagiato in una posizione prominente con una freccia forse nella mano destra o più alta nella croscia, ed é nella sala numero XI.

Finalmente, abbiamo trovato la vecchia fotografia, che cercavamo da quando siamo arrivati a Venezia, foto della Piazzetta con la neve, e con due carabinieri che portavano mantelli, è un’immagine antica famosa.

Abbiamo presentato ad Andrea, un receptionist del nostro hotel, un libro di Casanova e gli è piaciuto. Abbiamo deciso che doveva saperne di più su questo suo compatriota molto famoso. Lavora qui per anni e ci ha affermato che molto probabilmente lascerà alla fina dell’anno, ovviamente sente che è ora di cambiare. Abbiamo augurato buona fortuna e abbiamo detto di telefonarci quando verrà a Londra, abbiamo il suo indirizzo d’E-mail.

Abbiamo fatto una camminata lunga e molto piacevole fino a Rialto, siamo rimasti in zona per una piadina e un bicchiere di vino. Domani ritorneremo a Londra, con il freddo, la pioggia e il vento. Non guardo al futuro con entusiasmo.

 

Church of St Sebastian, Venice.

Chiesa di San Sebastiano, Venezia.

 

 

 

 

 

 

St Mark’s lion by Carpaccio, Doges Palace, Venice.

“Il leone marciano andante” di Carpaccio, Palazzo Ducale, Venezia.

 

 

The Giants staircase, Doges Palace, Venice.

La Scala dei Giganti, Palazzo Ducale, Venezia.

 

 

 

 

 

 

Painting of St Sebastian by Bonafacio De’ Pitati in the Sacristy, Church of St Sebastian, Venice.

Pittura di San Sebastiano di Bonafacio De’ Pitati, la sacrestia nella chiesa di San Sebastiano, Venezia.

 

 

 

 

 

 

Sala del Consiglio dei Dieci, Palazzo Ducale, Venezia.

 

 

 

 

 

The door of the paper, Doges Palace, Venice.

La Porta della Carta, Palazzo Ducale, Venezia.

 

 

 

 

 

 

Adam by Antonio Rizzo, Doges Palace, Venice.

Adamo di Antonio Rizzo, Palazzo Ducale, Venezia.

 

 

 

 

 

 


Monday 18 October 2004

We packed our bags and left them with the receptionist until later. We had a walk on the Lido for about an hour; then returned for lunch near the hotel. We had grilled Venetian sausages, with a lovely bottle of Merlot from the hills near Venice and a coffee. Then we collected our luggage and caught the Alilaguna boat to the airport; the price was included, both ways, on our Venice cards.

As soon as we arrived, we checked in for our flight and went through to the departure lounge. The time quickly passed and then we were on board the plane. It took a little over 2 hours to Gatwick, where Marc was waiting to take us home. Patricia and Clare were waiting for us there. Patricia had made us a cottage pie for dinner, or for tomorrow if we were not very hungry tonight, and had made sure that we had some cold meats and salad, so that we did not need to rush out to do some shopping. We were pleased to be home again.

 

Lunedì 18 Ottobre 2004

Abbiamo fatto le valigie e le abbiamo lasciate con il receptionist perché partiamo nel pomeriggio. Abbiamo fatto una passeggiata al Lido per un’ora, poi siamo ritornati per il pranzo vicino all’hotel. Abbiamo mangiato le salcicce veneziane cucinate ai ferri, con una bottiglia di vino dalle colline vicino Venezia e caffè. Abbiamo ritrovato i nostri bagagli e abbiamo preso la barca d’Alilaguna per l’aeroporto, il costo é incluso, con le nostre Venice Cards.

Subito, quando siamo arrivati, all’accettazione abbiamo fatto il check-in per il nostro volo e poi siamo andati alla sala partenze. Il tempo é passato velocemente e poi siamo stati nell’aeroplano. Il volo per Gatwick é stato di circa due ore, dove Marc ci aspettava per portarci a casa nostra. Patrizia e Clair ci aspettavano a casa. Patrizia ci ha cucinato una torta rustica per la cena, o per domani se non avessimo avuto fame sta sera, e ci ha comprato alimentari e l’insalata, così non sarà necessario fare la spesa in fretta. Eravamo contenti di essere ancora a casa nostra.

 

Piazza San Marco Flooded, Venice.

Piazza San Marco con l’acqua alta, Venezia

 

 

 

 

Piazza San Marco Flooded, Venice.

Piazza San Marco con l’acqua alta, Venezia

 

 

 

 

Ca’ D’Oro, Venezia.

 

 

 

 

 

 

 

Our hotel, the Nuovo Teson, Venice.

Il nostro hotel, il Nuovo Teson, Venezia.

 

 

 

 

 

 

The church of Santa Maria della Salute, Venice.

Chiesa di Santa Maria della Salute, Venezia.

 

 

 

 

 

 

Picture by Titian of Saints Mark, Cosmas, Damian, Rocco and Sebastiano, The church of Santa Maria della Salute, Venice.

Il dipinto dei Santi Marco, Cosimo, Damiano, Rocco e Sebastiano di Tiziano, La chiesa di Santa Maria della Salute, Venezia.

 

 

 

 

 

 

An old photograph, 16/8/1902, His Eminence the Patriach of Venice, Mons. Guiseppe Sarto, leaving the Scuola Grande di San Rocco by the Riva di Castleforte.

Una vecchia foto, 16/8/1902 Sua Em. Il Patriaca di Venezia Mons. Guiseppe Sarto lascia la scuola Grande di San Rocco dalla Riva di Castleforte.

 

 

 

Old  photo of the Piazzetta in the snow, Venice.

 

La vecchia foto della Piazzetta con la neve.

 

 

 

 

 

 


 

 


Leave a comment

Your e-mail address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: